lunedì 31 luglio 2017

OMAGGIO A SIRACUSA di Ines Gugliotta



Un omaggio a Siracusa ascoltando la voce della mai dimenticata attrice aretusa Ines Gugliotta.

L'ANGOLO DEL POETA a cura di Armando Carruba


LA VURPI, LU RISIGNOLU, LA CICOGNA, E LU CORVU

Di Musica na Vurpi dilittanti
a un Risignolu cci dissi: Cumpari,
a tia li megghiu carni iu vogghiu dari
basta ca sempri a lu miu latu canti.
Rispusi 'na cicogna: sì 'gnuranti
si di la Vurpi ti lassi 'ngannari.
Un Corvu allura accuminciau a gridari:
No la criditi, amicu, ca è farfanti.
Non t'ingannu, la Vurpi rispunniu,
Senti... non è minzogna....'Un mi la fai,
dissi lu Risignolu, e si nni jiu.
Cu sta favula mia, si no lu sai,
ti avvertu: ca a stu Munnu, amicu miu
lu minzugnaru non è cridutu mai.

Giuseppe Marraffino 

domenica 30 luglio 2017

INDOVINELLO SICILIANO

INDOVINELLO ELLO ELLO
Susiti susiti 'sta cammisedda
quantu ti fazzu 'na piccola cosa
nun ti scantari ca ti trasi tisa
ca dumani agghiorni comu 'na rosa

(puntura)

OGGI CUCINO IO... Armando Carruba

SARDI A BECCAFICU A LA PALERMITANA

In ‘na notti cu la luna
Chi Palermu, vecchiu anticu
Si livà serpi e curuna
E trasì dintra ‘n’amicu;
Dammi tuttu l’uccurrenti
Dissi lestu e risulenti
E accussì, quantu ti dicu
Fici sardi a beccaficu.

Un chilu di sardi frischi; lavatili e facitili sculari, pigghiatili ad una a una e, cu lu pollici di lamanu dritta, svintratili livannuci la testa e la resca e facennu attenzioni di lassalli attaccati pi lu schinu e di sistimalli, beddi aperti, dintra un piattu.
A ‘stu puntu pigghiati un tianu e mittitici ‘na sbrizza d’ogghiu e a focu vasciu jti juncennu ottu cucchiarati di pani rattatu, dui spicchi d’agghia sminuzzata, un mazziteddu di pitrusinu tritatu, 70 grammi di racina sultanina, ‘n’anticchiedda di Sali e di pipi, un cucchiainu di zuccaru e, mentri girati cu ‘na cucchiara di lignu junciti, a stizza a stizza, mezzu bicchieri d’ogghiu d’aliva e cuntinuati a girari cu la cucchiara funu a ‘mpastari tutti sti cosi.
A ‘mpastu prontu, pigghiati li sardi e, a una a una, ‘mprinatili cu ‘stu pani ‘mpastatu agghiummuniannuli pi tutta la lunghizza e pusannuli, beddi sistimati, dintra ‘na tigghia untata d’ogghiu, mittennu tra sarda e sarda ‘na pampina d’addauru.
Fattu chistu, sbattuliati ogghiu cu ‘na sbrizza di limuni e ‘n’anticchia di Sali e pipi macinatu e sbriziaticcillu supra. A stu puntu, ‘nfurnati e aspittati un quartu d’ura.
A tavula, parenti e amici, si licchirannu l’ugna! A chiarimentu vogghiu dirivi chi a Catania, ‘a cità ddo’ liotru, li sardi a beccaficu li fanu ‘nta’ la seguente manera: li pigghianu e dopu avilli priparati comu vi dissi, li mettunu a marinari dintra ‘na ‘nzalatera cu ddu’ bicchieri d’acitu facennu passari almenu ‘n’ura.
Lu ripienu è ‘u stissu di chiddu palermitanu, cu la diffirenza chi ci juncinu tanti pizzudda di caciucavaddu. Ora, anzi chi agghiummuniari li sardi, mettinu l’impastu tra linguata e linguata e cioè ‘na sarda supra e ‘na sarda sutta; accussì priparati li passanu ‘ntà farina e poi dintra un piattu cu l’ovu sbattutu, li sistemanu ‘ntà ‘na sartania e li fanu friiri ‘ntà l’ogghiu vugghienti.
Cuntenti palermitani e catanisi…. Cuntenti tutti !




SARDE A BECCAFICO ALLA PALERMITANA
(preparazione impegnativa)

Ingredienti:
1 kg di sarde, pangrattato, 2 spicchi d’aglio, zucchero, prezzemolo, 70 grammi di pinoli, 70 grammi di uva sultanina, sale, pepe, olio d’oliva, alloro, succo di limone.
Procuratevi un chilo di sarde, apritele dalla parte del ventre, togliete la testa e la lisca centrale, lasciando le due parti unite dal dorso. Fate appena tostare in poco olio  8 cucchiai di pangrattato, nel quale incorporerete, lavorando con la spatola di legno, 2 spicchi d’aglio tritati, 1 cucchiaio di zucchero, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, 70 grammi di pinoli, 70 grammi di uva sultanina, fatta rinvenire in acqua tiepida, sale, pepe e mezzo bicchiere d’olio d’oliva. Quando il composto sarà ben amalgamato, distribuitene una piccola porzione su ciascuna sarda aperta, che poi  arrotolerete nel senso della lunghezza. Disponete le sarde ripiene in una teglia da forno ben unta d’olio, alternando ad ogni sarda 1 foglia d’alloro. Irrorate con una soluzione di olio, succo di limone, sale e pepe, quindi infornate, lasciando cuocere per 15 minuti a temperatura moderata.

