lunedì 31 ottobre 2016

ASPITTANNU 'I MURTICEDDI di Nzino Daniele

Je'di tantu tempu ca vegnu nta stu locu senza rripusari
E criritimi ca n'un c'è gnornu senza nciuri di purtari
Mentri ca caminu di cca e ddi dda
Vaiu taliannu viru unni riposunu sti murtisceddi ddu gnunati e mi pari ca cert'uni di tutti su scurdari
Si leggiunu nte lapidi dedichi srazza cori
Mi Vanu l'occhi nte buche' e n'un c'è mancu nciuri
Ma chiddi ca semu ancora nvita e putemu caminari quacchi cciuri jemiccillu a purtari
Arrifriscamula l'armuzza de morti nunn'ibbanunamu
Ca dopo stu ((sacrificiu)) cchiu' megghiu ni sintemu
Discemu ca li murtisceddi virunu tutticosi ogni mumentu
Ma nui ni cumpurtamu cu friddizza e scustamentu
Quantu straziu u jornu do distaccu
Rira chianti e tirati di capiddi
E appena passunu tri gghiorna ni scurdamu di iddi.
Ma nta ddu marmuru cu ddi scritti chini d'amuri chi vulemu fari capiri ca su sempri nte nosri cori?
O cci scrivemu tantu pi ...spaddari sciatu
E poi cu avutu avutu e ccu ha datu ha datu?
I muttisceddi Vanu rispittati
Macari ca n'un si cci va tutti li jurnati
Ma di tantu ntantu davanti a dda fotografia
Mittemiccillu nciuri ca l'armuzza bbiniritta
S'arricria
Matri,patri,figghi,parenti,ggiuvini o vicchiareddi
Tinemunnillu nta menti ca Vanu rrispittati tutti sti murtisceddi.
Nzinu Daniele

C'ERA 'NA VOTA di Armando Carruba

C'ERA 'NA VOTA
C'era na vota na citati
cc'à virilla cchi cartullina!
beddi li casi, beddi li stradi
rireva già 'n prima matina
Qualcunu disse: che postu giustu!
ccu sta terra, stu celu e stu mari
industrializzamula prestu
lu progressu ccà s'ha fari!
Lu campagnolo lassò lu zappuni
lu piscaturi, a mari la lenza!
e si misuru 'a travagghiari
grazii 'a littra di voscenza.
Nun si ciarava cchiu' aria fina
'u campagnolo ristò turbatu
'u dumannò puru a vossia
cca 'nto fetu c'era abituato
Lu piscaturi vitti lu mari
lordu ogni jornu ca passava
nun sapennu chi pisci pigghiari
a' 'nnustrja jiu ca nun la suffreva
Ppi stari vicini 'o travagghiu
lassaru 'u quarteri cartullina
ca 'nnuccenti mori mischineddu
cunnannatu ppi sempri a ruina
Stu benessiri ca 'n 'talianu
voli diri nautra cosa
si prisintò in modu stranu
ccu picca sordi ppi fari à spisa
C'ERA UNA VOLTA - C'era una volta una città, che a vederla che cartolina! belle le case, belle le strade, rideva già di primo mattino. Qualcuno disse: che posto giusto! con questa terra, questo cielo e questo mare... industralizziamola presto si deve qua progredire. Il campagnolo lasciò la zappa, il pescatore gettò a mare la sua lenza e si misero a lavorare grazie alla lettera di voscenza. Non si odorava più aria fina, il campagnolo ne rimase turbato, lo domandò a vossia che alla puzza c'era abituato. Il pescatore vide il mare sporco ogni giorno di più e non sapendo più che pesci prendere andò all'industria che non la soffriva. Per stare vicini al lavoro, lasciarono il quartiere cartolina... ed ora muore povero meschino, innocente condannato alla rovina. Questo benessere che in italiano vuol dire tutt'altra cosa, si presentò in modo strano, con pochi soldi per fare la spesa.

sabato 29 ottobre 2016

PINZERI di Armando Carruba



Scinni 'na lacrima
muta
ppe' murticeddi

'N ciuri
'ntà 'na tomba 
mori

'Na prjiera
ppi l'armuzza
l'abbrazza Diu

E ju...
vivu 'ntò tò cori
e nun moru mai!

Armando Carruba (29.10.2016)


SICILIANANDO - armando carruba -

IRISINNI ALL'AUTRU MUNNU
Andarsene all'altro mondo, morire.

IRI ALL'AUTRU MUNNU E TURNARI 
Andare all'altro mondo e ritornare, essere spacciato dai medici, arrivare in fin di vita e poi riprendersi e continuare a vivere.

ROBBA 'ILL'AUTRU MUNNU
Roba dell'altro mondo, cosa meravigliosa, mai vista e mai sentita; cosa storta e strana.

MANNARI ALL'AUTRU MUNNU
Mandare all'altro mondo, uccidere

CAMPARI ALL'AUTRU MUNNU
Vivere all'altro mondo, essere nelle nuvole; vivere senza guardarsi intorno, fuori dalla realtà.

