martedì 28 febbraio 2017

LU SCECCU E LU SCIUMI di Venerando Gangi


LU SCECCU E LU SCIUMI

Passava un sciumi trubulu
un sceccu carricatu,
e stentu e gran fastiddiu
pruvava sfurtunatu.
Li pedi ca cci ncoddinu
ntra ddu fangusu lettu;
e la sciumara acchianacci
ppri fina nta lu pettu.
Per unni lamintannusi
stu miseru dicia:
Oh sciumi chi martiriu
ca fusti tu ppri mia!
Parra lu Sciumi all'asinu,
e dici: Oh, a ssi guai
si cci darrà rimeddiu,
non passa tantu assai.
Quannu dui misi scursiru
l'asinu ca si trova,
a lu passu medesimu
vitti na cosa nova:
Un bellu ponti autu
vitti, e ntra sè dicia:
Dunca sta granni fabbrica
tocca ammuntari a mia?
O Sciumi tu mi liberi
di un mali ccu autru mali.
A cui lu Sciumi: zittuti
o stupidu animali.
Menzu nun c'è; eligiti
lu fangu, o l'acchianari;
ca tutti dui l'incommodi
no, non li poi scansari.
Passu di sciumi trubulu
sta vita è affannata:
Suffriri è necessaiu
o l'acqua o l'acchianata.

Venerando Gangi

L'ASINO E IL FIUME - Passava un fiume torbido, l'asino caricato, e stento e gran fastidio provava, il disgraziato. I piedi gli s'incollavano sopra il fangoso letto e la fiumara arrivagli già fino in mezzo al petto. Per questo lamentandosi faceva la sua via: "O Fiume, che martirio dai alla vita mia!" Ma gli risponde il fiume e dice: "A questi guai presto rimedio avrai, non passa tempo assai". Due mesi poi trascorrono. L'asino si ritrova in quel passo medesimo e vede una cosa nuova: un ponte alto e largo e forte a tutta prova. "Dunque, montar mi tocca" disse fra sé e sé "quest'altra immensa rocca? O Fiume, tu mi liberi d'un mal con altro male". E a lui il Fiume: "Zitto o stupido animale! Altro non c'è: scegli, il fango o rampicare; ché tutti e due gli incomodi tu non li puoi scansare". Passo di fiume torbido è la vita affannata: soffrire è necessario o fango o rampicata.

RICETTA SICILIANA - Armando Carruba -



SPAGHETTI AI RICCI DI MARE

Ingredienti per 4 persone:
* 400 gr di spaghetti 
* 80 ricci (equivalenti a 2 bicchieri di plastica che vendono generalmente al mercato al prezzo di euro 10 circa a bicchiere)
* 1/2 bicchiere d'olio extravergine d'oliva
* 2 spicchi d'aglio
* 1 mazzetto di prezzemolo
* sale e pepe

Aprite i ricci con apposito utensile o con un paio di forbici e recuperare le uova, trasferendole in una terrina.
Pestate l'aglio nel mortaio con ua presa di sale; versate il composto in una ciotola e incorporate il prezzemolo tritato, l'olio (leggermente scaldato a bagnomaria) e una spolverata di pepe.
Mescolate, quindi, la salsina alle uova dei ricci e lasciate riposare.
Lessate gli spaghetti in abbondante acqua salata; sgocciolateli al dente e conditeli con il sugo preparato  

lunedì 27 febbraio 2017

MUDDICHI D'AMURI di Armando Carruba

'Ntò scuru dda' notti
i pinzeri parranu d'amuri
muti muti.
'I nostri manu
afferrunu 'ntà l'aria
sonni annacati
cco' cori
jornu dopu jornu
e 'u cori ridi.
'U ventu cogghi suspira
e 'u mari ciuciulìa
'a nostra storia.
Dumani è nautru jornu
amuri miu
e 'a vita cuntinua

Armando Carruba



SICILIANANDO - Armando Carruba -

PIGGHIATU DDA' BUMMA


Un modo di dire per indicare una persona con la testa per aria, o assonnata, che non è presente nei discorsi che si fanno etc. si dice che è pigghiata dda' bumma. Il termine deriva dall'azione che facevano, e purtroppo fanno ancora, i pescatori di frodo gettando una piccola bomba nello specchio d'acqua dove si ritiene ci siano tanti pesci, e provocare la morìa degli stessi e un veloce raccolto da chi ha pescato di frodo.
I pesci che si son salvati nuotano intontiti (ammattiuti) appunto perchè pigghiati dda' bumma (presi dalla bomba).

domenica 26 febbraio 2017

DI NOTTI di Salvatore Puglisi voce Armando Carruba

video

DI NOTTI

Acchianànnu li scali di lu celu,
la luna mpruvulazza lu balcuni
di luci e spicchiulìa intra la stanza.
Sulu, nta 'na putruna, fumu e pensu
a la me vita. 'N-pugnu di muschitti.
Sogni, spiranzi, gioi; tuttu persu.
Ognunu è crucifissu a la so stidda.
M'affacciu. Non c'è anima viventi.
Vannìa sultantu di la cantunera
l'ultimu vinnituri di la notti:
"Su' niuri giuitti sti me' ceusa
e frischi e duci comu lu gileppu."

