giovedì 31 agosto 2017

MATRI DI LI MIRACULI di Francesco Rapisarda dicitore Armando Carruba


Francesco Rapisarda, di lui nel 1979 scriveva Salvatore Camilleri:
"...La poesia di Francesco Rapisarda è una poesia visibile, una poesia che si serve di immagini pittoresche di colori di colpi di spatola; una poesia vista prima con gli occhi del pittore e poi con quelli del poeta.

MATRI DI LI MIRACULI

Caminu tra lu nenti
di lu pinzari sarvaggiu di l'omu,
guardu lu celu, impiciatu di duluri umanu
ciumàra di lacrimi, ca trascinanu la genti
e cercu a tia, Matri di li miraculi,
na li funnali di lu cori
intra spiragghiu di suli di la me fidi
pi fari séntiri vuciati d'aiutu
di la me disiata prijera, a la to santa putenza;
Matri di li miraculi,
sénti na lu to pettu, lu tuppuliari di focu
di lu cori di tuttu l'universu?
vola a lu Calvariu, la to umbra prizziusa ca sbrillìa,
sfrazzuma lu fàusu Cristu
'ncurunatu Re di la viulenza,
scanza di la ruina la cruci di to figghiu
ca trantulìa supra lu munnu
a lu ventu di lu disordini,
ferma lu diluviu di tirruri, ca casca supra la genti,
fai di la nostra cuscenza 'nmari immensu
d buntati, di fratillanza,
pi tagghiari lu caminu a lu disprezzu di la pirsunalità,
e duna lu ciatu, Matri di li miraculi,
di cintinàra di cicluni a li pulmuni di lu munnu,
pi purtari n'a lu celu di la santità
intra a prijera c'adduma
l'amuri di li figghi
a la gran Matri di Cristu e di la genti.

Francesco Rapisarda

mercoledì 30 agosto 2017

LU PISCATURI di Anita Popolo detta dall'attore Armando Carruba




Radicata nella sicilianeità, Anita Popolo Lentini, esprime le gioie semplici della vita, gli affetti familiari, i valori umani.
Ogni verso avvolge il lettore in un vortice d'immagini e musicalità, ricreate dall'ondeggiare dei pensieri della poetessa.

LU PISCATURI

Quannu spunta lu suli rarreri l'unni
e 'na varcuzza s'annaca 'ntrà lu mari
la palummedda stenni li so ali
e arripara li nichi 'ntrà lu nidu.

Lu piscaturi scivula ddo' lettu
l'occhi e lu ciatu sutta li linzola:
"Dormi, giuzza mia, dormi, riposa
ca lu travagghu miu è dura cosa".

S'addumanu i muturi, si stenni a riti
si isunu l'occhi o celu, e nun si prìa
si parra, si vucìa, lu cori è chinu...

Lu Patreternu li vidi, li talia:
"Pi oggi jiti, figghi" e cu fatica
cala li manu e accarizza li unni di lu mari.

Anita Popolo 

IL SENSO DELLA SERA Ester Avanzi

Bravissima la poetessa Ester Avanzi che ci regala un'altra delle sue perle... 

IL SENSO DELLA SERA
Triangoli
di vele lontane,
alberi
di barche vicine.
Tra me e loro... il mare
e la diafana luce della sera.
Tra la maglia e la pelle... il vento
col frivolo vibrar di voci.
Tra l'anima e la pelle ... l'arena:
rovente di grida al galoppo
e destrieri senza rotta.
Tra me e lo scoglio... un' accozzaglia d'acqua
che si spinge e si ritrae
fluttuando divertita.
Forse è qui, nello sciacquio vivace
e senza senso,
il senso della mia sera.
Ester Avanzi

CUCINA SICILIANA proposta da Armando Carruba

MARE SICILIANO A TAVOLA
SARDE A BECCAFICO AL SUGO

Ingredienti per 4 persone:
* 1 kg di sarde

* 150 gr di pangrattato
* 50 gr di pecorino grattuggiato
* 1 cucchiaio di capperi
* 5 dl di salsa di pomodoro
* 2 spicchi d'aglio
* 1 mazzetto di prezzemolo
* 3 uova
* farina
* olio extravergine d'oliva
* sale e pepe

Squamate le sarde, apritele a libro e eliminate tutte le spine; poi, lavatele con cura e cospargetele di sale.
Amalgamate il pangrattato con il pecorino; aggiungete un trito d'aglio, capperi e prezzemolo, una presa di sale e una spolverata di pepe. Completate con un uovo sbattuto e lavorate il composto fino a renderlo omogeneo; poi, distribuitelo sulla parte interna di metà delle sarde.
Coprite con i pesci rimasti e praticate una leggera pressione in modo da far aderire le sarde alla farcia. Infarinatele; intingetele nelle uova sbattute e friggetele in abbondante olio caldo.
Quando saranno dorate, sgocciolatele e immergetele nel sugo a bollore.
Proseguite la cottura per una decina di minuti e servite

martedì 29 agosto 2017

Caro amico ti scrivo...