MORIRI CCU' CODDU STORTU
Morire col collo torto, essere attaccato alle cose di questo mondo, morire con la testa rivolta indietro a guardare ciò che non si può portare all'altro mondo

venerdì 28 ottobre 2016

QUANNU AVIA LU CARRETTU di Alfio Naso

QUANNU AVEVA LU CARRETTU

Cc"u cavaddu e lu carrettu!,
li basetti a quadarara, (1)
picciutteddu, ancora schettu,
mi ni jeva a la Pidara.
Ppi lu pani vadagnari
ogni strata e ogni vanedda
mi minteva a vanniari:
"Favi, ciciri e buzzedda” !
Cuppulidda siciliana,
a vilanza ccu li pisi,
tutti 'i j orna d"a simana
fimmineddi attorrnu misi.
'Nta la strata d"u stazzuni (2)
scartiava forti 'a zzotta
ca, affacciata a lu balcuni,
m'aspittava 'na picciotta.
Ccu 'n surrisu ca 'ncantava
e l'ucchiuzzi ammaliaturi;
'n vasuneddu ci mannava,
ci diceva: " Scinni amuri! '
Li so baci appassiunati
e li duci so' palori
mi ristaru 'ntrinsicati
'nta lu funnu di lu cori.
E si spunna lu me pettu
ricurdannu 'a giuvintù,
lu cavaddu e lu carrettu
ca ormai non ci su' chiù.
Nta 'dda strata d"u stazzuni
non s'affaccia 'dda picciotta,
ristò mutu lu balcuni,
non si senti 'n corpu 'i zzotta. 

Alfio Naso

1) alla quadarara: tipo di basette caratteristiche dei carrettieri, che si allargano fin sopra gli zigomi

QUANDO AVEVO IL CARRETTO
Con il cavallo ed il carretto,
le basette "alla quadarara",
giovanotto, ancora scapolo,
me ne andavo a Pedara.
Per guadagnare  il pane,
in ogni strada, in ogni vicolo
mi mettevo a gridare:
"Fave, ceci e piselli! '
La berretta siciliana,
la bilancia con i pesi,
tutti i giorni della settimana
donzellette messe.attorno
Nella strada dello "stazzone" (2)
davo forte con la frusta,
che affacciata ad un balcone
mi aspettava una fanciulla.
Col sorriso che incantava
e con occhi ammaliatori;
un bacetto le mandavo e dicevo:
"Scendi amore!"
I suoi baci appassionati
e le dolci sue parole
son rimasti incastonati
nel profondo del mio cuore.
E si sfonda ancora il petto
pensando alla mia gioventù,
al cavallo ed al carretto
che ormai non ci son più.
Nella strada dello "stazzone"
non s'affaccia la fanciulla,
ora è muto quel balcone,
non si sente più la frusta.

2) stazzone: fabbrica di terrecotte e lavorazioni d'argilla con slargo 

CORI D'EMIGRANTI di Alfio Naso

CORI D'EMIGRANTI

Quann'è ca ti lassai, Sicilia mia,
ppi jraminni fora a travagghiari
mi supraniau la malincunia:
lu cori mi lu 'ntisi scamuzzari
A l'èstiru, parrannu ccu crianza,
iù ni suffreva ammenzu li francisi,
ma supratuttu ppi la luntananza
e ppi lu suli di lu me' paisi
'Njornu ca mi pigghiò la nustalgia
e a la stranìa cchiù non vosi stari
pigghiai lu trenu di la firruvia
e a lu paísi vosi riturnari
Quannu arrivai a lu strittu di Missina
e la me' terra iù potti ammirari
li lacrimi scinnevunu a lavina
e ppi la gioia cuminciai a cantari
Terra ca ccà nascii e ccà ha' crisciutu,
terra d'aranci e di li mannarini,
ti vogghiu beni e tornu arrisulutu
ca ccà iù vogghiu fari la me' fini.

Alfio Naso

BELPASSO di Saverio Malgioglio

BELPASSO

Belpassu 'n paiseddu di muntagna,
riccu di uliveti e bastarduna;
li turruncini sù 'na cuccagna
mentri l'aria ca c'è saluti duna.

La villa ca pussedi è cosa magna
e Santa luciuzza è la patruna;
pi figghi dotti di nuddu si spagna
e pi biddizzi porta la curuna.

Piccatu ca d'invernu specialmenti
quannu su l'ottu pari menzannotti
pirchè si vidi 'n giru poca genti.