Salvatore Puglisi

sabato 25 febbraio 2017

AMURI, ADDIU di Salvatore Puglisi voce Armando Carruba

video

AMURI, ADDIU

Amuri, addiu. E qualchi vota pensami,
comu cercu di fari iù ccu tia.
No, non parrari. Li paroli brucianu
li labbra; sunu spini di zammàra
ca réstanu chiantati nta lu cori.
Lassàmuci accussì, comu du' amici
c'hannu ppi 'n-pezzu caminatu assemi.
Tinémuci sultantu li riliqui
lucenti di sti jorna priziusi.
La vita arriva sempri avanti a 'n-biviu:
ognunu è distinatu a la so strata.
Ora dàmmi la manu e non mi diri
nenti; non ruvinari stu mumentu.
Ma tu non cangi! Chi ci fa ssa lacrima
ca ti straluci ntra li pinnulaa?
Certu è lu fumu di la sicaretta
ca ti pizzica l'occhi e ti fa chianciri...
Ti l'haju dittu. Fumi troppu, amuri!
Si fuma troppu ppi non stari suli.
Jsa 'n-pocu lu mentu e fatti vìdiri
l'ultima vota: ormai lu tempo stringi.
Friscàu lu trenu: quasi sta ppi pàrtiri.
Addiu, amuri! E qualchi vota pensami,
comu cercu di fari iù ccu tia
nta li me' notti scunsulati e friddi.

Salvatore Puglisi  

venerdì 24 febbraio 2017

SICILIANANDO - armando carruba -


'U LUNI PI' STRATA E 'U MARTIRI CA' FAMIGGHIA
Il lunedì per strada e il martedì con la famiglia

E' riferito naturalmente al carnevale nei paesi dov'era praticata la pastorizia. La domenica i padroni facevano festa, e il giorno seguente davano il cambio ai pastori. Questi passavano il lunedì in cammino per poter fare festa con la famiglia il martedì.

SUSI DI DDOCU CA M'ASSETTU JU Cervantes (Agatino Perrotta)

video

SUSI DI DDOCU CA M'ASSETTU JU di Cervantes (Agatino Perrotta) voce  Armando Carruba.

SUSI DI DDOCU CA M'ASSETTU JU

Pri mezzu di l'amici e canuscenti
spissu li latri stissi su arrubbati,
architetti, dutturi ed avvucati
s'arrobbunu tra d'iddi li clienti

E tanti voti li stissi parenti
o l'amici, di cui nun l'aspittati
vi fanu di sti beddi cumprimenti
e d'accavaddu a pedi vi truvati.

Si haviti un postu bonu su' l'amici
ca cercunu lu modu e la manera
di farivillu perdiri. Si dici:

"Guardati di l'amicu!" ed ju ci criu,
pirchì havi scrittu 'ntra la so' bannera:
"Susi di ddocu ca m'assettu ju!"

Cervantes (Agatino Perrotta)  

giovedì 23 febbraio 2017

SICILIANANDO - armando carruba -


Lu jovidi grassu cu' nun havi dinari s'arrusica l'ossu.
Il giovedì grasso chi non ha soldi risicchia l'osso.

Mentre tutti fanno festa ballando e trippando, c'è qualcuno che sta in disparte per mancanza di pecunia o altro.

mercoledì 22 febbraio 2017

PASTA ALL'AGGHIU E OGGHIU armando carruba



PASTA ALL'AGGHIU E OGGHIU

'Ntà nu murtarieddu pistati quattru spicchia d'agghiu, 'na cucchiarata di putrisinu tritatu, nu pipi russu, allungamulu ccu 'nu bicchieri di ògghiu virgini d'aliva. Faciti cociri 800 gr di spaghetti 'ngriddi 'ngriddi e 'ntà 'nu piattu ranni 'i crita, mintiti pasta e sarsa. Arriminati assà, quantu la sarsa si sparti bona bona e sirviti di cursa.


PASTA AGLIO E OLIO

In un mortaio pestate 4 spicchi d’aglio, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, 1 peperoncino rosso, diluendo con 1 bicchiere di olio vergine di oliva. Cuocete al dente 800 gr di spaghetti e, in un grande piatto di ceramica, versatela pasta e la salsa. Mescolate bene in modo che la salsa si distribuisca uniformemente e servite subito


SICILIANANDO - armando carruba -



Lu fissa cu' è? Carnilivari o cu' ci curri appressu?
Lo sciocco chi è? Carnevale o chi gli corre appresso?

Rimprovero con cui si usa riprendere qualcuno che si lamenta di essere stato ingannato o preso in giro.

CUI SPRANZA D'AUTRU LA PIGNATA METTI, N'HAVI PAURA DI LAVARI PIATTI ! di Cervantes (Perrotta)

video
CUI SPRANZA D'AUTRU LA PIGNATA METTI, N'HAVI PAURA DI LAVARI PIATTI

Tu ca la morti d'un parenti aspetti
pri pavari li debiti cuntratti
e fratantu a cui duni e a cui prumetti
e ti pari ca fai li cunti esatti.

Pensicci prima si a cridenza accatti
spirannu di pavariti li detti,
pirchì lu settantunu a cunti fatti
tanti voti si cancia in diciassetti!

Comu a chiddu ca joca a lu trissetti
spirannu 'ntrà lu munti; siddu ammatti,
mancu fa puntu e lu munti rimetti.

