giovedì 31 dicembre 2015

L'ELASTICO, I SALTI DEI TRE GIOCATORI di Armando Carruba


L'importante nel gioco dell'elastico, è soprattutto la lunghezza che deve essere di almeno 2 metri, altrimenti non c'è gusto. Le due estremità dell'elastico vengono annodate per formare un lungo anello. Si inizia con l'elastico teso alle caviglie di due bambini (i giocatori devono essere almeno tre) mentre il terzo inizia a saltare eseguendo una routine di passi prestabiliti al centro dell'elastico. Il bimbo continua a saltare finchè non sbaglia. Completata la prima serie di salti all'altezza delle caviglie, si aumenta la difficoltà ripetendo i passi ad altezza ginocchia e poi cosce. Si passa poi l'elastico a livello ascelle ed infine lo si tiene fermo a mani alzate. Finita l'intera sequenza si passa alla coreografia successiva ripartendo dalle caviglie. I salti si fanno a piedi uniti, alternati, saltando di fronte alla corda o di lato, entrando nell'elastico, incrociandolo, saltando fuori e via.

MOSCA CIECA di Armando Carruba


L'occorrente per giocare a mosca cieca, un foulard o un fazzoletto grande abbastanza da poter bendare un giocatore. Si può giocare all'aperto delimitando un campo il più possibile senza ostacoli, oppure in casa in una stanza poco arredata. Il giocatore bendato, viene fatto girare su se stesso un paio di volte perchè perda il senso dell'orientamento. Poi la mosca cieca deve cercare d'acchiappare uno degli amici, che gli stanno intorno parlando o cantando o sfiorandolo, per dargli indizi su dove cercare. Se i giocatori sono molti si può anche provare la divertente variante con due mosche cieche. Nella variante più comune, se la mosca tocca un giocatore, quest'ultimo prende il suo posto. Alcune varianti prevedono che la mosca debba riconoscere il giocatore catturato finchè la cattura abbia effetto.

TUPPETTU O STRUMMULA di Armando Carruba


'U tuppettu o strummula, è sicuramenti simbolo dei jochi antichi siciliani.  Quella trottola nica, più delle volte costruita artigianelmente dai picciriddi. Scopo ddo' jocu era fari girari cchiù a lungo possibile 'u tuppettu e il perdente doveva spesso pagare il pegno. Tuttu era semplici: bastava disegnare due linee parallele con un gessetto o legnetto per delineare il campo e portarsi il proprio tuppettu. Questa trottola veniva fatta girare per mezzo di un cordino (a lazzata) che, prima avvolto attorno ad essa, veniva tirato via, con molta abilità, al momento del lancio della trottola stessa.  Ad inizio gioco si decideva il numero di "pizziate" che il perdente doveva subire. Il vincitore con la propria trottola "pizziava" colpiva, cioè, con la parte appuntita del gioco, la trottola dell'avversario. Spesso questi colpi, dati con il chiodo della trottola, distruggevano letteralmente il giocattolo del "appuzzatu".

mercoledì 30 dicembre 2015

L'ANNO STA FINENDO ...

- Carissimo compare sta finennu l'annu
- Ju ppi ssì e ppi no mi mettu un paru i mutanni russi !!!
- Ppi mia nun ci nn'è bisognu...
- Porquoi?
- Comu???
- Vicino Milano.. perchè?
- M'abbasta estratto conto ... cchiù russu daccussì !!!

CARO AMICO TI SCRIVO...

Carissimi amici vi scrivo, per condividere questo pensiero pescato nel mare d'internet. A volte ad amici o presunti tali ci rendiamo disponibili al 200% per poi accorgerci amaramente che non ne valeva assolutamente la pena.
E' passato Natale e con piacere si sono strette mani che non si stringevano da tempo e altre volte, con tutte le ragioni di questo mondo, malgrado la nostra mano tesa viene cortesemente respinta.
Ecco che dobbiamo imparare a donare il silenzio a chi non desidera le nostre parole e aggiungerei NON LI MERITA e la nostra assenza a chi non merita la nostra presenza... ognuno pascoli nel suo mondo illudendosi d'essere quello che non è e che non sarà mai...

Sempre: Acqua davanti, ventu darreri e sapuni mmenzu 'e peri... 