Siddu turnassi, di jurnu o di notti,
Ninu Martogliu ca fu 'na gran menti,
ristassi e si scurdassi di li morti.

di Saverio Malgioglio

LA FORESTERIA da TRAVAGGHIAVUMU A SINCHITI - Armando Carruba -

LA FORESTERIA
Negli anni sessanta è stato prodotto un film che fotografava, col 65% di verità, il fenomeno industriale nel siracusano di quegli anni, si trattava della pellicola “I Fidanzati” per la regia di Ermanno Olmi, che utilizzando attori sconosciuti e forze locali, narrava di un operaio specializzato del nord catapultato nella nostra realtà con la prospettiva di un buon avanzamento di carriera e quindi un’occasione da sfruttare per la futura vita sentimentale in odor di matrimonio.
Non sto a raccontare il film, senz’altro da vedere dato che propone uno squarcio di vita vissuta che ci appartiene, di tanto in tanto la Tv nazionale ne propone la replica, ma per sottolineare l’importanza che aveva in quegli anni questo stabilimento per l’economia del territorio.
La Foresteria ha scandito nel tempo un proporsi della classe impiegatizia nei confronti di quella operaia, e la sua chiusura coincide con l’abbattimento di quelle barriere cariche d’ipocrisia.
La Foresteria era un edificio con camere affittate a prezzi convenientissimi ad impiegati dipendenti, con l’obbligo di non ricevere nessun estraneo; era anche munita di ristorante riservato soltanto agli impiegati, in seguito questo veto fu tolto e anche se la Foresteria non funzionava più da pensione, al salone ristorante potevano accedere tutti i dipendenti e ospiti autorizzati.
Oggi tra i tanti ricordi che questa struttura si porta dietro, quello riferito al film I Fidanzati è sicuramente il più singolare.
In una sequenza del film si vedono un gruppo d’impiegati uscire dalla Foresteria e salire su un pullman per recarsi al lavoro.
Durante il tragitto, il buon Rizzato, presidente all’epoca del Dopolavoro e attore per caso, dice la sciagurata battuta imposta dal copione: “Questi siciliani per risparmiare mangiano pane e limone!” Apriti cielo e sprofondati terra! Il signor Rizzato, polentone puro, per almeno una settimana non uscì il naso dalla Foresteria.

SICILIANANDO - armando carruba -

Amuri... amuri chi m'ha fattu fari??? Mi maritai picciottu picciottu e si ci penzu a chianciri mi mettu...
AMURI E GELUSIA
Amuri e gilusia, su' sempri 'n cumpagnia
L'omu gilusu mori curnutu
A gelusia havi a vista comu u binoculu
'A gilusia è la càmula di l'amuri
Se nun ci fussi la gelusia, l'amuri nun campirìa
Si vòi 'n omu fari scimuniri, fallu 'ngilusiri...

giovedì 27 ottobre 2016

SICILIANANDO - armando carruba -


L'AUTRU MUNNU
L'autru munnu, ppi comu si dici, é chiamatu "'u munnu ddà virità"; nenti falsitùdini, nenti minzogni, nenti superbia davanti a Diu e all'ànciuli e 'e Santi. Puru chiddi ca su' cche' diavuli sunnu davanti à virità, cunnannati di Diu, amar'a iddi, cunnannati pill'eternità
L'ALTRO MONDO
L'altro mondo, stando al modo di dire, è chiamato "il mondo della verità"; niente falsità, niente menzogne, niente superbia davanti a Dio e agli angeli e ai Santi. Pure coloro che si trovano coi diavoli sono davanti alla verità, condannati da Dio, sventurati loro, condannati per l'eternità.

mercoledì 26 ottobre 2016

FESTA DEI MORTI - armando carruba -

La FESTA DEI MORTI 
(A scuola le maestre ci riprendevano, non essendo siciliane, che quello era il giorno per la commemorazione dei defunti e non festa (?) ) desidero farvi partecipi delle tradizioni di una volta. La preghiera in dialetto che segue, è rivolta direttamente a Dio ed era per ottenere il trapasso rapido di un morente la cui agonia si prolungava troppo tra insopportabili sofferenze.
Patri nostru di lu bunnaru,
ni purtà lu bon sirvinu
lu battisimu nni la frunti
di lu patri spirduali.
Amma a muriri
e amma a passari sutta un ponti.
Amma a 'ncuntrari lu nostru nimicu,
quantu è ladia la sò figura,
fa scantari la criatura.
Vatinni, brutta bestia!
Ca centu cruci mi fici i tia
lu jùarnu di la Virgini Maria.
Ia li dissi,
e Diu li scrissi.
Ni la manu manca
la cannila santa.
Ni la manu dritta
la cannila biniditta.
Pùartu lu gigliu di lu cubbuluni
pùartu lu nomu di nùastru Signuri
Padre nostro della buona ora/ ci diede il buonservito/ il battesimo sulla fronte/ del padre spirituale/ Dobbiamo morire/ e dobbiamo passare sotto un ponte/dobbiamo incontrare il nostro nemico/ Com'è brutta la sua figura/ fa spaventare la creatura/ Vattene brutta bestia/ perchè cento croci ho fatto per te/ nel giorno della Vergine Maria/ Io le dissi/ Dio le scrisse./ Nella mano sinistra/ la candela santa/ Nella mano destra/ la candela benedetta/ Porto il giglio del cupolone/ porto il nome di nostro Signore

SICILIANANDO - armando carruba -


Suli di vitru,
aria di fissura
pòrtunu l'omu
à sipirtura

Sole di vetro,
aria di fessura
portano l'uomo
alla sepoltura

martedì 25 ottobre 2016

I CHIAVI DDO' PARADISU - popolare -


C'era un vécchiu chi sapeva uni si truvavanu i chiavi ddo' paradisu. Iddu 'u sapeva, ma a nuddu cci 'u diceva; e... ancora nun l'aveva circatu, prchì

                                         "Longa è 'a strata
                                          pitrusu 'u camminu!"

