lunedì 30 novembre 2015

PINZERU NICU NICU DDA' SIRA - armando carruba -


                                            'A vita nun avissi a 'ssiri stampata 'nté sordi. .

LA PESCA DEL PESCE SPADA - Armando Carruba -

MESSINA E IL PESCE SPADA

Nelle  acque  dello  stretto,  tutti  gli  anni  vengono molti  pescispada;  questo  pesce porta il nome dato che ha la mascella superiore fatta  in  forma  di  spada o di  lama  lunga un  terzo del suo corpo. E’ uno dei pesci più grossi che si trovano nei mari d’Europa, tutti gli anni, dai primi di maggio  alla  fine  di  giugno,  costeggiano  le  rive  della  Calabria,  poi  passano   lo  stretto   e  cominciano   dal   lato   settentrionale   il  giro  della Sicilia;  in   autunno  soltanto tornano verso il continente.
Il  pescespada  è  un  pesce  agile  e  forte  che  nuota  con  grandissima  lestezza,  si  dice   che battendosi  col  pescecane  lo  trafigga  con  la  spada;  pare  che sia accanito contro i tonni, il passaggio dei quali si combina con la sua presenza nelle acque dello Stretto.
Oggi si ci sono barche attrezzatissime per la pesca, ma una volta i pescatori si ponevano in una barca lunga e piatta, costruita appositamente per questa pesca e li prendevano con la fiocina:
Quando  si  apriva  la  pesca,  tutte  le barche si riunivano sul luogo dove dovevano passare i pesci, disponendosi  a  semicerchio;  una di queste, la Ferriera, si collocava senza far rumore all’avanguardia, e un marinaio  s’arrampicava  in  cima  a un albero maestro, alto quattro o cinque metri, in sommo  al  quale  si  trovava  una  piattaforma  e  annunziava  l’arrivo   dei pescispada.   Non  si stava in vedetta soltanto sulle barche ma anche sugli scogli e fin sotto le mura del castello di Sicilia.
Allorché il movimento delle acque o il sibilo acuto che emettono i pescispada ne annunziavano il passaggio, le barche vanno loro incontro e il lanciatore  d’ogni barca getta la fiocina.
Queste fiocine sono fatte in modo tale che la lama, quando vi è penetrata, non può più uscire dal corpo dell’animale; ma dopo averla lanciata s’allenta il lungo canapo al quale è attaccata; è insomma, in piccolo, la pesca alla balena.  Quando il pescespada è indebolito per la perdita del sangue, viene issato a bordo e finito a furia di colpi di scure; sarebbe pericoloso attaccarlo prima.
Questa pesca è molto interessante e attira sulla spiaggia un gran numero di persone. L’uomo che è in vetta e dirige l’attacco gridando: Manosso! Manosso! E allora che la barca con la fiocina prende il largo e fa di tutto per cacciare il pesce verso riva. Egli grida: Stringala! E la barca investe il pesce più che mai. Si corre a destra e sinistra, di qua e di là e tutto ciò in un batter d’occhio, mentre il lanciatore sta sempre dritto, all’avanti, con la fiocina tesa.
Se sbaglia il tiro, gli spettatori gli fanno l’urlata, ma il lanciatore, dopo una lunga caccia, colpisce la preda, e per lui un trionfo; la folla lo saluta con applausi e grida entusiaste.
Calando il sole tornavano a Ganzirri, remigando sulle acque limpide e calme.



AMURI E GILUSIA - Armando Carruba -

Amuri... amuri chi m'ha fattu fari??? Mi maritai picciottu picciottu e si ci penzu a chianciri mi mettu...
AMURI E GELUSIA
Amuri e gilusia, su' sempri 'n cumpagnia
L'omu gilusu mori curnutu
A gelusia havi a vista comu u binoculu
'A gilusia è la càmula di l'amuri
Se nun ci fussi la gelusia, l'amuri nun campirìa
Si vòi 'n omu fari scimuniri, fallu 'ngilusiri...

domenica 29 novembre 2015

PANI CUNZATU - armando carruba -

Ppi l'amici siciliani ca sunu munnu munnu, comu simenza d'amuri, ppi nun scurdarisi 'u piaciri 'i manciari - 'U PANI CUNZATU - eccu 'na ricetta... ohu poi ccu voli ppò mettiri e livari chiddu cavoli ah?
Si vò manciari forti e sanu, mancia pani sì ... ma sicilianu!

'Ngridienti ppi 4 cumpari:
* 1 kg 'i pani... e facemu 1 kg e menzu
* pumadoru maturi e citrigni
* furmaggiu a piaciri
* anciovi salati
* ògghiu
* sali, origunu, pipi (o peperoncino)

Ci voli 'nu beddu pani cauru cauru, megghiu di granu duru e di casa. Tagghiallu a mitati 'i chiattu, e 'nté ddu' mezzi  cco' cuteddu farici surchi e spruvulazzarici 'i supra ògghiu senza risparmiu e anticchia 'i sali.
Fattu chistu, si ci juncinu autri 'ngridienti a fantasia e piaciri: pumadori maturi, furmaggiu, anciovi salati, sichitannu origunu (nun ha mancari) pipi o peperoncinu. Si juncinu 'i ddu' mitati e si schiacciunu forti forti, accussì 'u pani s'assuppa tuttu l'ògghiu, a' fini tagghiari a pezzi e di unni vegnu.... 
'U vinu chiddu ddo' Signuruzzu, russu e ju ci sugnu sempri ah?  


