lunedì 25 settembre 2017

CARTOLINE SIRACUSANE Armando Carruba

Negli anni '50 generalmente li trovavi a piazzale delle Poste oppure 'o Puzzu 'Ngignieri non cche' siggiteddi, tutti addritta e loro sulla seicento a sei posti avevano il poro posto ccu seggia e tabellone. Quattru coppa di chitarra un sintiti sintiti sintiti... e iniziava la storia Barunissa di Carini, banditu Giulianu, i picciriddi 'ntò puzzu etc... Dopu 'na para i strofi, quannu u cuntu si faceva interessanti, stop! - macari tannu c'era la pubblicità - giro di vendita dei libretti completi della storia che si stava rappresentando e si nun si cugghieva sufficienti nun si jeva avanti... poi si cuntinuava e ogni tantu c'era il nuovo arrivato che chiedeva il libretto... altra interruzione e altro giro... e a puntati di giru ghiru la storia fineva tra gli applausi dei presenti ... chi tempi!

'A RUTTA 'I CIAULA di Armando Carruba

'A RUTTA 'I CIAULA
Correvamo contenti
per via Arsenale
ad incontrare il sole
'a rutta 'i ciaula.
Un tuffo
dallo scoglio a carrabbineri
un altro da quello a palumma
e il mare rideva contento
di noi ragazzini
ubriachi di vita.
Una sigaretta fumata in tre
accendeva sogni proibiti
in tasche eternamente vuote.
Il mare era tutto per noi
da giugno a settembre...
poi la scuola ad ottobre
le speranze dei nostri genitori
si frantumavano
nel mare che mordeva lo scoglio
'a carrabbineri.
Noi inconscenti
marinavamo la scuola
restando all'oscuro
'nte rutti 'i ciaula
della via Arsenale.
Armando Carruba

sabato 23 settembre 2017

PINZERI di Armando Carruba

PINZERI


Nun chiovi cchiù
supra 'u tempu passatu,
ristò a nustalgia
dde' riordi.
'Ntà 'stu celu niuru
s'arruspigghia 'u suli,
e 'i prima matina
'i nostri sonni 'i carusi
abbolunu cche' cumeti
pp'acchiappari 'u suli.
Armando Carruba

venerdì 22 settembre 2017

VARCHI A MARI di Armando Carruba

'I VARCHI A MARI.
Eccu ccà, nautra varca a mari,
china 'i spiranza ppi 'n dumani
luntani dall'odiu, morti e fami
spirannu ddò ventu a sò favuri.
Chiddu ca disianu 'sti cristiani,
'na vita onesta a lu campari
non sanu ca 'n Italia 'sta cosa
è dura e macari cumplicata.
Li pulitici in tilivisioni
tutti tiranu ppò sò cudduruni
"'sta genti 'o paisi nun vulemu
manzinò nuautri chi manciamu?"
E tutti ca c'abbattunu li manu!
"Beni! Bravu! A chisti nun vulenu!"
Arriva 'na nutizia ed è forti
'u mari si pigghiò dudici morti.
La curpa unu all'autru jetta
ccu fogghi 'n manu e lavagnetta
ppi dimustrari ccu la sò natura
ma l'intiressi sò è 'a pultruna!
Vulissi 'u Signuri a 'sta genti
fari finiri guerri sull'istanti
ca 'n pruverbiu ppi sapillu dici
sulu 'o sò paisi s'è filici
Armando Carruba 
LA BARCA A MARE - Ecco qua un'altra barca a mare/ piena di speranza per un domani/lontani dall'odio, morte e fame/ sperando del vento a suo favore./ Quello che desiderano questa gente/ vivere una vita onesta/ non sanno che in Italia questa cosa/ e dura e anche complicata./ I politici in televisione/ tirano dalla loro parte/ "questa gente non la vogliamo al paese"/ sennò noi cosa mangiamo?"/ e tutti battono le mani/ "Bene... bravo.. a questi non li vogliamo!"/Arriva una notizia ed è forte/il mare s'è preso dodici morti/ La colpa ognuno la da all'altro/con dati in mano e lavagnetta/ e dimostrano com'è loro natura/ l'interesse per la loro poltrona/ Volesse il Signore per questa gente/ far terminare le guerre/ c'è un proverbio che dice/ solo al proprio paese si è felici!