Tanti 'u vulévanu sapiri e cci dumannàvanu, ma a nuddu iddu ci 'u diceva, a tutti iddu rispunneva ch'era un gran sigretu scrittu 'ntò libbru ddo' cincucentu; e poi turnava a diri:

                                         "longa è 'a strata
                                          pitrusu 'u camminu!"

A lettu di morti cci jivu a cunfissàrilu un patri cappuccinu e cci vòsi dumannari s0era veru chi sapeva unni si tròvanu i chiavi ddo' paradisu.
- Mònaci e parrini studiati, pridicati e cantati missa, ma di 'nfernu e di paradisu picca e nenti ni sapiti. Sta scrittu 'ntò libbru ddo' cincucentu: "Sa vi rinesci di pigghiari 'na ciucettula e di apriricci 'a 'ucca senza fàricci mali, cci truvati supra a lingua i chiavi ddu' paradisu!

- popolare -

LE CHIAVI DEL PARADISO

C'era un vecchio che sapeva dove si trovano le chiavi del paradiso. Lui lo sapeva, ma a nessuno glielo diceva: e... ancora non le aveva cercate, perché

                                         "Lunga è la strada
                                         sassoso il cammino!"

Molti volevano saperlo e gli domandavano, ma a nessuno lui glielo diceva, a tutti lui rispondeva ch'era un gran segreto scritto in un libro del cinquecento; e poi tornava a dire:

                                         "Lunga è la strada
                                         sassoso il cammino!"

A letto di morte si recò per confessarlo un padre cappuccino e gli volle domandare se era vero che sapesse dove si travavano le chiavi del paradiso.
- Monaci e preti studiate, predicate e celebrate messa, ma di inferno e paradiso poco o nulla sapete. Sta scritto in un libro del cinquecento: "Se vi riesce di prendere una lucertola e di aprirle la bocca senza farle male, vi troverete sulla lingua le chiavi del paradiso!"  

lunedì 24 ottobre 2016

SICILIANANDO - Armando Carruba -


AGGHIUTTIRISI MACARI LU FUMU DI LA LAMPA
Inghiottire anche il fumo della lucerna

panza sfunnata...

CANTO POPOLARE


Palumma ca camini mari mari
fermati quantu ti dicu ddu' paroli:
Fatti scippari 'na pinna di s'ali
quantu scrivu 'na littra a lu me' amuri

Li littri li scrivu a tri e dui
risposta di tia nun haju mai
o ca si finiu 'a carta ppi vui
o puramenti scriviri nun sai

POPOLARE


domenica 23 ottobre 2016

SIRA di Armando Carruba


SIRA

Mentri respiru amuri,
tra 'u ciuciuliari ddo' mari
e martiddiari di cori,
si va pittannu
'u celu.

Mentri accarizzu
riordi 'i jurnata
aspettu cuntentu
ca veni ccu mia

Mentri ccu ducizza
ballanu l'unni
'o calari dda' sira
penzu a Tia...


Armando Carruba

BUONA DOMENICA Armando Carruba

Carissimi amici, che cosa non vi debbo raccontare!!! Stamatina haju 'sciutu ccu' me' figghiu, naturalmente tappa d'obbligo o café ma non ppi pigghiari 'u café NOOOOOO ma ppi vidiri su c'era a minnulata che biella minnuloli! C'era c'era mizzica e comu C'ERA e siccome l'estate finiu, prima ca finisce la produzione, doppia razione. Dopodichè, hamu fattu shopping ca nun sacciu chi significa ma oggi come oggi che non è ieri come ieri, si paja col BANCOMAT scalanu i sordi ma tu nun ti n'adduni complitamenti e sei felice di tutto quello che hai accattato! Dopodichè pranzo della domenica (ccu cosi boni comu si usava 'na vota 'ntè famigghi) e alle 15 davalti il TV ni vistimu dda' partita lì... quale? comu quali? quella dell'Inter... Nun mi ni parrari .. ohu chi mala cumparsa, si dice non c'è due senza tre e difatti è la terza volta che perdono e ppi ghiunta l'allenatore ca nun sapi parrari italiano voli spiegare la sconfitta in italiano!!! Ma statti mutu ca nun perdi l'occasione. Comunque sia dopo che per la sconfitta m'haju vivutu 3 litri di coca cola ora videmu a Roma nun fa la stupida stasera vidi ca u Palermu punti ha far ... Beh BONASIRA A TUTTI e quannu vi jiiti a curcari stutati a luci ca a bulletta curri....

SICILIANANDO - Armando Carruba -


A URA 'I JADDU MUNCIRI
All'ora di mungere il gallo!

