martedì 30 giugno 2015

TE NE SEI ANDATO di Francesco Forestiere - voce di Armando Carruba

Poesia di Francesco Forestiere per ricordare Armando Greco, la voce è di Armando Carruba che fu compagno e amico di tantissime trasmissioni radiofoniche.

QUANTO E' STRANO IL POPOLO SICILIANO di Armando Carruba



Carissimi amici, essendo pensionato, col computer rotto e con questo macinino che più delle volte non macina, vedo TV... TV e ancora TV. E di questi tempi tiene banco il terrorismo e i migranti. Sì questi migranti sullo scoglio di Ventimiglia... ma che aaazzz si sono messi in testa? già questi migranti proprio adesso che è estate sulle spiagge del nord Jesolo... proprio proprio NON LI VOGLIAMO!!! che tornino al loro paese!!! fanno scappare i turisti!!!
Negli studi televisivi un BLA BLA BLA che non ti dico, tutti con vestiti firmati incravattati con l'aria sconfezionata di studio, ognuno spara la sua minchiata, perchè dei migranti non gliene frega niente di niente, e quando on conviene il discorso si sovrappone l'altra voce così non si capisce un aaazzz.
Se non sbaglio, chi è al potere e anche chi non lo è, dovrebbe risolvere il problema sbaglio?
Anzicchè i BLA BLA BLA BLA provino i signori politicanti ad osservare I TERRONI... sì i MAFIOSI SICILIANI ... QUELLI CHE NON HANNO VOGLIA DI LAVORARE... MA SI' PROPRIO LORO.
A Lampedusa, che vivono di turismo, hanno più immigrati di tutta l'Italia e ne sbarcano continuamente giorno dopo giorno, eppure, questi SICILIANI, convivono con questi cucini (termine amichevole tra migrante e siciliano "cugino") nessun turista si lamenta di questi migranti e i lampedusani sono grandi nell'accoglierli.
Che strani questi siciliani.... Buona serata

lunedì 29 giugno 2015

A ZUPPA RO ZU NINO di Nino. Angelino - voce Armando Carruba

'A Zuppa ro zu Ninu dell'avv. Angelino per la voce di Armando Carruba, si tratta di una ricetta sarausana in versi.

NOI DUE di Armando Carruba

Col sole
con la strada da percorrere
faticoso cammino
Noi due, soli,
quasi fossimo
asfalto bollente
quasi per morire
in verdi boschi
lontani
dalle lamiere di città.
Eravamo studiosi
blues, rock
nient'altro.
La spiaggia
attendeva
i suoi profeti:
il cielo, le stelle
tu... io.

Armando Carruba

prof. Arturo Messina

Il 14 giugno 2015 all'età di 86 anni che avrebbe compiuti a settembre, ci ha lasciati il prof. Arturo Messina per continuare il suo cammino nella Fede,
Conosciutissimo in città, era presente in tutte le manifestazioni grandi o piccole e per tutti c'era un favorevole commento giornalistico.
In questo video, realizzato dall'amico Orazio Pistorio, figlio del grande attore siracusano Mario Pistorio, Arturo Messina e signora, sono presenti al compleanno dell'attrice Magda.

domenica 28 giugno 2015

Gàipe di Armando Carruba

'Ntà 'stu munnu pazzu
vistutu sempri a festa
gàipe semu...
libbiri
'i vulari 'ntà celi
puliti e sunnari
dda' libertà
cche' i nostri patri
'nni desunu
pp''ssiri omini.

Armando Carruba 28.6.2015 

AMICU JE' di Armando Carruba

Amicu veni 'i 'na parola ca veni a diri "libbiru". 'N amicu è chiddu ca ti duna spaziu e libertati di 'ssiri chiddu ca ssì.

CHE COSA NON TI DEBBO CUNTARI...

Bona duminica carissimi amici! C'è 'u suli e quel pizzico di fresco ca come 'u sali conza 'a minestra.
Da pinziunatu m'haju assittatu bonu in veranda, con una pila di libri e riveste, godendo del silenzio del mio quartiere.
Frase della domenica, bedda, azziccata, dal sicuro effetto per lui e per lei...

TI AMO NON PER CHI SEI, MA PER CHI SONO IO QUANDO SONO CON TE.

Unni 'a piscaju? TV Sorrisi e Canzoni

Aufridersenne :-)

sabato 27 giugno 2015

A ARTURO MESSINA di Armando Carruba

'U mastru di li mastri ssì 'u mastru
canusciri tu sai 'u dialettu
'na vita spinnuta comu si scrivi
chiddu ca 'a nostra parola dici

E quanti discussioni prufissuri
ppi farimi canciari opinioni
ca nun c'era propriu nenti 'i fari
ognunu si tineva i sò peni

A tò grammatica si fici granni
ed è liggiuta a tutti i banni
mi cci mittisti macari a mia
pp'impegnu, dicisti e fantasia

E i tiatranti sarausani
sapevanu c'appoi 'ntò  giurnali
liggevanu sempri beni di tutti
macari ccu aveva curta 'a parti

T'immaginu parrari di tiatru
cu chiddi ca t'hanu pricidutu
piccatu, e sugnu ora sinceru,
ca nun leggiu 'i tò scritti ddò celu

Armando Carruba (27.6.2015)






           





A BENITO ANASTASI di Armando Carruba

                                               
                                                       Interno Cattedrale di Siracusa

S'è spenta la tua voce,
gioia di vivere
serate gloriose
col pubblico amico.

Fermato il tuo cuore,
che ha donato amore
a chi amore bussò
ininterrottamente.