'U JADDU D'ORU di Armando Carruba



LU JADDU D’ORU
Lassatimi in paci cari amici
ca leggiri nun vogghiu 'sti minkiati
'a puisia è na cosa seria:
si leggi e 'a menti s'arricria.


Pueti ca si stanu sempri muti

ssu chiddi ca sunu tantu liggiuti
ccu 'nveci ssì vanta cca' sso' vucca
è sceccu ccà tistera ccu c'ammucca!

Unn'è ca vai à tia nicuzza
ccu tuttu 'stu fumu e pruvulazzu
ppi 'ssiri 'ntè pueti ammuntuata
bedda, ancora n'ha fari di strata

Olè zi zà ha vinciutu 'u premiu!
Ma comu accussì? Nun c'è criteriu!
lu jaddu è d'oru l'ovu d'argentu
e l'ignuranza nun trova abbentu.
Armando Carruba

SITI D'AMURI di Armando Carruba

SITI D'AMURI


'Scutari paroli
'ntò scuru dda' notti,
'scutari u cori
ca sciogghi pinzeri
Unni ssì amuri miu
luntanu riordu
di jurnati finuti.
'Na canzuni
carizza pinzeri
e 'ntò sonnu
l'amuri pigghia vita
e riri comu 'na vota
Armando Carruba

NOTTI di Armando Carruba

NOTTI
I stiddi dda' notti
mi cummogghiunu dd' amuri,
e parru 'a luna
ddé disii ddo' jornu
c'arrestunu disii.
I me' sonni giuiusi
addumunu duci pinzeri
e 'a notti si fa jornu.
Vogghiu dòrmiri
pp'arrubbari
'a maschira 'o jornu
Armando Carruba
(5/4/2016)
NOTTE - Le stelle della notte/ mi coprono d'amore/ e parlo con la luna/ dei desideri del giorno/ che rimangono desideri./ I miei sogni gioiosi/ accendono dolci pensieri/ e la notte si fa giorno./ Voglio dormire/ per rubare/ la maschera al giorno.

SITI D'AMURI di Armando Carruba

SITI D'AMURI
Mentri respiru amuri,
tra 'u ciuciuliari ddo' mari
e martiddiari di cori,
si va pittannu
'u celu.
Mentri accarizzu
riordi 'i jurnata
aspettu cuntentu
ca veni ccu mia
Mentri ccu ducizza
ballanu l'unni
'o calari dda' sira
penzu a Tia...
Armando Carruba

GAIPE di Armando Carruba

GAIPE
'Ntà 'stu munnu pazzu
vistutu sempri a festa
gàipe semu...
libbiri
'i vulari 'ntà celi
puliti e sunnari
dda' libertà
cche' i nostri patri
'nni desunu
pp''ssiri omini.
Armando Carruba
GABBIANI - In questo pazzo mondo/ vestito sempre a festa/ gabbiani siamo/ liberi/ di volare in cieli/ puliti e sognare/quella libertà/ che i nostri padri/ ci hanno dato/ per essere uomini.

giovedì 21 settembre 2017

OH CHI SENTU ! di Armando Carruba

OH CHI SENTU!
- Dutture, dutture, c'haju a cuntari!
- chi è? chi successi? a situazioni?
- ci curpa ca, quannu fazzu l'amuri
- chi accadi? dittu in ddu paroli?
- mi sentu l'aricchi mei friscari!
- Santu cristianu chi c'haju a diri
voli sentiri battuti i manu?
circassi anticchia 'i ragiunari
a uttant'anni cchiù chi voli fari?
Armando Carruba (7.6.2016)
OH CHE SENTO !
- Dottore dottore cosa devo raccontarle
- che c'è? che è successo? parli!
- il guaio che quando faccio l'amore
- che accade? detto in due parole?
- mi sento fiscare le orecchie!
- Benedetto uomo cosa devo dirle
vuole sentire gli applausi?
Cerchi un po' di ragionare
a ottant'anni ormai che vuole fare?

