venerdì 31 luglio 2015

TARANTULA - popolare -

La tarantula tessi, e 'un sa pri cui;
sparma li veli, e nun li cogghi mai;
passa la musca pri li fatti sui,
s'impidda e spidda e nun si spidda mai.
Accussì sugnu, figghiuzza, cu vui,
m'impiddu e spiddu e nun mi spiddu mai;
la tarantula, bedda, siti vui,
e la musca sugn'ju ca c'incappai.
Pitré, Usi, III p.322

mercoledì 29 luglio 2015

PROVERBI

TACIRI
Lu taciri è virtù, ma 'un è di tutti,
e lu dari risposta è 'na bell'arti;
e si si duna risposta a tutti,
si perdi sennu, virtuti e arti.
(Pitré - proverbi)
Vidi e taci si beni aviri voi,
la cosa nun la diri si nun sai,
vogghini chhiù pri li vicini toi
chi non pri cui nu lu vidisti mai,
ama l'amicu cu li vizij soi,
porta rispettu a locu undi stai,
nun fari cchiù di chiddu chi tu poi,
pensa la cosa innanti chi la fai.
(A. Veneziano)

martedì 28 luglio 2015

LAMENTO PER LELE SCIERI di Nunzia Loligato

Lamento per Lele Scieri                                                          
 
 
Figghiu,
e chi eritu
'n cunigghiu!
 
T'ammazzanu
e ti scutulianu
comu nenti,
lu prucessu è archiviatu.
 
Figghiu,
ti vinni lu pitittu ri satari
tantu pi jucari,
'n c'è nenti ri mali,
lu prucessu è archiviatu.
 
Patreternu,
chista è la giustizia!
abbannunatu nun fu circatu,
cusuzzi 'i nenti,
lu prucessu è archiviatu.
 
Patreternu,
si, ci siemu abituati
mafia rintra e mafia fora,
a tu ci ha pinsari,
lu prucessu è archiviatu.
 
Nunzia Loligato

Caro amico ti scrivo. . . Armando Carruba

Carissimi amici, oggi facebook mi ha riportato a galla una fotografia postata )si scrivi accussì?) un anno fa! E' un tuffo dalla testa dello scogghiu a carrabineri con le spalle rivolte al mare, ma con giravolta in aria (il tuffo all'indietro non l'avrei mai fatto da quell'altezza MAI). Cosa può ricordarmi? quando giovani cche' zocculi 'i lignu, oggi non più di moda, caminavumu facennu volutamente scrusciu. Dd' passi ca rimbombavano 'o punticeddu e poi ppa' via Assinali sinu arrivari 'a scala ddo' scogghiu a carrabineri oppuri un cancello di una villetta che lasciavano sempre aperto senno succideva 'na rivoluzione!!!
Autri tempi si jucava 'e carti e vinnevunu macari i gazzusi scogghi scogghi...

 Bona jurnata a tutti

lunedì 27 luglio 2015

I FRATI PII cuntu proposto da Armando Carruba

I FRATI PII
'Na vota successi ca scattìau a muntagna e lu focu curreva a ciumara, abbruciannu e distruennu tuttu: jardini, orti, casi.
'A genti scantata scappavunu dde' so' paisi ppi sarvarisi a peddi, nun putennu sarvari 'a robba.
C'erunu 'ntra l'autri ddu vecchi, maritu e mugghieri, ca scappavanu di la morti, 'nzemi ccu' ddu' figghi c'avevanu.
Lu focu cuntinuava a scurriri sempri, minazzusu e pareva assicutassi 'a genti.
I ddu' vecchi circavunu di caminari cchiù lestu ca putevunu, ma forza nun n'avianu; e ristaru arreri i tutti.
Li figghi mischini avissunu macari datu a sò forza ò patri e a matri, basta vidirili sarvi. Avivanu ristatu tutti quattru suli, troppu arreri; e u' focu curreva forti perchì 'a strata era di calata.
A un certu puntu u focu li giungìu; e allura i figghi dispirati si pigghiaru 'ncoddu patri e matri ppi scappari: Ma ccu ddu pisu putianu jiri di cursa?
E u ciumi di focu - miraculu di Diu! - inveci d'agghiuttirasilli comu avia fattu ccu' i casi e l'arvuli, si spartiu in ddu' parti, unu di ccà, unu ddi ddà, arrispittannu d'accussì l'affettu ginirusu di ddi ddù picciotti.

A LA NATURA di Giuseppe Nicolosi Scandurra

A LA NATURA
Sulu, pinzusu, guardu, ascutu, attentu,
ogni scena 'nfinita frisca, pura
si 'nfunni a mia, m'ispira sintimentu
mentri ccu variità sempri appittura.
L'acqua, lu celu, lu suli, lu ventu
sunnu lavagna di la mia scrittura,
chinu di ardenza, 'ntra lu cori sentu
tuttu chiddu ca movi la natura.
Natura, matri eterna sugnu a tia
tuttu fidili, e tu tuttu m'addumi
di geniu, ca lu chiamu puisia.
Tu mi ciati, mi spinci, mi susteni,
mi suggerisci tu, mi duni lumi,
cantu, beni mi voi e ti vogghiu beni.
Giuseppe Nicolosi Scandurra

PROVERBI - armando carruba -

Si vo' campari cche' pinzeri cueti, talìa avanti e non arreri

'A casa ca ridi ancora ssà fari

domenica 26 luglio 2015

ARVULU di Armando Carruba


Canta 'n aciduzzu
e l'arvulu ridi
'o scrusciu ddà vita
pujata 'ntè rami...
'N'ammuttata
ccu l'ali 'o celu
e 'u cantu s'astuta
l'arvulu s'addumisci
'a vita cuntinua...