Su' pri sti tali li proverbi fatti:
"cui sprànza d'autri la pignata metti
n'havi paura di lavari piatti!"

Cervantes (Perrotta)

CHI A SPERANZA D'ALTRI LA PENTOLA METTE, NON HA PAURA DI LAVARI PIATTI - Tu che la morte di un parente aspetti per pagare i debiti contratti, e frattanto a chi dài e a chi prometti, e ti pare che fai i conti esatti, pensaci dunque che debiti hai fatti sperando di pagare le sommette, perchè il settantuno a conti fatti tante volte si cambia in diciassette. Come colui che giuoca al tressette spera nel monte e poi, di fatti, manco fa il punto ed il monte rimette. Son per costoro i proverbi fatti: "Chi a speranza d'altri la pentola mette, non ha paura di lavare piatti".

SITI D'AMURI di Armando Carruba

video

SITI D'AMURI

Lassai i me' sonni 'i carusu
unni 'u mari canta
canzuni d'amuri
a casi
ca ciaurunu 'i basilicu,
unnu vecchi 'o suli
asciucunu pinzeri
e picciriddi scausi
assicutunu 'a vita 
vaneddi vaneddi.
Lassai i me' sonni 'i carusu
a 'na picciotta
ca ccu l'occhi a la via
'rrireva 'o ventu.

Armando Carruba 

Ho lasciato i miei sogni di ragazzo/ dove il mare canta/ canzoni d'amore/ a case/ che odorono di basilico/ dove vecchi al sole/ asciugono pensieri/ e bambini scalzi/ rincorrono la vita/ vicoli vicoli/ Ho lasciato i miei sogni di ragazzo/ ad una fanciulla/ che guardando la strada/ rideva al vento.

Amore per il quartiere, ricordo dei migliori anni della fanciullezza, i sogni custoditi dal mare che canta canzoni d'amore a case di onesti lavoratori "ca ciaurunu i basilicu" ad anziani con la loro saggezza, ai bambini costretti dalla vita ad affrontare la dura realtà quotidiana "picciriddi scausi..." sino al primo amore...

martedì 21 febbraio 2017

SICILIANANDO - armando carruba -


Ammatula ca' fai lu mussu a funcia, ca' prima si travagghia e poi si mancia.
(Invano fai il broncio, prima si lavora e poi si mangia)

RE DI DINARI di Armando Carruba


RE DI DINARI

Mi fai pena, tu re di dinari
di un puntu cchiù di lu cavaleri
cco' dui ti fa 'a superchiria
a' sira jucannu all'osteria.

Mi fai pena, tu re di dinari
amatu sulamenti ppé tò beni
ca t'ha taliari sempri i spaddi
e di 'stà vita nun avutu nenti.

Mi fai pena, tu re di dinari
tu dicu senza 'nvidia 'ntò cori
nun è ccu li sordi, e chistu si sà
ca si pò accattari 'a ficilità.

Ppi putiri tirari avanti
ci voli 'u surrisu di la genti
l'amuri dintra 'u tò fuculati
'u capisti oh re di li dinari?

Ci voli anticchia 'i fantasia
pp'aviri 'a vita menu amara
li cosi ca tu nun poi aviri
pirchì si sulu re di li dinari.

Armando Carruba

lunedì 20 febbraio 2017

SITI D'AMURI di Armando Carruba


SITI D'AMURI

'U tempu
è comu 'u ciumi,
curri...
curri...
curri...
nun torna cchiù.
Pirchissu
ti vogghiu amari
sempri
pp'arrubbari
tempu 'o tempu

Armando Carruba

I MIEI SILENZI di Armando Carruba


I MIEI SILENZI

I miei silenzi
parlano di giorni lontani
quando gaie risate
rincorrevano sogni
negli occhi di mamma.
I miei silenzi
giocano a rimpiattino
con l'accozzaglia di parole vuote
vestite a festa.
I miei silenzi
danzano rumorosi
in un vortice di ricordi
che non si zittiscono mai.

Armando Carruba

domenica 19 febbraio 2017

TACCUNA DI MULINU di Gaetano Passarello


TACCUNA DI MULINU

Du junti di finissima farina
'ntà 'na maidda di nuci pirciuliata
'na brocca d'acqua di la Migliurina
e di sali marinu 'na sbruffiata

Davanti a la maidda 'na carusa
bedda comu lu suli di Natali,
ca ccu li manu ammisca a la rinfusa
'stu 'mpastu d'acqua, di farina e sali.

E canta e arriri e mungi e arrufulia
e vota e svota, afferra, poi 'ncutugna;
ogni tantu farina sbruvulia
e ammisca e sbatti e ammutta cu li pugna.

Poi isa 'stu pastuni e ancora arriri
filici pirchì giustu ci assumigghia
a chiddu ch'é ammucciatu e nun si vidi
sirratu di curpettu e di mantigghia.

Scaniaturi, cuteddu e sagnaturi,
jrita lesti e manuzzi fanu u restu
su pronti li taccuna e ppi ddu uri
su stinnuti a lu friscu. Poi 'ntà 'n testu

di crita russa di Caltagiruni
pumaroru, pipiddu e cipuddazza
ògghiu d'aliva misu a biviruni
pitrusinu e d'agghia 'na tistuzza.

Di basilicu quattru pampineddi
e a focu lentu, sempri arriminannu
dda carusa talìa ccu l'occhi beddi
ca si s'accarpa è grossu lu malannu.