PUISIA 'I VITA di Armando Carruba

PUISIA ‘I VITA

Unni jttasti
'a me' puisia
ca nasceva
‘ill'arma
e i paroli
abbulavunu
libbiri
'nt'aria?
Non si pò rubbari
'a luci a li stiddi,
non si pò cògghiri
'a muddura
ppi cullani 'nté ciuri.
Cu ascuta i palummi 'i mari
ca cuntanu all'unni
di 'n amuri
finutu ppì... puisia?
Versi, sulu versi
ristaru

pp' annacari 'i nostri anni

Armando Carruba

SITI D'AMURI di Armando Carruba

SITI D'AMURI
M'abbasta
'u to' surrisu
ppi jiri 'n pararisu,
'u suli autu 'n celu
pp'addumari
'n duci pinzeru,
e ppi jinchirimi
'a me' vita
di 'na gioia infinita
m'abbasti tu....
Armando Carruba

SITI D'AMURI di Armando Carruba

SITI D'AMURI
Vulissi abbrazzari
'i to' pinzeri
ca fujiunu 'nté manu
comu rina 'i mari.
Vulissi parrariti
ma nun sacciu 
spiegari
'a me' suffirenza.
Vulissi a tia
ma ssì luntana...
e i me' paroli
si perdunu
'nta' vaneddi
di paroli
assicutati
ddo' ventu...

Armando Carruba 
SETE D'AMORE - Vorrei abbracciare i tuoi pensieri/ che scappano dalle mani/ come sabbia/ Vorrei parlarti/ ma non so/ spiegare/ la mia sofferenza/ Ti vorrei/ ma sei lontana/e le mie parole/ si perdono/ in vicoli/ di parole/ inseguite/ dal vento.

SITI D'AMURI di Armando Carruba

SITI D'AMURI
Amuri miu
nun ci su paroli
ppi diri
chiddu ca provu
ppi tia.
Ssì 'u me' ciatu
oi, dumani, sempri.
Si ti perdu,
ti ripigghiu
pirchì tu 'u sai
'ntà vita
ci sunu tramunti
ca nun tramuntanu mai...
Comu nuatri dui
Armando Carruba (15/7/2016)
SETE D'AMORE - Amore mio/ non ci sono parole/ per esprimere/ quello che provo/ per te/ Sei il mio fiato (il mio amore)/ oggi, domani, sempre/ Se ti perdo/ ti riprendo/ perchè tu lo sai/ nella vita/ ci sono tramonti/ che non tramontano mai/ come noi due...

ALFEU E ARETUSA di Armando Carruba

ALFEU E ARETUSA
'A storia ca vi cuntu è propriu chista
d'un picciottu, Alfeu, ca prima vista
persi la testa ppi la so' Aretusa
e la storia si fa sempri cchiù curiusa.

Alfeu, figghiu d'Oceanu e Teti
matri macari del pelide Achille
era cacciaturi assai valenti
armali ni pigghiava 'n tempu nenti

Era beddu ca cchiù beddu nun ci n'era
ma i fimmini mancu i 'ncuitava
Stu fattu a Veniri dea d'amuri
nun ci quatrò e pirciò vosi pruvari

Chi fici? chiamò sò figghiu il Cupidu
ci dissi: "Iddu dev'esseri cuppitu!"
E accussì fu! Ci cumparìu 'nsonnu
e ci ciusciò ad Alfeu: "Beddu biunnu!

A Sarausa c'è tanta sarvaggina
e tu stai in Grecia sira e matina?
Fatti a truscitedda, vattinni 'i ccà
nun perdiri tempu, imbarcati 'o va' ".

Picciottu ca era finu cacciaturi
nun si lu fici mancu 'na vota diri
e arrivatu ca fu a Sarausa
pigghiò 'a freccia, arcu e ogni cosa.