Armando Carruba

A ME' MATRI di Gianni Farruggio

A ME MATRI
Tu mi criscisti, mi mannasti a scola...
e poi mi mittisti l‘ali e mi dicisti...vola.
E iù vulai 'ntra paisi strani,
senza pinzari ca ti lassai 'nte peni.
Partii,..ti lassai sula,
comu na varca senza vela,
a testa frasturnata...l‘occhi chini,
e senza sangu 'nta tutti li to vini!
Ti lassai sula... partii luntanu,
ma vidu ancòra ca mi stenni a manu,
mi salutavi e mi dicevi torna,
t‘aspettu cca, cuntu li me jorna.
Ora c'haiu furriatu menzu munnu,
e l'haiu vistu quasi 'nsinu 'nfunnu,
ora m'arriposu e pensu a tia,
ccu tantu amuri e tanta nustalgia.
E pensu quantu beni mi vulevi,
e quanti cosi beddi mi dicevi;
attentu, non sudari...s‘annunca t‘arrifriddi,
e duci duci mi mittevi i manu 'nte capiddi!
M‘accarizzavi, mi strincevi forti...
siparari ni po' sulu la morti!
La morti 'npitiusa t‘arrubbau,
e luntanu...luntanu di mia ti purtau!
Si fici tardu, passànu li me anni,
tra gioi, duluri e sacrifici ranni!
Stancu é u me cori, stanca é la testa,
ma prestu n‘incuntramu e sarà festa!

Gianni Farruggio

AMARSI di Maria Agrippina Amantia

Amarsi
Non innamorati mai di me,
Ama te stesso,
Non perderti nei miei occhi,
Ti perderesti.
Non seguire le mie orme,
Fai i tuoi passi.
Non essere paziente, tollerante,
Generoso, disponibile.
Sii te stesso,
Non adularmi, santificarmi, elogiarmi.
Usami.
Sono, io, sono umana,
Sono imperfetta, stronza, bastarda.
Accetta questo,
Accettami.
Imparerò ad amarti.

sabato 25 luglio 2015

PROVERBIO


Lu rùvulu nun po' fari pira muscareddi

La quercia non può produrre pere
(Non aspettiamoci il bene, da colui in cui si è radicato il male)

venerdì 24 luglio 2015

DETTO SICILIANO di Armando Carruba

                     
                   'N amicu è 'a cosa cchiù rara ca pò aviri, 'a cosa megghiu ca tu ppo' 'ssiri

'U CUNSIGGHIU DU CUMPARI di Santo Grasso

“U cunsigghiu du cumpari”
– Caru cumpari, semu cunsumati!
– Chi c’è cumpà? – Ma comu, nu’ sapiti?
– Chi? – La nuvità! – Cristu! Ca parrati!
Sinnò la menti mi la strabbuditi!
– Ci sunnu àutri tassi priparati!
– Cu vu dissi? – È scrittu ccà, vidìti?
Redditomitru! – Chi è? Mu spiegati?
– È pi summari chi cunsumi avìti;
jiti a lu bagnu? – Certu! – Lu signati!
Vi veni “vogghia”? Và… vui mi capiti,
‘nta ‘nfogghiu a parti vui la cuntiggiati.
– Ma pi sgarrari, vui comu ‘a vidìti?
– Siddu jiti a lu bagnu ‘un vi stujati,
pi ‘a “vogghia” jiti ‘nbiancu… e li futtiti!

Santo Grasso

NEU del Meli

LU NEU
Tu filici, tu biatu,
'nzoccu sì, purrettu o neu!
'Ntra ssu pettu dilicatu
oh putissi staricc'eu!
'Ntra ssi nivi ancora intatti
comu sedi, comu spicchi!
Ah! lu cori già mi sbatti;
fa la gula 'nnicchi-nnicchi.
Di lu coddu a li confini
si' 'na guardia vigilanti,
pri li vaghi dui furtini
di la piazza cchiù impurtanti.
Ah! si mai pigghiannu a scanciu,
o pri audacia singulari,
qualchi manu fa lu granciu,
facci tu terra-trimari;
ma quann'eu poi m'ammaraggiu
e l'albitriu mi manca,
fammi qualchi bon passaggiu;
cu l'amici vaja franca
Meli

mercoledì 22 luglio 2015

GRAZIE PAPA'

Buondì amici, bene o male condividiamo i momenti allegri e momenti NO, ad altri come oggi di riflessione. 
Il 22 luglio verso le 7 del 1974, ci lasciava per continuare il suo cammino convinto nella Fede, mio padre Salvatore Carruba, 
Era nel gruppo delle guardie di sanità marittima e dopo aver girovagato per l'Italia, era stato trasferito a Siracusa nel 1947 alloggiando - con tutta la famiglia - presso quello che i sarausani chiamavano 'u lazzarettu.
Un appartamento con 7 stanze un infinito terrazzo con vista il porto e il mare con banchina sotto casa.
Mio padre, senza tema di smentita, fu l'uomo giusto al posto giusto! Mai quelle due palazzine ebbero così splendore! C'era un meraviglioso giardino che curava personalmente o facendo venire dei giardinieri che ricompensava con le sigarette americane che a lui regalavano a bordo delle navi.
Sono passati 41 anni, il suo ricordo i suoi insegnamenti, la sua onestà, sono sempre presenti in me, campassi più vite non potrei mai e poi mai essere alla sua altezza.
Grazie papà.