BUONA CONTINUAZIONE DI FESTIVITA'

NOTTI DI CAPUDANNU di Santo Grasso

“Notti di capudannu”
Comu ogni vota nni sta ricurrenza,
festa sintuta pi l’umanità,
c’è l’annu vecchiu prontu a la partenza
pi jirisinni o munnu ‘a virità.
Stu vicchiareddu veni assicutatu
puru s’ha statu bonu e ginirusu,
mischinu ‘un havi mancu n’avvucatu,
pi addifinnillu d’ogni tintu abusu;
misu a ‘na gnuni varda spavintatu,
nun s’addifenni, si ni resta mutu,
prima di fari parti du passatu,
s’aspetta almenu n’urtimu salutu.
Ma ‘nta sirata di fistiggiamenti
nuddu lu jisa all’aria lu biccheri
pi arricurdari i tanti avvinimenti
facènnu cu la menti un passu arreri.
Senza n’appellu veni giudicatu
culpevuli, e ‘ntu menzu da nuttata,
senza rimorsi vèni cruvicatu
cu ‘a sula cruci supra ‘na balata.
Evviva l’annu novu! Binvinutu!
Veni acclamatu di la genti in coru;
puru si è n’illustri scunusciutu,
porta ‘a spiranza carricata d’oru.
Stu picciriddu ca è fistiggiatu,
nun po mancu ‘i luntanu suspittari,
ca dopu un annu veni cunnannatu
cu ‘a pena capitali di scuntari!
Poviru figghiu, chi maligna sorti!
Ancora addèvu, havi priparata
la fossa,. cu la data di la morti
e ignota cruci supra la balata!
tribàLe

martedì 29 dicembre 2015

JANU 'U SCERIFFU

Dal yebb (si dici accussì?) apprendo della dipartita di Janu 'u sceriffu, mitico personaggio sarausanu. 
Lo ricordo da ragazzino 7/8 annuzzi, abitava in via Tripoli, si diceva che fosse stato venduto per 45 lire e uno scollo di pane!!! e sua madre o presunta tale ci nni dava lignati... ma lignati!!!
Sui 12/13 anni la mattina andava 'a Duana - mercato ortofruttifero all'ingrosso - 'e pantaneddi e ammuttava i carretti sino a puzzu ingigneri per poi tornare... carretti a mano per venditori di frutta e verdura.
Nei giochi aveva una forza incredibile tanto che credavamu avissi 'a cuda (almeno così si credeva quando uno aveva forza fuor del comune).
Poi il traffico, la stella di latta, la sua presenza, quello sguardo dolce d'eterno bambino.
Senza volerlo esserlo è stato ed è un personaggio siracusano.

lunedì 28 dicembre 2015

PENSIERINO DELLA SERA di Armando Carruba


Ci sunu tri cosi ca nun si ponu fari 'nta vita: Asciucari 'u mari, stutari 'u suli e nun vuliriti beni !


domenica 27 dicembre 2015

W LE FESTE NATALIZIE !




Buone Festività a tutti !

PINZERU NICU NICU DDA' SIRA - Armando Carruba -


                            'A famigghia è 'a casa ddò tò cori, nun ti tradisci mai

sabato 26 dicembre 2015

PENSIERINO DELLA SERA di Armando Carruba



PINZERU NICU NICU DDA' SIRA
Natali nun è ràpiri i riali ma ràpiri cori... ca si nun ci fussi 'u Bambineddu, Natali fussi sulu manciari, e auguri ca nun dicissunu nenti sutta risatini fausi...

venerdì 25 dicembre 2015

PENSIERINO DELLA SERA di Armando Carruba

PINZERU NICU NICU DDA' SIRA
Aviri 'n arvulu 'i natali a casa, è rinnirisi cuntu ca c'è qualcunu ca havi cchiù palli 'i tia...

giovedì 24 dicembre 2015

PENSIERINO DELLA SERA di Armando Carruba



PINZERU NICU NICU DDA' SIRA
Si nun arrinesci a truvari 'u Natali 'ntò tò cori, di sicuru nun 'u trovi sutta l'arvulu...

A U G U R I

Bungiorno amici e accussì muti muti siamo arrivati alla vigilia di Natale dove per prassi si fanno gli auguri, si stringe la mano e si dice convinti "Buon Natale a lei e famiglia"... Scherzo, sono per il Natale... perchè qualcuno dice: "N'hamu a vuliri bene tutto l'annu e nun sulu a Natale!" ed è vero! Però se Natale ... e sottolineo il se come diceva la canzone, rappresenta la pace, l'unione familiare etc etc ben venga Natale, questo momento di riflessione sperando poi che sulla scia del Natale questi buoni propositi durino tutto l'anno. 
Auguri a chi mi vuole bene, ed auguri a chi mi vuole male - cco' Signuri aiuta e 'a Madonna 'i 'ccumpagna a iddi e alla loro settima generazione (sono generoso). Auguri agli invidiosi - se l'invidia fussi vaddira fussimu tutti vaddarusi - auguri ai poeti a quelli veri e a quelli che vincono premi abbacchittati e poi sono dieci punti cchiù sutta ddo' sceccu!.... 
Auguri amici, e di cuore Emoticon heart pappiddavero e non quelli che si fanno "a lei e famiglia" ppi cumparsa eh???
Auguri a tutti di stare in salute ed essere felici ! AUGURI (e vulemuni bene sinu a quannu ci semu ....)


A U G U R I 

LA NOTTI DISIATA - popolare -

La notti disiata
chi nnascìu lu Verbu eternu
ccu la vista sua sagrata
timpirau lu friddu invernu.

