martedì 31 gennaio 2017

SICILIANANDO - armando carruba -


'A mugghieri é mugghieri e i buttani ssù peri peri
la moglie è moglie e le puttane si trovano strada strada

Mugghieri onesta, trisoru ca resta
Moglie onesta tesoro che dura

Cu nun havi mogghi, nun sapi chi sunu dogghi
Chi non ha moglie non sa cosa siano le doglie (che possono essere le doglie del parto quanto i dolori della vita coniugale...)  

lunedì 30 gennaio 2017

ORTIGIA - armando carruba -



Là fuoresce il tritone
dai flutti che lambiscono
le soglie d’un cristiano
tempio, ed ogni ora prossima
è antica. Ogni dubbiezza
si conduce per mano
come una fanciulletta amica.
Là non è chi si guardi
o stia di sé in ascolto.
Quivi sei alle origini
e decidere è stolto:
ripartirai più tardi per assumere un volto. 

(Eugenio Montale)

Ortigia è fatta di mare, vie strette che si snodano in salita e discesa, con tipici negozietti di papiro e artigianato e ristoranti dal profumo di mare. Reti di pesca al molo Zanagora, gozzi siracusani, chiasso d'estate e silenzio nelle nottate invernali. Ortigia ricca di storia e di racconti di gente ubriaca di sole e di mare. 


domenica 29 gennaio 2017

CUCINA SICILIANA - Armando Carruba -


RISU CU PETTU 'I JADDUZZU

'Ngridienti:
* 400 gr di risu
* 400 gr di pettu di jadduzzu
* 'na para di cuppina di broru
* cipudda
* parmigianu 'rattatu
* puddusinu tagghiuzzatu
* sali
* spezzi sanu
* burru
* ògghiu
* 'nu bicchieri di vinu jancu

Suffrìjri 'a cipudda 'ntà burru e ògghiu, e mettiri dintra pizzudditta di petti 'i jadduzzu 'nfarinati e coccia 'i spezzi; junciricci puddisinu tagghiuzzatu e un bicchieri di vinu jancu, e giriari 'n pocu sino a fari svapurari 'u vinu.

RISO CON PETTI DI POLLO

Ingredienti: 100 gr di riso a testa; 100 gr a testa di petti di pollo; alcune ramoiolate di brodo; cipolla; parmigiano grattuggiato; prezzemolo tagliuzzato; sale; pepe intero; butto; olio ed un bicchiere di vino bianco.
Soffriggere la cipolla in burro ed olio, e mettere dentro pezzettini di petto di pollo infarinati e chicchi di pepe; aggiungervi prezzemolo tagliuzzato ed un bicchiere di vino bianco, e rimestare un poco sino a fare evaporare il vino.

sabato 28 gennaio 2017

MISTERI 'I 'NA VOTA - Armando Carruba -

L'OMBRELLAIO

Mu riordu comu fussi comu ora, passava ddo' puzzu 'ngigneri jennu ppa' via Tripoli, umbrelli! umbrelli! aggiustu umbrelli!!!  Era l'ombrellaio, misteri ca scumparìu ammuccatu dallo sviluppo ca tuttu mancia! Forsi forsi l'ultimi 'sciuti  i fici 'ntà l'anni '70 quannu ancora nun si jttava nenti mancu l'ultimu 'i l'annu ddo' balcuni, erumu tutti ppi sparagnari macari ccu l'innustria ca beni o mali dava travagghiu e picciuli.
All'epuca tuttu era custoditu ccu cura ed era d'obbligu, quannu si spasciava un attrezzu, 'na seggia o autru, di non accattari subitu nautra nova ma circari di ripararla e 'stu fattu pirmitteva tanti artigiani d'aggiustari 'sti cosi: scarpari, custureri, siggiari, umbrellai.
L'umbrellaru, era specializzatu, 'nt'aggiustari umbrelli c'avevunu cedutu 'o ventu i tramuntana. Rattuppava 'a tila, canciava i stecchi che si strafurmavunu e aggiustava 'u manicu; accussì l'umbrellu era megghiu ca novu!  I ferri ddo' misteri, sabbati 'ntà 'na cassetta, erunu pinze, stecche di ricambio, pezzi di tila, filu 'i ferru, spagu, ugghi 'i diversa misura e quantu necessariu ppi dari funzionalità a qualchi ombrellu malannatu. 
Certu ca l'ombrellaio faceva mala vita se si pensa che i so' clienti erano in parti genti che non si putevanu pirmettiri d'accattari un ombrello novu spirannu ca 'u mastru facissi u miraculu!
Un personaggiu, comu tanti, che scandivanu ccu cori i mali jurnati 'i acqua!  

MILINCIANI A STIGGHIULEDDI - armando carruba -



MILINCIANI A STIGGHIULEDDI

Tagghiari i milinciani a  stigghiuleddi  quantu un ghiritu e cu tutta 'a scorcia; cùcirili 'ntà tantu d'acqua e tantu d'acitu pi 10 minuti c'un pocu 'i sali; sculàrili e spurviràricci 'i supra un pocu 'i zùccuru. Quannu su' friddi, cunnirili cu ògghiu e 'nsapuririli di 'na picca 'i pampini 'i basilicò e di du' spicchia d'agghiu. 

MELANZANE A STRISCIOLINE

Tagliate le melanzane a striscioline quanto un dito e con tutta la buccia; cuocerle in eguale quantitativo d'acqua e di aceto per 10 minuti con un po' di sale; scolarle e spolverarvi sopra un po' di zucchero. Quando sono fredde, condirle con olio e isaporirle con un pò di foglie di basilico e con due spicchi d'aglio.

