giovedì 25 maggio 2017

SE...

Se tu mia sorella
Se tu mi rivenissi incontro viva,
con la mano tesa,
ancora potrei,
di nuovo in uno slancio d'oblio, stringere,
sorella, una mano.
Ma di te, di te più non mi circondano
che sogni, barlumi,
i fuochi senza fuoco del passato.
La memoria non svolge che le immagini
e a me stesso, io stesso
non sono già più
che l'annientante nulla del pensiero.

sabato 13 maggio 2017

TRISTEZZA

Desiderio della tua voce
del dolce tuo viso
del tuo profumo
d'averti accanto...

Ah amara giovinezza
che gioca a rimpiattino
con i miei ricordi
che non si cancellano mai

Non so credere
quello che non voglio credere
il nostro amore
candido come colomba

La colomba divenne gabbianina
e volò per altri lidi
lasciando il suo gabbiano
su uno scoglio di ricordi...

Armando Carruba





'A SIRENA : Armando Greco, Pino Guarraci e Armando Carruba

video

lunedì 8 maggio 2017

CUCINA SICILIANA - armando carruba -



Cucina siciliana di mare
PESCE SPADA AL SALMORIGLIO
Ingredienti per 4 persone:
* 4 fette di pesce spada
* 1/2 bicchiere d'olio extravergine d'oliva
* 2 limoni
* origano
* sale
* pepe
Versate l'olio in una ciotola; aggiungete il succo del limone, una presa di sale, un pizzico d'origano, una spolverata di pepe e sbattete tutto con una forchetta, fino ad ottenere una salsina omogenea. Salate i tranci di pesce e arrostitele su una griglia rovente; poi trasferitele in un piatto di portata, irroratele con il salmoriglio e servite subito

sabato 6 maggio 2017

QUANTU E' BEDDU 'U MARI Armando Carruba



QUANTU E' BEDDU 'U MARI
Sutta 'n suli liuni
stinnicchiati 'ntà rina
cca' radiu tascabbili
ascutavumu canzuni
a funtani janchi...
'U mari 'i jornu
asciucava pinzeri
'i sira scutulava
'n annu 'i travagghiu
stritti abbrazzati
E 'u cumplessu sunava
'a nostra picciuttanza
spinnuta a funtani janchi
tutti i jorna
ppe' ferii d'austu
Armando Carruba
QUANTO E' BELLO IL MARE - Sotto un sole leone/ sdraiati sulla sabbia/con la radiolina tascabile/ ascoltavamo le canzoni/ a Fontane Bianche/ Il mare di giorno/ asciugava i pensieri/ e di sera scrollava/ un anno di lavoro/ stretti abbracciati/ E il complesso suonava/ la nostra gioventù/ spesa a Fontane Bianche/ tutti i giorni/ per le ferie d'agosto.

venerdì 5 maggio 2017

CHE COSA NOPN VI DEBBO RACCONTARE ! Armando Carruba



Carissimi amici, che cosa non vi debbo raccontare!!! Dovete sapere che dopo aver pranzato e preso il caffè che si chiama caffè e non ciofeca, vado - come penso tutti i pensionati - a farmi la pennichella. Sì pensionati, lo confesso! Quando lavoravo dopo aver pranzato chiudevamo la porta dell'ufficio (TUTTI D'ACCORDO) e nni facevumu 20 minuti 20 di sonnellino. Permettetemi che adesso pensionato godo di questo mio privilegio per farmi una meravigliosa PENNICHELLA? Sì ma non c'è più il piacere di una volta! Una volta porta chiusa e testa sulla scrivania c'era u scantu che da un momento all'altro il capo traseva e allora dovevi essere lesto ad alzare la testa e a darti un tono alla faccia 'npagghiazzata. Oggi no! Ma mi ci vuole lo stimolo e quindi.... ADDUMO LA TV! Canale 5 ti becco UOMINI E DONNE OVER! Noooo non me lo vedo ma lo sento per conciliarmi il sonnellino! Ma qualcosa vuoi o non vuoi la vedi e allora? Ma a Maria De Filippi e autori vari ma chi ci pari che siamo scemi? E' chiaro ed evidente che c'è tutto un copione e una regia! Ma quale ricerca dell'AMOOORE? unni quannu comu? Per non parlare di Gemma! ancora il programma scommette su di lei??? Giorgio, capelli lunghi, faccia i cambiala scaduta, ma credete ancora che noi crediamo? Ma quannu mai??? TUTTI FALSI ... vi prego mettete almeno sul 34 il cabaret cosicchè cambio canale che questo cabaret di uomini e donne... mancu 'ntà parrocchia!!! Si vede che è tutta finzione, solo voi non ve ne accorgete! Buon pranzo amici BUON PRANZO :-)

giovedì 4 maggio 2017

COSI' E' SE VI PARE... armando carruba



Carissimi amici, vedendo questa foto, per un attimo mi sono soffermato a pensare al palazzo delle poste!!! Quannu c'era 'na notizia da dare a morti subitanea, o auguri di matrimonio, condoglianze etc. e 'u telefunu era 'ntà menti 'i Diu, oggi si trovanu macari 'ntè fustini di Olà e lo sporco se ne và! Dicevu ca quannu succideva 'na cosa di chista, a nuautri carusi cche' scoli auti - a Enna - ni mannavunu a fari u telegramma! Mi raccumannu menu di 15 paroli manzinò si paja un papuri di sordi ma d'ev'essere bello bello bello. Ppé condoglianze ccu "sentite condoglianze" o "uniti al tuo dolore" macari si uniti ... due parole in più, na scapputtavumu, ma il matrimonio? Allura si decideva la frase "uniti per sempre!" perchè il "Voletevi bene oggi più di ieri e meno di domani" si pirdeva u cuntu! Poi di corsa s'andava alle poste, comu? cca machina??? A PEDI! A CAVALLO DELLE SCARPE! All'entrata c'era lo scrittoio con penne cchè pinnini rutti e calamai cull'inchiostru. Tri uri ppi scriviri e dopo avere pagato si tornava a casa.... U 
sacciu era traficusu ma vuliti mettiri un telegramma letto al pranzo degli sposi e letto a sala china e un anonimo vuoto sms ccu centu paroli ma chi nuddu ascuta o conserva a ricordo?