SARDE A BECCAFICO ALLA CATANESE

Ingredienti:
1 kg di sarde, aceto di vino, pangrattato, 2 spicchi d’aglio, zucchero, prezzemolo, 70 gr di pinoli, 70 gr di uva sultanina, sale, pepe, olio d’oliva, caciocavallo, farina, uova

Aprite le sarde come descritto nella ricetta palermitana e mettetele a marinare, per almeno 1 ora, in 2 bicchieri di aceto di vino. Il ripieno è quello previsto per la versione palermitana, arricchito soltanto di dadini di caciocavallo fresco. Spalmate il composto nella parte interna di una sarda e chiudete con un’altra sarda, procedendo così fino all’esaurimento del pesce e del composto. Passate ogni coppia nella farina, poi nell’uovo battuto e, infine, friggere in olio ben caldo.

sabato 29 luglio 2017

LU CAVADDU di Giuseppe Marraffino - dicitore Armando Carruba

LU CAVADDU

C'era un Cavaddu di beddi fattizzi
baiu di pilatura, e avia un gran passu
era l'invidia pri li soi biddizzi
e quann'iddu niscia facìa fracassu.
Lu so' patruni ci facia carizzi,
lu vulia beni, e l'avia fattu grassu
ma 'ntrà lu megghiu di li valintizzi
nna coscia si spizzau 'ntra un malu passu.
D'iddu ogni musca si 'mpussessa allura,
ogni sceccu chiù vili lu rimpetta,
ricivi cauci, e muzzicuna ogn'ura.
Cui lu stimava, la sua morti aspetta.
O quantu ddu pruverbiu m'innamura:
All'arvulu cadutu, accetta accetta.

Giuseppe Marraffino

'U CANTASTORII di Nino Martoglio

'U CANTASTORII
(sutta 'u bastiuni d' 'u Siminariu)

- Allura Orlanto Palatino jsa
cu li du' mano la so' trullintana!...
- Bravu! - Zittiti mutu! - Chi c'è offisa?
- Si parri vuschi quarchi mulincìana!

- Avora? - Feraû, senza difisa
di lu so' 'nvulniraboli! ...- Mmattana
assai assai ci sta tinennu! 'A 'mprisa
ca ti struppìu, figghiazzu 'i tabarana?

- Stativi saggiu!... N' 'a fineru chiù!
- Mi moddu, sull'onuri!... Arriciatàta
l'haju 'a vuci, picciotti !... Feraù,

comu diceva... - A mia 'na timpulata?...
E te'!... - Pigghialu, pigghialu!... - Chi fu?
-'Ntr'o' ciancu mi 'mmiscò 'na cutiddata!


Nino Martoglio

Note. - (Fino a pochi anni fa, in via Dusmet, sotto il Seminario arcivescovile, addossato alle vecchie
mura della città di Catania, i cantastorie attorniati da un circolo di sedie, prese in fitto da
appassionati ascoltatori, declamavano enfaticamente le epiche gesta dei paladini di Francia, alcuni
accompagnando con passi smisurati ed un'azione grottesca la calorosa narrazione. Oggi i più
vecchi e caratteristici di quei cantastorie son morti, ed i pochi che restano, cambiato locale, si son
dati a leggere (!) all'uditorio assai più colto (!!) dei vecchi romanzi criminali; adattandosi alle
esigenze moderne!) - Jsa (alza) - Zìttiti mutu (fa silenzio) - Vuschi (guadagni, il romano direbbe:
cciarriffai) - Mulinciana (schiaffone) - Avora? (domanda che serve a mettere in dubbio, come chi
dicesse: davvero?) - Mmattana (chiasso, baccano) - 'A 'mprisa (scommettiamo) - Ti struppiu (ti
picchio, ti storpio) -Tabarana (sostituto di mala femina) - Mi moddu (mi mollo, mi lascio andare:
frase caratteristica della maffia, per dire: sta cheto che altrimenti t'accoppo) - Arriciatàta (rauca) -
Picciotti (giovinotti) - Timpulata (schiaffo) - Ciancu (fianco) -'Mmiscò (assestò).

OGGI CUCINO IO... Armando Carruba

INSALATA DI POLPO


ingredienti:
- 1 kg di polpo
- 1 mazzetto di prezzemolo
- 1 peperone
- 1 pizzico d'origano
- 1 spicchio d'aglio
- 100 gr di olive bianche denocciolate
- 100 gr di sedano
- 150 gr di olio extravergine
- 3 limoni
- 300 gr di ravanelli
- 4 cucchiai d'aceto
- 5 pomodori

preparazione:

Pelate i pomodori, togliete i semi, lasciateli sgocciolare e tagliateli a dadini. Pulite e lavate il polpo, mettetolo a bollire in acqua salate per 10 minuti, toglietelo dal fuoco e lasciatelo riposare dentro l'acqua di cottura per ulteriori dieci minuti.
Scolatelo e lasciatelo freddare, tagliatelo a pezzetti sottili e unitelo agli altri ingredienti.
Amalgamate bene il tutto e servite!