PROVERBI E DETTI SULL'AMORE - armando carruba -

video

L'amuri è comu 'a littra ccu è dintra voli nesciri e ccu è fora voli trasiri...

venerdì 27 gennaio 2017

PENSIERINO DELLA SERA - Armando Carruba -

Pinzeru nicu nicu dda' sira

CCU A FILICITA' E A PACI TENI, PIGGHIA 'U MUNNU COMU VENI VENI...

SICILIANANDO - Armando Carruba -


Quantu va la saluti non vannu li dinari

Casa senza suli
trasi lu mèricu a tutti l'uri

Casa ca di lu suli un è viduta
di lu mèricu spissu è visitata

Tri uri dormunu li Santi
cincu li ircanti
setti li cumuni
e novi li putruni

PIRCHI' LI DUDICI APOSTULI FORU TUTTI PISCATURI - popolare -


PIRCHI' LI DUDICI APOSTULI FORU TUTTI PISCATURI

'Na vota lu parrucu di S. Japicu avìa a fari la funzioni di la nuttata di Natali. Prima d'accuminzari, pigghiò nuciddi e mustazzola e li spartìu a li parrineddi ch'avianu a fari la funzioni e cci dissi: -"Picciotti, divirtitivi; ma dumani matinu m'aviti a sapiri a diri pirchì nostru Signuri Gesù Cristu pigghiau li dudici Apostuli tutti di li piscaturi.
Li parrineddi si misuru a jucari a li nuciddi, ma ogni tantu pinzavunu a lu dubbiu chi cci avia fattu lu parrucu.
A lu nnumani, jornu di Natali, quannu la funzioni finìu e li parrineddi si ni stavunu jennu a li casi... "Picciotti, - ci dici lu parrucu - comu finìu l'affari di li piscaturi di nostru Signuri Gesù Cristu?"
Nuddu di li parrineddi cci sappi arrispunniri. All'ultimu lu cchiù spiritusu dissi: -" Patri Parrucu, tutti quantu semu n'avemi sfirniciatu pi sapiri lu pirchì di sta cosa; ma nuddu cci avemu pututu arrivari. Chista è na cosa difficili assai!"
"Quanu è chistu, rispunnìu 'u parrucu, lu pirchì vi lu dicu ju: Gesù Cristu scìgghiu tutti piscaturi ppi canusciri u tempu. 
E cu 'sta parabula lu parrucu di S Japicu a la Marina vosi 'nsignari ca quannu si fa 'na cosa s'havi a sapiri fari a lu sò tempu.

popolare 

ALFEO E ARETUSA di Armando Carruba

ALFEU E ARETUSA

'A storia ca vi cuntu è propriu chista
d'un picciottu, Alfeu, ca prima vista
persi la testa ppi la so' Aretusa
e la storia si fa sempri cchiù curiusa.

Alfeu, figghiu d'Oceanu e Teti
matri macari del pelide Achille
era cacciaturi assai valenti
armali ni pigghiava 'n tempu nenti

Era beddu ca cchiù beddu nun ci n'era
ma i fimmini  mancu i 'ncuitava
Stu fattu a Veniri dea d'amuri
nun ci quatrò e pirciò vosi pruvari

Chi fici? chiamò sò figghiu il Cupidu
ci dissi: "Iddu dev'esseri cuppitu!"
E accussì fu! Ci cumparìu 'nsonnu
e ci ciusciò ad Alfeu: "Beddu biunnu!

A Sarausa c'è tanta sarvaggina
e tu stai in Grecia sira e matina?
Fatti a truscitedda, vattinni 'i ccà
nun perdiri tempu, imbarcati 'o va' ".

Picciottu ca era finu cacciaturi
nun si lu fici mancu 'na vota diri
e arrivatu ca fu a Sarausa
pigghiò 'a freccia, arcu e ogni cosa.

E fallu apposta si parò davanti
'na quagghia tutta d'oru ch'era brillanti!
pigghiò la mira, tirò, quagghia cadìu
ora ti cuntu zoccu succidìu

'A quagghia divintò 'na bedda picciotta
e iddu ristò ccà vucca aperta 
Nura era, bedda senza la vistina!
Alfeu persi tutta a tramuntana.

"Comu ti chiami oh bedda carusa?"
ci dissi iddu tastannu la cosa...
"Mi sanu séntiri a Sarausa
ninfa d'Artemidi ju, Aretusa"


A la vista 'i tutta 'sta biddizza
a Alfeuzzu ci furriò 'a testa
Aretusa misi manu avanti:
"Sugnu ninfa d'Artemidi birbanti!

Pirciò lestu levati 'u pinzeru
ma cchi è schirzamu pappiddaveru?"
Nun ci fu nenti 'i diri e fari
era pazzu d'amuri da liari!

Aretusa 'u capìu e scappò,
e a so' Artemidi idda chiamò.
Alfeu ci jeva sempri appressu
chiamannu a picciotta ogni passu

Artemidi vista 'a situazioni
da Dia 'a truvò a soluzioni
trasfurmò 'ntà ' na funti a carusa
e a misi propriu a Sarausa.

'U picciottu ristò comu a chiddu
quannu d'un coppu nun vitti cchiù nuddu
so' patri Oceanu iddu chiamò
e so' patri 'e Dei 'u raccumannò

Fu trasfurmatu 'ntà 'nu beddu ciumi
cc'à Sarausa scurri cco' so' nomi
e trasi 'ntà 'a funti Aretusa
signu ca c'amuri nun ci po' cosa.