Sarsa e taccuna poi 'ntà 'na maidda
cu cucchiara di lignu arriminati
allegramenti ta surrisi e sgridda
di ricotta salata sbruvuliati.

Finisciunu davanti 'e comminsali
ca comu sanculotti, a parapigghia
cu cuntornu di vinu e di bucali
espugnanu d'assartu la Bastigghia.

Quannu taccuna ccu sarsa e ricotta
cu mulinciana su davanti a mia
nun sacciu si mi manciu la picciotta
o un pezzu di la nona sinfunia!

Gaetano Passarello

mercoledì 15 febbraio 2017

CUI ASSAI PRUMETTI POCU ATTENDI di Paolo Catania


CUI ASSAI PRUMETTI POCU ATTENDI

Di chisti chiacchiaruni lindi, e mindi,
chi sù chiamati strascina facendi,
di cui mai veritati 'ndi cumprindi,
standi luntanu, perchì tù mi 'ntendi:
Ogn'unu d'iddi li prumisi vindi,
li soi minsogni, sù cosi stupendi.
Di quant'ora ri dicu cridimindi.
cui ti prumetti assai, pocu t'attendi.

Paolo Catania

DA CHI MOLTO PROMETTE POCO ATTENDI - Da questi chiacchieroni in vesti linde, che son chiamati "trascina faccende", di cui la verità mai si comprende, stanne lontano, perchè ben s'intende: ciascuno d'essi le promesse vende, le lor menzogne son così stupende. Ma una cosa da me ora apprendi: da chi molto promette poco attendi.

SICILIANANDO - armando carruba -


A volte, credi di conoscere tutte le frasi siciliane, per averle sentite dire o lette... e poi ti spunta questa, inserita in una battuta teatrale...

FACCI DI SURCI AMMAZZATU CCA' SCUPA!
Faccia di topo ucciso a colpi di scopa!

martedì 14 febbraio 2017

NOI DUE di Armando Carruba




NOI DUE

Noi due
come ragazzini innamorati
mandiamo cuoricini
figli del nostro cuore
che batte d'amore

Noi due
tu ed io e nessuno più
mandiamo bacetti
figli dei nostri desideri
sempre più forti

Noi due
amore mio dolcissimo
siamo l'infinito
voluto dal destino
nel nostro cammino

Noi due amore

solo noi due.

Armando Carruba

AMURI MIU


Amaru a cu è sulu!

Ppi cu ama, ogni goccia 'i suduri, è 'na perla prizziusa di lu cori

Ama a cu' t'ama, rispunni a cu' ti chiama

Chiù si ama chiù si timi 

Amuri e gilusia, su' sempri 'n cumpagnia

Genìu fa biddizzi





SANTU VALINTINU

Ho scritto t'amo sulla rena... e 'u ventu di coppu l'ha portato via... l'ho scritto poi sul mio cuore...
Eh San Valentinu! 'Sta festa à vulutu a Chiesa ppi livari nu ritu romanu ddo' diu Lupercus...
Chi facevanu? No dicu chi facevunu? 'U jocu ddo' bussolottu!!! 'Ntà n'urna vinivunu misi i nomi di omini e fimmini, i riminavunu bonu bonu e poi un picciriddu pigghiava a casu i coppie ca ppi 'n annu sanu si accoppiavunu finchè il rito della fertilitati nun fussi conclusu. L'anno appressu, sutta ccu autri coppii... A 'stu puntu a Chiesa circò un Santu "per gli innamorati" ca jittassi 'n chianu 'stu Lupercus e chiddu ca puteva fari 'sta parti fu San Valentinu ca di sira a matinu si truvò misu 'ntà 'sti centu missi!
 San Valentinu fu martirizzatu 'u 24 'i frivaru ddo' 270 e pari, ca mentri era 'o carciri s'innamorò di 'na carusa orba 'i l'occhi figghia ddo' vardianu, ca dopo co santu muriu fu miracolata e ci vitti bonu!
Finu a ccà 'a storia e liggenna, oggi c'è nautra storia, ppi nun siri piddirini si'agghiri 'o risturanti a festeggiari l'AMURI pirchì "l'amuri e la fidi, all'opira si vidi" e per quantu l'amuri è travagghiatu, ogni cunsigghiu nun è sintutu pirchì "amuri nun senti cunsigghi".
W L'AMURI chiddu sinceru, chiddu veru, chiddu 'ntà 'na parola c'arricrìa 'u cori e nun fa chianciri famigghi e figghi...
Buon San Valentinu a tutti

lunedì 13 febbraio 2017




C'é ccu ppì taliari 'i stiddi
isa l'occhi 'o celu...
A mia basta 'u pinzeru
e vidu stiddi e luna.
Quannu mi sentu sulu
rapu 'u casciolu ddò cori
ppi truvari riordi
di 'n amuri luntanu.
'U tò ciatu comu ventu
dda' sira, carizza sintimenti
Ti vogghiu beni
nun tò scurdari...

Armando Carruba 
da PensieriParole

SENZA PAROLE


SAN VALENTINO ...