lunedì 20 luglio 2015

Caro amico ti scrivo. . . Armando Carruba

Certo carissimi amici se scrivessi adesso buona giornata, mi ridereste in faccia!!! Ma comu, stamu jennu a manciari e nni dici bona jurnata? Ma quannu mai!!
Vento al nocciolo. A mia mi piaciunu gli aforismi, quelli che regolano con precisione la vita morale ... degli altri e non di chi li scrive.
In amore c'è una frase che bene o male tutti l'abbiamo scritta: "MI MANCHI" tti nni jisti e mi manchi, tu sei lontana e mi manchi, mimanchi perchè mi manchi etc ma una frase così delicata non l'avevo letta mai, reprimere il "mi manchi"
PER RISPETTO ALLA FELICITA' DI CHI E' LONTANO DA NOI E CHE CI MANCA DAVVERO Emoticon heart
Buon pranzo, prima ca mi manca u piattu miu....

MULUNI



MULUNI
Fora virdi, dintra russu,
e li feddi mussu mussu
Oh chi ciàuru 'i minutinnu!
Oh chi scrusciu ri canali!
Quannu canta lu cardinnu
s'arrismigna 'u cardinali.

domenica 19 luglio 2015

PERCHE' di Maria Agrippina Amantia


Ho l'anima straziata,la mente lacerata,
per quello che succede, per la soluzione che non viene.
Per quei disoccupati che gridano forte,
pur stando muti,accettando la loro sorte.
Per chi non sente e non vede,
ma alle nostre spalle mangia e beve.
Grido, grido forte,
ma solo col vento faccio a botte.
Mi sento dentro un uragano,
le membra spazzate via, sempre più lontano.
Aspetto questa morte che non viene,
poi m'accorgo, d'averla qui nelle mie vene.
Morte! infame vita e morte!
come siete crudeli qual'è la mia sorte?
Via, via da me,state lontane,
non so scegliere, la scelta non m'appartiene.
Come, come rasserenare, la mia anima afflitta?
se tutto attorno, vedo solo ingiustizia!
Poveri lasciati soli, bambini abusati, poi uccisi,
donne stuprate, violentate,
fatte a pezzi, con gli acidi sfigurate.
Politici corrotti,sfruttatori di masse..
Dio dove sei? prenditi tutta me stessa,
ma metti fine a questi falsi dei.
Sono qui, fallo,oppure, scegliene uno,
che sappia portare acqua, al buon mulino.
maria agrippina amantia

MONTI CARVANU - Petru Fudduni

MONTI CARVANU
proposta
Sugnu comu 'n'agneddu mansuetu;
e li pueti li tegnu a lu latu;
cu chista fauci ogni lavuru metu,
e metu a fari versi priparatu;
cui menti paci, cui menti scuetu,
veni la morti e ni leva lu ciatu:
dichiaramillu tu, dottu puetu
qual'è l'arvulu siccu carricatu?
(Petru Fudduni)
risposta
D'unni ti vinni stu sensiu mannatu?
sì, ora mi ni vegnu chianu chianu;
misu 'mmenzu d'Erodi e di Pilatu
unu di chissi si lavau li manu:
guarda, guarda Gesù com'è 'nchiuvatu
pri, arricattari lu generi umanu;
si voi l'arvulu siccu carricatu
va pigghiatillu a lu Munti Carvanu
(Lu dottu di Tripi)

sabato 18 luglio 2015

U VENI VENI dai Ragazzi del Molo S Antonio di Armando Carruba

U BAGNU ‘O MOLU
Veni veni…Arturu! E ‘u picciriddu chiamato, si tuffava do’ pileri in quel mare azzurro del porto, scandendo a sua volta il nome di un altro compagno di giochi e così via.
Questo era l’innocente gioco do’ veni veni, niente di particolare sino a quando un ragazzino dimenticava chiamare al tuffo l’amichetto, allora come penitenza riceveva da tutti i partecipanti ‘n abbudduni cché manu e cché peri; cioè a dire ogni compagno di giochi mediante una spinta con le mani sulle spalle del penitente di turno lo mandava sott’acqua e lo spingeva più sotto possibile con i piedi; considerando che quasi sempre prendevano parte al gioco una ventina di ragazzini, ci vuole poco ad immaginare come si doveva sentire al termine di questa penitenza l’abbuddatu di turno.
C’erano i burloni, ne ricordo uno in particolare soprannominato Cicidda che quando notava nuovi partecipanti al gioco, sbagliava apposta e all’abbbudduni del nuovo venuto scompariva sott’acqua per poi andarsi a nascondere dietro una barca.
Comprensibile lo stato d’animo di chi aveva dato l’abbudduni, anche perché gli altri, complici della burla, rincaravano la dose facendo spaventare il più possibile il nuovo partecipante che ansioso fissava lo specchio d’acqua.
Dopo cinque minuti, nuotando sott’acqua, riemergeva Cicidda tra le risate generali e c’era chi credeva che quel ragazzino avesse tanto fiato da poter rimanere sott’acqua ben dieci minuti.
Cicidda passava le sue giornate estive a mare, definirlo un Colapesce anni cinquanta non sarebbe per niente errato, per la sua predisposizione a stare sott’acqua, ad allenarsi a toccare fondali sempre più profondi o perfezionare i suoi tuffi do’ pileri a volo d’angelo.
Gli altri ragazzini prendevano i mazzuni, tipi di pesci lunghi 8 o 10 cm che prediligono i bassi fondali fangosi rintanandosi sotto grosse pietre, e che si nascondevano dentro i copertoni di biciclette che numerosi erano in quello specchio di mare di fronte al Lazzaretto; oppure con un pesciolino legato ad un fil di ferro tentavano di stanare i ranciu pilusi.