Riordati furasteru ca veni
'sta funti di certu a visitari
ci trovi Alfeu e Aretusa
magìa d'Ortigia a Sarausa

Funti d'amuri nun ti lu scurdari
ca senza amuri nun si po' campari...
Ti lu dici macari 'sta liggenna
cco' cori d'amuri nun si cumanna.

Armando Carruba 

ALFEO E ARETUSA - La storia che vi racconto è proprio questa/ d'un ragazzo, Alfeo, che a prima vista/ perdette la testa per la sua Aretusa/ e la storia si fa sempre più curiosa/ Alfeo, figlio d'Oceano e di Teti/ che era anche madre del pelide Achille/ era un bravissimo cacciatore/ e in men che si dica prendeva tanti animali/ Era bello che più bello non esisteva/ ma le donne non le sconcicava/ questo fatto a Venere dea dell'amore/ non ci quadrava e per questo volle provare/ Cosa fece? chiamò suo figlio Cupido/ gli disse: "Lui dev'essere colpito!"/ E fu così, gli comparve in sogno/ e disse ad Alfeo "Bel biondo/ a Siracusa c'è tanta selvaggina/ e tu stai in Grecia sera e mattina?/ Fatti i bagagli e vattene da qui/ imbarcati non perdere tempo va/ Il ragazzo ch'era un fine cacciatore/ non se lo fece dire un'altra volta/ e giunto che fu a Siracusa/ prese arco, frecce e ogni cosa/ E neanche farlo apposta si parò davanti/ una quaglia tutta d'oro brillante/ prese la mira, tirò e la quaglia cadde/ ora ti racconto cosa successe/ La quaglia si trasformò in una bella ragazza/ e lui restò con la bocca aperta/ era nuda cioè senza vestiti/ Alfeo perse la tramontana/ "Come ti chiama bella ragazza?"/ gli disse lui, tastando la cosa/ Sono conosciuta a Siracusa/ come ninfa d'Artemide Aretusa/ Alla vista di tutta questa bellezza/ a Alfeuccio ci girò la testa/ Aretusa mise le mani avanti:/ "Sono ninfa d'Artemide birbante/ Per cui presto levati questo pensiero/ ma che scherziamo per davvero?"/ Non ci fu niente di dire e fare/ era un pazzo d'amore da legare/Aretusa lo capì e scappò/ e alla sua Artemide chiamò/ Alfeo c'andava sempre dietro/ chiamandola ad ogni passo/ Artemide vista la situazione/da Dea trovò la soluzione/ trasformò in una fonte la ragazza/ e la collocò proprio a Siracusa/ Il ragazzo restò come a quello (?)/ quando d'un tratto non vide nessuno/ suo padre Oceano chiamò/ e suo padre agli Dei lo raccomandò/ Fu trasformato in un bel fiume/ che a Siracusa scorre col suo nome/ ee entra nella fonte Aretusa/ segno che con l'amore niente è impossibile/ Ricordati forestiero che vieni/ questa fonte d'andarla a visitare/ ci trovi Alfeo e Aretusa/ magia d'Ortigia a Siracusa/ Fonte d'amore non dimenticarlo/ che senza amore non si può vivere/te lo dice anche questa leggenda/ che al cuore d'amore non si comanda! 


QUANNU - Vigo raccolta amplissima - voce Armando Carruba

video

Meravigliosi versi che ho letti in un vocabolario siciliano degli anni '60 a fascicoli. Il titolo è QUANNU Vigo raccolta amplissima e la voce è la mia. 

armando.carruba@libero.it 

giovedì 26 gennaio 2017

I FRATI PII - racconto popolare -I


I FRATI PII

'Na vota successi ca scattiau 'a muntagna e 'u focu scurreva a sciumara, abbruciannu e distruennu tuttu: jardini, orti, casi... I genti scantata scappavunu dde' sò paisi ppi sarvarisi almenu 'a vita, nun putennu sarvari 'a robba. C'eranu 'ntà l'autri ddu vecchi, maritu e mugghieri, ca scappavanu di la morti, 'nzemi ccu' ddu' figghi c'avevanu. Lu focu cuntinuava a scurriri sempri, minuzzusi e pareva assicutari 'a genti. I ddu' vecchi circavunu di caminari cchiù prestu ca putevunu; la 'a forza non avianu; e ristaru arreri i tutti. Li figghi mischini avissunu macari datu a sò forza ò patri e a matri, basta di vidilli sarvi. Avevanu ristatu tutti quattru suli troppu arreri; e u focu curreva forti pirchì 'a strata era di calata. A un certu puntu u focu li juncìu; e allura li figghi dispirati si pigghiaru 'n coddu 'u patri e a matri ppi scappari. Ma ccu ddu pisu putevunu jiri di cursa? E u ciumi di focu - miraculu di Diu! - inveci d'agghiutirisilli comu avia fattu ccu casi e l'arvuli, si spartìu in ddu parti, una di ccà, una di ddà, arrispittannu d'accussì l'affettu ginirusu di ddi du' picciotti.

SICILIANANDO - armando carruba .


Sapiri l'avimmaria a dritta e a ruversa...

(essere scaltro)

PINZERU NICU NICU DDA' SIRA - armando carruba -

PINZERU NICU NICU DDA' SIRA:
TI AMO - tri secunni ppi dillu, tri uri ppi spiegallu e 'na vita ppi pruvallu...