E domani sarà la festa di San Valentino! La Festa della Festa degli Innamorati ! Che bello! Innamorati unitevi... Perchè San Valentino non è soltanto la festa di un uomo e una donna che si amano NOOOO! c'è il cane, c'è il gatto... e gli amici non ci sono? i familiari, i parenti? gli anziati zitti zitti che non hanno nessuno perchè la loro è solo pensione sociale... L'amore è guardare le stelle, la luna il mare il cielo il... <3 span=""> guardare il tramonto e sentirsi liberi, non so se mi spiego o mi rendo infelice... :-) San Valentino è la festa di ogni cretino, che si crede innamorato e poi rimane fregato perchè se aspetti San Valentino per regalare un bacio ... non sai proprio baciare! E se per San Valentino - così come hanno ucciso l'uomo ragno - uccidessero Cupido? Già..! Immaginetevi la felicità delle singles ! Per loro esiste oggi 13 S Maura poi il 13bis senza santo e il 15 S Giorgia! Eppoi picciotti, diciamolo chiaro e tondo... una rosa 8 euro!!! 8 euro! una rosa 16.000 delle vecchie lire, quando la più cara la prendevamo a 5000 lire!!! Minimo 12 rose e se la matematica non è opinione opinionabile sono 96 euro e 4 ce li lasci al ragazzo e fanu 100 euro cioè 200.000 lire delle vecchie lire bonarma unni sunu mise e riposano. Forse e senza forse nun è megghiu ca Cupidu resta cuppitu??? Buona vigilia agli innamorati!!!

VENTO di Armando Carruba

Così come il vento,
dolce brezza marina,
sussurra frasi d'amore
sempre sognate...
Tale la mia mente
sospinta dal cuore
a pensarti...
Ti voglio bene
dolce compagna
di giorni felici
che non tornano più
leggo i tuoi versi
e il mio cuore ride
della felicità 
che m'illudo sia mia!
. . . . . . . .  . . . . . . .

Armando

AH L'AMURI di Armando Carruba

AH L`AMURI

Na sira, ca già pitittu avia
di lu piattu cchiù duci ca ci sia
ci dumannò ccu modi a mugghieri
s`aveva desideriu ppi l`amuri...

Idda, la mischina, ca ppi cuscienza
stava durmennu ma in circustanza
ci dissi: - "Sì beddu Turiddu miu
pronta sugnu ppi ogni to` disiu!"

Iddu ci rispunnìu: - "A mugghieri
ca ppi pruvari lu veru piaciri

nun ha `ssiri `na balata `i ghiacciu
lamentati sempri a più non possu!"

- Se pirchissu Turiddu, t`accuntentu
`ntà bulletta ddo` gas c`è aumentu
nun ti dicu telefunu e luci...
- Bonu cchiù mugghieri, dormi `n paci!

Armando Carruba (6.6.2016)

domenica 12 febbraio 2017

'U SULI TALIAVA di Armando Carruba



`U SULI TALIAVA
`N mari `i spichi
culuri ill`oru
si muveva chianu 
ammuttatu ddo` ventu
ca ciusciava
`i matinu.
`I stiddi si stutaru
`ntà lu celu
e `u suli cumparìu
`a marina
carizzannu `i spichi...
Agghiurnò!
Picciotti, lesti,
mittemu manu
ca lu frumentu
n`aspetta stamatina.
I fauci
mitevunu di cuntinu
e `n cantu
accumpagnava
`u travagghiu.
`U suvrastanti
a cavaddu
taliava chistu e chiddu
e cazziava...
Surura e stanchizza
sutta ddu suli cainu
ca dda` `ntà lu celu
rirennu taliava.
Chi scipita `a vita!
Armando Carruba (24/7/2016)

DICI LU PUDDICINU 'NTRA LA NASSA: UNNI MAGGIURI C'E', MINURI CESSA di Vincenzo Bondice

video

da PROVERBI POPOLARI posti in ottava rima 

DICI LU PUDDICINU 'NTRA LA NASSA: UNNU MAGGIURI C'E' MINURI CESSA
di Vincenzo Bondice

La tò autorità nenti cchiù passa,
cc'é 'na pirsuna, ca l'avi cchiù espressa.
Ristasti ora cunfusu 'ntra la massa
di la gintagghia la cchiù vili e oppressa.
Finìu di fari chiù lu spacca-e-lassa
e di vantariti omu di cafessa.
Dici lu puddicinu 'ntra la nassa:
Unni maggiuri c'è minuti cessa.

Vincenzo Bondice

DISSE IL PULCINO CHUSO NELLA NASSA: DOBE MAGGIORE C'E' MINORE CESSA - La tua autorità niente più passa, c'è una persona che ce l'ha più espressa. Restasti confuso fra la massa della gentaglia più vile ed oppressa. Finisti di far lo spacca-e-lassa e di vantarti come un capo-in-testa. Disse il pulcino chiuso nella nassa: dove maggiore c'é minore cessa. 

sabato 11 febbraio 2017

PENSIERINO DELLA SERA - armando carruba -


Per San Valentino evitate di regalare cagnolini che dopo due giorni vengono abbandonati. Il cane è quell'animale, piccolo o grande che sia, che ti amerà più di se stesso evita di fargli del male...

SICILIANANDO - armando carruba -

Quannu vidi ca u pani é picca, pigghiti u bucaleddu, e bivi acqua!

A pani schittu, lu veru cumpanaggiu é lu pitittu

Metti u pani a li denti, ca la fami si senti!