Carissimi amici, buona serata! Sugnu cumminatu a ttri tubbi, ma che si deve fare? Niente di niente... niente in assoluto, questa è la vita ... janca è! E così babbiannu e schizzannu siamo agli sgoccioli degli ultimi giorni d'estate, di mare, di sole... gli ombrelloni sono sempre più quelli inutilizzati ca quelli occupati, c'è sempri il cauro ma trasennu alleggiu alleggiu 'ntà l'acqua unu aggiggia, arresta comu a chiddu, a questo punto c'è sempre qualcuno dalla riva che domanda "Com'è l'acqua?" - ma comu a 'ssiri nun u vidi ca staju agghiuggiannu? Di conseguenza con non chalance, comu diciunu i francisi, rispondi: E' SALATA! accussì iddu si jetta e... 'a vulutu a bicicletta? pedala! Amici buona serata a tutti e quannu di tutti siti pappiddaveru TUTTI  

PINZERI Armando Carruba

PINZERI
Amici mei chi v'haju a diri
a matina ppi mia è spiciali
macari ca nun c'è ppi nenti suli
basta aviri zuccuru 'ntò cori!
Ca poi scivula 'a tò jurnata
quannu ti fai 'na bedda risata
riordati ca è una 'a vita
'na gioia 'ranni e infinita!
Armando Carruba

IL TELEFRICO SENZA FILI di Nino Martoglio - attore Armando Carruba

video
IL TELEFRICO SENZA FILI

- Siti bestia, quadrupedi, animali...
e non vi dicu artro, non vi dicu!...
Le 'ntinne ci su' sempri, tali e quali,
e l'âmu vistu ju e cumpari 'Ricu...

Chiddu ca non c'è chiù, mio caru amicu,
è il filo!... Oh, binidittu San Pasquali!...
Il filo, dintra il quale, a tempu anticu,
curreva il telecrama naturali!...

La mia difoortà, però, 'n'è chissa;
c'è un'artra cosa, ca ancora non sacciu
e della quali nn'arristai scossu:

Chiovi, mintemu, l'acqua si subissa?...
Com'è ca la parola del dispacciu
agghica bella, asciutta comu n'ossu?

Nino Martoglio

Note. - 'Ntinne (antenne) - L'âmu o l'avemu (l'abbiamo) - Diffoortà (difficoltà; qui equivale a:
dubbio) - Sacciu (so) - Mintemu (poniamo) - Agghica (arriva, perviene).

lunedì 28 agosto 2017

La leggenda d'Aretusa di Armando Carruba


L'AMURI di Nino Martoglio - poesia detta e spiegata da Armando Carruba

video
L'AMURI

- Mamma, chi veni a diri 'nnamuratu?
- ...Vôldiri... un omu ca si fa l'amuri.
- E amuri chi vôldiri? - ... È un gran piccatu;
è 'na bugia di l'omu tradituri!

- Mamma... 'un è tantu giustu 'ssu dittatu...
ca tradimenti non nn'ha fattu, Turi!
- Turiddu?... E chi ti dissi, 'ssu sfurcatu?
- Mi dissi... ca pri mia muria d'amuri!

- Ah, 'stu birbanti!... E tu, chi ci dicisti?...
- Nenti!... Lu taliai ccu l'occhi storti...
- E poi ? - Mi nni trasii tutta affruntàta!...

- Povira figghia mia! Bonu facisti!
E... lu cori? - Mi batti forti forti!...
- Chissu è l'amuri, figghia scialarata!

Nino Martoglio

Note. - Dittatu (dettato, legge, definizione) - Taliai (guardai) - Trasii (entrai) - Affruntata
(vergognosa) - Scialarata (scellerata).

VIA DELLE GRAZIE 31... PILLUCCIU Armando Carruba


CANTINA DI PILLUCCIO

Ju era nicu… scola nun ni manciavu, non perché non fossi intelligente, tutt’altro, ma perché, commettendo il più grosso e credo unico errore della mia vita, avevo come punto di riferimento l’uomo forte, il lavoratore e nessuna carriera scolastica poteva farmi felice come il mio essere lavoratore spartano.
Finita la scuola media, non trovando lavoro mi sono arrangiato alla segheria che numerose operavano a Siracusa, per sentirmi grande fra i grandi, ho iniziato a fumare, giocare a carte e frequentare con i grandi, una volta la settimana, quannu si pigghiavunu ‘i sordi, ‘a Cantina ‘i Pillucciu.
Pilluccio era descritto come un uomo nobile di cuore, faceva cridenza (credito) soprattutto con i pescatori che numerosi frequentavano la Cantina.  Signava  tuttu chiddu ca cunsumavanu i piscaturi di ogni barcone e quando si effettuavano i conti del pescato, lì, tra i separè di tavoli sforniti di tovaglie e il bancone carico di botti di vino e pietanze, come ova dure abbagnate ‘nto Sali finu, i’ntuppateddi, i legumi, i sadi a beccaficu, i primi soldi che venivano messi da parte erano per Pilluccio.
Noi delle segherie la domeniche si giocava a carte al canneto del corso Gelone, dove adesso c’è ‘a Cassa Mutua, era un rito, a pensarci brutto, perché padri di famiglia si giocavano la paga settimale e alle volte restavano all’asciutto e dopo aver lavorato sodo una settimana non portavano niente a casa. Poi nel pomeriggio tardi, prima d’andare al Cinema, una puntata da Pilluccio per ‘u purpu e birra a volontà (anche se cco’ purpu ci voli vinu). Ci sentivamo grandi e dentro quel gabbiotto potevamo parlare di tutto e di più senza essere ascoltati da orecchie indiscrete e questo ci faceva sentire grandi!
La Cantina di Pilluccio per anni è stato un punto di ritrovo non solo per pescatori, ma anche per altri lavoratori.

Una tradizione vuole la sosta dei portatori del simulacro di San Sebastiano di fronte all’edicola della Madonna delle Grazie nella piazza della Graziella: che significava bicchieri di vino e uova sode.   

DILIZIA MIA di Giuseppe Denaro (Turneddu) dicitore Armando Carruba



DILIZIA MIA

In un pranzu di nozzi appi l'onuri
di sintiriti, bedda, a mia vicinu,
ca ti truvai a lu me tavulinu
mentri mannavi lu cchiù gratu oduri.