PASTINA 'NTO' BRORU 'I CAMPAGNA - Armando Carruba -


PASTINA 'NTO' BRORU 'I CAMPAGNA

'Ngridientio ppi 4 pirsuni:
* 150 gr di pastina
* 'na cucuzzedda
* 'na cipudda
* 4 pummadoru pilati
* 4 vastunachi
* 'na para 'i rammi d'accia
* un ciuffittu i putrusinu
* 3 patati
* qualchi pampina 'i lattuga
* a piaciri un dadu 'i virdura
* ògghiu d'aliva
* sali e furmaggiu 'rattatu q.b.

Nnittari e lavari tutti i virduri, fàrili a pizzuddi e pi menz'ura mittìrili a còciri 'ntà 'na pignata cu l'acqua 'bbunnanti, e, sa si voli, cu dadu 'i virdura.
Livari 'a pignata ddo' focu e tritari i virduri ancora càudi 'ntò passatutto; poi riméttiri 'ntà pignata broru e passatu pi cci càciri 'a pastina; 'nsapuriri di sali q.b.
Sérviri, dopu aviri cunnutu cu 'na picca d'ògghiu; sa piaci, spurvirari cu furmaggiu 'rattatu.

PASTINA NEL BRODO DI CAMPAGNA

Ingredienti per 4 persone
* 150 gr di pastina
* una zucchina
* una cipolla
* 4 pomodori pelati
* 4 carote
* due gambi di sedano
* un ciuffetto di prezzemolo
* 3 patate
* qualche foglia di lattuga
* a piacere un dado di verdura
* olio d'oliva
* sale e formaggio grattuggiato q.b.

Nettare e lavare tutte le verdure, ridurle a pezzetti e per mezz'ora metterle a lessare in una pentola con acqua abbondante, e, se si vuole, con dado di verdura.
Togliere la pentola dal fuoco e tritare le verdure ancora calde nel passatutto; poi rimettere nella pentola brodo e passato èer cuocervi la pastina; insaporire di sale q.b.
Servire, dopo aver condito con un po' d'olio; se piace, spolverare con formaggio grattuggiato.



  

ABBRAZZAMI di Ester Avanzi

Meravigliosi versi della bravissima poetessa Ester Avanzi...

ABBRAZZAMI 

Ci sugnu macari ju
‘nta stu jocu:
‘U to’ tempu
è ‘u me’ tempu,
Ortigia!
Petri, comu rarichi di vita
‘nte strati, chiazzi, monumenti;
petri ca cuntunu storii
di scerri e amuri
risati e chianti;
petri ca ti fanu ascutari
Eschilu, Sofucli…
assettata ‘a Tiatru Grecu.
Abbrazzami Sarausa
terra di suli  ca vasa li casi
e mennula ciuruta ca riri ‘a la vita.
Abbrazzami forti
E tenimi ccu tia.


Ester AVANZI

mercoledì 25 gennaio 2017

CUMMAREDDI di Armando Carruba

CUMMAREDDI

- Cummari! Quantu tempu è passatu
ca nun nni videmu mancu di latu!
Hata statu fora `i Sarausa?
Assai ca nun vi vidu ppi strata!

- Ca `n un centru di biddizza fui
vi pari ca sugnu comu a vui?
ju mi curu assai `ntà pirsuna
ppi putiri fari bona fiura!

- E ccu vi duna tortu cummaruzza
`a robba si metti sempri `n mostra
piccatu pirò e mi nni scusu
ca lu centru `u truvasturu chiusu!

Armando Carruba 


CUMMAREDDI - Comare! Quanto tempo è trascorso/ che non ci vediamo neanche per sbaglio!/ Siete stata fuori Siracusa?/ Tanto tempo che non vi incontro per strada!/ Sono stata in un Centro di Bellezza/ vi sembra che sono come voi?/ Io ho cura della mia persona/ per poter fare bella figura!/ E chi vi da` torto comare/ la roba si mette sempre in mostra/ peccato però e me ne scuso/ che questo centro l`avete trovato chiuso!

LU MACCU - Armando Carruba -

'U MACCU

Pigghiati un chilu scarsu di favi sicchi di chiddi cucivuli e mittitili dintra 'na pignata cu acqua pocu salata pi 'na notti sana.
Appena fa jornu, cu lu vostru commudu, pigghiati 'sta pignata accussì comu si trova e mittitila supra 'u focu; focu lentu e vampa mudirata. Quannu li favi squagghianu scinnitili, ammaccatili cu 'na furchetta facennu 'nu beddu puré; juncitici 'n'anticchia d'ogghiu 'i casa e manciati!

MACCO

Lasciate, per una notte intera, 800 gr di fave secche in acqua poco salata. L'indomani, trasferite la pentola sul fuoco e lasciate cuocere a calore moderato e a fiamma schermata. Quando le fave saranno cotte, schiacciatele con una forchetta in modo da ridurle a purea. Aggiungete dell'olio vergine e tanto basta. 

PROVERBI POPOLARI posti in ottava rima - Voce ARMANDO CARRUBA

video
MUNTI CCU MUNTI NON SI JUNCI MAI

Pirchì ti vidi mmenzu di li toi
ccu li frusteri ti nni pigghi assai,
e pirchì forsi ti cridi un eroi
a li mischini strapazzannu vai.
Mentri si 'ntra lu tò fa zoccu voi,
fammi suffriri li cchiù forti guai,
ma 'ntra la frunti scriviri ti poi,
munti ccu munti non si junci mai.