Praticamente è l'ura di cu si susi tardu o fa cosi sbagghiati oppuru 'o comudu so'!

venerdì 21 ottobre 2016

VECCHIU di Armando Carruba

VECCHIU

Vecchiu ca talìi 'a vita senza 'nvidia
e camini arreri comu 'u curdaru
arricogghi 'u scantu d''n dumani

Ti riordi picciriddu,
carusu, omu filici e 'nnamuratu
maritu, e oggi sulu.

Ma è 'a vita ca ti pigghia 'a manu
e ti porta luntanu
nun ssì sulu

Riordi, passiuni, duluri, amuri
pinzeri dde' to' jorna
e ppi tutti 'a vita cuntinua

'U celu, 'u nostru celu azzurru
ca da' lustru 'a matinata
pigghialu e mettilu 'n sacchetta

Campa tranquillu vecchiu.


Armando Carruba (29.5.2025)

giovedì 20 ottobre 2016

SICILIANANDO - Armando Carruba -


CCU HAVI 'U COMUDU SO' E NUN SU PIGGHIA, ATTACCALU A MANCIATURA E DACCI PAGGHIA!

ccu' havi 'a cugnintura e nun si 'nni servi, nun trova cunfissuri ca' l'assorvi
Chi ha l'occasione e non ne approfitta, non trova confessone che l'assolva (quindi resta a mangiare nella sua mangiatoia misera) 

mercoledì 19 ottobre 2016

SICILIANANDO - Armando Carruba -


CCU' HAVI PENA DI LI CARNI DI L'AUTRI, CHIDDI SOI SI LI MANCIANU LI CANI
Chi ha pena della carne degli altri, quella sua se la mangiano i cani

Si dici macari: "Lu Signuri prima pinzò e poi si fici a varba"...

martedì 18 ottobre 2016

SITI D'AMURI - Armando Carruba -


 

Nun ti vogghiu scurdari
facciuzza bedda...
T'aspetto sempri ccà,
'nté me' jorna vacanti,
assittatu 'o scaluni
ddo' tempu passatu.
'Ntè me' pinzeri,
'nté dde' riordi ,
ppi cogghiri 'u ciauru
da tò  ducizza.
Nun tti nni jiri,
resta ccu mia
pp'ascutari...
'u silenziu dda' notti

Armando Carruba (18.10.2016)

Ppi Arturu Missina di Armando Carruba


'U giurnali si zittìu,
'u jornu 'i San Antoniu,
e ristammu alluccuti
circannu 'i capiri
'a raggiuni ddà  morti.

Ah prufissuri Missina!
A calata da  tila
lassasti urfaneddi
tanti e tanti figghi
'i 'sta bedda Sarausa.

Cu pitta ora paggini
'i  tiatru e puisia,
dialettu e canzuni,
cu 'na parola bona
ca fa cuntentu 'u cori?

Cu riala prufissuri,
un munnu 'i paroli 
sulu dialettali
pp'aviri 'u piaciri
di 'ssiri siciliani?

Ni ristò 'a grammatica
ca parra di tìa
'ntà 'sta tarantella
'i lingua siciliana
ca nun mori mai.

Ni ristò 'u riordu
di tia, omu onestu
ca rialò sapiri
'mparannu a tanti
dignità 'i vita.

E cuntinui 'a tò strata
'ntà Fidi ddo' Signuri
ca 'u tiatru é scena
'a vita nautra cosa
e 'a notti assicuta 'u jornu

Armando Carruba


PER ARTURO MESSINA - Il giornale si zittì/ il giorno di San Antonio/ e restammo sbalorditi/  cercando di capiri/ la ragione della morte/ Ah professore Messina/ alla chiusura del sipario/ lasciasti orfani/ tanti e tanti figli/ di questa bella Siracusa/ Chi dipinge adesso pagine/ di teatro e poesia/ dialetto e canzoni/ con una buona parola/ che fa contento il cuore/ Chi regala professore/ un mondo di parole/ solo dialettali/ per avere il piacere/ d'essere siciliani/ E' rimasta la grammatica/ che parla di te/ in questa tarantella/ di lingua siciliana/ che non muore mai/ E' rimasto il ricordo/ di te, uomo onesto/ che regalò cultura/ insegnando a tanti (in dialetto siciliano 'nsignari sta per imparare e viceversa)/ dignità di vita/ E continui la tua strada/ nella Fede del Signore/perchè il teatro è scena/ e la vita un'altra cosa/ e la notte caccia il giorno. 