Per gli amici siciliani sparsi un po' per il mondo, come semenza d'amore, per non dimenticare il piacere di mangiare 'u pani cunzatu (pane condito) ecco una ricetta - ognuno può mettere delle varianti naturalmente.
Si vo' manciare forti e sanu, mancia pani sì ... ma sicilianu

Ingredienti per 4/5 persone
kg 1 di pane (e facemu un chilu e mezzu vah!), pomodori maturi e sodi, formaggio a piacere, alcune acciughe salate, olio, sale, origano, pepe (o peperoncino).

Occorre procurarsi del buon pane caldo, meglio se di grano duro e casereccio. Tagliarlo a metà nel senso orizzontale, fare su entrambe le parti dei profondi solchi con il coltello e condire con abbondante olio e un po' di sale. Questa è la base alla quale si possono aggiungere altri ingredienti, secondo il proprio gusto e la propria fantasia: pezzetti di pomodori maturi, di formaggio, di acciughe salate, nonchè origano, pepe o peperoncino. Mettere le due metà l'una sull'altra e schiacciarle forte in modo che l'olio penetri in tutto il pane, poi tagliare a pezzettoni e servire.

PINZERU NICU NICU DDA' SIRA di armando carruba


                                          'U veru AMURI è raru truvallu... ma è facili piddillu

TIRITERA di Armando Carruba

Jvu dda' 'ntà za Milina
accattai carta vilina
ppi fari 'na bedda stidda
ccu carta, lazzu e canna.
'A stidda scattiò 'ntò celu
m'arristò 'u filu 'n manu
Armando Carruba.

sabato 28 novembre 2015

PINZERU NICU NICU DDA' SIRA - Armando Carruba -


Non t'arrenniri mai! Pirchì di solitu è l'urtima chiavi ddo' mazzu a 'rapiri 'a porta

LEGGENDA SARAUSANA "Damone e Pizia" di Armando Carruba

Vali cchiù 'n amicu 'n chiazza, ca cent'unzi 'nta cascia
Vale di più un amico in piazza, che cento monete pregiate in cassaforte

(La Sicilia è la terra classica dell'amicizia, è celebre l'episodio dei due amici siracusani Damone e Pizia)


'U cuntu di Damone e Pizia, parra dda' fiducia e di fidiltà di 'na vera amicizia! Comu hanu lassatu ppi dittu l'antichi, 'ntò 4° seculu a.C. Pizia e l'amicu sò Damone, ca pigghiavunu lizioni 'i Pitagura, jeru a Sarausa e Pizia fu accusatu di complottu contru 'u tirannu dda' citati ca jera Dionisio I, e comu punizioni fu cunnannatu a morti.
A 'stu puntu, aspetta un mumentu cva tu cuntu, Pizia dumanna 'u pirmissu di turnari a casa ppi l'urtima vota, ppi sistimari l'affariceddi sò e dari l'urtimu salutu a famigghia. Nun vulennu essiri pigghiatu ppi chiddu ca nun era, Dionisio I, rifiutò, macari pirchì era sicuru ca Pizia nun avissi turnatu cchiù.
Damoni dumannò 'o re di pigghiari 'u postu dill'amicu mentri iddu era fora. 'U re dissi di sì, a condizioni ca se putacasu Pizia nun avissi turnatu, Damone fussi statu cunnanatu a morti a postu di Pizia. Damore accetta e l'amicu Pizia è rilasciatu. 
Dionisio era cunvintu ca Pizia nun avissi turnatu cchiù e difatti 'u jornu stabilitu mancu si videva.... Ma propriu quannu stavanu ammazzannu Damone, Pizia arrivò! 
Dumannò scusa all'amicu ppò ritardu, cuntannu ca i pirati avianu pigghiatu a navi e a iddu l'avianu ittatu a mari.
Dionisio I fu accussì cuntentu e alluccutu ppi d'amicizia ca i lassò liberi a tutti dui...

Larga è la foglia stretta la via dite la vostra ca dissi la mia :-)


CUCINA SICILIANA acciughe salate condite - armando carruba -


ACCIUGHI SALATI CUNZATI

'Ngridienti ppi 4 cristiani:

* 20 acciughi sutta sali
* 1 mazziceddu 'i puddusinu
* peperoncinu piccanti
* ògghiu illibatissimu d'aliva

Rascati c'un cuteddu l'acciughi ppi dissalarli; rapitili a mitati e livatici i spini. Mittitili 'ntà piattu 'i purtata e abbiati rondelli 'i peperoncinu e puddisinu tritatu. Abbiati ògghiu in quantità (appoi s'accatta) e lassatili 'nsapuriri ppi qualchi ura prima di puttalli 'ntà tavula.
Ohu... nun cridu ca manciati senza di mia ah?  