Ti manciava cull'occhi, e ju mischinu,
pi tia pruvai spasimi d'amuri,
ma l'occhiu di l'amici, scrutaturi,
mi ritardava l'attimu divinu.

E mentri ti vardava riflittìa:
è schetta o maritata la me bedda? (1)
ju ci rinesciu a falla tutta mia?

Di la vuccuzza tò misa a vanedda,
lu caciu e la ricotta accumparìa,
oh duci e squisitissima vastedda!

Giuseppe Denaro

(1) = a Palermo la guastedda schetta è quella ripiena di cacio e ricotta. La maritata è ripiena con cacio, ricotta e meusa (milza)

domenica 27 agosto 2017

MODI DI DIRE - Armando Carruba -

video

'A corda jeni ruppa ruppa...
ci va 'ntò menzu cu nun ci curpa!

venerdì 25 agosto 2017

VASAMI e MAVARIA RICIPRUCA di Giuseppe Denaro - dicitore l'attore Armando Carruba


VASAMI

Ma chi ti costa darimi un vasuni?
chi mi voi farimi moriri dannatu?
Chianci stu cori c'un senti raggiuni
e pari un picciriddu ammizzagghiatu.
Bedda, si voi, mi mettu addinucchiuni
comu avanti a Gesù Sacramintatu:
Ju chiudu l'occhi e tu cu ssu vasuni
ti cogghi l'arma, lu cori e lu ciatu!

Giuseppe Denaro

MAVARIA RICIPRUCA

Di lu jardinu miu siti ciurera,
siti la Santa e lu me cori è vara!
Ju sugnu l'asta e vui la me bannera,
siti di l'occhi mei li pinnulara.
Vui suli, e st'arma mia cilesti sfera,
ju sugnu magu e vui siti mavara:
si' ammagarati st'arma mia sincera,
ju v'ammagaru e poi... semu a la para.

Giuseppe Denaro

LA CELESTI TRAGGERIA di Giuseppe Denaro - dicitore Armando Carruba


LA CELESTI TRAGGERIA

Maria Teresa e Nofriu
s'avevanu a spusari,
ma un incidenti d'autu
li vosi massacrari.
Essennu puri e virgini,
fidili a lu Vancelu,
sinn'acchianaru subitu.
manu manuzza 'n celu.
E lesti s'apprisentanu
li dui 'mparadisu,
unni San Petru, affabuli,
l'accogli c'un surrisu.
Patri, dici lu giuvini,
prima ca nui trasemu,
circati prestu un parrucu,
spusari ni vulemu.
Pirchì è cosa loggica
pi viviri cuntenti
ddocu bisogna trasiri
'nsemi a li Sacramenti.
Si cummuviu l'apostulu,
e approva estasiatu,
dici: - Figghi carissimi,
è giustu su dittatu.
Unu qualunqui càpitu,
ca poi su' tuti uguali,
un cappilanu, un viscuvu,
un papa o un cardinali -.
Cummossu, cu li lacrimi
lava varba e mustazzu
poi, tra na schera d'angiuli,
parti ca pari un razzu.
E doppu un ghiornu, ecculi
all'urizzunti attornu,
San Petru 'nzemi all'Angiuli
ca sunnu di ritornu.
Li dui picciotti, alleghiri,
si vasanu amurusi,
dicennu l'unu all'autra:
- prestu saremu spusi!
E vardannu la nuvula
ca veni di luntanu,
comu Francisca e Paulu
si tenunu pi manu.
Torna lu Santu Apostulu,
cu l'ali soi calati,
e l'anciuleddi chianciunu
tutti murtificati.
Grida San Petru: - E' inutili,
varda chi porcu munnu!
ìmparadisu, criditimi,
parrini 'un ci nni sunnu!

Giuseppe Denaro

giovedì 24 agosto 2017

'A TISTIMUNIANZA di Nino Martoglio dicitore Armando Carruba









'A TISTIMUNIANZA
Dramma in otto sonetti, nella parlata catanese

I.
- 'Ccillenza, ora cci dicu: - 'Dda matina
mi truvàva a passari agghìri ddani,
quannu 'ntisi 'na vuci sularina,
e doppu un 'fui-fui di cristiani.

M'avvicinai e vitti a 'na vintina,
e forsi chiù, di mastri e di viddani,
attàgghiu 'u puzzu 'i Santa Catarina,
unn'è a carrittaria di Facci 'i cani.

Vosi appuràri e a Minicu Cipudda,
chiddu ca 'u sannu sèntiri lu Chiuzzu,
cci addimannai : - Chi è, tutta 'sta fudda?

Dici: - Casànza c' 'a tradìu Niluzzu
Sautampizzu, 'a figghia 'i donna Tudda,
stanotti, s'ha jttatu dintra 'u puzzu!

Note. - 'Ccillenza (eccellenza. - L'interlocutore è un marinajo che è stato l'eroe del dramma e,
interrogato dal presidente delle Assisi fa la sua deposizione) - Cci dicu (le dirò) - Agghìri ddani
(verso quel sito) - 'Na vuci sularina (una voce alta nel silenzio) - Fui-fui (fuggi fuggi) - Vitti (vidi) -
Mastri (maestri) - Viddani (contadini) - Attàgghiu (accanto) - Unn'è (dove trovasi) - Facci 'i cani
(faccia da cane - soprannome del fondacaio) - 'U sannu sèntiri (lo indicano col nome di) - Fudda
(folla) - Casànza (a causa, per motivo) - C' 'a tradíu (che la tradì, l'abbandonò) - Niluzzu
(diminuitivo di Emanuele) - Sautampizzu (Soprannome del medesimo) - Tudda (diminuitivo di
Agata) - S'ha jttatu (s'è gittata).