'U MACEDDU armando carruba

Questo era l'ingresso al Macello Comunale al molo S Antonio nel quartiere detto I CARCARI. Era il quartiere più povero di Siracusa e una delle cose che affascinavano noi ragazzini di 7, 8, 10, 11 anni, era veder ammazzare un toro, bue. vacca ... L'avevamo sentito raccontare dai ragazzi più grandi di noi ..."ci jettunu na speci 'i tuvagghia niura 'ntà testa e c'azzicunu un pugnali e mori!" e questa descrizione suscitava in noi un terribile desiderio di vedere l'uccisione di un bue... Non l'ho visto mai, così descritto, anche perchè gli addetti n'assitutavanu e tannu ogni timpulata non so se mi spieco o mi rendo infelice. L'ho visto come tanti ragazzini quando gli sparavano in fronte e il bue crollava di colpo e noi rimanevamo meravigliati... Vidi tu 'na foto i ricordi ca fa assumari! Bona jurnata!!!

TIRRIMOTU di Armando Carruba

Per non dimenticare...

TIRRIMOTU
Bruttu `rruspigghiarisi `i matina
e ascutari `sta gran malanova
ccò tirrimotu ca ci fu stanotti
ca `sdirrubbò casi e fici motti
E `sta nutizia fu `ntà `n mumentu
`na vera bumma ppi tuttu `u munnu
subitu scattò `a sulidarietà
ca ccu havi `n cori lu duna ddà
Vulissi Diu ca `sti puliticanti
senza pulitica jssunu avanti
ora ci vonu fatti e non paroli
ppi purtari rifriscu a `sti cristiani
Vulissi ancora ca dda` `sti petri
ci nascissuru tanti beddi ciuri
`a spiranza ultima a muriri
fozza picciotti cca` ricostruzioni!
Armando Carruba (24/8/2016)

venerdì 10 febbraio 2017

ACICATENA (CT) Madonna della Catena

MADONNA DELLA CATENA (Acicatena CT)


'A divuzioni ppa' Madonna dda' Catina, nasce 'ntò 1392 a Palermu, quannu in Sicilia regnava Martinu I. Tri omini furunu ingiustamenti cunnanati e 'u 18 austu purtati a piazza Marina, unni avevunu 'ssiri impiccati. 'Ntò mentri ca stavanu priparannu i furchi, si scatinò 'na timpesta ca custringìu ai carnefici di rifugiarisi 'ntà Chiesa dda' Madonna del Porto e il popolo a scappari. In attesa ca scampava e putevunu esseri giustiziati, i tre omini furunu liati ccu doppi catini all'artaru dda' Madonna, ma 'a timpesta durò tutta a nuttata e i vardia furunu custritti a stari ddà. I tri si purtaru 'e pedi dill'artari e cuminciaru a priarla ccu insistenza, 'ntò mentri i surdati cadevunu 'ntà sonnu profondo e i catini ca i trattinivunu si rumperu e 'a vuci dda' Madonna accussì ci dissi: "Jti puru in libertà e nun vi scantati i nenti: il divino bambinello ca tegnu 'nté vrazza ha già accolto le vostre preghierie e vi concede la vita!" I catini careru senza scrusciu i tri si nni jeru e i vardii s'arrusbigghiaru sulu all'alba. Subitu i suldati pigghiarunu i fuggitivi ma furunu firmati dal popolo che si rivolse al re! Questi andò alla chiesetta e vitti con i propri occhi il miracolo avvenuto. L'eco del miracolo arrivò a tutti i banni e di tannu fu chiamata Madonna da Catena. I miraculi si multiplicarunu e accussì a Madonna divenne patruna di tanti paisi ddà Sicilia.

SITI D'AMURI - Armando Carruba -

Scinni `na lacrima
muta
ppe` murticeddi

`N ciuri
`ntà `na tomba
mori

`Na prjiera
ppi l`armuzza
l`abbrazza Diu

E ju...
vivu `ntò tò cori
e nun moru mai!

Armando Carruba 


Scende una lacrima/ silenziosa/ per i morti/ Un fiore/ sulla tomba/ muore/ Una prieghiera/ per quell'anima/ l'abbraccia Dio/ E io.../vivo nel tuo cuore/e non morirò mai!

SICILIANANDO - armando carruba -

Vàrdati di omu ca nun parra, e di cani ca nun abbaia
Diffida dell'uomo che non esprime la sua opinione, e del cane che non abbaia (perchè ti potrà assalire improvvisamente)