E la terra pi' stupuri
fici frutti, frunni e ciuri.

Comu Diu si visti natu
fra 'na grutta a la campìa
ccu dui angeli a lu latu
ccu 'n'angelica armunìa
e cantàvanu in sua mìmoria
In eccelsi a Diu la gloria.

E lu poviru cacciaturi
'nta 'na grutta fici festa
e cci dissi - O miu Signuri,
chistu è tempu di timpesta.
Quattru aceddi vi purtaiu
e un cunigghiu bonu assai.

E poi ju lu curàtulu
e cci dissi - Gran Signuri,
mi cunsolu e mi congratulu
di 'sta bedda Criatura.
Un prisenti ju vi fazzu
'na ricotta e un tumazzu.-

E lu pòviru zammaturu
trasi e dici 'sta parola
- Matri santa e Figghiu caru
cumpatisci ca ssu' di fora.
Portu latti 'ntra la cisca
caciucavaddu e tumma frisca. -

Aduramu a Diu Bamminu
a Giuseppi e a Maria
e si mìsuru in camminu
pri li mànniri e la campìa.
Pricurannu allegramenti
di purtàricci lu prisenti.

E lu poviru lignaloru
ju e ci dissi - Maria digna,
pri ìstu figghiu spinni e mori,
n'haiu autri, busti e ligna.
Ccu 'stu tempu chi giungivu
fazzu vampa e m'arricriu.-

Ju 'u pasturi povireddu
pri adurari a lu patruni
fici un bonu mazzuneddu
di finocchi e di carduni
lagrimannu l'offirìu
- N'haiu autri, amatu Diu. -

E poi ju lu picuraru
ccu 'na pecura scannata
e cci dicìa - Bamminu caru,
'ssa to' grazia haiu ricivuta.
'Na pecura jù vi portu
n'haju autru pri cunfortu.-

Li crapuzzi e picureddi
sautàunu 'n zusu e 'n ghiusu
rosvighiàvanu l'aceddi
cu lu cantu priziusu.
Comu s'avissuru parlatu
di bon'ura chi era natu.

La purissima Maria,
binidissi a li pasturi
- Raddigràtivi, ci dicìa,
chi me' figghiu è tuttu amuri.
'Sti alligrizzi in sua mimoria
vi li renni a la sua gloria,-

Li pasturi spavintati
ch'a setturi cci 'gghiunnau
ccu gran fidi e caritati
cursi ognunu e l'adorau.
Natu 'n terra lu truvaru
e di Diu s'innamuranu.

E la povira viddanedda
chi vinìa di li muntagni
e purtava 'na cufinedda
di nuciddi e di castagni
porta cosi di picciriddi
puma, mènnuli e nuciddi.

Lu furnaru ccu alligrizza
trasi e dici - Diu umanatu
mentri sì 'ntra 'sta bassizza
ti offrisciu un mucciddatu
Ringraziànnuti, o Signuri
chi nasciti pri miu amuri.

-Ccu saluti a ia bon'ura
chi nasciu lu Redinturi
sacratissima Signura
comu afflittu cacciaturi
pri la mamma e pri lu figghiu
portu un lepru e un cunigghiu. -

Li pasturi fattu chistu,
ccu zampugni e ciarameddi,
in prisenza di Cristu
cuncirtavanu vuci beddi,
aduravanu a lu Messia,
a Giuseppi e a Maria.

Beniaminu arrispunniu
- Vaju e vju a lu pagghiaru
e ddà supra a lu jazzu miu
ciarameddi cci nn'è un paru
mi li pigghiu e sonu un'ura
pri ralligrari 'sta gran Signura.

(popolare
)

mercoledì 23 dicembre 2015

ALBERO DI NATALE di Armando Carruba


ALBERO DI NATALE

Vecchio albero che riposi in cantina
undici mesi: giorno, notte e mattina
e proprio nei giorni del Santo Natale
vivi la festa nel tuo grande splendore 

Ai tuoi piedi tutti i gran ben doni
oggetti presi ai centri commerciali
sciarpe, cravatte, maglioni con i profumi
e i giocattoli per i nostri bambini

Tu albero di Natale il che se ne dica
per noi rappresenti un pezzo di vita
quella condita con poesia e amore
che tutte le persone fa volere bene

Una volta l'anno si fa la riflessione
e poi la si deve proprio attuare
sennò non c'è proprio nulla da poter fare
è meglio che l'albero  lasciamo riposare