Santo Rapisarda

MONTE CON MONTE NON SI SCONTRA MAI - Perché ti vedi di stare con i tuoi, col forestiero superbo ti fai, e credendoti eroe fra gli eroi, i poveracci strapazzando vai. Mentre stai bene fa quello che vuoi, fammi soffrire i più forti guai; ma sulla fronte scrivere ti puoi: monte con monte non si scontra mai.


martedì 24 gennaio 2017

LU SCOGGHIU E LU DIAMANTI di Venerando Gangi



LU SCOGGHIU E LU DIAMANTI

Cu' appi oricchi di ascutari
di li petri lu parrari
zoccu 'ntisi lassau scrittu
di li posteri a profittu;
cioé a diri l'auti vanti
ca lu Scogghiu e lu Diamanti
iddi stissi si adattaru,
e a 'stu modu li spiegaru.

Lu scogghiu:
Ju non sugnu luminusu
ma giganti machinusu.

Lu Diamanti:
Ed ju picciulu e lucenti
tiru a mia li sguardi attenti.

"Varii 'ntrà 'stu munnu
li criaturi sunnu,
ma d'iddi ognunu ha
li proprii qualità".

Venerando Ganci

PINZERU DDA' SIRA - armando carruba -

PINSERU DDA' SIRA
'Mparamuci 'e nostri figghi comu pinzari e non chiddu c'hanu a pinzari...

MINESTRA DI LINTICCHI - armando carruba -

MINESTRA DI LINTICCHI

Dintra 'na pignata d'acqua, cu pocu sali, lassati ammuddari pi 'na nuttata sana, 600 gr 'i linticchi. Poi cucitili in acqua abbunnanti cu mezza cipudda, 'na tistuzza d'accia, sali e pipi.
Suffrijti dintra 'na pignata 'i crita, mezza cipudda e 'nu spicchiu d'agghia cu tanticchia d'ogghiu e, a culuri giustu, calatici quattru oumadoru pilati. Fattu 'u sucu, jttatici i linticchi sculati e 'nsapuritili pi' deci minuti.
A parti, faciti cociri 400 gr d'attuppateddi, sculatili e juncitili a li linticchi.
Un minutu di cuttura e 'mpiattati cu picurinu o caciucavaddu 'rattatu.

MINESTRA DI LENTICCHIE

Per una notte, lasciare ammollare in acqua poco salata 600 gr di lenticchie, che cuocerete poi in acqua abbondante, con l'aggiunta di mezza cipolla, 1 costa di sedano, sale e pepe. Preparate adesso, in una pentola di coccio, con mezzo bicchiere d'olio, un soffritto di aglio e cipolla, al quale poi aggiungerete 4 pomodori privi di semi e tagliati grossonalmente. Quando questa salsa sarà cotta,  versatevi le lenticchie ben scolate: portate a ebollizione e lasciate cuocere per 10 minuti. A parte, cuocete 400 g di pasta corta e, quando vi parrà al dente, scolatela e versatela nel recipiente con le lenticchie. Lasciate sobbollire per 1 o 2 minuti, quindi togliere la pentola dal fuoco e copritela. Servite la minestra dopo 5 minuti, con pecorino o caciocavallo grattuggiato.

SICILIANANDO - Armando Carruba -


Unni c'è cchiù luci, l'ummira è niura... cchiù niura dò cravuni!

lunedì 23 gennaio 2017

SICILIANANDO - Armando Carruba

ACEDDU DDA' BONA NOVA

Stamatina, appena susutu'n casa trasìu 'n aceddu dda' bona nova (una farfalletta vah). L'aceddu dda' bona nova, si lassa stari unn'é, nun si manna a coppi 'i scupa, pirchì si dici ca porta beni e di 'sti tempi ca currunu e nun si fermanu mai n'avemu bisognu. Se inveci avissi trasutu un lapuni o un muscuni, o qualchi autru insettu 'rossu di culuri niuru comu u cravuni, ppi subitu si manna fora, pirchì porta sfurtuna e quannu nun rinisciti a jttalu fora pirchì abbola troppu autu, l'antichi dicevunu: "SU SITI BONI STATI, SU SITI TINTI JATIVINNI!"
Ccu 'sti paroli si vuleva annullari 'u mali ca l'insettu purtava. Sarà veru? Sarà fausu? e chi mi cuntati a mia? Cridenza pupulari siciliana è!

CUCINA SICILIANA - Armando Carruba -




RISOTTU 'O MANNARINU SICILIANU

'Ngridienti:
* 2 mannarini di 100 g
* 500 g 'i risu
* 30 g 'i brandy o cognac
* 30 g di burru
* 100 g di parmigianu 'rattatu
* 1 lt 'i broru vigitali
* 40 g di ogghiu illibatu

Lavari i mannarini e livarici a scorcia. Mungiri i mannarini e tiniri 'u sucu a parti. Suffrjiri alleggiu i scorci 'ntà 4 cucchiara d'ogghiu chiddu illibatu, juncirici 'u risu, e lassallu tustari ppi 2 minuti, sfumannu ccu brandy e purtari a cottura juncennu chianu chianu 'u bruru vigitali cauru cauru. Quasi a cottura finuta juncirici 'u sucu dde' mannarina. Finiri 'a cottura e a focu 'stutatu, miscari 'u risottu cco' burru e 'u furmaggiu 'rattatu

RISOTTO AL MANDARINO DI SICILIA

Ingredienti:
* 2 mandarini (110 g)
* 500 g di riso
* 30 g di brandy o cognac
* 30 g di burro
* 1oo g di parmigiano grattuggiato
* 1 lt di brodo vegetale
* 40 g di olio extravergine d'oliva

Lavare i mandarini e tagliare la buccia. Spremere i mandarini e tenere il succo da parte.  Soffriggere leggermente le bucce in 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva, aggiungere il riso, e lasciare tostare due minuti, sfumare con il brandy e portare a cottura aggiungendo piano piano il brodo vegetale ben caldo. Quasi a cottura ultimata, aggiungere il succo dei mandarini. Finite la cottura e a fuoco spento mantecare il risotto con il burro ed il formaggio grattuggiato.  