venerdì 28 luglio 2017

CHI TI CUNTU E CHI TI DICU Armando Carruba

Carissimi amici e così babbiannu e scherzando siamo in seconda fascia, come si dice in termine TV! Stasera mi sono visto un film del 1976 sul canale 333 di mediaset, dal titolo MILANO VIOLENTA! Erano quel filone di film che tirava: Milano violenta, Napoli violenta, Torino violenta ... in sintesi si ficiro il giro violento di tutte le principali città italiane, e meno male che poi il pubblico si stufò pirchè era in programmazione Bedduvidiri violenta e Carrapipi violenta (senza offisa a Belvedere e Valguarnera). Dice "ma a tia ccu ti ci potta come giustu dici a jatta motta? Il protagonista era il siracusano Elio Zamuto non puteva canciare canale. E anche questa giornata è stata bella e catalogata, non mi resta altro a tutti gli amici e macari etc etc... d'augurare una buona ... serena notte a domani che nun sulu è nautru jorno ma è SABATO ! Au fridersenne!!!

PALUMMA JANCA - popolare -


PALUMMA JANCA
Palumma janca
ca camini ppi mari
fermati
quantu ti dicu ddu paroli,
fatti scippari 'na pinna
di ssì janchi ali
quantu scrivu 'na littra
a lu me' amuri
tutta d'amuri ci la vurrìa fari
e ppi' sigillu ci mettu lu cori
janca palumma
tu ci l'ha purtari
unni si spogghia e vesti
lu me' amuri
o ci la porti
versu l'una e menza
quannu si trova a tavula
ca mancia
(POPOLARE)

'A PLAYA di Armando Carruba (da I RAGAZZI DEL MOLO S. ANTONIO)

LIDO PLAYA

Alla Marina c’era un casotto in legno vicino al mare; era la biglietteria per prendere i vaporetti che portavano al lido Azzurro o al lido Fazzina, ‘a Playa; in seguito fu soppresso il servizio per il lido Fazzina e finché durò rimase quello che dalla Marina attraversando il porto grande giungeva alla sponda opposta, il lido Azzuro, unni abballunu ‘i pulici.
Il costo del biglietto negli anni ‘57/58 era di 35 lire per una corsa 60 lire andata e ritorno.
I ragazzini delle Carcare, Pantheon, puzzu ‘ngigneri e dintorni, per raggiungere ‘a Playa, raramente utilizzarono il famoso vaporetto; i più grandi prendevano in prestito la bicicletta di famiglia, l’automobile la possedeva soltanto l’elite siracusana , e portando un compagno di giochi sulla canna e l’altro sul portabagagli, raggiungevano pian pianino la spiaggia.
Il mezzo più comune per tutti, era quello di cavalcare le scarpe, tanto, facilmente si sarebbe potuto ottenere un passaggio, data l’assidua presenza in strada di carretti trainati da cavalli da tiro che prendevano merce dal mercato all’ingrosso.
I carrettieri erano ben disponibili a far salire i ragazzini e, spinti da quest’ultimi, il più delle volte ingaggiavano con qualche collega una simpatica corsa, colorita da frasi dialettale di sfottò.
Il lido Playa era considerato la spiaggia dei poveri perché spesso e volentieri si potevano incontrare in acqua persone e animali da soma, ed è per questo motivo che il luogo viene ricordato ancora oggi con la frase unni si lavavunu ‘i scecchi.
Sui quella sabbia intere famiglie si stendevano fin dalle prime ore del giorno, costruendo capanne con canne e vecchi teloni; i ragazzini sempre a correre, ad attendere l’arrivo do’ papurinu per poi fare un tuffo da sopra; a giocare a palla o a rimuovere a mare la sabbia cercando le cozze bianche.
Chi non sapeva nuotare si forniva di una vecchia camera d’aria rattoppata e all’ora di tornarsene a casa, di corsa a lavarsi con il sapone nelle acque gelide del fiume.
Oggi abbiamo scoperto altri lidi, abbandoniamo la città, le usanze, le tradizioni; il lido Azzurro e il lido Playa non esistono più, questo lido non è più la spiaggia di un tempo, sepolto da una fitta vegetazione spontanea di cardi spinosi e rovi pungenti.
C’è un cartello che informa in quattro lingue che non si può fare il bagno, la sabbia non la si vede quasi più e quella che c’è è popolata da ogni specie di insetti.
Di questa spiaggia rimane solo il ricordo di una fanciullezza che è riposta nel cuore di chi l’ha vissuta, dove nessun vento la potrà mai portare via.                                                         


                                              

giovedì 27 luglio 2017

SITI D'AMURI di Armando Carruba



SITI D'AMURI
'U suli caurìa
jornu dopu jornu
'a me' vita
e 'a luna stasira
allucia a tò facciuzza...
'I stiddi lùcianu
'nta 'na notti
comu chista
e ju ascutu a tia
ca parri d'amuri
'o me' cori
Armando Carruba

'U TOCCU di Nino Martoglio

'U TOCCU
('ntra la taverna d' 'u zù Turi u' Nanu)

Attoccu ju... vintottu 'u zù Pasquali...
Biviti? - Bivu, chi nun su' patruni?
- Tiniti accura... vi po' fari mali...
Maccu haju a' casa! - E ju scorci 'i muluni!...

- Patruni fazzu... - A cui ? - A Ciccu Sali
- Ah!... E sutta? - A Jabicheddu Tartaruni.
- (A mia 'mpinniti ?... A corpa di pugnali
finisci, avanti Diu!...) - 'Stu muccuni,

si quannu mai, ci 'u damu a Spatafora?...;
- Troppu è, livaticcinni un jriteddu.
- Nni fazzu passu!... - A cui?... Nisciti fora!...