SARAUSANA JE' - ARMANDO CARRUBA -



'A città rireva
ca Lucia passava
e tuttu si pittava
di culuri novi

Li fimmineddi nostri
ccu passi giuiusi
portavanu amurusi
li riliquii Santi

Lu tridici dicembri
è sempri granni festa
la banna ch'era 'n testa
sunava l'innu sò

E tu Santa Lucia
taliavutu 'sta genti
e ccu passu eleganti
arrivasti a' chiazza tò.


Armando Carruba

SARAUSANA JE' Armando Carruba

SARAUSANA JE'

Domenica è una festa di popolo. Un'occasione per riaffermare i temi cari alla dottrina sociale della Chiesa. Santa Lucia di maggio che ricorda il prodigio avvenuto nell'anno calamitoso a causa di una grave carestia, il 1646 quando in città c'era scarsissima disponibilità di carne e grano: Siracusa era allo stremo. Nel mese di maggio, Mentre la cattedrale era gremita per la Messa solenne, una colomba aleggio' nel tempio tre o quattro volte finchè si posò sul soglio del vescovo. In quell'istamte nel porto giunsero navi cariche di grano e di legumi. Fu fatto voto dal Senato e dal popolo che ogni anno nella prima domenica di maggio, il simulacro di S.Lucia venisse trasportato in processione. Sono molte le persone in città e provincia che vivono uno stato di disagio: dalla povertà materiale, al disagio psichico; malati e anziani soli, fratelli diversamente abili, immigrati e barboni. La comunità ecclesiale e la società civile non possono chiudere gli occhi e il cuore davanti a tanta sofferenza.

mercoledì 3 maggio 2017

TIRITERA - popolare -

Trituppiti... pani 'rattatu
vosi 'a jatta ppi mugghieri
un jattazzu ppi cugnatu
mi ci scupa 'u chianu darreri
un canuzzu ppi cumpari
ppi vardarici 'u purticatu
ppi criata na jaddina
mi ci lava scala e cucina
(popolare)

Tirituppete... pan grattato
volle prendere in moglie la gatta
un gattaccio per cognato
che gli scopi lo spiazzo di dietro,
per compare un cagnolino
che gli guardi il portoncino,
per servetta una gallina
che gli lavi scala e cucina.
(popolare)

SICILIANANDO - armando carruba -


SICILIANANDO

La furmicula sarva lu frumentu
e la cicala si lu mancia

La formica accantona il frumento
e la cicala lo divora

lunedì 1 maggio 2017

1 MAGGIO



Buongiorno oggi 1 maggio! La festa del lavoro! e difatti se un giovane trova lavoro è proprio una festa e che festa!!! Polemiche a parte, tantu è tempu persu, oggi 1 maggio ! Ricordo alla fine degli anni '50 a Siracusa si organizzavano cortei ben distinti con la CISL che sfilava per 'u rettifilu con avanti un camion con sopra un gran mappamondo che girava e con la scritta CISL e bandiere e il tutto si concludeva a piazza Archimede con il comizio dell'onorevole di turno DC invitato dal sindacato a fare il punto della situazione così come la CGIL che raccoglieva tutti i lavoratori della campagna che la mattina presto si trovavano a puzzu 'ngignieri aspettando un cenno che li facesse lavorare. E piazza Archimede vugghieva di lavoratori che credevano alle promesse e che si spellavano le mani a batterle. I lavoratori di puzzu 'ngigneri col vestito dda' duminica con quei colletti della camicia tenuti fermi da stuzzicadenti infilati sotto il colletto ai pizzi in appositi fori. 
Il primo maggio ricorda la strage di Portella della Ginestra "Allu chianu di Purtedda chiusa in mezzu a ddu muntagni..." 
Il pimo maggio era festa su ogni soglia di casa per via della cunzata delle margherite gialle!
Il primo maggio era anche un'occasione per una sana scampagnata e perchè no? un festa 'i ballo all'aperto
W IL PRIMO MAGGIO !

BUON 1 MAGGIO - Armando Carruba -

BUON 1 MAGGIO - San Ciseppi falignami
"Maju" dal greco "maios", da "maia" madre, nutrice, dedicato a Maia, dea della fecondità e del risveglio della natura, a cui i romani, in occasione della sua festa, che cadeva il primo del mese, offrivano sacrifici, era detto "Majus mensis", mese di maggio. Anticamente terzo mese dell'anno, ne divenne poi il quinto con la riforma giuliana.
ANTICA USANZA SUPR'E' MAJ
'Na vota, si mittièvunu
maj 'ntè sacchetti e 'ntè porti
ppi ciamari rinari e bona sorti
Difatti - Maj viru e maj cuogghiu,
'a ma casa vai nun vuogghiu;
mai cuogghiu a la campìa
oru e argentu 'n tasca mia