II.

'A matri, svinturata, era 'mpazzuta;
s'avia scippàtu, spènziri, capiddi,
pinnenti, aricchi, facci e 'mmenzu a chiddi
chiantàva pugna comu 'na sbannuta!

Ogni tantu, vidennu carusiddi,
'i tastïava tutti, muta muta,
po' jttava 'na schìgghia, accussì acuta
ca si puteva sèntiri d' 'i stiddi;

- 'Nfami, cu quali cori la 'ngannasti!? -
Diceva: - Figghia!... unni si', sciatuzzu
di l'arma mia; com'è ca mi lassasti!? -

'N'aveva abbèntu, nun truvava carma,
si vuleva jttari dintra 'u puzzu
macari idda... nni scippava l'arma!...

Note. - 'A matri (la madre) - Impazzuta (impazzita) - Scippàtu (da scippari: svellere, strappare con
violenza, stracciare) - Spènziri (sorta di vestimento con maniche, che cuopre il busto) - Pinnenti
(orecchini) - Chiddi (quelli) - Chiantava (menava) - Sbannuta (sbandita, che è in bando; dicesi
comunemente anche dei forsennati) - Carusiddi (ragazzine) - 'I tastïàva (le tastava, le palpeggiava)
- Jttava 'na schigghia (lanciava un grido) - Stiddi (stelle) - Sciatuzzu di l'arma mia (sospiro
dell'anima mia) - Abbèntu (quiete, conforto) - Macari idda (anch'essa) - Nni scippava l'arma (ci
strappava l'anima).

III.

Currèru tanti sbirri e un diljatu,
'ntisiru 'u fattu, e scrissiru 'i virbala,
purtaru 'n ganciu, 'n capu 'ncatramatu,
po' dici: - vinti liri a cu' cci cala!...

Cu' s'avia a fari avanti, svinturatu!...
Mancu si cci facevanu 'na scala!...
'U puzzu senza 'siri esageratu,
è centu parmi; a cuda di cicala!...

Nun cci rispusi nuddu: ju, 'nfilici
di mia, sudd'era 'mpagghia, nun sciatava
mancu pri tuttu l'oru ca Diu fici!...

Ma a me' famigghia nun manciava chiù,
ju avìa tri misi ca non travagghiava...
pri cui, mi fici 'a cruci e dissi: - ju!...

Note. - Currèru (accorsero) - Sbirri (questurini) - 'Ntisiru (intesero) - Virbala (verbali) - 'N capu
'ncatramatu (una corda incatramata) - Cu' (chi) - Mancu (neanche, nemmeno) - 'Siri (essere) - A
cuda di cicala (ad imbuto) - Nuddu (nessuno) - Sudd'era (se ero) - 'Mpagghia: essiri 'mpagghia
(aver soldi in tasca, essere sicuro del domani) - Non sciatava (non muovevo labbro, non dicevo
verbo) - Mi fici 'a cruci (mi segnai, il popolano di Sicilia si segna quando si accinge non solo ad un
lavoro pericoloso, ma al lavoro in genere, nonchè quando si siede al desco e spesso prima di bere
un bicchier di vino).

IV

Mi 'mbracaru cu 'n pezzu di cumannu
liatu a 'menzu ciancu e 'nt' 'e cavigghi.
Dicu: - signuri mei, m'arraccumannu,
ca lassu 'mmenzu 'a strada a quattru figghi! -

Avanti c'arrivai ci vosi un annu!...
'U cori mi pireva, sia pp' 'i schigghi
di donna Tudda, sia pirchì, muddannu,
m'avissi fattu pitigghi pitigghi!...

Basta, 'ccillenza, fici comu a chiddu,
dissi: - curaggiu! - e m' abbuddai, l'affrittu
di mia, cu 'ddu gran jelu e 'ddu gran friddu...

I denti mi sbattevanu a marteddu,
e 'u scuru, ddani era accussì fittu
ca si putìa fiddari cc' 'u cuteddu!...

Note. - Mi 'mbracaru (da imbracare, cingere con braca) - Cumannu (comando - termine
marinaresco, per indicare della corda sottile e catramata) - Cavigghi (caviglie) - 'Mmenzu 'a strata
(sul lastrico) - Ci vosi (ci volle) - 'U cori mi pireva (il cuore mi si rimpiccioliva) - Schigghi (grida
acutissime) - Muddannu (mollando) - Pitigghi pitigghi (a pezzetti, malmenato, acciaccato, -
corruzione di poltiglia) - Fici comu a chiddu (espressivo idiotismo che ha il significato di: feci di
necessità virtù) - M'abbuddai (m'immersi) - Jelu (gelo) - Scuru (buio) - Fiddari (fendere, affettare).

V.

Mi scìsiru 'na torcia e a 'ddu chiariu,
cu corda e gànciu accuminzài a piscari...
Ma chi, 'ccillenza, nun m'arrinisciu...
era allippàta e nun putia assumari...

Stesi cchiù di menz'ura!... 'Pp'accurzari,
finalimmenti, comu vosi Diu;
fici corpu 'ntra 'n ciancu, e accumparìu...
di 'na manera ca facìa scantari!...

Unchia comu 'na buffa, anniricata,
'i vrazza rutti, 'a testa fracassata,
i labbra virdi comu du' sangeli...

'Ntr' 'o pettu avia 'n cafòlu; l'adurino
ccu' 'u so' ritrattu, ca cci desi Neli,
cci avia azziccatu comu un timpirinu!