A mia 'stu sfregiu? - A vui tintu sardaru!...
Largu! - Largu! - Sta' accura! - 'U to' cuteddu!...
- Ahjai, Sant'Aituzza!... m'ammazzaru!

Nino Martoglio

Note. - Il tocco é un giuoco che si fa col vino. Aprendosi da ciascuno dei giocatori uno o più dita, si
sommano, pel numero, e, a partire da quello dei giuocatori già designato, si conta. L'individuo nel
quale il numero finisce, diventa padrone del vino e può berne quanto gli pare. Dopo aver bevuto,
consegna il vino che resta ad un padrone sostituto e ad un sotto padrone da lui nominati, e questi
prosieguono il gioco, dando da bere a chi loro, di comune accordo, meglio aggradi. Si noti che il
padrone sostituto non può dar da bere ad alcuno senza il consenso del sotto padrone. Il tocco, in
genere, è la passatella dei romani, ma la fervidissima fantasia del siciliano lo ha arricchito di tali e
tante regole, che il giuocarlo con esattezza diventa ben difficil cosa ed è spesso causa di vivaci
dissensi, di calorosi diverbii e di sanguinose risse, specie tra la maffia) - 'a taverna d' 'u zù Turi 'u
Nanu (famosa bettola sita in via Grotte Bianche, ritrovo della malavita) - Tinìti accura (badate,
state attento) - Màccu haju a casa (frase caratteristica del gergo, per dire: me ne impipo - E ju
scorci 'i muluni (ed io bucce di mellone: Altra frase caratteristica ed allegorica del gergo. Essendo
la buccia del mellone viscida, facile a scivolarvi sopra, pronunziando questa frase, il maffioso
intende dire: badate ad esser meno noncurante, perchè vi può incorrer disgrazia) - Fazzu (faccio) -
A cui? (a chi?) - 'Mpinniti (impiccate. Nel gioco del tocco si dice impiccato quello dei giocatori che
resta a becco asciutto, per partito preso dal padrone o dal sotto) - Mmuccuni (sorso) - Si quannu
mai (nel gergo: se mai) - Un jriteddu (un ditino) - Nni fazzu passu (lo rifiuto) - Niscìte (uscite) -
Tintu sardaru (pezzente) - Sta' accura (mettiti in guardia). ... Il maffioso come il popolano di
Sicilia, in genere, qualunque sia l'odio o il furore che lo domini, non accoltella mai non solo a tergo,
ma nemmeno alla sprovvista. Chiama sempre l'avversario alla guardia e ci sono dei casi in cui
spinge la sua generosità al punto da gittargli ai piedi un coltello se ne è sprovvisto, perchè si
difenda) - Sant'Aituzza (Sant'Agata è la patrona di Catania, e a questa santa il popolino di
qualunque classe è devoto fino al fanatismo; e la invoca nei pericoli. Non si meravigli il lettore se la
faccio invocare anche da un maffioso, poichè i maffiosi sono religiosissimi, pieni di pregiudizii, e
quasi tutti portano - strano contrasto - l'abitino o scapolare della Madonna del Carmine - che il
pregiudizio vuole sani le ferite e le piaghe più mortali - accanto al coltello, spesso insanguinato).

mercoledì 26 luglio 2017

'U GILATARU di Armando Carruba

'U GILATARU
Quannu vineva 'a 'stati
precisu...
comu 'u 'rrologgiu ddà stazioni, 
spuntava
ddo' pizzu 'i cantunera
'u gilataru...
Citro, turrune, cicculatti !
E i picciriddi
stavunu zitti e muti
aspittannu ddu conu
c'avissi rialatu
'n jocu 'i focu
'i filicità!
Armando Carruba

'A TIRATA (dalla Centona di Nino Martoglio)

'A TIRATA
('ntra la sciara Curìa e la Vutti di l'acqua)

- Pudduzzu, sutta, pigghiati 'a paranza!...
- Cca sugnu, tira!... 'U corpu all'angilina
mi fai, di primu acchittu? Accura 'a panza!
- Bonu, chi si' fucusu!... Troppu fina

niscìu; nun fici nenti... Tè cca, scanza
'sta botta, si t'abbasta l'armu - (Ahi!...) China
ti parsi? - Comu l'ova! - Troppu manza
fu, Turi!... - No, fu vera malantrina!

- Ti dicu ca fu manza! - S'è 'nzunzata
di sangu, 'a tàccia, chi ti l'ha' a fricari
'nt'o' mussu? - A cui? a tia, macari a tia!...

- Ti pari ca ci mettu muddicata
a falla cc' 'u cuteddu ? - Tu?... Macari
Diu!... - Tiriti, mannaja 'a vicaria!