Armando Carruba


SANTA LUCIA (leggende) - Armando Carruba

SANTA LUCIA IN SICILIA

Nelle tradizioni popolari siciliane, Santa Lucia è tra i santi più venerati, forse per l'attribuzione della fine della carestia del 1646. A Carlentini si ricorda la sosta di S. Lucia durante il viaggio verso Catania ('u peri 'i S.Lucia). A Carlentini si venera un simulacro raffigurante la martire in posizione seduta. A Belpasso, si venera S Lucia sin dal 1636, subito dopo la firma di divisione del territorio di Malpasso a quello di Paternò, occasione in cui fu proclamata santa patrona. A Catania una statua di gesso è portata in processione, mentre a S.Lucia del Mela, in prov. di Messina, l'immagine della martire è riprodotto nello stemma del Comune ed il 13 dicembre la devozione riunisce in cattedrale molti cittadini. Ad Augusta, la festa di Santa Lucia, viene celebrata con tre serate vissute nella parrocchia Madonna del Buon Consiglio. Santa Lucia è anche patrona dell'omonimo quartiere di Acicatena ove la devozione ha origini antiche. Anche Floridia e Sortino festeggiano la martire da immemorabile data.

LA LEGGENDA

Chi alza lo sguardo a Palazzo Vermexio, cerca la lucertola, famosa firma dell’artista, ma rimane stupito per quelle nicchie vuote che sembrano attendere statue di illustri personaggi.
La leggenda racconta che lo scultore Gregorio Tedeschi, che aveva appena completato la statua di marmo bianco di Santa Lucia dormiente (1634), stava accingendosi a realizzare le statue dei sette re spagnoli per quelle nicchie di Palazzo Vermexio ma improvvisamente morì.
Si racconta che Santa Lucia gli fosse apparsa in sogno e l’avesse ripreso perché l’artista le aveva posto troppi cuscini sotto il capo.
Lo scultore rimase profondamente colpito dal rimprovero della Santa e, affranto, si recò a riguardare la statua. Si accorse che sui cuscini sembrava esserci una nuova piega, più profonda, simile a quella che produce una testa che vi si è poggiata per riposare.
La leggenda racconta che per il crepacuore l’artista morì improvvisamente e non potè portare a compimento la commissione delle statue per Palazzo Vermexio.
Ed è così che la tradizione popolare spiega alcuni avvenimenti attribuiti alla vergine e martire siracusana.


martedì 22 dicembre 2015

MANGIAR SICILIANO - PARMIGIANA - Armando Carruba

PARMIGIANA ALLA SICILIANA
Ingredienti per 4 persone
1,5 kg di melanzane
200 g di passata di pomodoro
300 g di caciocavallo
(in alternativa 300 g di tuma)
1/2 cipolla
3 ciuffi di
basilico
2 uova
100 g di parmigiano grattugiato
1 dl di olio extravergine di oliva
sale fino e grosso

Preparazione
Lavate le melanzane, tagliatele a fette quindi mettetele in acqua salata per 30 minuti. Tagliate a fette il formaggio e spezzettate a mano 2 ciuffi di basilìco. Affettate la cipolla, fatela soffriggere con 2 cucchiai di olio, unite la passata di pomodoro, il ciuffo intero di basilico, fate insaporire e mettete a cuocere a fuoco dolce per circa 20 minuti. Sciacquate e asciugate le melanzane. Scaldate l’olio extravergine rimasto e friggetevi le melanzane finché saranno tenere e colorite da entrambi i lati. Scolatele su un foglio di carta assorbente da cucina. Sbattete le uova con i pizzico di sale e aggiungetele alla salsa di pomodoro. Ricoprite il fondo di una teglia con uno strato di melanzane, condite con parmigiano, 5-6 cucchiai di salsa, un po’di basilico, qualche listerella di formaggio. Sistemate di nuovo uno strato di melanzane e continuate la sequenza fino a esaurimento di tutti gli ingredienti, avendo cura di terminare con formaggio, salsa e parmigiano. Fate cuocere in forno a temperatura media per 45 minuti, quindi levate, lasciate che le melanzane alla parmigiana intiepidiscano e infine servitele.

PENSIERINO DELLA SERA di Armando Carruba

PINZERU NICU NICU DDA' SIRA
Un viri e sviri d'amuri vali 'na vita. . .

QUANTU E' BEDDU 'U MARI di Armando Carruba

Sutta 'n suli liuni
stinnicchiati 'ntà rina
cca' radiu tascabbili
ascutavumu canzuni
a funtani janchi...
'U mari 'i jornu
asciucava pinzeri
'i sira scutulava
'n annu 'i travagghiu
stritti abbrazzati
E 'u cumplessu sunava
'a nostra picciuttanza
spinnuta a funtani janchi
tutti i jorna
ppe' ferii d'austu

Armando Carruba

QUANTO E' BELLO IL MARE - Sotto un sole leone/ sdraiati sulla sabbia/con la radiolina tascabile/ ascoltavamo le canzoni/ a Fontane Bianche/ Il mare di giorno/ asciugava i pensieri/ e di sera scrollava/ un anno di lavoro/ stretti abbracciati/ E il complesso suonava/ la nostra gioventù/ spesa a Fontane Bianche/ tutti i giorni/ per le ferie d'agosto.