SICILIANANDO - Armando Carruba -


SERVIRI A UNU DI VARBA E DI MUSTAZZU
Servire qualcuno di barba e baffi

Voli diri ... cumminari a qualcunu un saccu di vai o cosi storti. Comu ppi diri "Serviri a unu dda' parti dda' coscia" o "Fari liccari i jirita a unu" tutti cosi boni ma ditti ccu' 'ntinzioni cuntraria....

lunedì 17 ottobre 2016

SICILIANANDO - Armando Carruba -


QUANNU VANU A 'MMARI LI BAGASCI SICCA LU MARI E MORUNU LI PISCI
Quando vanno a mare le bagasce secca il mare e muoiono i pesci

Sti paroli ppò fattu ca i marinara nun hanu vulutu mai fimmini a bordu pirchì nasciunu i scerri.  

domenica 16 ottobre 2016

CUNTINTIZZA di Armando Carruba




'A cuntintizza è 'n nenti,
'n ciusciuni 'i ventu
leggiu e cauru...
ca ti tucculìa 'ntà l'arma,
quannu l'ha persa.
Havi l'occhi dill'amuri
a carizza i 'na notti
c'annaca i to' pinzeri.
Cuntintizza nun si vidi
ma c'è, quannu c'è,
lassannu 'u postu
o' ciatu ill'arma,
ppi cantari cco' cori
'na paggina 'i vita
ca tu m'arrialasti

Armando Carruba (16.X.2016)

sabato 15 ottobre 2016

PENSIERI Armando Carruba


I miei pensieri
volano
col fumo della sigaretta
tornano
quando il buio
è più della notte
I miei pensieri
ribelli
non muiono mai

Armando Carruba

CUCINA SICILIANA - Armando Carruba -


RISOTTU CCA' SASIZZA
         (piattu ùnicu)

'Ngredienti ppi 4 cristiani:
* 350 gr di risu
* 500 gr di sasizza
* 'nu spicchiu d'agghiu
* menza cipudda
* 300 gr di funci
* menzu bicchieri di vinu jancu
* brodu di dado o di carni
* ògghiu q.b.

Suffrìjri 'ntà 'na cazzalora àgghiu e cipudda tritati, jùncìricci funci e sasizza; sfumari cco' vinu; jùnciri 'u risu e còciri cu brodu. All'ultimu, cù focu 'stutatu, méttiri 4 cucchiarati 'i parmigianu 'rattatu, 'rriminari e poi sérviri.

RISOTTO CON SALSICCIA
          (piatto unico)

Ingredienti per 4 persone:

* 350 gr di riso
* 500 gr di salsiccia
* uno spicchio d'aglio
* mezza cipolla
* 300 gr di funghi
* mezzo bicchiere di vino bianco
* brodo di dado o di carne
* olio q.b.

Soffriggere in una casseruola aglio e cipolla tritati, aggiungervi funghi e salsiccia; sfumare col vino; aggiungere il riso e cuocere col brodo. All'ultimo, a fuoco spento, spolverare 4 cucchiaiate di parmigiano grattugiato, rimestare e poi servire.

venerdì 14 ottobre 2016

NUN TI LASSU SARAUSA di Armando Carruba

Sarausa mia, scogghiu anticu
ca li me' sonni teni 'nta 'n casciolu,
nun diri a lu ventu ca, di nicu,
avissi pigghiatu 'u trenu a volu.
Pi jiri unni, poi, m''u sai diri?
a travagghiari luntanu a' stranìa,
e cu lu cori sempri a suffriri
cuntannu peni, pinzannu a tia...
Megghiu pani duru a la me' casa
'nta 'sta citati ca mi vitti nicu;
megghiu vasuna di la me' carusa
ca stari sutta 'n celu nimicu.
E si 'n jiornu mi vinni 'stu pinzeru,
di partiri pi unni veni veni,
trascuranza nun fu, a diri 'u veru,
pirchì haju a tia 'nt''e me' vini.
Ti amu, duci, bedda Sarausa,
mi piaci lu to' celu, lu to' mari,
lu portu, Ortigia e ogni cosa,
pirchì si' rara, ca ti fai talìari.
Ma si distinu vo' ca n'hamu a jiri
purtannu lu ciauru di sta terra,
lu dìsiu è chiddu di turnari,
pirchì nun c'è città ca t'assumigghia.

NON TI LASCIO, SIRACUSA - Siracusa mia, scoglio anrico, che i miei sogni tieni in un cassetto, non dire al vento che da giovane avrei preso un treno a volo! Per andare dove, dimmelo? a lavorare lontano, in terra straniera, con la sofferenza in cuore, a raccontarmi le mie pene pensandoti. Meglio pane duro a casa mia, in questa città che mi ha visto piccolo; meglio baci della mia ragazza che stare sotto un cielo nemico. E se un giorno mi è venuto il pensiero di partire, non fu per farti offesa, per andare dove capita capita, perchè ti ho nelle mie vene. Ti amo, dolce e bella Siracusa, mi piace il tuo cielo, il tuo mare, il porto, Ortigia e ogni cosa, perchè sei bella, tanto che ti fai guardare. Ma se il destino vuole che dobbiamo partire, portandoci l'odore di questa terra, il desiderio è quello di ritornare perchè non c'è città che ti somigli.

CUCINA SICILIANA Armando Carruba

SPAGHETTI CCO' MUCCU (O CCA NUNNATA)

Ingredienti per 4 persone:
300 grammi di muccu (per la zona di Siracusa o 'nunnata per altre; si tratta del neonato o novellame di pesce) 400 grammi di spaghetti, 4 pomodori semi-maturi, due spicchi d'aglio, 1/2 bicchiere di vino bianco, sale, pepe, olio d'oliva extravergine, un mazzetto di prezzemolo.