Nino Martoglio

Note. - Sciara Curìa (famoso locale deserto, di lava vergine - sciara - dalla parte N. O. della città) -
Paranza (finto coltello, consistente, in un pezzo di legno, lungo per lo più trenta centimetri,
all'estremità del quale è solidamente legato un chiodo da scarpe - taccia. - Con esso si fan le prove
di scherma al coltello, e la taccia serve per far notare le punture sul corpo del toccato, dato che
questi non le accusi) - Sugnu (sono) - Corpu all'angilina (specie di inquartata al coltello con colpo
che cade dall'alto) - Niscìu (è uscita) - China (piena: nel gergo: soda) - Manza (debole) -
Malantrina (nel gergo: coi fiocchi) - 'Nzunzata (tinta, imbrattata) - Mettiri muddicata (nel gergo:
metter tempo, in mezzo).

martedì 25 luglio 2017

'U RAGIUNAMENTU di Nino Martoglio

'U RAGIUNAMENTU
('ntra lu chianu di lu Spiritu Santu)

- Ora 'a dicìri Puddu Supprizzata:
Scusati, don Puddu, un cumanneddu...
- Eh, scuccazza d'amici!... 'A dichiarata
finìu? Chi è ? sarvàtivi 'u cuteddu!

- Sintiti, a mia, oggi o' jornu a' jurnata,
m'arrispettanu, sugnu un picciutteddu
chi m'haiu fattu quarche sirinata...
- Basta, 'u sapemu, aggiùstati 'u cappeddu!...

- Pricchì, ci fussi quarchi cascittuni ...
cca 'mmenzu? - Bonu! senza quadiari...
e parra picca! - Cocimu Balluni,

varda, oggi, a tia... mannaja la galera!...
- Ti dissi ca 'nt'o'chianu 'n'ha' a abbaiari...
cca arreri sugnu..., a punta 'e cantunera!

Nino Martoglio

Note. - (Nel ragionamento della Maffia si riunisce, spesso sul luogo stesso dove insorge la
questione fra due o più maffiosi, una specie di corte d'onore, che decide seduta stante) - Dicìri
(Decide) - Supprizzata (soprannome di Puddu) - Un cumanneddu (nel gergo: una preghiera) -
Scuccazza (nel gergo: ascolta) - Dichiarata (dichiaramento) - Sarvàtivi 'u cuteddu (frase
caratteristica del gergo, per dire: discutete con calma) - Oggi 'o jornu 'a jurnata (oggigiorno) -
Sirinata (nel gergo figurato: tirata di coltello) - Cascittuni (nel gergo: vigliacco) - Senza quadiari
(senza riscaldarsi) - Picca (poco) - Mannaja (mannaggia) - Abbajari (nel gergo: vociare senza
profitto, fare il petulante).
'

SARAUSA - Latomie - Armando Carruba


'I LATUMII

'I Latumii (ddo' grecu litos = petra e temno = tagghiu) erunu antichi cavi 'i petra unni i Greci pigghiavunu 'u materiali ppi costruiri templi, stradi, etc.
'I Latumii sarausane, dudici, sunu situati quasi tutte 'ntà stissa linia ca va da occidenti, vicinu 'o Tiatru Grecu, anzinu a mari, vicinu 'u Cunventu dde' Cappuccini.
'Ntè latumii travagghiavunu i prigiuneri, chiddi ca ni sanu, riordanu i Cartaginisi pigghiati da Geluni 'ntò 413 a.C. all'Asinaru.
Ci foru chiddi vinnuti ppi schiavi e autri c'arristaru nt'à latumia a spaccari petri e a cummattiri 'a fami.

Dde' dudici latumii i cchiù impurtanti sunu chidda ddo' Paradisu, di Santa Vennira, ddo' Casale, dde' Cappuccini, tutti l'autri sunu  sutta i palazzi 'i Sarausa muderna

lunedì 24 luglio 2017

'U SULI TALIAVA di Armando Carruba

'U SULI TALIAVA

'N mari 'i spichi
culuri ill'oru
si muveva chianu 
ammuttatu ddo' ventu
ca ciusciava
'i matinu.
'I stiddi si stutaru
'ntà lu celu
e 'u suli cumparìu
'a marina
carizzannu 'i spichi...
Agghiurnò!
Picciotti, lesti,
mittemu manu
ca lu frumentu
n'aspetta stamatina.
I fauci
mitevunu di cuntinu
accumpagnati
da 'n cantu
pp'accumpagnari
'u travagghiu.
'U suvrastanti
a cavaddu
taliava chistu e chiddu
e cazziava...
Surura e stanchizza
sutta ddu suli cainu
ca dda' 'ntà lu celu
rirennu taliava.
Chi scipita 'a vita!

Armando Carruba 

COTOLETTE DI SARDE - Armando Carruba -

COTOLETTE DI SARDE
ingredienti per 4 persone
* 1 kg di sarde
* 3 uova
* 1 spicchio d'aglio
* 1 cucchiaio di pecorino gratugiato
* 1 ciuffo di prezzemolo
* farina
* pangrattato
* aceto
* olio extravergine d'oliva
* sale e pepe

Pulite le sarde e apritele a libro; privatele di testa e lische e lavatele in acqua corrente. Asciugatele, quindi, con carta da cucina e disponetele in un solo strato in un ampio vassoio.
Copritele a filo d'aceto e lasciatele marinare per 15 minuti.
Trascorso il tempo necessario, sgocciolate i pesci e infarinateli; poi, intingeteli nelle uova sbattute e passateli nel pangrattato condito con un trito di aglio e prezzemolo, pecorino grattugiato, sale e pepe.
Friggete, infine, le cotolette in padella con abbondante olio caldo e servite

'U SMACCU di Nino Martoglio

MAFIUSI DI CITA'
U' SMACCU
(a la Villa Bellini)

- A cu' guardati, a vui, don cannileri?
- Pirchì, 'un si po' guardari? È priibìtu?
Signu c'abbeniaggi sugnu zitu!...
- Amicu, 'sta picciotta è me' mugghieri!...