ACCIUGHE SALATE CONDITE

Ingredienti per 4 persone:
  • 20 acciughe sotto sale
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • Peperoncino piccante
  • Olio extravergine d’oliva


Raschiate le acciughe con un coltello per dissalarle; apritele a metà e diliscatele. Disponetele, quindi, in un piatto da portata e cospargetele di rondelle di peperoncino e prezzemolo tritato. Irroratele con abbondante olio e lasciatele insaporire per qualche ora, prima di servirle.

PROVERBIO SICILIANO armando carruba

A cassata sciàura di ricotta, e u panittuni di négghia.
La cassata siciliana odora di ricotta, e il panettone di nebbia.

SEMPRI CCU TIA di Armando Carruba


Sentu ca ci ssì
sentu 'u tò scantu
sentu 'a tò calura
'u tò duluri, 'u friddu.
Ascutu a tia 
e tu ascuti a mia...
natu 'ntà mari senz'acqua.
Chiuru l'occhi
e ascutu 'u scuru
ppi truvariti.

Armando Carruba 28.11.2015

da PensieriParole

LUCA DE FILIPPO

È morto dopo breve e grave malattia. Aveva appena festeggiato i 60 anni in palcoscenico, essendoci salito la prima volta a sette anni, nel 1955, come Peppeniello in Miseria e nobiltà di Eduardo Scarpetta, diretto dal padre, anche se il suo vero debutto avvenne a vent’anni, ne Il figlio di Pulcinella di Eduardo con regia di Gennaro Magliulo, usando lo pseudonimo di Luca Della Porta e iniziando una carriera lunga e intensa. 

Con gli anni era andato , sempre più assomigliando fisicamente a Eduardo, ma riusciva a mettere una sua nota nelle rivisitazioni delle commedie del padre da quando aveva fondato nel 1981 la propria compagnia teatrale, con cui scelse di confrontarsi anche con molti dei grandi maestri della storia del teatro: da Moliere a Pinter, a Beckett, da Scarpetta a Pirandello. 

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha disposto la proclamazione del lutto cittadino nel giorno dei funerali di Luca De Filippo «in segno di profondo cordoglio per la scomparsa di un grandissimo maestro del Teatro nazionale». 

FONTE ARETUSA di Armando Carruba -


Negli anni '50 noi ragazzini a pranzo raccoglievamo i residui di pane sulla tavola e con papà andavamo alla fontana (Fonte Aretusa)...

Jttavumu pani duru
'e pisci ddà funtana
ccu' l'acqua ca vugghieva
di mussi...
ca circavunu 'na muddica
ppi natari.
'U picciriddu satava cuntentu,
'a palumma abbulava
'a papira quaquariava
'n vecchiu assittatu
vinneva calia e simenza...
E 'u suli ridennu
pittava 'u celu
e salutava 'u jornu.
Armando Carruba

venerdì 27 novembre 2015

Perchè il mito d'ARETUSA - Armando Carruba -

Scrufuliannu ‘ntò mitu d’ARETUSA duci ninfa carusa
‘Ntà costa occidentali dill’isula d’Ortigia, ntà ‘na spaccazzedda ‘ntà janca roccia, spunta ‘na ittata d’acqua, ca lentamenti ssi nni va a mari. L’antichi hanu lassatu ppi dittu ca chidda è Aretusa , ‘a bedda carusa ninfa, tramutata in fonte dalla dia dda’ caccia Diana, ppi livaracilla ad Alfeo.
‘U mitu ha sempri u so’ fascinu, ppo’ ssò letu fini, ca ni pigghia e n’incanta, ma nun è sempri ‘a verità dde’ cosi. Taliannu d’acqua ca va versu ‘u mari, ni veni di coppu farini a dumanna ‘i unni veni st’acqua e comu è possibili c’arriva, duci e frisca, in Ortigia.
‘A virità nun è tanta magica quantu ‘u mitu. Si tratta di acqua piovana ca veni ddà i monti Iblei, e infilannusi dintra ‘u calcari (roccia janca dell’aria sud orientale dda’ Sicilia) curri sutta ‘u tirrinu, traversa ‘u funnu ddo’ mari e spunta ritta ritta in Ortigia.
Chista è semplicementi, ‘a spiegazioni geologica. L’antichi nun sapevanu nenti di nenti di geologia, e hanu lassatu ppi dittu ‘u mitu d’Aretusa duci ninfa carusa, che ancora nni pigghia ppi la so’ ducizza.