Procedimento:
Sbollentate i pomodori, quindi spellateli, togliete i semi e tritateli finemente. Mettete una padella con olio, fate soffriggere l'aglio senza farlo imbiondire e toglietelo prima di aggiungere il pomodoro tritato che terrete a fuoco vivo per 5 minuti circa. A questo punto potrete buttarvi la neonata o muccu che dir si voglia, ma state attenti a non mescolare. Per evitare che si riduca in poltiglia, fatela cuocere da sola. Dopo 5 minuti circa, innaffiate con il 1/2 bicchiere di vino, lasciate evaporare e togliete dal fuoco. Nel frattempo avrete cotto gli spaghetti al dente e con un mestolo della loro acqua di cottura, allungate la salsa di neonato e aggiungete sale e pepe. Scolate bene gli spaghetti e rimetteteli immediatamente in pentola aggiungendo un cucchiaio di olio crudo. Condite con la salsa di neonato, mescolate delicatamente e spruzzate con abbondante prezzemolo tritato. 

CUCINA SICILIANA

TONNO ALLA SIRACUSANA

Ingredienti per 6 persone:
700 grammi di tonno in un solo pezzo, aglio, chiodi di garofano, piccoli grani di cardamomo, una grossa cipolla, 300 grammi di polpa di pomodoro, 3 di brodo di dado, olio extra vergine d'oliva, mezzo bicchiere d'aceto, origano, sale, pepe.

Procedimento:
Lavate e asciugate il tonno, praticatevi dei taglietti con un coltellino a punta e inserite alcuni pezzetti d'agliom qualche chiodo di garofano e grani di cardamomo. Fate appassire la cipolla in una casseruola di coccio, con 4 cucchiaini di olio; aggiungete il tonno, la polpa di pomodoro, salate, mettete il coperchio e cuocete a fuoco moderato per una ventina di minuti, voltando il tonno delicatamente almeno una volta.
Versate l'aceto, aromatizzate con origano, date una ricca macinata di pepe e, se serve, regolate di sale; cuocete ancora per circa 20 minuti a fuoco moderato. Fate raffreddare e servite il tonno a fette.

CUCINA SICILIANA Armando Carruba

BAVETTE AL PESTO DI BROCCOLI SICILIANI

Ingredianti per 4 persone - 400 grammi di pasta tipo bavette, 500 grammi di broccoli siciliani; 1 cucchiaio pinoli; 1 spicchio aglio; 4 cucchiai formaggio pecorino grattuggiato; 1 cucchiaino di ricotta schianta; olio d'oliva extra-vergine; sale.

Procedimento - Lessare al dente i broccoli. In un mixer metterne 3/4 con aglio, pinoli, ricotta e frullare facendo scendere l'olio a filo fino ad ottenere una crema. In una ciotola amalgamare al pesto il pecorino. Cuocere la pasta nell'acqua di cottura dei broccoli, (ed usarne due cucchiaiate per diluirne il pesto) e condirla con il pesto.

giovedì 13 ottobre 2016

DONNA di Armando Carruba


La tua anima, donna,
è arida
come la solitudine
del deserto.

I tuoi pensieri
come granelli di sabbia
mutano
al vento dei ricordi

E come clessidra
conti quei granelli
che tristemente la sera
toccano il tuo cuore.

Armando Carruba (13.10.2016)






mercoledì 12 ottobre 2016

VECCHIU Armando Carruba

VECCHIU

Vecchiu ca talìi 'a vita senza 'nvidia
e camini arreri comu 'u curdaru
arricogghi 'u scantu d''n dumani

Ti riordi picciriddu,
carusu, omu filici e 'nnamuratu
maritu, e oggi sulu.

Ma è 'a vita ca ti pigghia 'a manu
e ti porta luntanu
nun ssì sulu

Riordi, passiuni, duluri, amuri
pinzeri dde' to' jorna
e ppi tutti 'a vita cuntinua

'U celu, 'u nostru celu azzurru
ca da' lustru 'a matinata
pigghialu e mettilu 'n sacchetta

Campa tranquillu vecchiu.

Armando Carruba 


martedì 11 ottobre 2016

MI SENTO CHE NON MI SENTO... MI SENTO

Non so se a qualcuno di voi è mai capitato di sentirsi giù... non proprio giù giù ppi diri GIU' accussì, NOOO, un giù minuscolo che intanto ti fa stare giù. 
Quando capita a me, mi rifugio andando a guardare il mare, può anche sembrare una cosa stupida, ma trovo là quella forza necessaria per tirarmi sù e non essere più giù. Guardi il mare e a secondo di cosa ti è capitato, come un film ti scorre tutto davanti agli occhi e riesci a trovare la soluzione.
Sono andato a guardare, quello specchio d'acqua e - incredibile ma vero - per un istante ho rivisto le barche e lui 'u Zu Natali ca sbattuliannu a' lanna diceva "SORDI... SORDI... AVANTI SORDI" Un attimo e poi tutto s'è dissolto, io sono tornato sù e il mare ha assunto quel tremolìo multicolore che solo il mare d'ortigia ha.
Non ho risolto il problema, che tale purtroppo resta, ma mi son tirato un pò su... e vi pari nenti?
Buon inizio di serata amici

PENSIERINO DELLA SERA

Pensierino della sera:
La vita è fatta di giorni che non significano niente e di momenti che significano tutto.

lunedì 10 ottobre 2016

SICILIANANDO - Armando Carruba -



BONU VINU SENZA VIULINU
Buon vino senza credito

Sta scritta si truvava 'ntè cantini comu chidda "Oggi si paga domani no". "A viulinu" voli diri accattari o vinniri a rati. 'A parola nasci ddo' muvimentu di va e veni ca fa l'archettu ddo' strumentu.