PAESAGGI SICILIANI - Armando Carruba -


CAVAGRANDE DI CASSIBILE

I monti iblei sono caratterizzati dalla presenza di profonde valli e canyon, chiamate cave, tra i quali la più affascinante è senza dubbio Cavagrande di Cassibile, che deve il suo nome al fiume che l'attraversa. La riserva, istituita nel 1990, si estende nei territori di Noto, Siracusa e Avola e comprende numerosi elementi di interesse. Come ad esempio due villaggi rupestri, dove si trovano numerose tombe e grotte, tra le quali la famosa Grotta dei Briganti al cui interno vi sono diverse stanze collegate da scale a chiocciola ricavate nel calcare. O ancora il Belvedere di Avola Antica e i laghetti. E' possibile ammirare la flora composta da lecci, salici, biancospini, etc e i numerosi animali tra cui il falco pellegrino, l'istrice, la martora, la testuggine terrestre.

MANGIARE SICILIANO - Armando Carruba -


'A STIGGHIOLA

La stigghiola è un piatto tipico della cucina palermitana. Budella di agnello che vengono lavate in acqua e sale, condite con prezzemolo e cipolla, arrotolate attorno ad un porro oppure fatte a spiedino e cucinate direttamente su una brace fumante. Nonostante il nome latino (extiliola diminuiivo di extilia, cioè intestini), le origini di questo cibo da strada sono greche. A Palermo già di primo pomeriggio aprono le bancarelle dello "stigghiularo", che prepara il carbone e accende il fuoco sotto la griglia. "i stigghiola" vanno mangiate caldissime quindi, per evitare agli avventori lunghe e fastidiose attese davanti al rogo fumante, vengono cotte parzialmente in anticipo e poi spostate lateralmente sulla griglia in modo che si mantengano calde ma non brucino. Quindi vengono tagliate a piccoli pezzi e servite con sale e limone. Spesso sono accompagnate da una bottiglia di birra ghiacciata.

PINZERU NICU NICU DDO' DOPPU MANCIARI - Armando Carruba -

'A genti... vidi, senti e parra... Sulu ca vidi mali, ci senti picca e parra assai !

BUON COMPLEANNO PAPA'


Caro papà BUON COMPLEANNO! Oggi si fussutu cca' fussi 'na torta ccu 120 cannili!!! Centuvinti papà! Eh sì pirchì nascisti a Milocca (oi Milena)  Caltanissetta ca era di sabbatu - e si sapi ca è allegra cori - 'u 23 jnnaru ddo' 1897 e cuntinuasti 'u duci camminu 'ntà Fidi mercuri 22 Giugnettu 1974.
Grazii ppi tutti 'nsignamenti ca 'ma datu, primu fra tutti l'ONESTA' (all'omu onestu la parola dacci e accumpagnalu ccu cannili e torci...) poi l'AMURI PPI 'STA TERRA, 'A FAMIGGHIA E' SEMPRI FAMIGGHIA... 
Ssì sempri 'ntò me' cori oi, dumani, sempri.

SICILIANANDO - Armando Carruba -

E cu' spigna lu Munti?
E chi paga (la polizza di pegno) al Monte?
Si usa dire con sarcasmo quando più persone fanno confusione, molte chiacchiere e niente fatti... comu ppi diri:
I chiacchiri ssù chiacchiri e 'a putiara voli i picciuli (se possibili minuti)

domenica 22 gennaio 2017

SICILIANANDO - Armando Carruba -


'U stissu è! ci dissi 'u cravunaru, cravuni asciuttu e cravuni vagnatu ... 'u stissu é!

sabato 21 gennaio 2017

CHI VITA di Armando Carruba

CHI VITA

Chi vita 'sta vita
ammuttata ogni jornu
mentri ti sfuji
comu ancidda 'nté manu

Chi vita 'sta vita
quannu chianci
sentennu canzuni
ccu 'na risata 'ntò cori

Chi vita 'sta vita
quannu capisci
ca é inutili luttari
e nun c'è unni jiri

Chi vita 'sta vita
fatta di nenti
ma è gioia 'ranni
macari accussì


Armando Carruba 

GITA ALL'ETNA (da I RAGAZZI DEL MOLO S. ANTONIO di Armando Carruba)