Note. - Mi scìsiru (mi scesero, mi calarono) - Chiarìu (chiarore) - Accuminzài (cominciai) - Nun
m'arriniscìu (non mi riuscì) - Allippàta (impantanata: al di sotto del muschio e del limo del fondo) -
Assumari (venire a galla) - Stesi (stiedi) - 'Pp'accurzari (per abbreviare) - Fici corpu (feci colpo) -
Accumparìu (comparve) - Facìa scantari (metteva paura) - Unchia comu 'na buffa (gonfia come un
rospo) - Vrazza (braccia) - Sangeli (sanguinacci) - Cafòlu o grafocchiu (buco, apertura fonda e
informe) - Ca cci desi (che le diede) - Neli (diminuitivo di Emanuele) - Ci avìa azziccàto (le si era
conficcato).

VI.

'A desi vôta 'n pezzu di barusa
e fici 'nsinga, supra, di jsari;
e mi tinía 'nt' 'e spichi e 'nt' 'e catusa
pri canziàlla e nun farla attruzzari.

Quarchi du' canni prima d'arrivari,
'ntisi 'na vuci d'omu lamintusa,
e vitti a Neli... ca chiancia macari,
ccu ogni stizza chi facia purtusa!...

Mi pensu c'avia 'ntisu 'dda svintura,
si nni pintìu, cci nni parsi forti,
e cursi pri vidilla, crïatura!...

Quann'è c' 'a vitti, poi, sbuttò a sugghiuzzu...
e s'avia misu, pri so' mala sorti,
sùpira 'u coddu propria d' 'u puzzu.

Note. - 'A desi vôta (l'ho legata) - Barusa (termine marinaresco per indicare una gassa o maniglia
di corda) - 'Nsinga (segnale, segno) - Jsari (alzare, tirar su) - Catusa (cannelle, doccioni) -
Canziàlla (scansarla) - Attruzzari (urtare) - Chiancìa (piangeva) - Stizza (stilla) - Purtusa (buchi) -
Mi pensu (suppongo) - Cci nni parsi forti (fu preso dal rimorso) - Criatura (creatura: ha il
significato pietoso di: sventurata) - Sbuttò a sugghiuzzu (sbottò in singhiozzi) - S'avìa misu (s'era
messo, o posto) - Sùpira 'u coddu (sul collo).

VII.

Donna Tudda pareva cunurtata,
s'avia appujàtu all'orru, muta muta,
comu 'na babba, tutta 'nzalanuta,
guardannu 'a figghia so', lazzariata...

Quannu 'ntutt'una, mentri era arrivata
o' lustru, e stava pr'essiri strugghiuta,
parrannu cu don Neli, dici: - ascuta,
Neli, ca t'àju a fari 'na 'mmasciata.

Chiddu si vota, di sutta 'u fadali,
idda, nesci 'n'augghia 'i matarazzu
e chianta 'n corpu ca mancu un pugnali!...

'U cori ci 'u pirciò 'rittu filatu!...
- Te', ca ti scannu ju - dicì - 'nfamazzu!...
Figghiuzza santa, t'áju minnicatu!!...

Note. - Cunurtata (confortata, calma) - Appujàtu (appoggiato) - Babba (sciocca, stupida) -
'Nzalanuta (stordita, ingrullita) - Lazzariata (martoriata; dal Lazzaro della Scrittura) - 'Ntutt'una
(tutt'uno, tutto a un tratto) - O' lustru (alla luce) - Strugghiuta (slegata) - T'haju a fari (debbo farti)
- 'Na 'mmasciata (un'imbasciata, una confidenza) - Si vota (si volta) - Fadali (grembiale) - Augghia
(ago, ferro) - Matarazzu (materasso) - Chianta (mena, assesta) - Ci 'u pirciò (glielo bucò,
attraversandoglielo parte a parte) - 'Nfamazzu (infame) - Minnicatu (vendicato).

VIII.

'U fattu avìa successu accussì prestu
chi ancora nun si nn'âvanu addunatu;
ma ccu 'dd'augghia a manu, lestu lestu,
idda s'apprisintàu 'nt' 'o diljatu.

Dici: - arristati a mia!...mancu mi vestu...
s'ha' a vidiri, 'stu sangu scialaratu!
E mentri 'a dichiaravanu in arrestu,
don Neli, ca 'un' avia pipitiàtu,

si isò tisu tisu... era 'n pileri...
jancu comu la carta, stracanciatu...
jttàu sangu, e po' abbuccò 'nn'arreri!...

E tempu ca cadìa 'ncoddu a nuâtri,
a donna Tudda, cu 'n filu di sciatu,
ci dissi: - tanti 'razii... 'gnura matri!

Nino Martoglio

Note. - Avìa successo (era accaduto) - Nun sinn'âvanu addunatu (non se n'erano accorti) - Mancu
mi vestu (nemmeno mi cambio d'abito) - S'ha' a vidiri (deve apparire, deve vederlo) - Scialaratu
(scellerato) - 'Un' avìa pipitiàtu (non aveva detto ci; non aveva profferito verbo) - Tisu tisu (dritto)
- Pileri (colonna, dicesi degli uomini dritti e ajtanti) - Jancu (bianco) - Jttàu (gittò) - Abbuccò (si
rovesciò) - 'Nn'arreri (indietro) - 'Ncoddu (sopra) - Nuâtri (nojaltri, noi) - Ccu 'n filu di sciatu (con
un fil di voce, quasi con un sospiro) - 'Gnura matri (signora madre).
A me' patri
(ca si nni 'ntenni!)

LA FAMIGGHIA di Giuseppe Vitale - dicitore Armando Carruba



LA FAMIGGHIA

Trova la vita mia sulu riparu
quannu a la sira 'ncasa mi ritiru,
stancu d'ardenzi ca nun mi la firu
disiddirusu di lu fucularu.