Si passavano così le giornate estive al molo S. Antonio, prima del tramonto si tornava a casa, non prima di essersi sciacquati  alla fontanella del porto, evitando in questo modo che una imprevedibile leccata da parte dei genitori sulle braccia, tradisse il bambino che andava a mare senza che nessuno a casa lo sapesse.

MUSCALORU L.Vigo Raccolta Amplissima

MUSCALORU
E me' cugnatu mi mannau 'n prisenti;
stu prisenti chi era? un muscaloru;
'mmenzu c'era 'na scocca diffirenti
janca e russa, arraccamata d'oru:
a mia siddu mi spianu la genti:
- Quant'è ca vi custau stu muscaloru?
A mia, figghiuzza, 'un m'ha custatu nenti,
Mi lu desi lu zitu di me' soru
L. Vigo: Raccolta Amplissima

'U MUNNU - L. Vigo: Raccolta Amplissima

Lu celu è altu, lu mari è prufunnu,
lu ventu a tempu fa beni e fa dannu
lu suli sempri spunta jancu e vrunnu,
la luna vecchia e nova va giriannu;
ci su' tutti elementi 'ntra 'stu munnu,
c'è fogghi, ciuri e frutti annu pri annu;
ma è comu 'na rota, e vota tunnu,
cui gaudi, e cui campa suspirannu.

Lu munnu è fattu cu' ridi e cu' chianci,
cu' cadi a funnu, e cu' tantu si spinci,
cu 'ntra tanti ricchizzi curma e pranci,
cu' pri la fami la ventri si strinci;
tu li rrazzi senz'ogghiu ti li manci,
e n'autru sdinga li purpetti e sfinci,
'ntra lu munnu cutugna comu aranci,
cu' vidi cosi storti, megghiu finci.

L. Vigo: Raccolta Amplissima

INDOVINELLO SICILIANO proposto da Armando Carruba

Cc'è 'na varcuzza ch'è fatta di tila,
cu ventu e senza ventu sempri mina;
la carni chi cc'è dintra chianci e ridi,
la carni ch'è fora canta e sona.
(naca a ventu)

venerdì 17 luglio 2015

ACCUSSI' E'...

Carissimi amici, mia figlia "sdisonesta" ha messo in rete una foto che ci ritrae vicini vicini, il giorno della sua laurea quando l'occhio investigativo dell'obiettivo mi pescava con una furtiva lacrima...
Certo, oggi come oggi, viene da ridere, i figli prendono la laurea con facilità e poi per il posto di lavoro etc etc ... ma questo è un altro discorso. Ma è il momento stesso del momento, il momento liberatorio che non puoi esplodere - datu ca cci ssu genti - e lo fai internamente e naturalmente quella furtiva lacrima fa il suo corso.
Perchè è in quel preciso momento che ti ricordi tutti i dispiaceri che hai dato a mamma e papà nel non voler studiare, mancu a coppi di lignu, perchè ti ricordi la delusione che hai dato loro e pensi "Ah si fussinu vivi almenu avissunu 'stu piaciri, che meritavano d'avere e che io doppiu sdisonesto non ho loro dato"
Ecco il perchè di quella furtiva lacrima spiegato in due parole.... Buon pomeriggio !
N.B. - C'è 'na differenza: a ddi tempi senza scola 'u travagghiu si truvava, oggi ccu tutti i scoli, stage, corsi e ricorsi... curnutu ccu trova 'u travagghiu....

CARO AMICO TI SCRIVO... - armando carruba -

Carissimi amici, che cosa non vi debbo raccontare!!! Mi sono sentito con la mia carissima amica Ester! lei di lassù - liguria - io di quaggiù - sicilia - Dice: chi ci trasi? e io replico: chi ci nesci? Si parlava di questa dipendenza di facebook. Perdindirindina, tutti amici, ma amici che anche se non ci conosciamo ci scambiamo foto, saluti, auguri etc e siamo amici! Mi diceva lei che era il caso di trasferire tutto questo nella vita reale...
Bella pensata! Stamattina appena sono uscito, ho ascoltato le discussioni della gente e ho detto a voce alta "MI PIACEEEE" ad altri "CONDIVIDO" ad altri ancora ho puro risposto.
Mi sono convinto che la vita reale non è facebook anche perchè mi stanno seguendo due vigili urbani e un dottore specializzato in psichiatria....
Tutti a mare.... tutti a mare... Buon bagno... questo si che MI PIACEEEEEE 

giovedì 16 luglio 2015

FILASTROCCA - popolare -

Filastrocca
Nichiti, nichiti campanedda,
c'è na santa virginedda,
c'è Maria tutta parata,
viva, viva la Nunziata ;
la 'Nunziata è 'ntra lu chianu,
viva, viva San Mastianu ;
San Mastianu di Miliddi,
viva, viva i picciriddi ;
i picciriddi 'ntra la cresia,
viva, viva Santa Teresa ;
Santa Teresa a dinucchiuni
viva, viva nostru Patruni.
.