E fallu apposta si parò davanti
'na quagghia tutta d'oru ch'era brillanti!
pigghiò la mira, tirò, quagghia cadìu
ora ti cuntu zoccu succidìu

'A quagghia divintò 'na bedda picciotta
e iddu ristò ccà vucca aperta

Nura era, bedda senza la vistina!
Alfeu persi tutta a tramuntana.

"Comu ti chiami oh bedda carusa?"
ci dissi iddu tastannu la cosa...
"Mi sanu séntiri a Sarausa
ninfa d'Artemidi ju, Aretusa"

A la vista 'i tutta 'sta biddizza
a Alfeuzzu ci furriò 'a testa
Aretusa misi manu avanti:
"Sugnu ninfa d'Artemidi birbanti!

Pirciò lestu levati 'u pinzeru
ma cchi è schirzamu pappiddaveru?"
Nun ci fu nenti 'i diri e fari
era pazzu d'amuri da liari!

Aretusa 'u capìu e scappò,
e a so' Artemidi idda chiamò.
Alfeu ci jeva sempri appressu
chiamannu a picciotta ogni passu

Artemidi vista 'a situazioni
da Dia 'a truvò a soluzioni
trasfurmò 'ntà ' na funti a carusa
e a misi propriu a Sarausa.

'U picciottu ristò comu a chiddu
quannu d'un coppu nun vitti cchiù nuddu
so' patri Oceanu iddu chiamò
e so' patri 'e Dei 'u raccumannò

Fu trasfurmatu 'ntà 'nu beddu ciumi
cc'à Sarausa scurri cco' so' nomi
e trasi 'ntà 'a funti Aretusa
signu ca c'amuri nun ci po' cosa.

Riordati furasteru ca veni
'sta funti di certu a visitari
ci trovi Alfeu e Aretusa
magìa d'Ortigia a Sarausa

Funti d'amuri nun ti lu scurdari
ca senza amuri nun si po' campari...
Ti lu dici macari 'sta liggenna
cco' cori d'amuri nun si cumanna.

Armando Carruba (13/8/2016)
ALFEO E ARETUSA - La storia che vi racconto è proprio questa/ d'un ragazzo, Alfeo, che a prima vista/ perdette la testa per la sua Aretusa/ e la storia si fa sempre più curiosa/ Alfeo, figlio d'Oceano e di Teti/ che era anche madre del pelide Achille/ era un bravissimo cacciatore/ e in men che si dica prendeva tanti animali/ Era bello che più bello non esisteva/ ma le donne non le sconcicava/ questo fatto a Venere dea dell'amore/ non ci quadrava e per questo volle provare/ Cosa fece? chiamò suo figlio Cupido/ gli disse: "Lui dev'essere colpito!"/ E fu così, gli comparve in sogno/ e disse ad Alfeo "Bel biondo/ a Siracusa c'è tanta selvaggina/ e tu stai in Grecia sera e mattina?/ Fatti i bagagli e vattene da qui/ imbarcati non perdere tempo va/ Il ragazzo ch'era un fine cacciatore/ non se lo fece dire un'altra volta/ e giunto che fu a Siracusa/ prese arco, frecce e ogni cosa/ E neanche farlo apposta si parò davanti/ una quaglia tutta d'oro brillante/ prese la mira, tirò e la quaglia cadde/ ora ti racconto cosa successe/ La quaglia si trasformò in una bella ragazza/ e lui restò con la bocca aperta/ era nuda cioè senza vestiti/ Alfeo perse la tramontana/ "Come ti chiama bella ragazza?"/ gli disse lui, tastando la cosa/ Sono conosciuta a Siracusa/ come ninfa d'Artemide Aretusa/ Alla vista di tutta questa bellezza/ a Alfeuccio ci girò la testa/ Aretusa mise le mani avanti:/ "Sono ninfa d'Artemide birbante/ Per cui presto levati questo pensiero/ ma che scherziamo per davvero?"/ Non ci fu niente di dire e fare/ era un pazzo d'amore da legare/Aretusa lo capì e scappò/ e alla sua Artemide chiamò/ Alfeo c'andava sempre dietro/ chiamandola ad ogni passo/ Artemide vista la situazione/da Dea trovò la soluzione/ trasformò in una fonte la ragazza/ e la collocò proprio a Siracusa/ Il ragazzo restò come a quello (?)/ quando d'un tratto non vide nessuno/ suo padre Oceano chiamò/ e suo padre agli Dei lo raccomandò/ Fu trasformato in un bel fiume/ che a Siracusa scorre col suo nome/ ee entra nella fonte Aretusa/ segno che con l'amore niente è impossibile/ Ricordati forestiero che vieni/ questa fonte d'andarla a visitare/ ci trovi Alfeo e Aretusa/ magia d'Ortigia a Siracusa/ Fonte d'amore non dimenticarlo/ che senza amore non si può vivere/te lo dice anche questa leggenda/ che al cuore d'amore non si comanda!