BUON INIZIO DI SETTIMANA !



Carissimi amici, che cosa non vi devo raccontare!!! Stamattina, di prima mattina (alle 10 meno 10) mi sono preso un caffè chic! Che marca? ma quale marca??? Avevo desiderio come tutti voi di caffé del mattino, ma anche di berlo sulla spiaggia e sentire il rumore del mare e l'odore della salsedine mescolarsi al ciauru irresistibile del caffè! Non potendo andare sulla spiaggia a fare il caffè ho portato la spiaggia in casa! Sissignori!!! Mi sono fatto il caffè, e nel mentre lo stavo poggiando sulle labbra... mi sono portato all'orecchio la conchiglia presa a Monterosso al Mare, mio paese natìo... Non vi conto e non vi dico! il ciauro del caffè e lo scruscio del mare ligure di Monterosso al Mare mi ha portato - con la fantasia - sul monte Bianco!!! Buon inizio di settimana a tutti 

domenica 9 ottobre 2016

PINZERU NICU NICU DDA' SIRA Armando Carruba

PINZERU NICU NICU DDA' SIRA

'A vita è comu nu specchiu: t'arriri sa talii ccu 'na risata!

SAN CONO (CT) Sagra ddo' bastarduni - Armando Carruba -


Uno dei momenti di maggior importanza per il paese di San Cono è rappresentato dalla Sagra del ficodindia, che dal 1984 celebra nel mese di ottobre la bellezza del frutto tipico sanconese il "bastardone".
La ficondindicoltura è ormai diventata l'attività economica di punta, tanto cvhe San Cono è oggi definito come la "capitale del ficodindia".
Durante la sagra il visitatore ha la possibilità di visitare i diversi stand e di gustare tante pietanze a base di ficodindia. Imoltre grandi e bambini possono ammirare gli spettacoli della banda e dei gruppi musicali e partecipare a convegni, partite di calcio, percorsi naturalistici in mountain bike.
Chi ha voglia di fare una passeggiata per il paese potrà ammirare Chiesa San Cono, Palazzo Trigona, Chiesa matrice e il monumento dei caduti.

A VOLTE di Armando Carruba

A volte
A volte
ricordo le nostre corse
sull`erba umida
e nel fiume
dove bagnavamo le nostre labbra
prima di baciarci.
A volte
risento il brusìo
delle tue parole
che cadono
come granelli di sabbia
e lasciano in bocca
l`amaro
di una sigaretta fumata.


Armando Carruba

sabato 8 ottobre 2016

SICILIANANDO - Armando Carruba -


FARI LA CUCCHIAREDDA
Fare il cucchiaino

Cuminciari a chianciri. E' dda manera che i picciriddi (ma macari i 'ranni) cche' labbruzzi e a vuccuzza  mettunu prima i chianciri

SONO RAGAZZI di Armando Carruba


Che cosa non vi debbo raccontare!!! L'autobus era già pieno. Ad una certa fermata nugoli di raggazzine e ragazzini che erano appena usciti dalla scuola assaltano l'autobus, combattono, lo conquistano e lo presidiano per tutto il tragitto. Siamo pigiati come le anciove nel batalocco non so se mi spieco o mi rendo infelice. Molti hanno questi zainetti dietro le spalle pieni di libri e vocabolari. Tra le accelerazioni e decelerazioni più o meno improvvise e tra curve a destra e sinistra più o meno prese "dolcemente", viaggiare in queste condizioni, senza avere un appiglio sul quale reggersi, fra un "'ncugnuni" e sghignazzate è una pena. Io ci sono capitato. Una ragazzina longa quantu a mia, piazzata davanti a me, masticava la "cigomma". La masticava con un ritmo frenetico, con decisione, con convinzione. La masticava a bocca aperta... Non ho resistito e ci dissi: "Almeno mastica a bocca chiusa!" Naturalmente c'è rimasta male, s'è offesa e s'è girata subito dall'altra parte e, voltandosi le spalle, con un colpo di zaino m'assistimò!

venerdì 7 ottobre 2016

PENSIERINO DELLA SERA di Armando Carruba


Pinzeru nicu nicu dda' sira:

L'amici sunu comu 'i stiddi: nun 'i vidi sempri ma sai ca ci sunu. . .

Pensierino della sera:

Gli amici sono come le STELLE : non li vedi sempre, ma sai che esistono