Mentri ca fazzu lu travagghiu amaru
ammuttu l'uri quantu prestu viru,
me' mogghi cu li figghi quantu a giru
li vasu a tutti ccu affettu caru.

Mutu m'assettu a tavula cunzata,
mi mettu la cchiù nica a li dinocchia
mangiannu dda minestra travagghiata.

E mentri mangiu, guardu a di tisori
ascutu la cchiù nica ca 'mpapocchia...
nun c'è filici cchiù di lu mè cori.

Giuseppe Vitale

CIANCIANI di Giuseppe Denaro - dicitore: Armando Carruba


CIANCIANI

Na lu silenziu di la notti funna
sentu un allegru sonu di cianciani...
sù miludii luntani
ca svigghianu 'ntrà st'arma muribunna
di gran ducizza n' unna!

Passa un carrettu anticu
un carrettu d'un epuca passata,
e c'è lu mulu cu la sunagghiera
ca tistiannu và pi la muntata
di la sfussata e misira trazzera

Ci abbannunò li rètini all'armali
lu carritteri 'nsunnacchiatu e straccu
jttatu comu un saccu,
sonna di la sò casa li ristori,
e la lanterna, sutta lu carrettu,
ci sbattulìa comu lu sò cori!

Ci sù carretti ancora pi lu munnu
ca vannu pi li munti e li vaddati?
ci sù cianciani ancora?
ci sù cavaddi e muli svinturati
'nta 'st'epuca di razzi e di muturi?

E lu carrettu avanza lentu lentu
pi li trazzeri misiri e stramani,
lu zurrichiu di li sò roti, ju sentu,
li zocculi firrati di l'armali,
ca sù li noti d'accumpagnamentu
a la canzuna di li sò cianciani.

Puru stu cori miu è na cianciana
ca cianciania ora lentu ora forti,
è ghiuntu a lu pinninu affaticatu
ciancianniannu và... 'ncontru a la morti!

Giuseppe Denaro

ERA 'STATI di Arcangela Rizzo - dicitore Armando Carruba -

video


ERA 'STATI  della bravissima poetessa Arcangela Rizzo detta dall'attore Armando Carruba. 

LA CICOGNA di Giuseppe Denaro - dicitore Armando Carruba

video

LA CICOGNA

- Varda Rusidda, zoccu ci purtau
ajeri la cicogna a to' matruzza:
talè ch'è bedda, n'autra suruzza,
dintra la nostra naca la pusau.

- Matri, però ss'aceddu s'addicau:
Carmela, Vicinzina, Tirisuzza
semu se' fimminazzi cu Ciccuzza...
ma chi daveru, va, si lu scurdau

di purtarici almenu un masculazzu?
sugnu spinnata p'un fratuzzu beddu...
e c'è me' patri poi ca nesci pazzu

pirchì voli, pi forza, a Pippineddu!
- Figghia, la curpa l'havi 'dd'aciddazzu...
- Ma matri mia, pirchì nun canci aceddu?

Giuseppe Denaro

mercoledì 23 agosto 2017

NUN MI LASSARI di Giuseppe Denaro (Turneddu) Armando Carruba

video

NUN MI LASSARI

Suli ca stai 'btra l'occhi di l'amanti,
e cu li raggi tò mi vasi 'nfrunti,
suli di l'arma mia, suli brullanti,
tu 'ntra stu cori si senza tramunti.
L'amuri nostru facisti giganti,
st'amuri duci ch'é senza cunfrunti:
Nun mi lassari mancu un sulu istanti,
ca moru 'n semi a tia si cchiù nun spunti

Giuseppe Denaro

CUCINA SICILIANA - Armando Carruba -

PASTA CHI MASCULINI E FINOCCHIU RIZZU (con acciughe e finocchietto) alla catanese
Ingredienti per 4 persone:
* 400 gr di bucatini
* 500 gr di finocchietto selvatico
* 500 gr di acciughe (masculini)
* 1 ciuffo di prezzemolo
* 2 spicchi d'aglio
* 1/2 bicchiere d'olio extravergine d'oliva
* 50 gr di pecorino grattuggiato
* sale e pepe

Diliscate le acciughe; sciacquatele e sgocciolatele.
Mondate il finocchietto; lavatelo bene e lessatelo in abbondante acqua salata; scolatelo e tagliuzzatelo.
Fate imbiondire un trito di aglio e prezzemolo in un tegame con l'olio; aggiungete il pesce e rosolate per 5 minuti. Unite, quindi, la verdura e un mestolo della sua acqua; salate, pepate e lasciate cuocere per 15 minuti.
Cuocete i bucatini nel liquido del finocchietto; scolateli al dente e rigirateli in tegame con il ragù preparato; cospargete con il pecorino grattuggiato e servite.
VARIANTE - Alla preparazione viene talvolta aggiunta salsa di pomodoro o estratto diluito in acqua calda, filetti di acciuga sotto sale e uvetta. La pasta già condita é, infine, cosparsa di pan grattato tostato.
NOTA - Manca la foto del piatto perchè "qualcuno" molto velocemente su ammucò ... con l'accento sulla ò !

martedì 22 agosto 2017

CUCINA SICILIANA - Armando Carruba -


SARDE A BECCAFICO ALLA CATANESE
Ingredienti per 4 persone:
* 1 kg di sarde
* 150 gr di pangrattato
* 50 gr di pecorino (o caciocavallo) grattugiato
* 3 acciughe sotto sale
* 2 spicchi d'aglio
* 1 mazzetto di prezzemolo
* 3 uova
* farina
* olio extravergine d'oliva
* sale e pepe