A PRIMA VASATA di Salvatore Equizzi



A PRIMA VASATA
*********************
Si avissiru la lingua pi parrari
l’arvuli ca cci su nni sti chianuri,
sa quanti voti avissiru a cuntari
tutta la storia di lu nostru amuri.
La prima sira quannu ti vasai,
anzi, quannu vasariti vulia,
prima centu e na vota ripinzai
tutti li cosi ca diri t’avia.
T’aveva a diri: bedda si mi criri
avi tri misi ca nun dormu cchiù,
la manu d’unni veni l’ha sapiri,
sì, l’ha sapiri ca cci curpi tu.
‘Nchiudiri ‘un pozzu cchiù li pinnulara
dintra li vini lu sangu m’adduma
e la me testa pari na quadara,
una quadara ca vugghi e ca fuma!
T’avia a giurari cu lu chiantu ‘ngula
ch’eri tu sula la spiranza mia
e mi sinteva già la forza sula
di campari o di moriri pi tia.
‘Nsumma t’aveva a diri ca t’amava
chiù di lu suli, la luna, li stiddi,
chiù di lu stessu pani ca manciava,
chiù di la luci di li mei pupiddi!…
Ma quannu fuvi a la prisenza tò,
avia lu ‘nfernu dintra lu me cori,
la lingua parsi a mia ca s’aggruppò
e mi scurdavi tutti ddi palori.
Ma avia giuratu: a costu di la testa
a li sò pedi mi vogghiu jittari,
stasira o ca si carma na timpesta
o lu me cori s’avi a sfrantumari!
Ma criu ca lu tò cori lu capeva
pirchì macari t’ammancau la vuci,
mentri nni li masciddi mi pareva
cci avevi misu du coccia di luci.
…La luna s’ammucciò ‘nmenzu na rama,
la forza di l’amuri m’ammuttò,
nni misimu li vrazza pi liama
e la me vucca chidda tua circò.
Chiddu ca ‘ntisi mentri ti vasai
lu sentu ancora e a dillu mi cunfunnu,
na nuvula di focu addivintai
e mi spirdivi arrassu di lu munnu!
Quann’è ca nni spartemu e mi nni ivi,
‘nmenzu la strata ca mi misi a fari,
tutti li cosi mi parianu vivi,
tutti ca si vulissiru vasari.
di Salvatore Equizzi
---------------------------------------------------------------------
IL PRIMO BACIO
Se avessero la lingua per parlare
gli alberi che crescono in queste pianure
chissà quante volte potrebbero raccontare
tutta la storia del nostro amore.
La prima sera quando ti baciai,
anzi, quando ti volevo baciare.
prima ripensai cento volte
a tutte le cose che dovevo dirti.
Dovevo dirti: bella mia, se mi credi
sono tre mesi che non dormo più,
e tu devi sapere da chi dipende,
sì, devi saperlo che la colpa è tua.
Non posso chiudere più le palpebre
il sangue mi bolle dentro le vene
e la mia testa è come un pentolone
un pentolone che bolle e fa fumo!
Dovevo dirti con il pianto in gola
ch’eri tu sola la mia speranza
e mi sentivo già solo la forza
di vivere o di morire per te.
Insomma dovevo dirti che ti amavo
più del sole, della luna, delle stelle,
più dello stesso pane che mangiavo.
più della luce delle mie pupille!….
Ma quando mi trovai alla tua presenza,
avevo l’inferno dentro il mio cuore,
mi sembrò che la lingua s’annodasse
e dimenticai tutte quelle parole.
Ma avevo giurato: a costo di perdere la testa
voglio buttarmi ai suoi piedi,
questa sera deve calmarsi una tempesta,
o il mio cuore deve frantumarsi!
Ma credo che il tuo cuore lo capiva,
perchè pure a te mancò la voce,
mentre sembrava che nelle gote
avessi messo due carboni ardenti.
…..La luna si nascose dietro un ramo,
la forza dell’amore ci attrasse,
mettemmo le braccia come liane
e la mia bocca cercò quella tua.
Quello che provai mentre ti baciavo,
lo sento ancora e a dirlo mi confondo,
diventai una nuvola di fuoco
e mi perdetti lontano dal mondo!
Quando ci separammo e me ne andai,
lungo la strada che cominciai a fare,
tutte le cose mi sembravano vive,
tutte che si volessero baciare.

giovedì 9 febbraio 2017

SICILIANANDO - armando carruba -

Càvulu vecchiu, e càvulu ciurutu, zzoccu fici ppi tia, tuttu è pirdutu
Cavolo vecchio, e cavolo fiorito, quello che ho fatto per te tutto è perduto
(E' l'amara constatazione di chi ha fatto del bene ad un ingrato)

PENSIERINO DELLA SERA

Se ami una persona, lasciala andare, perché se ritorna, è sempre stata tua. E se non ritorna, non lo è mai stata.

Khalil Gibran

CUCINA SICILIANA














SPAGHETTI CON I GAMBERI

Ingredienti per 4 persone:
* 400 gr di spaghetti
* 300 gr di code di gamberi già sgusciate
* 1 spigghio d'aglio
* 1 pezzetto di cipolla
* vino bianco secco
* 5 cucchiai di olio extravergine d'oliva
* 500 gr di pomodori maturi
* 1 mazzetto di prezzemolo
* 1 ciuffo di basilico
* sale e peperoncino

Lavate i pomodori, pelateli e privateli dei semi; poi, tagliate la polpa a pezzetti.
Fate appassire un trito di aglio e cipolla in un tegame con l'olio (se non gradite l'aglio, usatelo intero schiacciato ed eliminatelo quando imbiondisce); unite i pomodori, una presa di sale, un pizzico di peperoncino e le foglie di basilico e lasciate cuocere per 10 minuti.
A questo punto, aggiungete i gamberi, lavati e asciugati e, dopo un paio di minuti, bagnate tutto con una spruzzata di vino.
Cospargete con un ciuffo di prezzemolo tritato e cuocete per 5 minuti.
Lessate gli spaghetti in acqua bollente salata; sgocciolateli al dente e trasferiteli in padella con il sugo.
Rigirate velocemente tutto, affinché il condimento si distribuisca in modo uniforme; quindi, cospargete di prezzemolo tritato e servite.