ARETUSA di Armando Carruba


'U cuntu cchiù canusciutu a Sarausa è chiddu dda' ninfa carusa Aretusa. 'Sta picciotta curreva libera, quannu  currennu di cca' e di ddà, a vitti Alfeo, beddu picciottu, e fu coppu di fulmini di chiddi lucenti. Ma Aretusa, carusa abbirsata, non ricambiava 'stu sentimentu, anzi curreva cchiù forti, sinu a quannu stanca di Alfeo, ca nun è ca si purtava u ciriveddu, NOOOO... ci livava 'a vita! dumannò aiutu a Artemidi. E 'sta dia dda' caccia, l' ammugghiò 'ntà na negghia sciugghiennula 'ntà 'na fonte in Ortigia a Sarausa.
Alfeo, disperatu, dumannò aiutu a tutti gli dei ca 'u tramutarunu 'ntà ciumi ca nascennu dda' Grecia e scivulannu ppi tuttu 'u mari Joniu si junci all'amata fonte.
'Nto' specchiu d'acqua dda' Fonti Aretusa e 'ntè rivi ddo' ciumi Ciani, sunu prisenti l'unici papiretiselvatici di tutta l'Europa. 
Stritta è 'a strata longa 'a vita diciti 'a vostra c'haju dittu 'a mia :-)    

TUNNINA A MATALOTTA - armando carruba -




'Ngridienti
* 4 feddi di tunnina (fimmina)
* 2 di d'acitu di vinu jancu
* 1 ramittu d'origanu
* 1 cipudda nica
* 1 dl di ògghiu extra illibatu d'aliva
* 1 spicchiu d'agghiu
* 8 pampini di menta appena cugghiuta
* 150 gr di pumadoru 'i sugu
* 1 dl di vinu jancu siccu
* 5 capperi sutta sali
* 3 alivi virdi
* 1 cucchiara 'i zuccuru
* sali e pipi

Mittiti 'i feddi 'i tunnu 'ntà piattu largu e funnutu, cummigghiatili d'acitu e lassatili accussì ppi n'ura.
Munnati e fati a fidduzzi 'a cipudda, soffrijtila 'ntà tegame con 1 dl di ògghiu extra illibatu d'aliva e, quannu sarà durata, juncitici 'n pizzicu d'origanu, 'u spicchiu d'agghiu tritatu, i pampini di menta sminuzzati e i pumadoru passati 'o setacciu.
Mittiti 'ntò recipienti 'i feddi 'i tonnu sgocciolate e, dall'ebollizioni, cuocete ppi 15 minuti.
Junciti a stu puntu 1 dl di vinu jancu siccu, i capperi dissalati sutta 'a cillitta, alivi senz'ossu e tagghiati a pizzudda nichi nichi, 1 cucchiaru 'i zuccuru, 'na picca di sali e 'na macinata 'i pipi.
Non arriminati ma muviti 'u recipienti e cuntinuati a cottura ppi  30 minuti.
Mittiti a tavula cunzata cauri cauri, cunzannu a piaciri ccu erbi aromatichi.

Ma raccumannu... sugnu 'nvitatu ! 



ingredienti
4 fette di tunnina (tonno femmina)
2 dl di aceto di vino bianco
1 cipolla piccola
1 dl di olio extravergine d'oliva
1 rametto di origano
1 spicchio d'aglio
8 foglie di menta fresca
150 g di pomodori da sugo
1 dl di vino bianco secco
5 capperi sotto sale
3 olive verdi
1 cucchiaio di zucchero
sale e pepe

Disponete le fette di tonno su un piatto largo e fondo, copritele di aceto e lasciatele così per 1 ora. 
Sbucciate e affettate la cipolla, soffriggetela in un tegame con 1 dl di olio extravergine d'oliva e, quando sarà dorata, unite un pizzico di origano, lo spicchio d'aglio tritato, le foglie di menta sminuzzate e i pomodori passati al setaccio.
Mettete nel recipiente le fette di tonno ben sgocciolate e, dall'inizio dell'ebollizione, cuocete tutto per 15 minuti.
Unite quindi 1 dl di vino bianco secco, i capperi dissalati sotto acqua corrente, le olive snocciolate e tagliate a pezzetti piccoli, 1 cucchiaio di zucchero, una presa di sale e una macinata di pepe.
Non mescolate ma smuovete il recipiente e proseguite la cottura per 30 minuti. Servite caldo guarnendo, a piacere, con erbe aromatiche. 


giovedì 26 novembre 2015

PINZERU NICU NICU PPA' SIRA - Armando Carruba -


                                       L'amuri è orbu. L'amicizia chiudi l'occhi... o macari unu

VERSI POPOLARI

MORTI SCIALUSA
Mamma, nun mi chianciti quannu moru;
m'hat'a fari un tabbutu di ricotti,
pi cupirchieddu cientu ovra fritti,
pi capizzieddu du' capuni cuotti,
pi cannilera cordi di sausizza,
pi sbergia mi ci abbiati, vinu forti;
puoi mi mintiti a mia 'mienzu du' schetti,
e mi cantati u requia di li morti.
(POPOLARE)
MORTE SOLLAZZEVOLE
Mamma, non mi piangete quando muoio;
dovete farmi una cassa di ricotta,
per coperchio cento uova fritte,
per guanciale due capponi cotti,
per candelieri corde di salsiccia,
per aspergermi versate vino forte;
poi mettetemi in mezzo a due ragazze,
e cantatemi il requiem dei morti.
(POPOLARE)