- Allura ha' canusciutu a sò maritu!...
Tantu piaciri!... E vi faciti arreri?...
Cc'aviti quarche pùlici 'ntra 'n peri?
Non v'annacàti ca diventa acìtu!

- Amicu, forsi non mi canusciti!...
Chi siti, di natura bilïusa?
Vo' jtavinni e non vi nni pintiti;

artrimenti succedi quarche sconciu!... -
- Quann'è chissu, v'accattu 'na gazzusa;
anzi, aspittati, ca vi stuppu un ponciu!

Nino Martoglio

Note. - Smaccu (ingiuria con sarcasmo) - Abbeniaggi - (idiotismo; - alcuni viaggi, talune volte) -
Zitu (promesso, fidanzato) - Ha' (da haju: ho) - Mugghieri (moglie) - picciotta (ragazza, giovane) -
Arreri (indietro) - Pùlici (pulce) - Annacàti (da annacàrisi: culeggiarsi) - Vo' jtavinni (andatevene) -
V'accattu (vi compro) - Stuppu (da stuppari: sturare - Stuppari un ponciu o offrire una gazzosa, in
Catania, ha un significato sarcastico, ingiurioso, la gassosa e il poncio essendo un rimedio contro la
bile).

domenica 23 luglio 2017

LI ME SUNETTI di Nino Martoglio

'O SCURU 'O SCURU
Sonetti siciliani sulla "maffia"

LI ME' SUNETTI

Ju li cugghivi 'mmenzu li lurdumi,
'ntra li taverni, 'ntra lu lupanaru,
unni lu nostru suli é tantu avaru
di luci, nè virtù, nè c'è custumi.

Ju li cugghivi unni paru paru
lu sangu allimarratu scurri a sciumi,
unni lu scuru è fittu e c'è pri lumi
sulu ôcche luci luci picuraru.

E li cugghii di notti, sgammittati,
tastiannu comu l'orvi muru muru
e zuppicannu comu li sciancati.

Pricchissu, ed anchi pricchi su' sicuru
chi a fari lustru non su' distinati,
ju li vosi chiamari: "'o scuru, 'o scuru" .

Nino Martoglio

Note. - Cugghivi (raccolsi) - Unni (dove) - Paru paru (denso, fitto) - Allimarratu (misto a fanghiglia)
- ôcche (qualche) - Luci luci picuraru (lucciola e precisamente il bruco-lucciola) - Sgammittati
(senza gambe, mancanti di gambe) - Tastïannu - (brancolando) - Pricchissu (perciò) - Lustru (luce)
- O' scuru o' scuru (nel buio fitto) .

SULI E LUNA - popolare -


La luna è janca e vui brunetta siti;
idda è d'argentu, e vui l'oru purtati;
la luna nun havi jammi, e vui l'aviti;
idda la luci spanni, e vui la dati,
la luna manca e vui sempri crisciti;
idda s'aggrissa e vui nun v'aggrissati
annunca ca la luna vui vinciti,
bedda, suli e no luna vi chiamati

La luna è bianca e voi brunetta siete, lei è d'argento e voi l'oro portate; la luna non ha gambe e voi l'avete, lei di luce risplende e voi la date, la luna a volte non c'è e voi crescete, lei si eclissa e voi non vi eclissate; perciò la luna voi vincete! Meravigliosa sole e luna vi chiamate!

(mizzica! delicata questa canzone popolare no? che ne pensate?)

BUONA DOMENICA

Ah ... finalmente agghicò la DOMENICA unni un cristiano si po' - vulennu - susiri cchiù tardu... vulennu... cui iddu? Ca quannu mai??? Vulennu a mugghieri! Manzinò, cosa ca mai, ci porta il caffè a letto con l'obbligo di non posarlo sul comodino ma vivirasillu e fari presto perchè il mare, anche se da secoli seculorum è dda' ma non aspetta autru i cristiani manzinò che domenica è senza mare? E già il lavoratore si susi prima di comu jiri a travagghiari per andare a mare. C'è la partenza intelligente, che consiste nel partire mezz'ora prima cosicchè non ci si trova nell'ingorgo ... non si ci trova se tutti i sarausani intelligentemente hanno pensato a questa partenza... SI RITROVANO SI RITROVANO... e dentro le macchine pensano ca avisse stato megghiu dormiri nautra ora che quella si era na cosa intelligente. Ma tanto è DOMENICA e per chi resta a casa come me e vede il mare 'ntà cattullina, sente i ciavori che la cucina emana già de' sei i matini, sa chi fa a maistra di bonu! BUONA DOMENICA A TUTTI e quannu scrivu tutti, o solitu siti pappiddaveru TUTTI

sabato 22 luglio 2017

CHAT di Armando Carruba




CHAT
'Na notti, ppi casu,
furriannu cca' e dda'
i me' paroli 
incuntraru i to' paroli
'ntò silenziu dda' sira
vacanti...
Finìu 'i dòrmiri
e m'arrusbigghiò
'a ducizza dde' to' sintimenti
ca mi jnchieru 'u cori.
Chat, paroli...
ca figghiunu paroli
ppi sunnari
'n munnu ca nun c'è.
Armando Carruba