MANGIAR SICILIANO - Armando Carruba -

FAVI FRISCHI CCA' MENTA
Scuzzuliari i favi e mittilli a còciri 'nta 'na cazzalora cò cummogghiu cu 'na pocu d'ògghiu e sali q.b.
Quannu su' cotti, méttiri pani rattatu, 'na 'nnaffiata d'acitu e assai fogghi di menta; 'rriminari a focu stutatu e sérviri puru friddi.

FAVE FRESCHE CON LA MENTA
Sgusciare le fave e metterle a cuocerle in una casseruola col coperchio con un po' d'olio e sale q.b.
Quando son cotte, aggiungere pan grattato, una spruzzata d'aceto e molte foglie di menta: rimestare a fuoco spento e servire pure freddo.

lunedì 21 dicembre 2015

SIRA di Armando Carruba



SIRA
Mentri respiru amuri,
tra 'u ciuciuliari ddo' mari
e martiddiari di cori,
si va pittannu
'u celu.
Mentri accarizzu
riordi 'i jurnata
aspettu cuntentu
ca veni ccu mia
Mentri ccu ducizza
ballanu l'unni
'o calari dda' sira
penzu a Tia...
Armando Carruba

PENSIERINO DELLA SERA - Armando Carruba -


                                   Fa' cchiu' scrusciu 'n arvulu ca cadi ca cento ca crisciunu

TEMPU 'I NATALI 'NTA' SARAUSA ANNI '50 - di Armando Carruba


                               FOTO; Entrata nave Esperia al molo S. Antonio SIRACUSA 


Buondì a tutti! Si dice che "il lupo perde il pelo ma non il vizio" e sta ad indicare quelle persone che vivono una vita (?) o campa a muzzu.
Tempu di Natale è tempo d'auguri, di manciati salutari e macari di jucati,,, Ma una cosa è jucari in famigghia e nautra jucarisi 'a vita; e così anno dopo anno c'è chi riesce "a sbullari" a perdere tutti i soldini, a volte, più delle volte, quasi sempre (stipendio e tredicesima) e resta pure con debiti di gioco che si debbono onorare se
nnò nessun tavolo è disposto a farti sedere sapendo che sei cattivo pagatore.
Negli anni '50 con la TV che ancora doveva entrare a forza di cambiali nelle nostre case, giocare a carte era un passatempo gradito nelle feste natalizie. Al molo S. Antonio, al mercato Ittico - ancora in costruzione - e dentro i vagoni merci della Stazione Marittima, di giorno e la sera in case che organizzavano le giocate dietro il pagamento della luce per la casa (se si giocava a mazzetto, ogni volta che usciva il re si dava un tot per la luce, così come al sette e mezzo o lo stopi - ogni sano -).
Si giocava quasi tutta la notte e la mattina presto, chi perdeva era riconoscibile dato che si trovavano tutti a scaldarsi davanti 'a fucata al molo S. Antonio duecento metri dalla Casa del Portuale.
Oggi nessuno più gioca al mercato ittico che nel frattempo + stato chiuso e neanche nei vagoni della Stazione Marittima o al canneto del corso Gelone, dato che non c'è più nè stazione e neanche canneto; si gioca nelle case e purtroppo, in alcune, non è più il passatempo natalizio ma un rovinarsi proprio per le feste di Natale.

I CARNAGGI Armando Carruba

I CARNAGGI

Con l'approssimarsi del Natale, nei centri agricoli c'era la consuetudine da parte dei fittaioli di portare i "carnaggi" al padrone. Era questo, un uso molto antico e esteso a tutta la Sicilia che si rispettava puntualmente anche per le feste di Pasqua e Carnevale e a chiusura della stagione agricola. Le appendizie dovute al padrone, erano espressamente previste nei contratti agrari stipulati con i gabelloti: in genere erano costituiti da capretti, polli, formaggi "priminticci", ricottelle, uova, retoni di paglia, frumentina, "cufini" di fichi d'India, e così via. Altra tradizione natalizia, ancora in uso sia tra le famiglie contadine che in quelle borghesi, era quella del porco, del porco nero: lo si ammazzava e lo si magnificava! Per evitare spiate e non pagare il dazio, l'olocausto si compiva clandestinamente e con la complicità delle tenebre.
Si legava l'animale per le zampe e si cercava d'immobilizzarlo su una specie di tavolo sacrificale approntato con dei trespoli e una porta vecchia. Trafitto alla gola l'animale cominciava a mugghiare e a sgriddare a più non posso: tutt'intorno c'era il ballo di S.Vito: chi lo teneva, chi raccoglieva il sangue zampillante, chi attizzava la brace, chi lo scurava e chi lo spilava dandogli a raschiare con il coltello. Sventrato, veniva fuori, ancora fumante, tanta grazia di Dio da far confondere. Poi si squartava e si divideva in "minzini" due o quattro.