ASPITTANNU SANTA LUCIA - Armando Carruba -

Buona giornata carissimi amici, come stiamo messi? E tomo tomo sta andando via novembre ed entra il mese dove c'è Santa Lucia, Natale e l'ultimo foglio da staccare dal calendario il 31 Capodanno!!!
Ci sono i soldi? non ci sono i soldi? Che importanza ha? basta che c'è la salute e sempre qualche invito lo si rimedia. Ppi S. Lucia una volta s'incignavanu i vistiti novi che si ordinavano dal sarto; e docu la palpitazione che per il 13 non l'avevamo pronto, prima prova, seconda terza e finalmente il vestito era pronto per essere messo il tredici di primo pomeriggio! Oggi come oggi si va al negozio se ne prova uno, due, quattro e tre e voila bello e fatto senza tante prove a posto! Lo scorso anno abbiamo avuto il corpo della Santa, quindi è stata festa sulla festa, molti sarausani tornano per la festa e dopo ripartano con un nodo in gola .... Godiamoci tutto il prossimo mese sperando come sempre si dice che il prossimo anno sia migliore di questo. Mah per adesso buona giornata a tutti!

PASTA 'NTE' PIPI - (Cucina siciliana a cura Armando Carruba)

CUCINA SICILIANA

PASTA 'NTE' PIPI

'Ngredienti ppi 4 cumpari:
* 300 gr di spavetti
* 4 pipi 'rossi
* 100 gr di pummadoru
* du' cucchiariati di chiàppara
* 50 gr d'alivi niuri
* 4 filetti d'anciovi salati
* 'nu spicchiu d'agghiu
* 50 gr d'ògghiu
* rìjnu, putrusinu, sali e spezzi

'Rrùstiri e spiddari i pipi lassànnuli sani, ma livannu (e sarvannu) 'u trussu e 'u pidicuddu. Priparari 'u suchittu cu ògghiu, spicchiu d'àgghiu e i pummadoru fatti a pezzi. Quannu è ben cumpostu (dopu quasi deci minuti) junciricci 'a chiàppira lavata e tritata assemi 'e alivi senza nòzzulu e fatti a pizzudda; dare ancora carchi minutu di cuttura, juncìricci i filetti d'anciovi lavati e tritati 'rossi; all'ultimu juncìricci rìjnu, putrusinu tritatu e spezzi. Miscitiari bonu e cùnniri 'a pasta cotta al denti. Inchiri i pipi e chiùdiri a tappu chi trussa. Sistimari 'nta 'na tìgghia cu ògghiu e mèttiri o furnu pi du' minuti.
Ohu su 'a faciti.... Sugnu invitatu :-)

PASTA NEI PEPERONI

Ingredienti per 4 persone:
* 300 grammi di spaghetti
* 4 peperoni grossi
* 100 grammi di pomodori
* due cucchiaiate di capperi
* 50 grammi d'olive nere
* 4 filetti d'acciughe salate
* 1 spicchio d'aglio
* 50 gr d'olio
* origano, prezzemolo, sale e pepe.

Arrostire e spellare i peperoni lasciandoli interi, ma togliendo (e conservando) il torsolo col picciolo.
Preparare il sughetto con olio, spicchio d'aglio e i pomodori ridotti a pezzi. Quando è ben amalgamato (dopo quasi dieci minuti) aggiungervi i capperi lavati e tritati assieme alle ulive snocciolate e ridotte a pezzetti; dare ancora qualche minuto di cottura, aggiungervi i filetti d'acciughe lavati e tritati grossolanemante; infine aggiungervi origano, prezzemolo tritato e pepe.
Mescolare e condire la pasta cotta al dente.
Riempire i peperoni e chiudere a tappo con le calottine.
Sistemare in una teglia con olio e mettere al forno per due minuti. 

mercoledì 25 novembre 2015

PENSIERINO DELLA SERA - Armando Carruba -

PINZERU NICU NICU PPA' SIRA
'Ntà vita l'omu disìa tri cosi: 'U suli ppi viviri ì jornu, 'a luna ppi fari lustru a notti, e 'na picciotta pp'amari sempri

PENSIERINO DELLA SERA

Nella vita, l'uomo desidera tre cose: Il sole per vedere il giorno, la luna che illumina la notte e una donna per amare sempre

POMODORI AL GRATIN - armando carruba -

Antipasti

POMODORI AL GRATIN

Ingredienti
  • 1 mozzarella
  • 12 pomodori
  • 4 fette di pane raffermo
  • 50 gr di olive denocciolate
  • 6 filetti d’acciuga
  • Basilico, olio extravergine d’oliva,
  • Pangrattato, sale, pepe.

Pulite i pomodori, tagliateli a fette e disponeteli in una pirofila unta d’olio. Mescolate la mollica del pane raffermo con due cucchiai d’olio e aggiungete le acciughe, le olive e il basilico tritato. Cospargete il pomodoro con il composto così ottenuto, coprite con uno strato di mozzarella a fette, sale e pepe. Ripetete i passaggi fino ad esaurimento degli ingredienti.

Cospargete l’ultimo strato di mozzarella con pangrattato, irrorate con olio e gratinate in forno.