                          LA GITA ALL’ETNA

Quannu lu friddu s’infila dintra l’ossa e da Scala Greca si po’ viriri dda bedda cartullina quali è Etna cca nivi, lu me’ pinzeru abbola quannu carusu assicutavu gite domenicali ‘nta dda’ muntagna.
La preparazione era un rito per noi ragazzini con le tasche eternamente vuote e impossibilitati all’acquisto del vestiario adatto nei vari negozi specializzati, pirchì comu dissi ‘u puddicinu ‘nta la nassa Unni maggiuri c’è minori cessa! Allora si ci doveva adattare o rinunciare a quel divertimento che costituiva l’incontro con il vulcano più alto d’Europa, un possibile approccio con la ragazza tanto sognata guardata a vista o comunque trascorrere una domenica bestiale.
Si comprava il tutto nelle bancarelle al mercato in Ortigia ca vinnevunu ‘a robba americana: un paio di calzoni appartenuti ad un marinaio statunitense che si facevano stringere di sotto a tubo e cucire nelle estremità degli elastici in modo da ben fissare il pantalone agli scarponi che erano quasi sempre quelli dei campagnoli.
Un bel paio di calzettoni di lana, corpetto della Marina Militare Italiana, un altro maglione pesante, guanti e cappello cco’ giummu sempre di lana.
Per completare l’opera, ossia per far notare agli altri che avevamo girato tutti i monti del mondo, si compravano nelle bancarelle i bolli di stoffa da cucire sui pantaloni o maglione o sullo zainetto ed erano del tipo: Monte Bianco – Cortina d’Ampezzo – Sestriere etc.
Nello zainetto il pranzo costituito da panini cca’ murtadella e acqua di fontana, con una bottiglietta di liquore ad alta gradazione perché…non si sa mai!
Andavamo a letto presto la sera antecedente la partenza, soprattutto perché l’appuntamento era fissato per le ore 4,00 ‘o puzzu ‘ngigneri, ma nessuno riusciva a prendere sonno cosicché ci radunavamo al piazzale Marconi ancora assonnati.
L’autobus cca funcia, uno dei residuati bellici, sbuffava nell’attesa come a borbottare rimproveri ai ritardatari; un ultimo appello e…ccu c’è c’è! E ccu nun c’è…(nun si po’ scriviri).   
Partenza con cori e canti qualcuno suonava la chitarra o la fisarmonica e tra Ciuri ciuri, Vitti na crozza, Sicilia e Quel mazzolin di fiori che viene dalla montagna, intervallato da qualche barzelletta che anche se spinta era stata rigorosamente ripulita, dopo aver macinato chilometri sulla vecchia strada Siracusa Catania si arrivava alla meta tanto agognata.
Sulla neve ci si spassava un mondo! Poi al ritorno la solita sosta in qualche localino per fare quattro salti; difatti la gita non era tale se non c’era questa pausa, e lì o si trovava il complessino sul posto oppure si ci arrangiava con il mitico jubox o male che andava un mangiadischi portato per ogni eventualità sfavorevole.
Il ritorno era ancora una volta sottolineato da canti e sguardi che cercavano conferme in altri sguardi; si effettuava una simpatica colletta per la mancia all’autista che con pazienza e mestiere aveva accontentato tutti; e a tarda sera l’arrivo ‘o puzzu ‘ngingnieri.
Gli ultimi saluti e a gruppi ridendo e sparlando a casa mentre la luna e le stelle, mute testimoni dei nostri sogni, in cielo a guardare.


SICILIANANDO - armando carruba .


DARI UN CINCU E CINQUANTACINCU
Dare un cinque e cinquantacinque

Dari 'na timpulata! Cché cincu jita dda' manu ca lassanu 'n signu 'ntà facci. Ossia: 5+5=55 'Ntò jocu ddo' lottu manu sta ppi 5 e ddu mani 55.

venerdì 20 gennaio 2017

TEATRO SIRACUSANO - Matrimoni e Viscuvati 1980 -




TEATRO VASQUEZ anno 1980 - MATRIMONI E VISCUVATI di Formisano
Compagnia dialettale di Pippo Lampo

Foto in alto - da sx: Lucia Pennuto, Giuseppe La Delfa, Jole Cortese, Pippo Lampo e Emanuele Imbesi.

Foto sotto - da sx: Giuseppe La Delfa, Lucia Pennuto, Carla Delfino, Armando Carruba, Pippo Lampo, Emanuele Imbesi.

20 gennaio 2017 SAN SEBASTIANO DI MELILLI



Si cunta ca a' fini d'aprili dò 1414, 'na navi ca vineva i luntanu, si jiu a jttari 'ntà l'isula 'i Magnisi, a Funnucu Novu Sarausa,  e si spasciò. Nun ci forunu morti e a genti si cunvincìu ca fu San Vastianu, pirchì 'a sò statua era 'ntà stiva e jeru a pigghialla. La cosa arrivò lesta all'aricchia ddo' viscuvu 'i Sarausa ca in pocessioni cco' populu jiu sul postu ccu l'intenzioni di purtari a statua a Sarausa.  La curiosità 'i stu fattu fici calari a genyi 'i Miliddi e autri paisi, 'u populu era spintu da curiosità e Fidi era 'u 1 maggiu ddo' 1414.  Ma all'attu i pigghiari a statua, chista si presentò pisante tantu ca nuddu riniscìu a sollevarla tranni i miliddisi ca trasportarunu a statua 'i San Vastianu in processioni 'nzinu o paisi, tra canti e prijeri... e nui? SEMU VINUTI 'I TANTU LUNTANU SULU PPITIA SAN VASTIANU! VIVA!  

LU SPARAGNU, E' GRAN GUADAGNU di Paolo Catania



LU RISPARMIU, E' GRAN GUADAGNU

S'a la tua robba nun ci fai ritegnu,
e chiù nun fazzi Alessandru Magnu,
lu dicu chiaru, ed accussì lu tegnu,
chi lu tò argentu diuintirà stagnu.
E' beni chi ti reguli, e cù 'ngegnu,
e cu bon modu fa qualchi sparagnu,
pirchì ritrouu, e cussì lu mantegnu,
chi sparagnandu cavi gran guadagnu.

Paolo Catania

IL RISPARMIO E' GRAN GUADAGNO - Se alla tua roba non serbi ritegno e vuoi sembrare un Allesandro Magno, io dico chiaro, senza farti sdegno, che il tuo argento si farà di stagno. E' bene che ti regoli l'ingegno a moderarti e a fare sparagno, perchè t'accorgerai con ogni segno che risparmiando cavi gran guadagno.

giovedì 19 gennaio 2017

TRA SPIRITO E MATERIA di Carmelo Tuccitto

video
Alcuni versi tratti da TRA SPIRITO E MATERIA di Carmelo Tuccitto

'A vita mia è cannila minuta
'a vampa sempri cchiù la sposta 'u ventu
trimulia, pari ca nun havi abbentu
e anniculisci finu ca s'astuta

Signuri, un tempu ri Tia haju scappatu,
t'arrassavu ra sira finu a l'arba
ma lu to pinzeru a mia era 'ncuddatu!
E... mi battisti 'a manu supra 'a spadda.