LI GUAI DI LA PIGNATA LA CUCCHIARA LI SA, CA L'ARRIMINA V. Bondice


LI GUAI DI LA PIGNATA LA CUCCHIARA LI SA, CA L'ARRIMINA

Iu filici? iu cuntenti? iu nna biata
via commuda godu e libirtina?
Ah! si sapissi quant'angustiata
è la mia vita povira e mischina
non parrassi accussì: disingannata
ristassi ccu tia allura ogni vicina:
Sulamenti li guai di la pignata
la cucchiara li sa, ca l'arrimina

Vincenzo Bondice

I GUAI DELLA PENTOLA LI SA IL CUCCHIAIO CHE LI RIMESCOLA
Io felice e contenta? Io una beata vita comoda godo e libertina? Ah! se sapessi quanto angustiata è la mia vita povera e meschina, non parleresti, e disingannata resterebbe con te ogni vicina. I guai della pentola invidiata solo il cucchiaio sa che l'avvicina.

SICILIANANDO - armando carruba -



L'arma di la fimmina è 'a lingua
L'arma della donna è la lingua

Abbunnanza genera fastidiu
Abbondanza genera fastidio

Omu assaltatu è menzu pigghiatu
L'uomo assalito è mezzo preso

Amuri e signuria nun stannu 'n cumpagnia
Amore e signoria non stanno in compagnia

Ognunu adura 'u suli chi nasci
Ognuno adora il sole che nasce

mercoledì 8 febbraio 2017

PENSIERINO DELLA SERA - armando carruba -



Parra sulu quannu ssì sicuru ca chiddu ca dici è megghiu do tò silenziu...

CUCINA SICILIANA



SPAGHETTI AGLIO E OLIO

Ingredienti per 4 persone:
* 400 gr di spaghetti
* 3 spicchi d'aglio
* pecorino grattuggiato
* 1,5 dl d'olio extravergine d'oliva
* sale
* pepe o peperoncino

Pelate l'aglio; affettatelo e fatelo dorare in una padella con olio e, se lo gradite, il peperoncino rosso spezzettato. Spegnete il fuoco e tenete da parte.
Lessate gli spaghetti in axqua bollente salata; scolateli al dente e irrorateli con il condimento preparato (privato del peperoncino).
Cospargerete di abbondante pepe nero appena macinato (nel caso non aveste usato il peperoncino); spolverizzate di pecorino e servite.

CUI PERDI LA VIRGOGNA NU LA TROUA CHIU' di Paolo Catania

CUI PERDI LA VIRGOGNA NU LA TROUA CHIU'
L'honestati à la donna ci bisogna,
e cara comu gioija si la tegna
chi si la perdi ogn'unu la rampogna
canuscirà lu dannu, chi ci abbegna.
Pocu ci vali la scusa, ò minsogna
mentri la vanità in cori ci regna,
fimmina chi nun senti chiù virgogna
nun c'è rimediu chi chiù si 'ntrategna.
Paolo Catania
CHI PERDE LA VERGOGNA NON LA TROVA PIU' - Ad ogni donna l'onestà bosogna, e cara come gioia se la tenga, chè se la perde ognuno la rampogna, ed il suo danno converrà che avvenga. Poco vale la scusa o la menzogna, quando la vanità nel cuore regna. Femmina che non sente più vergogna, non c'è rimedio che più la trattenga.

FACCI CA NUN E' VISTA E' DISIATA di Santo Rapisarda

FACCI CA NUN E' VISTA E' DISIATA

Si tu voi prestu addivintari zita
nun stari sempri a la porta affacciata,
ca si tinuta pr'una donna ardita;
e diciunu li genti: uh! cch'è sbrigghiata!
o sia laida la schetta, o sapurita,
sempri fa beni a stari arritirata
fa chistu ca la 'nserti la partita,
facci ca non è vista è disiata

Santo Rapisarda


FACCIA CHE NON E' VISTA, E' DESIDERATA - Se presto ti vuoi fare fidanzata, non stare sempre alla porta affacciata, chè donna spinta tu sei giudicata, e dicono le genti: Oh, ch'è sbrigliata! La giovane, sia brutta o bellina, fa sempre bene a stare ritirata, e ciò facendo vince la partita: faccia che non è vista, è desiderata

SICILIANANDO - armando carruba .


A virità veni sempri a galla, comu l'ògghiu!

Cu fa mali, scorcia a sò peddi

La megghiu risposta è chidda ca nun si duna

Nun c'è bestia ca nun havi 'u sò viziu

Nun è tuttu oru chddu ca straluci, né tuttu veru chiddu ca tu dici  

INSALATA D'ARANCE E ARINGHE


INSALATA d'Arance e Aringhe
Ingredienti per 4 persone
6 arance sanguinelle o tarocchi, 2 aringhe affumicate, 2 cipolline scalogne nuove, 1 mazzetto di prezzemolo, olio d'oliva extravergine, sale e pepe.
Preparazione
Sbucciate e tagliate le arance a tocchetti o spicchi. Eliminate gli eventuali semi e sistematele in una insalatiera. Aggiungete le aringhe sminuzzate e condite con olio, sale e pepe. Tagliate le cipolline a listarelle sottili e aggiungetele nell'insalatiera guarnendo con una spolverata di prezzemolo