CENACOLO POETICO

Oggi 16 luglio 2015 presso il salone CISL in via Arsenale 22 SIRACUSA Cenacolo poetico organizzato dall'ANTEAS.
Riunioni condite con un nutrito numero di validissimi poeti, che presentano al pubblico in sala loro produzioni e di altri.
Il tutto coordinato dall'ottimo Giorgio Guarnaccia.

FOTO - Una scena della esilerante commedia 'A FAMIGGHIA DIFITTUSA data dalla Compagnia ANTEAS a Canicattini Bagni ultimamente.

PROVERBIO DEL GIORNO Armando Carruba



Ccu si vanta cca' sò vucca, sceccu ccà tistera ccu c'ammucca 

RIFLESSIONE MATTUTINA di Santo Grasso

RIFLESSIONE MATTUTINA
“Amara e duci”
A voti ci giramu tutti ‘ntunnu,
senza sapiri ‘nsocchi è megghiu fari,
vali pi tutti ‘a genti ‘nta lu munnu
e sugnu certu di nun mi sbagghiari.
Cu si la porta appressu tutta ‘a vita,
cu ci l’ammuccia a l’occhiu di la genti,
cu ‘a trova ‘nta ‘nu santu fattu ‘i crita,
cu dici: iu la sacciu, ‘un sapi nenti!
Cu havi datu tortu ‘a malidici,
cu fa lu fissa pi nun fari dannu,
cu taci pi nun pèrdiri l’amici,
cu nni lu dubbiu, si la va circannu.
Dunchi signuri me’ pi quantu vali,
la virità fa beni… e puru mali.

Santo Grasso
tribàLe

mercoledì 15 luglio 2015

PRECISU COMU 'U 'RROLOGGIU DD''MMACULATA ! di Armando Carruba

PRECISU COMU 'U 'RROLOGGIU DD''MMACULATA!
Questo è l'orologio della chiesa dell'Immacolata di Siracusa, che negli anni cinquanta si ci regolava per la ragione che erano in pochi ad avere l'orologio al polso.
C'era l'orologio di piazza Archimede, quello della Stazione Marittima (oggi Capitaneria di Porto), quello della Stazione Centrale, l'altro delle case popolari in borgata etc.
Questo orologio della chiesa dell'Immacolata non segnalava quasi mai l'orario giusto, o troppo indietro o troppo avanti, ancora oggi per indicare una persona che non è puntuale agli appuntamenti si dice: E' precisu comu 'u 'rrologgiu dda' 'Mmacculata!

martedì 14 luglio 2015

QUANDO UN AMORE FINISCE di Suor Teresa Fichera

QUANDO UN AMORE FINISCE

Un amore che finisce
è una stella che si spegne
è ferita sanguinante
dolore lancinante.

Veloci le lacrime
scorrono sul viso
mentre i palpiti del cuore
battono al gong del dolore

La notte si fa giorno
ed il giorno è come notte
la scansione delle ore
non ha più alcun valore
perchè nessuna novità
alle porte dell'anima busserà.

(da TUTTI I COLORI DELL'ANIMA di Suor Teresa Fichera)

AMURI MIU di Armando Carruba

'N amuri ca torna e ti fa trimari
e cchiù beddu dò suli ca vasa 'u mari
cchiù duci 'i 'na cantata 'i passareddi
pirchì 'mbriaca, nun capisci nenti.
'N amuri ca torna è granni festa
comu 'na varca sarvata dda' timpesta
chi gioia 'o cori, chi ristoru
nun s'accatta mancu a pisu d'oru.
'N amuri ca torna nun si po' cuntari
nun c'è pinna capaci di diri
tuttu lu caluri 'nto fuculari
mancunu 'i paroli, l'ha pruvari...

Armando Carruba

LEGGENDA DDE DDU FRATI di Arturo Messina

Ci sono degli scogli a Siracusa, che hanno dei nomi affibbiati, per esempio lo scoglio a carabiniere lo si deve alla sua forma di cappello di carabiniere in alta uniforme, 0u scogghiu a tabella perchè sembra una lavagna, etc. Questo è 'u scogghiu dde ddu frati e in realtà sono due scogli uno grande e l'altro piccolo, e dai tempi dde canonici 'i lignu si racconta questa leggenda riportata in versi dal mai dimenticato prof. Arturo Messina.
‘A LIGGENDA D’’E DU’ FRATI
E’ tantu beddu ’u mari ’i Sarausa!
E’ tantu beddu ma tradimintusu
Comu ‘na rara fimmina attraenti
v’alletta e v’arruvina ‘n tempu ‘n nenti!
Pirciò, nun vi fidati, stati attenti!
Ci su’ du’ scogghi a mari a Sarausa,
vicinu a la cuntrada ‘i Mazzaruna:
“ I scogghi d’’e du’ frati ” su’ chiamati
pi ‘n fattu ca successi pi daveru
a ca cummossi tuttu lu paisi
Lu scogghiu chiù nicuzzu era ‘n carusu
ca ‘n jiornu arruzzulau di la scugghiera:
vicinu, lu fratuzzu granni c’era,
ca appi lu curaggiu ‘i si jittari;
ma l’ unna l’ agghiuttìu e lu fici anniari
Mari, tradimintusu e tristu si’!
Ridi, ma appoi ‘mpazzisci, ma pirchì?
Quanti figghi di matri tu arruvini!
Pari accussì ‘nnuccenti lu matinu,
m’ appoi addiventi tantu peggiu di Cainu
e a cu’ si fida ‘i tia tradisci e nun hai pena!
Ora, ‘n menzu a lu mari, li du’ frati
du’ scogghi su’ d’ allura addivintati:
pari comu si fùssunu abbrazzati,
pi diri a tutta ‘a genti ca l’ amuri
nun sapi sacrifizi né duluri
Ma l’unna c’agghiuttìu li du’ criatura
di ‘ssu dilittu infami ‘un s’ha’ pintutu:
aspetta ca zoccu autru s’ avvicina
‘nta ‘ss’acqua c’ accussì ‘mpruvvisa muta
e ‘n mostru t’ addiventa ‘n tempu ‘n’ura!
Arturo MESSINA