Squamate le sarde, apritele a libro e privatele della lisca centrale e della testa; poi, eliminate tutte le altre spine, lavatele con cur e cospargetele di sale. Amalgamate il pangrattato con il pecorino; aggiungete le acciughe, dissalate, diliscate e sciolte in 2 cucchiai d'olio, un trito d'aglio e prezzemolo, una presa di sale e una spolverata di pepe. Completate con 1 uovo sbattuto e lavorate il composto fino a renderlo omogeneo; poi, distribuitelo sulla parte interna di metà delle sarde.
Coprite con i pesci rimasti e praticate una leggera pressione, in modo da far aderire le sarde alla farcia. Infarinatele; intingetele nelle uova sbattute e friggetele in abbondante olio caldo.


lunedì 21 agosto 2017

MADUNNUZZA CA CHIANCISTI A SARAUSA di Armando Carruba


Avvenne a Siracusa ben 64 anni fa....
MADUNNUZZA CA CHIANCISTI A SARAUSA
Era u' 1953 quannu ha chianciutu a Madunnina; un quatru di jissu accattatu o' rittifilu (Corso Umberto I) ppi 3.500 liri 'ntò signor Floresta, ppi 'ssiri 'rrialatu a Angilu Iannusu e Nina Giustu ca si spusavanu o' Pantheon 'u 21 marzu 1953.
La sira ddo' 28 austu, Angilu e Antunina ssi nni jeru a vidiri un film all'Arena Progresso, ca si truvava vicinu casa quasi attagghiu 'o passaggiu a liveddu da via Bonriposo (via Piave).
Turnati a casa dopu c'avianu manciatu un muzzicuni si nni jeru a curcari.
Versu i tri di notti, Antunina si 'ntisi mali, era sabbatu, Angilu ssi nn'hav'agghiri 'a puzzu 'ngigneri (Piazzale Marconi) ppi putiri travagghiari; a so' casa lassa a so' cugnata ppi farici cumpagnia a mugghieri ca già si sinteva mali.
U restu è cosa saputa! tanti omini... tanti personaggi abballanu 'nta storia da Madonnina: da patri Brunu parrucu ddo' Pantheon, all'arciviscuvu Baranzini, dda famigghia Lucca ca metti a disposizioni u villinu di faccia casa Iannusu ppi sicurezza ddo' quatru, 'o tinenti culunellu dde' carrabbineri Lazzaru Panatu responsabili dda' sicurezza ddo' quatru 'ntò tragittu via degli Orti ccu piazza Euripidi, e poi i duttura ca hanu analizzatu 'sti lacrimi: Roberto Bertin analista della Squibb, Mariu Marletta ca era medicu pruvinciali omu religiosissimo e so' mugghieri macari, Francesco Cotzia ca furriava Sarausa Sarausa a cavaddu di 'na motu americana, Leopoldo La Rosa, e u capu dda' commissione medica u dutturi Micheli Cassola, esempiu di omu onestu e positivu!
Era ateo u dutturi Cassola e ateo ristò dopu ca dissi che i lacrimi dda' Madunnina eranu veri.
Eccu, 'sti quattri versi ssu dedicati all'omu Cassola, ca nun haju mai canusciutu, ca 'ntò 1973 ppi Pasqua, vasannu u reliquariu dda Madunnina caci purtò mons. Migliorisi, muriu mentri i campani sunavunu 'a gioia dda' Resurrezioni.

Ascutati ccu voli ascutari
pristatimi anticchia d'attinzioni
a Sarausa successi st'eventu
dda' Madonna vi cuntu lu chiantu

Un quatru di jssu arrialatu
ad Antonina Giustu e maritu
'u Cori Mmaculatu di Maria,
lu vintinovi austu chiancìa.

Ddu jornu propriu di primu matinu
lu Angilu Iannusu si suseva
ca si nun jeva 'a puzzu 'ngignieri
nun truvava nenti 'i travagghiari

cchi ni sapeva 'stu travagghiaturi
zoccu capitava 'a la mugghieri
ca la lassò a casa cché duluri
dopu 'na nuttata di piniari.

Ccu idda c'era Razia la cugnata
e macari la sò zia Sgarlata
quannu taliannu supra di lu lettu
lacrimi scinnianu 'ntà l'asciuttu.

Era la Madunnina ca chianceva
e idda mai mai ci crideva
pirchissu a li ddu donni dumannò
su era veru oppuri sunnò.

Angilu turnannu i travagghiari
dopu 'na jurnata di suduri
quannu fu juntu all'aviazioni
lu firmò un parenti ppi parrari

e ci dissi: "Angilu nun ti scantari
ca na nutizia t'haju a dari
dopu ca ti nni jsti stamatina
lacrimò 'u quatru ddà Madunnina"

Intisi firriarisi 'a mirudda
quannu visti asò casa ddà fudda
ci dumannò lestu 'o brigaderi
di fari sciri fora li cristiani

Intantu la notizia di lu chiantu
fici u giru 'i tuttu u munnu
u Cori Mmacculatu di Maria,
miraculi a genti già facìa!

Lu primu sittembri ddò cinquantatrì
all'unnici i matina martedì
na cummissioni medica valenti
liquido pigghiò ddò quatru chiancenti.

Tra li duttura esaminatori
c'è macari ccu a Diu nun cridi
era l'onestu medicu Cassola
dissi ca veru ccò quatru chianceva

e a ccù ci spiò comu puteva
nun cridiri ma intantu dichiarava
la viritati supra 'stu gran chiantu
iddu rispunnìu 'nta mumentu

Nun è giustu ammatula parrari
lu fausu, ma la virità diri
ju mi trovu 'ntà muru senza porta
cridu sulu all'attu di la scenza.