Si 'i piccati su 'ri l'arma malatii
ju pozzu diri ca re gravi guarii?
'U Mericu miu ca nun è prufanu
vinni po' piccaturi e no po' sanu.

Dintra di mia cc'é 'na stanza 'o scuru
cci vivu ju sulu e si chiama cuscienza.
Cu ' mi l'addutò pò fari prisenza,
lu 'mmitu i mi porta luci e futuru.

Ppi tia é megghiu scinniri o acchianari?
Nun fari zzoccu m-prima ti cummeni,
ri sutta cc'é 'u mali e supira cc'è 'u bbeni,
virtù ti isa, 'u viziu ti fa affussari

Carmelo Tuccitto 

CUI CERCA MEGGHIU PEJU TROVA Cervantes (Perrotta)

video

CUI CERCA MEGGHIU PEJU TROVA

Lu cani pri la carni lassa l'ossu
pirchì la carni chiù di l'ossu 'ngrassa,
e si lu sceccu trova l'erva grossa
chiù non si pasci di l'irbuzza bassa.

Pri lu riccu lu poviru si lassa,
e l'omu, di la nascita a la fossa
sempri è lu stissu e, puru ca lu spossa,
cancia sempri la sicca pri la grassa.

Ma si cancia la vecchia pri la nova
sempri si penti e sceccu si cunfessa,
pirchì "cui cerca megghu peju trova!".

Eppuru 'ntrà stu canciu si ci spassa:
"Unni maggiuri c'è minuri cessa"
dissi lu puddicinu 'ntrà la nassa!

Cervantes (Perrotta)

CHI MEGLIO CERCA PEGGIO TROVA - Il cane per la carne lascia l'osso, perchè la carne più dell'osso ingrassa, e se l'asino trova l'erba grossa più non si pasce dell'erbetta bassa. Per il ricco il povero s'abbassa, e l'uomo dalla nascita alla fossa sempre è lo stesso, sia pur che si spossa cambia sempre la secca per la grassa. Ma, se cambia la vecchia con la nuova, sempre si pente e sciocco si confessa, perchè "chi meglio cerca peggio trova". Eppure a fare scambio egli si ci spassa: "Dove maggiore c'è minore cessa", disse il pulcino nella gabbia-nassa.

BEDDA CCI VOI VINIRI DI NATURA di Vincenzo Bondice

video

BEDDA CCI VOI VINIRI DI NATURA

Ti cridi, ca ti stà ssa cammisola
binchì tutta è girata di burdura?
ssa vesti, ssu mimì, ssa scilla a stola
ti fanu la cchiù brutta criatura;
ccu ssu culuri poi di mustazzola
pari un veru diavulu in figura.
Ammatula ti allisci, e fai cannola
bedda cci voi viniri di natura.

Vincenzo Bondice

BELLA SI DEVE ESSERE DI NATURA - Credi ti stia quesa camiciola benché tutta adornata di bordura? La veste col mimì, lo scialle a stola, ti fanno la più brutta creatura; con questo tuo color di mostacciola sembri un vero diavolo in figura. Invano tu t'allisci e fai ricciòla, bella si deve esser di natura.

mercoledì 18 gennaio 2017

GABBIANI di Armando Carruba

GABBIANI
Gabbiani siamo!
Il vento della vita
soffia sugli anni
che scorrono
lentamente
come granelli sabbia
nella clessidra
dell'esistenza...
E noi eterni gabbiani
volando
attraversiamo
il dolore, il piacere,
l'amore, la delusione,
l'ipocrisia...
e felicemente stanchi
riposeremo le ali
sul nostro scoglio.
Armando Carruba

LU SATURU 'UN CRIDI LU DIJUNU Vincenzo Bondice

LU SATURU 'UN CRIDI LU DIJUNU

Voi sapiri pirchì dd'omu é inumanu?
Voi sapiri pirchì sdegna talunu
di stenniri a li poviri la manu,
e pigghia a cui lu prega pr'importunu?
Pirchì non sapi di lu Fatu stranu
li corpa, e non provau  bisognu alcunu.
Quantu dici lu muttu non é vanu,
ca lu saturu 'un cridi lu dijunu.

Vincenzo Bondice

CHI E' SAZIO NON CREDE A CHI E' DIGIUNO - Vuoi sapere perchè l'uomo è inumano? Vuoi sapere perchè sdegna taluno di stendere ai poveri la mano, e appella chi lo chiama "inopportuno?" Perchè egli non sa del Fato strano i colpi e mai provò bisogno alcuno. Quanto dice il proverbio non é vano: il sazio non crede a chi é digiuno.

SICILIANANDO - Armando Carruba -

SCIATARA E MATTRA (E VOGGHIU DIRI)i

 (praticamente intraducibile in italiano, utilizzato soprattutto come esclamazione davanti ad un fatto, un evento che appare incredibile e che, pure, si è realmente verificato. L'origine, è oscura, ma sembra che una bellissima principessa araba, di nome Shater (o simile), fosse vittima della terribile gelosia del padre che la teneva chiusa nelle sue stanze, guardata a vista affinchè non avesse contatti con nessun esponente del sesso maschile, e ciò nonostante, pare abbia, ad un certo punto, partorito un bel bambino)