NATALE DI UNA VOLTA di Armando Carruba

NATALE 'I 'NA VOTA
A volte penso alle nostre tasche, quand'eravamo ragazzini di 10/11 anni: un temperino, uno di quei coltellini piccoli piccoli col manico di madreperla che ci serviva d'estate per staccare 'i pateddi dagli scogli, prendere i granchi etc. e in questo periodo festoso natalizio per staccare dai muri della ferrovia Marittima il muschio!!! Lo si staccava anche da altri muri e bisognava stare attenti che, nell'operazione, non si rompesse. Doveva servire per il presepe, come anche lo specchio rotto, conservato gelosamente per il lago e la carta argentata per fiumi e laghi... mentre la neve con fiocchi di cotone!
Beata innocenza un coltellino, un tuppettu, e le figurine da cambiare o giocarsele; tutto al contrario dei ragazzini d'oggi che in tasca hanno l'ultimo ritrovato dei telefonini (a nuatri 'u 'rrologgiu ce lo regalavano per la cresima e subito andavano a conservarlo per quando eravamo grandi) e anche soldi... a volte troppi, mentre noi sciusciavamo 'ntà pignata.
Il presepe lo facevano le sorelle o fratelli più grandi, a casa nostra veniva gentilmente la sig.na Lobb ch'era stata direttrice del preventorio di Solarino (il mai realizzato ospedale Vasquez che negli anni '50 accoglieva bambini disagiati). Veniva fuori un'opera d'arte! e quando si spegnevano le luci e s'accendeva il presepe veniva naturale l'esclamazione ohhhh !
Il presepe più bello della città, dove noi ragazzini ci fermavamo ad ammirarlo ore ed ore, era all'ISTITUTO EDUCATIVO UMBERTO I detto l'OSPIZIO al corso Umberto (u rettifilu).
Oggi quasi nessuno si cimenta nel fare il presepe, l'albero di Natale è più sbrigativo e tutti quei pastori e pastorelli restano incartati.

IL PREZZEMOLO di Armando Carruba

IL PREZZEMOLO

'U putrusinu ci trasi in tantissime pietanze, e non c'è cucina che non ha il suo beddu mazziteddu, na casa sì e una no, l'ha piantato 'ntà 'rasta o siminatu 'ntò tirrinu.
Ma 'u putrusinu era macari usato per i bambini che soffrivano la stitichezza: 'na ramitta di putrusinu bagnata 'ntà l'ogghiu e trasuta 'ntò culettu, del bambino lo fa evacuare.
Qualcunu, inveci ill'ogghiu, supra 'a ramitta 'i putrusinu cci metti na spurviratedda di tabacco di naso, e mentre che lo entra nel culetto al bambino, per scongiuro dice queste parole:

Putrusinu, putrusineddu,
squàgghia lulatti di 'stu carusiddu.
Putrusinu, putrisineddu,
sduvacacci 'sta vota lu vureddu.

domenica 20 dicembre 2015

Cenacolo Poetico ANTEAS SIRACUSA del 18 dicembre 2015



Successo di critica e di pubblico il Cenacolo Poetico ANTEAS di Siracusa realizzato co. il salone della chiesa San Salvatore. Applauditi i versi dei poeti che man mano si sono avvicendati.
Oggi - domenica 20 . l'ANTEAS ha posto a Noto un presepe immerso.
Da parte dell'ANTEAS di Siracusa auguri di Buone Feste! 

PENSIERINO DELLA SERA - Armando Carruba -

PINZERU NICU NICU DDA' SIRA
Anticchia ‘i chiffari è megghiu di centumila paroli
ovverossia: 'i chiacchiri ssu chiacchiri e 'a putiara voli i picciuli!

MODI DI DIRE SICILIANI - armando carruba -

Sciatere è matri, e vogghiu diri! Oppure Sciatira mmatira Oppure Sciatiri e matiri
(Praticamente intraducibile in italiano, utilizzato soprattutto come esclamazione davanti ad un fatto, un evento che appare incredibile e che, pure, si è realmente verificato. L'origine, come già detto, è oscura, ma sembra che una bellissima principessa araba, di nome Shater (o simile), fosse vittima della terribile gelosia del padre che la teneva chiusa nelle sue stanze, guardata a vista affinchè non avesse contatti con nessun esponente del sesso maschile, e ciò nonostante, pare abbia, ad un certo punto, partorito un bel bambino. Un'altra ipotesi sull'origine è una radice araba, poichè una espressione simile si trova anche nell'isola di Malta e significa "Che prodigio si vede!". Altra possibile origine, dal greco antico "σωτήρ καὶ μήτηρ / pronuncia = soter kai meter" che significa "Salvatore e Madre", come il tipico "Gesummaria!" siciliano)

sabato 19 dicembre 2015

POESIA di Rocco Pulitanò

L'amore è... 

L'amore…
vide nascere un fiore
nel deserto,
il sole …
disperato,
cercò una nuvola
per non inaridirlo.