SCOGGHIU di Armando Carruba




SCOGGHIU     

E 'u scogghiu si ciaccò
a Funtani Janchi...
e 'a natura chiancìu.
Anni e anni dda' supra
a ghittarini a chiovu
o macari a tummuni
ddà, supra l'arcu.
'U scogghiu si ciaccò
cancillannu 'na vita
di tuffi a mari...
Arristaru ddu' spuntuni
unu vicinu all'autru
a ciuciuliari
'a 'stati ca passa...
E 'u nomu c'appizzaru
"I DDU' SORU"
'i Funtani Janchi
accussì 'u sanu sentiri
'i scogghi novi...
e i picciotti si jettunu
a mari jornu dopu jornu
'ntò mari azzurru
'i funtani janchi.
Armando Carruba (4.6.2015)

LO SCOGLIO - E lo scoglio si ruppe/ a Fontane Bianche/ e la natura pianse./ Anni e anni lì sopra/ a tuffarci a chiodo/ o anche a tuffo di testa/ là sopra l'arco./ Lo scoglio si ruppe/ cancellando una vita/ di tuffi a mare/ Son rimasti due spuntoni/ uno vicino all'altro/ a chiacchierare/ l'estate che passa./ E un nome gli diedero/ LE DUE SORELLE/ di Fontane Bianche/ così sono conosciuti/ gli scogli nuovi/ e i ragazzi si buttano/ a mare giorno dopo giorno/ nel mare azzurro di fontane bianche.


martedì 10 novembre 2015

SAN MARTINO A SARAUSA ANNI E ANNI FA - Armando Carruba .

Più ca 'na festa riligiusa San Martinu è festa pupulari unni si fisteggia l'arrivu ddo' vinu novu.
'Nzinu ai primi ddo' nuvicentu a Sarausa, era festa 'nté quarteri pupulari d'Ortigia ca all'occasioni divintava un palcuscenicu di vita!
Si ballava e si cantava aspitannu l'arrivu dde' carretti cco' vinu novu; 'a taverna era 'u puntu cintrali unu si truvava tutta 'a genti fidili 'o dittu:

La morti di lu purpu è la cipudda

la vita dill'omu è la taverna!

'U zuccaru priparava i sanfurricci, bastuncini di meli e zuccuru, gioia ppe' carusi. 'U ciauru dde' castagni arrustuti s'ammiscava cca' vuci ddo' vanniaturi :

E' San Martinu, zippuli e vinu

llicca mommu e favi caliati

sarausani, siti ammitati.

Cesti di zippuli, cosa duci dda' cucina puvira siciliana,  vineva offertu cunzati cco' meli, zuccuru e vinu cottu di carrubba, mentri 'u macillaiu vinneva sangunazzu e robba cotta...
Poi, spuntavanu i carretti 'mpinnacciati, capulavuri di n'arti pupulari e attornu 'e carretti carrichi 'i vinu balli e canti pupulari mentri 'u tavirnaru offriva 'a vippita con ginirusa allegria.
Sta manera di fari festa, rialava 'a genti gioia e 'a rinneva protagunista di 'n munnu anticu e novu...

venerdì 6 novembre 2015

PINZERU NICU NICU DDA' SIRA - armando carruba -




'U suli, 'i stiddi, 'a luna fanu lustru 'o celu, TU ca tò risata fa lustru a' me' vita...

'I VARCHI A MARI Armando Carruba

Scinni 'u piscaturi
'a varca a mari
ppi nautra jurnata
china 'i sururi.
Accussì è la vita
comu navigari
'ntra mari
di gioii e duluri.
Pacenza ci voli
a lu piscari
e ccu pacenza
si tira a campari;
jttannu 'a riti
ogni matinu
e ringraziannu 'a sira
'u distinu...
comu 'u piscaturi
ca sempri accetta
chiddu ca 'a so' sorti potta.
Mudestu è lu me' campari
di piscaturi 'nta 'stu granni mari
priparu amu e jsca ogni matinu,
e comu voli Diu...
cummattu 'u distinu.
Armando Carruba

LE BARCHE A MARE - Scende il pescatore la barca a mare, per un'altra giornata piena di sudore. Così è la vita, come navigare in un mare di gioie e dolori. Pazienza ci vuole per pescare, e con pazienza si vive; gettando la rete ogni mattino e ringraziando la sera il destino... come il pescatore che sempre accetta, quello che la sua sorte gli da. Modesto è il mio vivere, di pescatore in questo grande mare, preparo amo ed esca ogni mattino e come Dio vuole... affronto il destino.