lunedì 13 luglio 2015

SITI D'AMURI Armando Carruba

'U suli caurìa
jornu dopu jornu
'a me' vita
e 'a luna stasira
allucia a tò facciuzza...
'I stiddi lùcianu
'nta 'na notti
comu chista
e ju ascutu a tia
ca parri d'amuri
'o me' cori

Armando Carruba

Poeta in vetrina - PIPPO BARBAGALLO -

Vetrina dei poeti: Pippo Barbagallo

Artigiano autodidatta, poeta dialettale, prolifico e istintivo. 'MPEZZU I STORIA RA' BBUGGATA è una melodia da cantastorie, la spontaneità del dilettante. Sono quartine intervallate da ritmi binari irregolari, tutti nell'aura dell'antica "siracusanità", impersonata dal vecchio bottegaio della borgata.

'MPEZZU I STORIA RA' BBUGGATA

Stamatina 'nta la testa
ma bbinutu na pinsata
ri parrari nauttra vota
ri li cosi ra bbuggata

Ri ddu tempu ommai luntanu
ri Bottaru Lucianu

ddà ni iddu ccera tuttu:
ro fummaggii a lu prosciuttu
sempri rarreri a lu vancuni
tira fillata e ppruvuluni

Era di tutti canusciutu
e macari ben vulutu
era precisu ttroppu onestu
'nta lu pisu e 'nta lu rrestu

Chista è storia ddà bbuggata
ttra fummaggi ssuppizzata

Tuttu ccera in quantità
e ppi gghiunta i qualità
ro reggianu pammiggianu
o salami di Milanu

U suffareddu pi la bbraci
e lu lignu sapunaci
i pastigghi 'nta lu saccu
e li favi pi lu maccu

Ri l'alivi già cunzati
a l'aregni affumicati
a scagghiola a cannausa
e ppe' 'mpacchi la linusa

U pinninu po' scularu
'nta la vasca u bbaccalaru
E ttrasennu a mmanu manca
a statia cu la sdanga
pi ppisari sia li sacchi
ca la merci 'nta li pacchi

Su rrivoddi ri na vota
pi la ggenti ra bbuggata

M'arrivoddu chiaru chiaru
ccera a pasta i Cunigghiaru
ora chista nu ncè cchiù
'nta li pacchi i catta blu

Tagghiarina senza bbucu
e lu strattu pi lu sucu
tutta rroba ginuina
era ntigina a farina

E picchì vu rrivuddati
li manuzzi 'nciminati
macari ccera la cannedda
era chidda a cannuledda

Ccera a pomici u lisciuni
lu rruccheddu li bbuttuni
po bbisognu ra sattina
filu ugghia e fittuccina

Ccera u zzuccuru 'nto saccu
e a quattretti nta lu paccu
fasola ciciri linticchia
e la mennula già spicchia

Ccera tuttu mmancava nenti
po bbisognu di lagenti
Macari a pasta smunuzzata
pi la ggenti mmalannata

Tuttu ccera era furnitu
sia ri l'ogghiu ca ra r'acitu
na vittrina va rava 'nchianu
a gran fforma i pammiggianu
Ccera essenza pe licori
e ppilati i pumarori
la so macca era Le Belli,
la pumata ammeci Bbrilli

Ccera u scagghiu la canigghia
pi la matri ri famigghia
na ddi tempi pillirini
tutti avevamu i jaddini

E ppò tipu rraffinatu
lu fummaggiu già rattatu

Ccera u vinu ri bbudduni
ri Marotta lu sapuni
tuttu ccera mmancava nenti
pò bbisognu ri la ggenti

Era gentili era alla manu
co cavaleri e cco viddanu

E rrivoddu assai luntanu
ri Bottaru Lucianu
tuttu chistu nun c'è cchiù
e ddi 'n tempu, 'n tempu ca fu