(Rocco Pulitanò) 

'E NATALI - Armando Carruba


Luci ca s'assicutunu rirennu,
canti ca toccunu 'u cori,
risati ca 'a genti riala.
Aria 'i Natali 'nté strati
'ntè casi, unni jè gghiè;
e nuautri davanti 'o prisepi
ca pigghia ciatu di vita.
Nautru Natali ca veni
festa in famigghia
e 'ntò funnu ddò cori
ni lassa gioii e duluri

Armando Carruba (19.12.2015)

PINZERU NICU NICU DDA' SIRA di Armando Carruba


'U cori dde' fimmini è accussì granni ca nuautri omini nun sapemu 'i unni trasiri... 

da PensieriParole

ARVULU 'I NATALI di Armando Carruba

ARVULU ‘I NATALI
Nu beddu arvuleddu ‘i Natali
si misi di bottu a caminari
afferra ccò ramu ‘n valigiuni
e si nni va’ rittu a la stazioni.
Pigghia ‘n bigliettu ppò munti Jancu
e s’assetta ‘ntò trenu ca jè stancu
i viaggiaturi ca sunu vicini
ci dicunu: “Astuta i lumini!”
Quannu arriva ‘o munti l’arvuleddu
scinni ddo’ trenu ccu tuttu l’umbrellu
ha truvari prestu ‘n posticinu
‘ntò munti Jancu vicinu a ‘n pinu.
Ma comu ti cumminasti ‘o frati
ccu tutti i giuielli ca purtati?
I picciriddi ppi farimi festa,
m'hanu misu ‘a curuna ‘nta testa,
ma ju avevu tanta nustalgia
e decisi di jiramminni via.
Vulevu i me’ munti e li stiddi
I cunti beddi di li picciriddi
Ju vulevu la vostra cumpagnia
Pirchissu mi n’haju vinutu via.
Chi fai ccu luci e campaneddi?
Fazzu lustru ‘ntò vernu ‘e passareddi
Armando Carruba

ERAVAMO. . .

Eravamo tre amici a giocare a calcio balilla (1 contro 2) carambola, fumare una sigaretta in tre passannula darreri per non farcene accorgere, adesso dopo più di cinquant'anni siamo tre amici al bar, con un caffé davanti (unu all'uno mica come le sigarette di una volta) e a raccontare le storie del tempo che fu e che non torna più.
Armando Patané, Armando Carruba, Luciano Corso.

venerdì 18 dicembre 2015

PINZERU NICU NICU di Armando Carruba

Diciunu ca l'occi, sunu 'u specciu ill'arma. S'avissi a chiudiri certi voti l'arma e 'rapiri bonu bonu l'occi

BUONGIORNO E BUONE FESTE !

Buongiorno carissimi amici, tempu di festività - ccu s'ha vistu ssi nni va! - tempo di regali!!! Regali??? sordi nun ci nn'è e quindi si tira al risparmio. E si gira e gira con le nostre donne che hanno un'intelligenza extra large, per negozi, centri commerciali, bancarelle etc etc alla ricerca del regalo, che dev'essere originale, nello stesso tempo non deve costare caro e deve essere bello tanto da far esclamare al donato il classico OHHHHHH !Emoticon smile e si gira e furrìa... niente! Quello è caro, quello è difettato e me lo voleva dare a me, quello "ci pare che scinnu dda' muntagna!" alla fine Eureka! (non siamo siracusani?) veni alle donne la pensata che a casa hanno un piatto da muro regalo della suocera che non possono vedere manco stampato 'ntò muro che è bellissimo!!!! (scanzatini!) . Si finisce di comprare oggetti e oggettini, ai bambini deci euro all'unu - e sunu assai - e si accordano. Alla fine come andrà a finire? Che immancabilmente si scambiano i pacchi, in questo gioco di pacchi e pacchetti e il piatto indovinate a chi va regalato? Bravi 'u 'nzittasturu, Allora ci avete 'ncappato! Proprio alla suocera e docu tirituppetè lariu là autra sciarra in famigghia... Buone feste !

giovedì 17 dicembre 2015

IERI ED OGGI


Carissimi amici che cosa non vi debbo raccontare!!! Quannu si dice amici, ma non amici accussì NOOOO!!! AMICI accussì maiuscolo! Una amicizia che dura da 60 anni!!! mancu un matrimoniu, ca oggi come oggi appena si canusciunu bonu bonu si spartunu! Erano altri tempi, del calcio balilla, della carambola, sigaretta in bocca allisciamento della stecca e tiratetuppetelariulà!
Siamo stati al bar... in altri tempi - essennu in tri - e appunto AMICI, avissunu abbulatu buttigghi di champagne o spumante, wishy amaro etc etc ... invece lattina di sprite e cola coca cco' cafe' accussì colesterolo etc non ne risente ppi nenti. Ci manca il terzo amico Luciano Corso ma diamo corso alle foto ed ecco qua Armando Patané e ju nel 1960 e 55 anni dopo. C'è differenza? sìììì??? ma di poco ca mancu si vidi ... Buon pomeriggio!!! 
(da notare ca ju nascìu cche' blu jeans ah?)