GABBIANI di Armando Carruba

GABBIANI
Gabbiani siamo!
Il vento della vita
soffia sugli anni
che scorrono
lentamente
come granelli sabbia
nella clessidra
dell'esistenza...
E noi eterni gabbiani
volando
attraversiamo
il dolore, il piacere,
l'amore, la delusione,
l'ipocrisia...
e felicemente stanchi
riposeremo le ali
sul nostro scoglio.
Armando Carruba

RIORDI 'I CARUSU di Armando Carruba

SITI D’AMURI
Lassai ‘a me’ carusanza
‘n faccia ‘o Lazzarettu (1)
unni ‘a fatica ill’omu
pusò scogghi ‘nto’ mari
na matina ‘i primavera
‘U ventu canta l’avò
a ddi petri ‘o suli
ca mi vittiru nicu
cacciari ranciu pilusa
Oi ‘u silenziu ‘i na taliata
parra di na vita consumata
natannu ‘nte’ mari funnuti
circannu nnu scogghiu
p’assicutari pinzeri
SETE D’AMORE – Ho lasciato la mia fanciullezza/ di fronte al Lazzaretto/ dove la fatica dell’uomo/ ha posato scogli nel mare/ una mattina di primavera/ Il vento canta la ninna nanna/ a quelle pietre al sole/ che mi videro piccolo/ cacciare granchi rossi/ Oggi il silenzio di uno sguardo/ parla di una vita consumata/ nuotando in mari profondi/ cercando uno scoglio/per scacciare pensieri.
LAZZARETTU – Il Lazzaretto (Ospedale) è oggi la sede in Via Molo dei Vigili Urbani. ‘U Lazzarettu, come ancora oggi viene ricordato da qualche persona anziana, doveva servire per ricoveri di malattie infettive a bordo delle navi in arrivo nel porto.
Non si è verificato nessun caso, eccetto uno, a cui fu data una stanza per due giorni nel primo Edificio di Disinfettazione e che dopo due giorni fu ricoverato a Catania.

'A MINNULATA di Armando Carruba

'A MINNULATA
'A minnulata 'a trovi sulu ccà
frisca, ginirusa, china 'i buntà!
Fatta di la mennula aulisa
ca é pappiddaveru autra cosa!
Se poi accumpagni ccà mafalda
ducizza ddà menti, ca tuttu scorda
fai 'na sana, bedda culazioni
'na cosa ca nun ti la pò scurdari.
Amicu, su veni a Sarausa
furrìa munumenti, ogni cosa
ma riordati, nun tu pò scurdari
tasta 'a granita prima 'i partiri.
Armando Carruba

AMICA? CU TI CANUSCI? di Armando Carruba

Vulissi diri sti ddui paroli
ma di sicuru tu nun pò capiri
pirchì 'u discursu nun ti cunveni
scivuli comu ancidda di mari
Sbagghiasti strada, nummiru 'i potta
ccu mia 'ccussì nun si ci cumporta...
Prosita! M'ha livatu l'amicizia
chi gioia m'ha datu, chi dilizia!
T'auguro sempri tuttu u beni
cco' Signuri ti pozza aiutari
ca quannu l'amicizia cchiù nun canta
'nutili puttalla a longu... sbenta!
Armando Carruba

mercoledì 20 settembre 2017

ROSALBA di Armando Carruba

Questi modesti versi li ho buttati giù un anno fa il 6 agosto 2016, adesso spulciando tra le carte, sono venuti fuori... Avevo dimenticato d'averli scritti, come tanti e tanti versi. La domenica non era domenica se non c'era il dolce a tavola... Adesso quelle sporadiche volte che c'è... nun c'è piaciri perchè manca il dolce che più dolce non c'è... 