Pippo BARBAGALLO

TEMPI CHE FURONO O ANCHE ADESSO ? di Santo Grasso

TEMPI CHE FURONO O ANCHE ADESSO?
“Lu vattìu”
– Figghiuzzi me’ cuntàmili sta genti
pi lu vattìu di l’urtima arrivata!
– Mamà, ‘nvitamu sulu li parenti?
– Carmè, ci fussi… chidda ‘nfacci ‘a strata.
– Gna Rusulìa? Dda lingua di sirpenti?
– Tantu pi diri, và… facci lavata!
– Diu mi ni scanza! Nun ci dicu nenti!
– Ci và to soru Pina… ch’è littrata.
Pina! – ‘U ‘ntisi mà, lassa fari a mia!
– Ma comu ci lu dici ch’è ‘nvitata
và…pi lu vattiu, a la gnà Rusulìa?
– Mi dissi me matri… scanzatini Diu!
Macari sulu pi facci lavata,
ci fa l’invitu pi vèniri o vattìu!
tribàLe

domenica 12 luglio 2015

BUONA DOMENICA

Buona domenica! Mi hanno invitato a partecipare all'ennesimo concorso poetico sia in lingua che dialetto. 
Non partecipo, per il motivo che spesse volte è capitato che vince il figlio o qualche amico/a ... ma guarda un pò che casualità! Ma chi vi pari ca l'autri ssu tutti stupidi, fissa??? Ma chi c'è scrittu SALI E TABACCHI? ma chi vi cuntaru u film?
E richiedono anche sordi "per spese di segreteria!" quali spese? che nicche e nacche?
E poi anche se vincono il premio del gallo d'oro che fa l'uovo d'argento... chiddu ca è scrittu è sempri scrittu e nun si pò 'mbrugghiari.
Questo fatto è avvertito da tanti poeti validi e si sta pensando ad organizzare una Rassegna com'era la TERRA MIA ma selettiva questa volta... dove non ci sono vinti o vincitori ma solo valide poesie da leggere in una serata d'allegria poetica.

sabato 11 luglio 2015

AMURI E' ... proverbio proposto da Armando Carruba
















Amor, ch’a nullo amato amar persona,” diceva Dante

AMA A CU T'AMA, RISPUNNI A CU TI CHIAMA

Ama chi t’ama, rispondi a chi ti chiama

love one who loves you, please respond to the caller

aimer qui vous aime , s'il vous plaît répondre à l'appelant


Liebe, der dich liebt, wenden Sie sich bitte an den Anrufer zu reagieren

venerdì 10 luglio 2015

AMORE E' - proverbio proposto da Armando Carruba


AMURI E' proverbio siciliano tradotto in italiano, spagnolo, inglese, francese, tedesco
(traduzioni realizzate tramite traduttori google)


Amuri non è senza amaru
L’amore non è senza amarezze
El amor no es sin amargura
Love is not without bitterness
L'amour est non sans amertume

Liebe ist nicht ohne Bitterkeit

'U PANI DDA VITA di Armando Carruba


'U pani dda' vita
nun è fattu
'i farina e acqua,
ma d'amuri
e tanta pacienza,
cunzatu cco' sali
dda' vuluntà

Armando Carruba (10.7.2015)

PROVERBIO DEL GIORNO proposto da Armando Carruba

PROVERBIO DEL GIORNO:
'U Signuri manna 'i viscotti a ccu nun si sapi manciari
Iddio regala biscotti a chi non li sa mangiare
Dieu donne des biscuits à ceux qui ne savent pas comment manger
God gives biscuits to those do not know kow to eat

CARO AMICO TI SCRIVO... armando carruba




Carissimi amici che cosa non vi debbo raccontare!!! Prendendo la zuppa 'i latti e talianno la TV, sempre la stessa notizia, bella ... e ci mancassi! Ovverossia il viaggio del PAPA in Bolivia e il regalo che il presidente Morales ha fatto al papa: il Crocifisso cca' fauci e marteddu. Lui Morales, ha creduto di fare il morales, ma iddu papa Francesco ci dissi franco franco che havi che usa la fauci e marteddu dai tempi dde' canonici i lignu!!! La fauci ppi tagghiari definitivamente tutti i cosi illeciti ca s'hanu a tagghiari ppi viviri onesti e u marteddu ppi chiantari i fondamenti dda' Chiesa ancora cchiu' funnuti!!!
Ma se quest'immagine gira e rigira 'na stanu facennu vidiri 'ntà tutti i salsi e ccu tanti cummenti, nautra immagine nun si vidi cchiù, scumpariù magicamenti dai teleschermi, tranne 'ntà programma di Paolo Del Nebbio o comu si chiana chiddu dda' sira a rete 4. Sunu i clandestini supra 'e scogghi a Ventimiglia, da più di un mese ittati ddà, macari ca si dunanu u cambiu ma 'na jurnata 'ntè scogghi nun ma pozzu immaginari e n'haju fatta malavita.
Iddi strazzati, cche' pantaloncini - giustmenti - e poi si vidunu i politici che dovrebbero - appunto DOVREBBERO - trattare il loro destino, beddi in camicia cravatta, vestito di tutto punto scarpe chiuse con aria confezionata, ca sa stanu palliannu da più di un mese??? Chiddu ci duna a curpa all'autru ca dici ca nun ci c'entra e di conseguenza... A vulemu risolviri sta VERGOGNA? Pirchì a TV nun nni parra cchiu' ??? Chi fu? chi c'è? cchi successi?
Buona jurnata a tutti soprattutto a ddi disgraziati supra 'u scogghiu no ppi farisi u bagnu!