'A 'NZINGA di Nino Martoglio



'A'NSINGA
– Gna' Sara, unn'è Affina? – Sta lavannu.
– Cc'ha' a fari, assai? – Pirchissu, sta vinennu.
– Scusati, chi ci fa, siddu dimannu?
– 'A genti parra assai, 'u sta' sintennu?
– E bonu, bonu, comu sta facennu!
Ccu 'n'autru 'anticchia mi stati mangiannu!
Chiamàtila, vi dicu, ca, ammattennu,
si 'a genti parra, nni servi pri bannu.
– Vih, l'anidduzzu?... Chi è, d'oru finu?
– Chi mi pigghiastru, pri quarche viddanu?...
– Tina?... Vih, 'a catinetta ccu 'adurinu?...
Tina!!.. 'U sintisti di livari manu?
- staju vinennu botta di vilenu!
- Nesci tri seggi n'assittamu 'n chianu!
Nino Martoglio

giovedì 5 novembre 2015

PENSIERINO DELLA SERA di Armando Carruba


I ricordi sono la nostra fortuna: in loro c'è tutta la bellezza del mondo.
(enzo biagi)

COTOLETTE DI MELANZANE - armando carruba -




MULINCIANI A CUTULETTA

ppi quattru cristiani:

* 2 mulunciani
* 3 ova
* 2 cucchiara di picurinu rattatu
* farina
* panirattatu
* ogghiu illibatu d'aliva
* sali e pipi

Lavati i mulinciani, livatici 'u piricuddu e tagghiatili a feddi di 1 cm a occhiu e cruci. Ittatici 'u sali e mittitili 'nrà culapasta ppi farici perdiri l'acqua. Dippu n'ura sciacquatili, 'i sciucati e infarinatili. Passati i feddi 'ntà l'ova sbattuti con una pizzica di sali e 'na spruvulazzata di pipi, e poi 'ntò pani 'rattatu insapuritu cco' furmaggiu rattatu. Friìti 'i mulunciani ccu ogghiu assai e mittitili a ittari ogghiu 'ntà carta 'i cucina accussì perdunu l'untu superchiu.
A tavula beddi cauri cauri ah ... Sugnu o nun sugnu invitatu?

MELANZANE A COTOLETTA
Ingredienti per 4 persone:
·         2 melenzane
·         3 uova
·         2 cucchiai di pecorino grattuggiato
·         Farina
·         Pangrattato
·         Olio extravergine d’oliva
·         Sale e pepe


Lavate le melanzane, eliminate il picciolo e tagliatele a fette di circa 1 cm di spessore. Cospargetele di sale e  ponetele  in  un  colapasta  a  perdere  l’acqua  di vegetazione. Dopo un’ora sciacquatele,  asciugatele e infarinatele. Passate le fette nelle uova sbattute con  una  presa di sale e una spolverata di pepe e poi nel pangrattato insaporito con il formaggio grattugiato.  Friggete  le  melanzane  in  abbondante  olio  caldo e mettetele a sgocciolare su carta da cucina affinchè perdano l’unto in eccesso. Servitele caldissime. 

PANE COI FICHI - armando carruba -


PANI CCHE' FICU

ppi quattru cristiani:

* 500 gr 'i farina 'i granu duru
* 300 gr di ficu sicchi
* 25 gr 'i lievitu 'i birra
* 2 cucchiara d'ogghiu illibbatu d'aliva o struttu
* sali

Travagghiari 'a farina ccu' lievitu 'i birra, 2 cucchiara d'ogghiu, 'n pizzicu 'i sali e acqua nè tanta caura e mancu tanta fridda.  Infarinati e cummigghiati ccu na tuvagghia e 'na cuperta 'i lana, fari lievitari 'a pasta almenu ppi ddu uri.
Tagghiati i ficu a pizzudda e mittitili 'nta pasta lievitata. Faciti  pezzi dda furma che vuliti, puijatili 'ntà 'na tegghia unta e mittiti 'ntò furnu cauru a 250° C ppi 30-40 minuti.
'O postu dde' ficu vulennu si pò mettiri racina passa o manzinò nuci.
Ohu... invitatu sugnu ah (?) 

PANE CON I FICHI

Ingredienti per 4 persone:

* 500 gr di farina di grano duro
* 300 gr di fichi secchi
* 25   gr di lievito di birra
* 2 cucchiai d'olio extravergine d'oliva o strutto
* sale

Lavorate la farina con il lievito di birra, 2 cucchiai d'olio, un pizzico di sale e acqua tiepida per ottenere un impasto omogeneo. Infarinate e coprite con un tovagliolo e una coperta, fate lievitare la pasta per almeno due ore.
Tagliate i fichi a pezzetti e incorporateli alla pasta lievitata. Fate dei pezzi della forma che preferite, poggiateli su una teglia unta e mettete in forno caldo a 250° C per 30-40 minuti.
Al posto dei fichi è possibile usare uva passa oppure noci. 