mercoledì 16 dicembre 2015

LEGGENDE DI SICILIA - ARETUSA - Armando Carruba

Jttavumu pani duru
'e pisci dda funtana
ccu l'acqua ca vugghieva
di mussi
ca circavunu 'na muddica
ppi natari
'U picciriddu
satava cuntentu
'a pàpira
quaqquariava
'n vecchiu assittatu
vinneva calia e simenza
e 'u suli
rirennu 'nto celu
salutava 'u jornu
armando carruba

Aretusa, figlia di Nereo e di Doride, amica della dea Diana, fu trasformata da quest'ultima in una fonte d'acqua dolce che sgorga lungo la riva bagnata dalle acque del porto grande di Siracusa.
La metamorfosi fu attuata per sottrarre la timida ninfa alla corte del dio Alfeo.
Costui, però, è la divinità fluviale, quindi scorrendo sotto le acque del mar Egeo, arriva in prossimità della fonte nella quale era stata trasformata la sua amata per consentire alle sue acque di raggiungere quelle della fonte stessa e quindi mescolarsi con loro. In realtà, Alfeo era un piccolo fiume della Grecia che effettuava un breve tragitto in superficie per poi scomparire sotto terra. Quando i greci trovarono la piccola sorgente nei pressi della fonte di Aretusa, trovarono la spiegazione fantasiosa alla scomparsa del fiume Alfeo in Grecia, che sarebbe riapparso in superficie in Sicilia.

E FU NATALI di Giuseppe Barbagallo

















E FU NATALI

E nascìu lu bamineddu
'nta 'na rutta 'nta lu friddu
lu quarìa 'nu sciccareddu
cu' lu voi e 'n agneddu

L'agniduzzu fa be be
e nascìu 'u Re re Re

'Na stidda fu mannata
cu' la cuda assai splinnenti
pi' 'nzignarici la strata
'a li Magi a tutta 'a genti

L'agniduzzu fa be be
e nascìu 'u Re re Re

Cu purtava 'na cruvedda
cu sunava 'a ciaramedda
cu la pagghia po' giacigghiu
pi' Gesù dilettu figghiu.

Ca 'nto munnu fu mannatu
ri lu Diu sacramintatu
pi' livarini li mali
e po' munnu fu Natali !

L'agniduzzu fa be be
e nascìu 'u Re re Re.

PENSIERINO DELLA SERA di Armando Carruba

PINZERU NICU NICU DDA' SIRA
Ci sunu paroli ca nun diciunu nenti e taliaturi ca parranu d'amuri

Ci sono frasi che non dicono nulla e sguardi che parlano d'amore

OSPIZIO di Armando Carruba

OSPIZIU
Ho visto una scena alcuni giorni fa supra i ponti, sì prima d'arrivari a piazza Pancali. C'era un bambino, che come tutti i bambini sarausani di tutti i tempi, aveva la testa azziccata tra le feritoie a guardare il mare, ed invano il nonno lo esortava a camminare... non c'era niente da fare. Finalmente si sente un suono invadere l'aria e il nonno esclama: "le ciaramelle!" Che sono nonno le merendine? me li compri? Nuautri l'avissumu saputu cos'erano le ciaramelle!
Negli anni cinquanta, nelle tasche di noi ragazzini, immancabile u cutiduzzu, un piccolo coltellino con il manico di madreperla che ci serviva a sbucciare le arance ma soprattutto in questo periodo a staccare ben benino il muschio dal muro, per il presepe.
Sì perchè, ricco o povero che fosse, a Siracusa ogni casa aveva il suo presepe, ancora l'albero non aveva preso piede nelle nostre case. Il costo dei pastorelli, all'UPIM era di 45 lire e per quanto bello cercassimo di farlo il migliore in assoluto, ricordato ancor oggi, era quello dell'Istituto Umberto I, affettuosamente conosciuto da tutti come Ospizio. Un presepe meccanico, dove i vari figuranti si muovevano e dove l'acqua sgorgava di quella vera!!!
Si rimaneva incantati davanti a quel presepe e lo venivano a vedere anche dai vicini paesi.
Ne è passato di tempo, ormai il presepe ha lasciato posto all'albero di Natale non se ne fanno più di quelli del tipo descritto, non c'è neanche l'Istituto che fu demolito per costruire un edificio moderno e completo, il presepe d'Ospizio è un piacevole ricordo di una fanciullezza siracusana che nessun vento porterà via.

DETTI SICILIANI - Armando Carruba -


Cu nasci è beddu, cu si marita è bonu, e cu mori è santu!

Ogni neonato è bello, ogni sposo è buono, e ogni morto è un santo.

(Sono le regole del saper vivere: trovare belli tutti i bambini, bravi tutti gli sposi, e santi tutti i defunti)