Quannu 'a Zà Rosalba si cunnuci,
a' tavula c'è sempri cosi duci,
pirchì idda comu 'nu beddu ciuri
è signu di famigghia e d'amuri.

A duminica nun è duminica
senza cosi duci ddá zá Monica
é 'n attimu di gioia ca sempri c'è
propriu 'n mumentu prima dd'ò café.

Po' furriari munnu e poi diri
'i canusciri bonu 'i cristiani
ma dda Zia RosalBa nun c'è pari
è BONA DUCI comu 'n pezzu i pani

Armando Carruba

VENTU di Armando Carruba

VENTU
Comu gàipa abbulavu,
'ntra 'na nuvula 'i paroli,
ca si manciavanu tra iddi.
E 'u ventu d''stati purtava
duci pinzeri d'amuri
luntanu...
Ventu latru
nni spugghiò dde' pinzeri,
dde' ducizzi, e ssi nni jiu
comu ummira
ca si perdi 'ntà luci.
Arricugghìu 'u me' 'statu
e ascutai 'u ventu...
Iddu era luntanu
'ntisi silenziu sulu silenziu
Chi gioia 'o cori !
Armando Carruba

TIRRIMOTU di Armando Carruba

TIRRIMOTU
Bruttu 'rruspigghiarisi 'i matina
e ascutari 'sta gran malanova,
ccò tirrimotu ca ci fu stanotti
ca 'sdirrubbò casi e fici motti.
E 'sta nutizia fu 'ntà 'n mumentu
'na vera bumma ppi tuttu 'u munnu,
subitu scattò 'a sulidarietà
ca ccu havi 'n cori lu duna ddà.
Vulissi Diu ca 'sti puliticanti
senza pulitica jssunu avanti
ora ci vonu fatti e non paroli
ppi purtari rifriscu a 'sti cristiani.
Vulissi ancora ca dda' 'sti petri
ci nascissuru tanti beddi ciuri
'a spiranza ultima a muriri
fozza picciotti cca' ricostruzioni!
Armando Carruba (24/8/2016)

CELU MIU di Armando Carruba

CELU MIU
'N ciusciuni 'i ventu
mi pigghia...
e 'u me' pinzeru
curri a Vui.
Talìu 'u celu
e 'a luna
mi porta luntanu
quannu carusu
abbrazzavu
me' patri e me' matri.
Vulissi
séntiri d'abbrazzi
'na vuta sula.
Siti sempri 'ntò me' cori
comu 'u stissu sugnu ppi Vui.
Prestu n'abbrazzamu...
Chi filicità
Armando Carruba

MIMOSA di Armando Carruba

MIMOSA
Come sei lontana amore,
da questa nevicata di petali!
Non voltarti, segui la mimosa
gonfia di vita.
Sono lì,
sotto l'ombra del tuo pensiero
ad intrecciare ricordi
sperando di riconoscerti
nel cuore del pettirosso amico
che pigola
sulla ringhiera del tempo
cosparsa di briciole di te.
Come duole nel cuore,
quel suo canto
di esule volontario...
quella freccia immobile
nell'arco di Cupido che fende
l'aria silenziosa della mia sera.
Armando Carruba

VARCA di Armando Carruba

VARCA
Varca ca ti sfasciasti
'ntà li scogghi
cunta a' lu mari
storii di genti
ca parteru
'i terre luntani
ppi lassari
ccà miseri e chianti.
Cunta varca
a lu mari
ca jsti a mòriri
stanca
'i 'na vita di viaggi
'i spiranza
'ntà nu scogghiu
ppi na vita
ca nun è vita
Cunta varca....
lu mari chianci
'i so' figghi
e l'abbrazza
ccu 'na carizza
dill'unna...