'I LATUMII di Armando Carruba

'I LATUMII
'I Latumii (ddo' grecu litos = petra e temno = tagghiu) erunu antichi cavi 'i petra unni i Greci pigghiavunu 'u materiali ppi costruiri templi, stradi, etc.
'I Latumii sarausane, dudici, sunu situati quasi tutte 'ntà stissa linia ca va da occidenti, vicinu 'o Tiatru Grecu, anzinu a mari, vicinu 'u Cunventu dde' Cappuccini.
'Ntè latumii travagghiavunu i prigiuneri, chiddi ca ni sanu, riordanu i Cartaginisi pigghiati da Geluni 'ntò 413 a.C. all'Asinaru.
Ci foru chiddi vinnuti ppi schiavi e autri c'arristaru nt'à latumia a spaccari petri e a cummattiri 'a fami.
Dde' dudici latumii i cchiù impurtanti sunu chidda ddo' Paradisu, di Santa Vennira, ddo' Casale, dde' Cappuccini, tutti l'autri sunu scumparuti sutta i palazzi 'i Sarausa muderna

mercoledì 4 novembre 2015

CUCINA SICILIANA - Spaghetti con i ricci - Armando Carruba -


SPAVETTI CCHE' RIZZI

ppi 4 cristiani:

* 400 gr di spavetti
* 50 rizzi di mari
* 2 spicchi d'agghiu
* ogghiu d'aliva
* pipi jancu
* 1 mazziteddu di putrusinu
* sali

Ccu l'aiutu 'i 'na forbici, rapiti in dui i rizzi, pigghiati l'ova e i mittiti 'ntà 'na tirrina. Suffriiri, 'nta ogghiu abbunnanti, l'agghiu a pizzudda e, picca picca doratu, livari 'a sartania ddo' focu. Lessati 'i spavetti al dente e cunzatili 'nta 'na suppera ccu l'ogghiu suffrittu, assai pipi, l'ova dde' rizzi e u puddisinu tritatu.  Si servunu cauri cauri manzinò nun servunu.
Bona vista ca l'appetitu c'è !

SPAGHETTI CON I RICCI

ingredienti per 4 persone:

* 400 gr di spaghetti
* 50 ricci di mare
* 2 spicchi d'aglio
* olio d'oliva
* pepe bianco
* 1 mazzetto di prezzemolo
* sale

Aprite in due i ricci con l'aiuto di un paio di forbici e raccogliete le loro uova in una terrina. Soffriggete, in abbondante olio, l'aglio a pezzetti e, appena dorato, togliete la padella dal fuoco. Lessate gli spaghetti al dente e conditeli nella zuppiera con olio soffritto, abbondante pepe, le uova di ricci ed il prezzemolo tritato. Servite caldi. 

CUCINA SICILIANA - Acciughe salate condite - (armando carruba)


ACCIUGHI SALATI CUNZATI

ppi quattru cristiani:

* 'na vintina d'acciughi sutta sali
* 'n mazziteddu di puddisinu
* pipiolu nicu piccanti
* ogghiu illibatu d'aliva

Rascari l'acciughi cc'un cuteddu ppi dissalalli; rapiliti a mitati e livatici i spina. Mittitili 'ntà piattu 'i purtata e spruvulazzati 'i rondelli d'acciughi 'i pipiolu e puddisinu tritatu. Vagnati ccu abbunanti ogghiu e lassari insapuriri ppi qualchi ura, prima di mittilli a tavula e... ccu saluti !




ACCIUGHE SALATE CONDITE

Ingredienti per 4 persone:
  • 20 acciughe sotto sale
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • Peperoncino piccante
  • Olio extravergine d’oliva


Raschiate le acciughe con un coltello per dissalarle; apritele a metà e diliscatele. Disponetele, quindi, in un piatto da portata e cospargetele di rondelle di peperoncino e prezzemolo tritato. Irroratele con abbondante olio e lasciatele insaporire per qualche ora, prima di servirle.

PENSIERINO DELLA SERA - Armando Carruba -

«L’amore è una strada a senso unico: parte da te e va verso gli altri.
Se pensi di trattenere per te qualcosa o qualcuno,
anche per un attimo, l’amore ti muore tra le dita.»

4 NOVEMBRE anni 50/60 di Armando Carruba

4 NOVEMBRE...
Paparapapapààà! Fratelli d'Italia ..l'Italia... nuautri picciriddi ni susevumu ddo' lettu pirchì 'u papà n'avissi purtatu 'a Marina a vidiri 'a sfilata.
'A Marina 'i Sarausa cco' mari ca s'annacava, 'u sonu dda' trumma e 'ncuminciava a sfilata di tutti 'i Forzi Armati, cche' carri armati, i bersaglieri ca currevanu e nuautri abbattevumu 'i manu, macari l'idrovolanti si partevunu dall'Idroscalu e s'appuggiavunu a mari e nuautri tutti a taliari.
'O Pantheon s'arricurdavunu i morti dda' Granni Guerra, 'na curuna 'a ricurdalli e patri Brunu ca dicìa a Missa, Santu Omu patri Brunu.
A finuta 'i manciari si jeva 'o Casteddu Maniaci, unni c'eranu i surdati 'i Fanteria del CAR (vi ricurdati i surdateddi quandi cci n'eranu?) era l'unicu jornu ca si puteva visitari 'u casteddu pujatu 'ntò mari.
'U 4 nuvembri ddo' 1918 l'imperu Austro-Ungarico s'arrinneva e a Padova firmavanu l'armistiziu di Villa Giusti.
Oi ca sia 'a jurnata dda' PACI scanzatini i guerri ....
Bona jurnata a tutti!