I RAGAZZI DEL MOLO SAN ANTONIO di Armando Carruba

U BAGNU ‘O MOLU
Veni veni…Arturu! E ‘u picciriddu chiamato, si tuffava do’ pileri in quel mare azzurro del porto, scandendo a sua volta il nome di un altro compagno di giochi e così via.
Questo era l’innocente gioco do’ veni veni, niente di particolare sino a quando un ragazzino dimenticava chiamare al tuffo l’amichetto, allora come penitenza riceveva da tutti i partecipanti ‘n abbudduni cché manu e cché peri; cioè a dire ogni compagno di giochi mediante una spinta con le mani sulle spalle del penitente di turno lo mandava sott’acqua e lo spingeva più sotto possibile con i piedi; considerando che quasi sempre prendevano parte al gioco una ventina di ragazzini, ci vuole poco ad immaginare come si doveva sentire al termine di questa penitenza l’abbuddatu di turno.
C’erano i burloni, ne ricordo uno in particolare soprannominato Cicidda che quando notava nuovi partecipanti al gioco, sbagliava apposta e all’abbbudduni del nuovo venuto scompariva sott’acqua per poi andarsi a nascondere dietro una barca.
Comprensibile lo stato d’animo di chi aveva dato l’abbudduni, anche perché gli altri, complici della burla, rincaravano la dose facendo spaventare il più possibile il nuovo partecipante che ansioso fissava lo specchio d’acqua.
Dopo cinque minuti, nuotando sott’acqua, riemergeva Cicidda tra le risate generali e c’era chi credeva che quel ragazzino avesse tanto fiato da poter rimanere sott’acqua ben dieci minuti.
Cicidda passava le sue giornate estive a mare, definirlo un Colapesce anni cinquanta non sarebbe per niente errato, per la sua predisposizione a stare sott’acqua, ad allenarsi a toccare fondali sempre più profondi o perfezionare i suoi tuffi do’ pileri a volo d’angelo.
Gli altri ragazzini prendevano i mazzuni, tipi di pesci lunghi 8 o 10 cm che prediligono i bassi fondali fangosi rintanandosi sotto grosse pietre, e che si nascondevano dentro i copertoni di biciclette che numerosi erano in quello specchio di mare di fronte al Lazzaretto; oppure con un pesciolino legato ad un fil di ferro tentavano di stanare i ranciu pilusi.

Si passavano così le giornate estive al molo S. Antonio, prima del tramonto si tornava a casa, non prima di essersi sciacquati  alla fontanella del porto, evitando in questo modo che una imprevedibile leccata da parte dei genitori sulle braccia, tradisse il bambino che andava a mare senza che nessuno a casa lo sapesse.

GRAZIE PAPA'


Buondì amici, bene o male condividiamo i momenti allegri e momenti NO, ad altri come oggi di riflessione. 
Il 22 luglio verso le 7 del 1974, ci lasciava per continuare il suo cammino convinto nella Fede, mio padre Salvatore Carruba, 
Era nel gruppo delle guardie di sanità marittima e dopo aver girovagato per l'Italia, era stato trasferito a Siracusa nel 1947 alloggiando - con tutta la famiglia - presso quello che i sarausani chiamavano 'u lazzarettu.
Un appartamento con 7 stanze un infinito terrazzo con vista il porto e il mare con banchina sotto casa.
Mio padre, senza tema di smentita, fu l'uomo giusto al posto giusto! Mai quelle due palazzine ebbero così splendore! C'era un meraviglioso giardino che curava personalmente o facendo venire dei giardinieri che ricompensava con le sigarette americane che a lui regalavano a bordo delle navi.
Sono passati 43 anni, il suo ricordo i suoi insegnamenti, la sua onestà, sono sempre presenti in me, campassi più vite non potrei mai e poi mai essere alla sua altezza.
Grazie papà.

Chi ti cuntu e chi ti dicu....



Che cauru picciotti mei... 'e setti raricuna! autru chi storii e geografiii. E ju fazzu comu fanu i biduini... chi fanu? ccu ddu' gran cauru si cummogghiunu tutti pari pari pari. E ju stamatina mo sogno vistuto comu 'na jurnata primaverile e mi n'haju jutu a mari a Funnucu Novu (ca oramai si fici vecchiu). Che cosa non vi debbo cuntare!!! Mi hanno taliato storto e mi hanu lassatu sulu scantannusi ca eru pazzu. Ah ci voli nenti a liberari 'na spiaggia... Bon fine simana a tutti e quannu scrivu tutti siti pappiddaveru TUTTI

venerdì 21 luglio 2017

PENSIERINO DELLA SERA di Armando Carruba


PENSIERINO DELLA SERA
A volte si tengono prigioniere parole che non verranno più dette, per timore di perdere un'amicizia che immancabilmente si perde.

PAROLE di Roberto Colamasi


Roberto Colamasi è un attore poeta catanese, e soprattutto un amico. La sua poesia è senza fronzoli ed arriva diretta come freccia scagliata dall'arco ....

 PAROLE
Le parole.....
mangiano parole
masticando la vita
fatta solo di parole
come un castello
di sabbia di un bimbo
che crolla
al primo soffio
di vento
Roberto Colamasi

SICILIANANDO di Armando Carruba

SICILIANANDO

'N omu è pappiddaveru riccu quannu i so' figghi currunu 'nté so' vrazza macari se i so' manu ssù vacanti...

mercoledì 19 luglio 2017

PENSIERINO DELLA SERA Armando Carruba



PENSIERINO DELLA SERA

E’ di notte che si percepisce meglio il frastuono del cuore, il ticchettio dell’ansia, il brusio dell’impossibile e il silenzio del mondo.