Armando Carruba 
BARCA - Barca che ti sei sfasciata/ sugli scogli/ racconta al mare/ storie di genti/ che sono partite/ da terre lontane/ per lasciare qua/ miserie e pianti/ Racconta barca/ al mare/ che sei andata a morire/stanca/ di una vita di viaggi/ di speranza/su uno scoglio/ per una vita/ che non è vita/ Racconta barca/ il mare piange/ i suoi figli/ e l'abbraccia/ con la carezza/ dell'onda (Armando Carruba)

LA ME' CANUZZA di Armando Carruba

'A ME' CANUZZA
Eccu ccà! prisentu a me' canuzza
dicitimillu si nun è bidduzza,
tra nuautri c'è 'na bedda 'ntisa
ni cunfidamu sempri ogni cosa.

Appena m'arruspigghiu 'a matina
di lu cafè mi porta 'na tazzina
e poi ppi nun farimi furriari
'ntà 'u tavulu trovu 'u giurnali.
E' 'na canuzza troppu intralligenti
ppi falla cuntenta ci voli nenti
beni mi voli, sai idda chi fà?
pari c'abbaia ma mi chiama papà!
Armando Carruba (22.9.2016)
LA MIA CAGNOLINA - Eccola qua! presento la mia cagnolina/ ditemi se non è carina/ tra noi c'è una bella intesa/ ci confidiamo sempre ogni cosa/ Appena mi sveglio la mattina/ di caffè mi porta una tazzina/ e poi per non farmi girare a vuoto/ sul tavolo trovo il giornale!/ E' una cagnolina troppo intelligente/ per farla contenta non ci vuole niente/ Mi vuole bene e sai cosa fà?/ sembra che abbaia ma mi chiama papà!

PINZERI di Armando Carruba

PINZERI
Nun chiovi cchiù
supra 'u tempu passatu,
ristò a nustalgia
dde' riordi.
'Ntà 'stu celu niuru
s'arruspigghia 'u suli,
e 'i prima matina
'i nostri sonni 'i carusi
abbolunu cche' cumeti
pp'acchiappari 'u suli.
Armando Carruba

SPARRITTERA di Armando Carruba

Sistemando le mie carte, ho trovato questi versi scritti con la rabbia in corpo! Rabbia derivante da una vigliacca, vergognosa diffamazione nei miei riguardi, che mi colpiva nel momento più triste della mia vita. 
La calunnia e la diffamazione sono la cosa più vile che si possa fare, sapendo - come bene li parogona Pirandello nel Berretto a sonagli, - macchie d'olio, che più li vuoi levare e più s'allargano e di conseguenza sei impotente a difenderti da queste vigliaccate di gente che detta in siciliano non vale mancu 'na sputazzata.

SPARRITTERA
'A 'na signura ca cusi e scusi
la bona genti ccu milli accusi
'sti versi ppi farici capiri
ca ci livassi manu, lassasti stari.
Ni canuscemu tutti a Sarausa
ppò diri la cchiù 'nfamanti cosa
chiacchiri persi, si circassi scusa,
s'antabbaccassi ca forsi m'ha pigghiatu
ppi qualchidunu di lu sò casatu?
Sbagghiu c'è! Ca comu dissi Toti
"Nun scanciamu 'i sauri ccu l'opi!"
Diu ni sarva da li sparrittera
ca ccu la lingua sempri sciuta fora
fanu usu di mala parola
ppi tagghiari di bruttu li cristiana.
Canusciu 'na "signura" a lu Zicchinu,
beddu spicchiu d'agghiu, t'assicuru;
l'hai prisenti 'na vutti di vinu
granni chiussai d'un cantaranu?
Laria, malafatta, strinchillata,
mischina veni a fari sirinata
a cu canusci 'a sò vita?
So' maritu, beddu, ca 'o spissu
cerca sordi e nun cuntu restu
ca si ti trovi a darici dinari
di sicuru tu... ti li pò scurdari.
Babba ma chiffà nun t'innaduni
ca cca' sutta propriu nun ci chiovi?
Bastava pigghiari giusti infurmazioni
ppi sapiri comu vuscu i me' dinari:
travagghiu onestu tuttu 'u jornu
sordi nun haju dumannatu a nuddu
vui nun putiti diri a stissa cosa
si sbagghiu signura vi chiedo scusa
ma sugnu 'ntò giustu e lu sapiti
e allura di mia chi vuliti???
Chi sunu 'sti petri ca tirati?
darreri 'e spaddi pirchì vili siti
e parrati si vuliti parrari
'ntà faccia, cchi vali di darreri?
Aria netta nun si scanta di trona
menu ca mai dda' tinta parola.
Armando Carruba