giovedì 9 luglio 2015

CARRETTO SICILIANO voce Armando Carruba


Giochi di una volta: IL FAZZOLETTO - Armando Carruba

‘U FAZZULETTU
I ragazzi si dividevano in due gruppi formando due squadre.
Si disponevano a distanza uno di fronte all’altro.
Una squadra era formata da sei o più ragazzi veniva assegnato un numero, al centro delle due squadre restava un bambino con un fazzoletto in mano che faceva da arbitro.
Questo bambino chiamava un numero e i rispettivi bambini appartenenti alle due squadre con questo numero dovevano sbrigarsi e correndo dovevano andare a prendere il fazzoletto.
Chi lo prendeva prima doveva ritornare al suo posto, ma l’altro ragazzo doveva rincorrerlo e se lo toccava prima che arrivasse al posto vinceva lui, se invece il ragazzo con il fazzoletto in mano arrivava al punto di partenza, senza essere toccato vinceva.
In questo gioco i bambini amavano a fare a finta cioè facevano capire di prendere il fazzoletto ma in realtà non lo prendevano.
L’avversario, convinto che l’altro avesse preso il fazzoletto gli correva dietro, attraversava la linea che non si doveva attraversare senza fazzoletto in mano, e in questo gioco l’inseguitore perdeva il punto.

Vinceva chi accumulava più punti.  

CINQUANTA SFUMATURE DI ...

Carissimi amici, che cosa non vi debbo raccontare!!! Sto leggendo un libro... veramente più che un libro è un libretto ca pari ca parra e dici "mangimi mangimi" come dice lei scusi? che dovrebbe dire "leggimi leggimi" Eh NO super NO! dice per l'appunto mangimi mangimi e sparti in perfetto siciliano!
Amici l'avete presente quel libro, ca tutti ne parlano 50 sfumature di grigio? Avanti ca macari ca diciti no... è sì, anch'io per forte curiosità (appoi diciunu ca i curiosi sunu i fimmini, ma quannu mai?) l'ho letto... veramente non tutto, arrivati quannu i timpulati e pidati e minkiati si facevanu sei a metà libro l'ho buttato in un angolo profondo della libreria, ma... - c'è sempre un ma nella vita - in una libreria dove campeggia la scritta "sfogliateli pure se volete" mi è capitato questo libretto, che è la parodia appunto delle 50 sfumature di grigio... chistu s'intitola 50 sfumature di minkia (l'ho scritto pulito ma in realtà è scritto in un altro modo).
Forte della scritta, l'ho preso e l'ho sfogliato,,, sì l'ho sfogliato sino a quando una gentile voce mi ha distratto... OHU 'STU LIBRO S'HA LEGGIRI TUTTU? CI PORTU N'ARANCINA... NA GRANITA CHI VOLI? Giustamente aveva raggiuni ccu ddu g, ma ssi siti depressi, s'aviti problemi, si vuliti fari quattru risati belli sani e puliti, vvu cunsigghiu CINQUANTA SFUMATURE DI MINCHIA di ottavio cappellani e in foto la copertina.
Vo' finisciu i liggirammillu ...
Aufridersenne

RICORDI...

Buongiorno amici, stamattina scarminiannu tra le foto, casualmente è venuta fuori una che mi fece avere tempo fa il mio amico d'infanzia Armando Patanè (quannu unu è amicu resta amicu sempri e di più). Nella foto c'è immortalato un gran personaggio per i ragazzi della borgata, 'U NANNU alias il sig. Barone. Il sig. Barone comunista al midollo ma di quelli buoni e non di chiddi ca oggi comu oggi fanu canciu e scanciu comu si bivissinu un bicchieri d'acqua frisca; era colui il quale apriva e chiudeva la sezione del P.C.I. Loredano Bizzarri, situata prima in piazza S Lucia e dopo in via Carso.
S'occupava di dare le carte agli anziani che giocavano interminabili partite a tresette e briscola - juta e riuta - i gettoni al biliardino calcio balilla, carambola, insomma era 'u patruni dda' situazione, che gestiva alla grande con la sua filosofia e la sua onesta.
Per noi era un punto di riferimento con i suoi consigli, il suo modo di vedere le cose e di trovare sempre la soluzione giusta. Ecco desidero ricordarlo per averci sempre indirizzato nella giusta strada ...
FOTO da sx Armando Carruba, sig. Barone, Armando Patanè.

NESSUN TITOLO di Maria Agrippina Amantia

Bravissima come sempre  la poetessa Maria Agrippina Amantia 

NESSUN TITOLO
Ciao, mi manchi, quando ci vediamo?
quello che vuol dire, entrambi lo sappiamo.
La mente non accetta compromessi,
fa freddo, fuori piove,è da fessi.
In testa solo uno è l'obiettivo,
abbiamo fame, niente aperitivo.
Far l'amore senza inibizioni,
liberare le proprie emozioni.
Darsi in totale , senza tabù,
perdersi, ritrovarsi andare su e giù.
I baci sono come l'antipasto,
calmano solo un pò, ma vuoi quel piatto.
Le mani che rovistan dapertutto,
siamo solo noi, tutto perfetto.
Labbra sfiorate,lingue assaporate,
Morsi sui seni, appena accennati.
Siamo fuori dal mondo,tutto ovattato,
il mio corpo ed il tuo, tutto scontato.
Cerchiamo in ogni modo di rallentare,
Tutto va bene, pur di farla durare.
I corpi nudi, pieni di bramosia,
cantano, recitano la loro poesia.
Si cercano, si trovano,
si toccano, si contorcono.
Dopo estasiati, ci siamo liberati,
rimaniamo uno accanto all'altro così, svuotati.
Niente di più bello in questo mondo,
sentirsi amati, amare, a tutto tondo.
maria agrippina amantia