ALLA MADONNA DELLE LACRIME di Letterio Cafeo

Carissimi, la poesia che vi propongo questa sera è di Letterio Cafeo, messinese di nascita, trapiantato a Siracusa nel 1944 dove inizia la sua attività lavorativa presso l'Ospedale Psichiatrico. E' venuto a mancare il 9 febbraio del 2006. Ha scritto poesie per oltre un trentennio, sia in lingua che in vernacolo. Questa è dedicata alla statua in bronzo dorato, opera del maestro F. Caldarella, che sovrasta il Santuario della Madonnina di Siracusa.
ALLA MADONNA DELLE LACRIME
(OMAGGIO ALLA STATUA)
Oh Madonnina! Cuore addolorato
che stendi le Tue mani ad abbracciare
anche colui che sa d'aver peccato.
Oh Grande Madre! Ru sai perdonare.
Lo sguardo che rivolgi al mondo intero,
col volto triste, madido di pianto,
di già per se è monito severo,
è grido di dolor d'un cuore affranto.
Ora dall'alto domini e sovrasti
sempre con la bontà di Madre Pura.
Per Te un inno di solenni fasti,
immagine di nobile fattura.
Richiama a Te color dall'errante
raduna a Te l'umanità intera,
e chi di Fede è un mendicante.
Riportaci un po' tutti alla
PREGHIERA
Letterio Cafeo

lunedì 17 luglio 2017

LEI e LUI - Armando Carruba -

LEI - Amò...
LUI - Dimmi dimmi tesò...
LEI - Amò credo nell'amore sopra ogni cosa!
LUI - Sì tesò! Sul letto, sul divano, sulla lavatrice, sul tappeto sul...

SICILIANANDO - Armando Carruba -




SICILIANANDO
Va' cuntacillu a cu' nun ti canusci (o a "Tofulu")
Va' a raccontarlo a chi non ti conosce (oppore a Tofulu)
Rifiutarsi di credere alle affermazioni di qualcuno. Tofulo o Tofalo è un personaggio della commedia siciliana "vastasata" il facchino malizioso. Altri personaggi erano Nofriu, Cosimu, Lisa, Zà Laura, Virticchiu etc.

domenica 16 luglio 2017

TUTTI A MARE Armando Carruba


La Tonnara di Santa Panagia a Siracusa, non l'abbiamo vista in opera, noi ragazzi degli anni '60, ma andavamo d'estate a far i bagni e ubriacarci di sole!
Prendevamo l'autobus numero 16 e ci fermavamo a piazza della Provincia e di lì cavalcando le scarpe raggiungevamo la Tonnara.
Naturalmente ognuno di noi sperava in sorrisi di consenso delle ragazze, novelle sirene... ma come si dice eravamo troppo cani sopra l'osso ... andava a finire che cambiavamo scogli prediligendo quelli della via Arsenale.
Bel mare e bei ricordi, quando senza macchine, senza motorini e manco bicicletta, usavamo i bus cittadini, allora funzionanti.... Stamattina, domenica, non so se è una bufala, ma sentivo discorrere due anziani e uno dei due affermava la la domenica autobus a Siracusa non ne circolano, è possibile? Buona serata

venerdì 14 luglio 2017

INDOVINELLO SICILIANO - Armando Carruba -


Tutti 'u ponu grapiri, ma nuddu 'u po' chiudiri

Tutti possono aprirlo, ma nessuno può chiuderlo

(uovo)

CARI AMICI ... Armando Carruba



Carissimi amici buongiorno! Dove siete? che fate? con chi siete? travagghiate o sparapanzati al sole? Io come sono? Al MARE ma stereofonico! Invidiosi eh? Mi sono azziccato due belle conchiglie alle aricchie e mi staju sintennu lo scruscio del MARE ... ah è un piaciri! Un bicchierone di aranciata ghiacciata ghiacciata e una foto di mare mare e mare... E col ventilaore addumato che aaazzz si vuole di più? Bona matinata!

LEI E LUI - Armando Carruba -

LEI e LUI
LEI - Amò... tesò... cuò... che mi regali per l'anniversario del nostro amò?
LUI - Amò che domandò sò? Un viaggio alle Maldive tesò!
LEI - e per i 25 anni amò... tesò... cuò?
LUI - Ti vengo a riprendere amò!

giovedì 13 luglio 2017

JOCHI 'I 'NA VOTA - Armando Carruba -

Come si può intuire, 'a manciata ddò muluni era un gioco che consisteva nel mangiare l'anguria. Non bisogna però farsi ingannare dalle premesse: questo gioco era tutt'altro che semplice.
Disposte le fette (di eguale misura) davanti ad ogni partecipante, l'arbitro dava il via alla gara. I giocatori dovevano mangiare la loro fetta d'anguria nel minor tempo possibile e senza l'ausilio delle mani, che dovevano essere tenute ferme dietro la schiena se non addirittura legate. Il giocatore che fosse riuscito a finire la propria fetta prima degli altri avrebbe vinto la gara.

LE DUE COMARI - Armando Carruba -



LE DUE COMARI
- Cummari Carmelina, chi fu? che successe? che accadde?
- Nenti! La rota si sgonfiò!
- TUTTA ???
- NO, ppi furtuna solo di sotto commare!