AUTUNNU di Armando Carruba

AUTUNNU



Nun t'abbiliari
si l'autunnu
camina lestu
ppi 'rapiri i porti
'o 'nvernu.
Nun chianciri
pirchì 'na pampina mori
o l'arvulu mustra
i vrazza asciutti
'o friddu celu.
Si talii 'a rama
vidi spuntari
autra vita
ca comu 'a nostra
è duluri e cuntintizza
... autunnu

Armando Carruba

VECCHIU di Armando Carruba

VECCHIU
Vecchiu ca talìi 'a vita senza 'nvidia
e camini arreri comu 'u curdaru
arricogghi 'u scantu d''n dumani
Ti riordi picciriddu,
carusu, omu filici e 'nnamuratu
maritu, e oggi sulu.
Ma è 'a vita ca ti pigghia 'a manu
e ti porta luntanu
nun ssì sulu
Riordi, passiuni, duluri, amuri
pinzeri dde' to' jorna
e ppi tutti 'a vita cuntinua
'U celu, 'u nostru celu azzurru
ca da' lustru 'a matinata
pigghialu e mettilu 'n sacchetta
Campa tranquillu vecchiu.
Armando Carruba 

SICILIANANDO Armando Carruba

                                              Attori, Armando Carruba e Pippo Bianca

Varveri virdi e dutturi 'nvicchiatu
ti fanu salutìu e benn radutu

martedì 19 settembre 2017

C'ERA 'NA VOTA di Armando Carruba

C'ERA 'NA VOTA
C'era na vota na citati
cc'à virilla cchi cartullina!
beddi li casi, beddi li stradi
rireva già 'n prima matina


Qualcunu disse: che postu giustu!
ccu sta terra, stu celu e stu mari
industrializzamula prestu
lu progressu ccà s'ha fari!


Lu campagnolo lassò lu zappuni
lu piscaturi, a mari la lenza!
e si misuru 'a travagghiari
grazii 'a littra di voscenza.


Nun si ciarava cchiu' aria fina
'u campagnolo ristò turbatu
'u dumannò puru a vossia
cca 'nto fetu c'era abituato


Lu piscaturi vitti lu mari
lordu ogni jornu ca passava
nun sapennu chi pisci pigghiari
a' 'nnustrja jiu ca nun la suffreva


Ppi stari vicini 'o travagghiu
lassaru 'u quarteri cartullina
ca 'nnuccenti mori mischineddu
cunnannatu ppi sempri a ruina


Stu benessiri ca 'n 'talianu
voli diri nautra cosa
si prisintò in modu stranu
ccu picca sordi ppi fari à spisa


C'ERA UNA VOLTA - C'era una volta una città, che a vederla che cartolina! belle le case, belle le strade, rideva già di primo mattino. Qualcuno disse: che posto giusto! con questa terra, questo cielo e questo mare... industralizziamola presto si deve qua progredire. Il campagnolo lasciò la zappa, il pescatore gettò a mare la sua lenza e si misero a lavorare grazie alla lettera di voscenza. Non si odorava più aria fina, il campagnolo ne rimase turbato, lo domandò a vossia che alla puzza c'era abituato. Il pescatore vide il mare sporco ogni giorno di più e non sapendo più che pesci prendere andò all'industria che non la soffriva. Per stare vicini al lavoro, lasciarono il quartiere cartolina... ed ora muore povero meschino, innocente condannato alla rovina. Questo benessere che in italiano vuol dire tutt'altra cosa, si presentò in modo strano, con pochi soldi per fare la spesa.