Lu sabatu santu ddò sittantatrì
fu nu gran jornu e ti dicu pirchì
lu Cassola dopu tantu piniari
l'anima a Diu jeva a dari...

e la sò porta la truvò aperta
ca Diu a tutti pari aspetta
lu dutturi fineva di campari
a Pasqua ccò sonu dde' campani.

Ccu l'aiutu di li devoti tutti
nichi, granni, vecchi e picciriddi
nu Santuariu fu realizzatu
ora è ddà da tutti ammiratu.

La sira è lucenti 'ntò celu
la Madunuzza cu lu beddu velu
ca la fici lu mastru Caldarella
'o scuru brilla cchiù d'una stidda

Pirchì chiancisti Madunnuzza bedda
a via degli Orti 'ntà ddà casudda?
pirchì chiancisti Cori Mmaculatu?
dimmillu lu pirchì hai chianciutu.

Armando Carruba

sabato 19 agosto 2017

MILOCCA di Armando Carruba

MILOCCA

Milocca mia, naca sì d'amuri,
splinnenti sutta 'n suli zicchinu;
paisi di li robbi, ssì 'n jardinu
c'abbunna mennuli sempri 'n ciuri.

Lu campanaru di la chiesa matri,
cunta la storia ddo' tempu ca passa,
a balata dde' Caduti 'n chiazza
di picciotti morti ppì l'Italia tutta.

Tu paisi miu, ssì 'nto' me' cori
e cci resti 'nzinu ca Diu voli,
a me' patri ci dasti 'i natali
a mia m''mparasti a campari.

Ssì dura è 'a vita ddo' viddanu
travagghiari cu la zappa 'n manu
pirchissu ca valiggi 'i cartuni
accattaru picciotti ppì partiri.

Ssì nni jeru 'ntà nautru cuntinenti
ca 'sta terra nun offri propriu nenti,
paroli 'o ventu, disoccupazioni
picca e nenti ppi cu famigghia teni.

Parteru ccu la risata 'n vucca,
lassannu mugghieri e nicu 'nvrazza,
e 'u paisi casatu ddo' suli
ssì nni jeru spirannu 'i turnari.

Cchiù facili partiri o ristari?
A 'sta dumanna nun sacciu cchi diri!
I milucchisi, simenza 'nto' munnu
hanu ppi 'sta terra 'n amuri prufunnu...

Pirchì nascisti ccà, nun tu scurdari
e si na vota l'annu po' turnari
ppa' festa 'i San Antoniu Abati,
ca è propriu 'nt'austu 'nta' estati.

E sunu già centuvintunu anni
ca 'sta festa va sempri avanti
oi, cchiù d'aeri, ti fa 'ncuntrari
milucchisi e macari furasteri.

A la finuta ddo' jocu 'i focu,
ognunu si nni torna a lu so' locu,
resta Milocca 'o chiaru 'i luna
duci paisi, c'amuri ni duna...

Armando Carruba

A ME' MATRI di Filippo Bozzali



A ME' MATRI poesia dialettale siciliana di Filippo Bozzali

dicitore: Armando Carruba

venerdì 18 agosto 2017

SITI D'AMURI di Amando Carruba



SITI D'AMURI

Erutu china 'i cuntintizza
e ballavutu
cco' cantu ddo' mari
c'abbrazzava 
scogghi.

Stinnicchiatu 'ntà rina
taliavu disignari
la me' picciuttanza
lassata 'na ddu mari
sarausanu.

Balla, bedda picciotta
nun sempri 'u mari canta
a li stiddi...
Dumani è nautru jorna
oi è festa!

Armando Carruba
     

MANGIAR SICILIANO - Armando Carruba -

PUPPI 'NTA SALSA 'I CHIAPPIRA
'Ngridienti ppi quattru cumpari:
* 1 kg di puppu
* 100 gr di chiàppira salata
* un ciuffu 'i putrusinu
* 'na para 'i limuni
* ogghiu d'aliva
* spezzi a.b.

Lavari e bùgghiri i puppa, poi lassàrili dintra l'acqua da bugghitura pi 'na vintina 'i minuti. cummigghiati.
'Nto tijaneddu méttiri a bùgghiri 'a chiàppira e poi fàrila sculari; tritari finu 'u putrusinu.
Métturi 'ntà 'na tirrina 'na bedda picca d'ogghiu e sucu di limuni, juncìricci 'u putrusinu e bàttiri tuttu assemi, poi 'rriminàricci 'a chiappira.
Tagghiari a pizzudditta i puppa e dopu avìrili 'rriminati assai 'ntò cumpostu priparatu, lassàrili marinari.
Sérviri friddu, dopo quasi du' uri, e cu 'na bona spurvirata di spezzi.
ppi ccu è sciarriatu cco' sicilianu:
per chi è litigato con il siciliano:
POLPI IN SALSA DI CAPPERI
Ingredienti per 4 persone:
* 1 kg di polpi
* 100 gr di capperi salati
* un ciuffo di prezzemolo
* un paio di limoni
* olio d'oliva
* pepe q.b.
Lavare e bollire i polpi, poi lasciarli dentro l'acqua della bollitura per circa venti minuti coperchiati.
In un tegamino mettere a bollire i capperi e poi lasciarli scolare; tritate fine il prezzemolo.
Versare in una terrina un bel pò d'olio e succo di limone, aggiungendovi il prezzemolo e battere tutto assieme, poi mescolarvi i capperi.
Tagliare a pezzetti i polpi e, dopo averli rimestati assai nell'impasto preparato, lasciarli marinare.
Servire freddo, dopo circa due ore, e con una buona spolverata di pepe.