E continui il cammino
cantando alle stelle
una vita vissuta
su note musicali

che volano per l'aria
"Non ti scordar di me!"
e Siracusa t'abbraccia
nel libro dei ricordi.

Armando Carruba (27.6.2015)

venerdì 26 giugno 2015

ESTATE di Armando Carruba

Le ombre del passato
sulla deserta spiaggia;
danzano, come figure
al ritmo di onde
che si rincorrono
una dietro l'altra
eternamente.

Così il nostro amore
infinito, irraggiungibile
come noi, piccole onde
di un destino
che rincorreva sogni
nei nostri gioiosi
cuori innamorati.

Lo stupido orgoglio
sconfisse l'amore.
Il gabbiano in volo
insegue chimere
di giorni andati.
Le onde mute
raggiungono riva.

Armando Carruba (26.6.2015)






lunedì 22 giugno 2015

CHE COSA NON TI DEBBO RACCONTARE Armando Carruba

Vulissi aviri 'i vrazza longhi pp'abbrazzarivi tutti amici mei! Qualcunu po' diri: chi fu? chi hai? chi successi? u fattu! Ma quali fattu e fattu si 'u fattu fu di notti e nuddu visti nenti di nenti ma nenti in assoluto?
Tutto OK! come diciono l'americani! Tutto OK ! Difatti sentivo dire ad un turista "In Sicilia stanno tutti beni ... ostrecheta sono tutti a mare... tutti ammenzo le strade" e difatti pappidavero semo 'n mezzo ad una strata che cchiù in mezzo daccussì si mori! A mare? a mare? Dico io, binidittu tutto S Pasquale protettore dei cornuti, se cercando a terra lavoro non se ne trova, questi sdisoccupati lo cercano a mare no perdindirindina oppure strade strade che le vie dello travagghio sono finite stojateve 'u musso.
Qualcuno mi ha scritto privatamente senza privarisi di scrivere, lamentandosi con mia medesimo per il fatto che non metto più il proverbio del mattino perchè piacevano quelli poco canosciuti... Ma chissaccio dico io... Vabbene voli dire che il proverbio di stamatina è:
A CIRA SQUAGGHIA E U SANTU NUN CAMINA.
A ccu havi aricchi intenda ... Aufridersenne 

domenica 21 giugno 2015

PENSIERINO DELLA SERA Armando Carruba


Il ballo è una manifestazione verticale di un desiderio orizzontale.
Buona serata e dolce notte 

IL CARRETTIERE CANTA

'U CARRITTERI CANTA
Bedda li to' biddizzi li pritìagnu
ca si li duni ad antru 'a m'allagnu
nun ni li dari a cocchi carrittiari
ca si li cangia pi ùariu e favi
ora li duni a mia tò primu amuri
li tò biddizzi li pozzu adurnari

Il canto popolare di Milocca-Milena
Giuseppe Pellitteri
Bella le tue bellezze le pretendo
che se le dai ad un altro io mi arrabbio
non le dare a qualche carretiere
che se le cambia per orzo e fave
ora le dai a me tuo primo amore
le tue bellezze le posso ornare.

COSI' E' SE VI PARE armando carruba

Buona domenica! e... tutti a mare... tutti.. a mare... 'U fattu è che una volta per andare a mare era tutto tranquillo e pacifico, si mettevano le cose da mettere nella borsa da spiaggia (ve le ricordate le famose retine?) si prendeva tranquillamente l'autobus o il vaporetto e si giungeva al lido agognato! e la spiaggia era là che ti attendeva deserta ... una poesia...
Oggi andiamo in macchina, e il marito dopo tanto dire "Ni muvemu??? che ci dobbiamo andare a mezzogiorno???" finalmente lei esce dal bagno dopo tre ore di toiletta (ma ccu c'ha potta come dice a jatta motta se dopo si deve fare il bagno a mare e si sconza tutta para para?). Con la macchina si riempie il portabagagli di cose inutili, tanto il portabagaglio c'è per essere usato. Sulla strada del mare una confusione che non ti conto e non ti dico e questo tutta colpa di lei che c'è stata tre ore in toiletta ppi fare toletta e per finire quella spiaggia deserta tipo di Mondello - putacaso - taliala com'è!
Bona duminica 

sabato 20 giugno 2015

IL CARRETTIERE CANTA



'U CARRITTERI CANTA
Bagascia ca cu mia ti fa la santa
tu va diciannu ca si donna onesta
sacciu ca ti cerni e cu ti 'mpasta
di li carnuzzi to nni fa la festa
si comu li cannola di la chiazza
cu prima arriva li cannola appuzza
e tò patruzzu ca è masciu di chiazza
li corna cu li mura si li truzza.
(popolare)
IL CARRETTIERE CANTA
Bagascia che con me fai la santa
tu vai dicendo che sei donna onesta
so chi ti setaccia e chi ti impasta
delle tue carni ne fa festa
sei come le fontane della piazza
chi primo arriva ai rubinetti attinge
e tuo padre che è mastro di piazza
le corna con i muri se le sbatte.
(popolare)

COSI E' SE VI PARE... - armando carruba -

Buon inizio di serata e vulissi lasciarvi proprio postato cca' un proverbio filosifico ca più filosofico non si può mancò con il con crasto.
Inutile dire che si tratta di un proverbio cinese, ah questi cinesi che piano piano, senza che se ne fano addunare, si stanno prendendo bancarelle e magazzini, a Catania prossimamente a Fera 'o luni la chiameranno 'a Fera dde' cinisi!!!
Ma i lavoratori? chiddi ca sunu pajati quattru sordi pirchì a robba s'à vinniri quattru sordi? Ecco comu 'a pensanu:
SE TU PAGARE COME DICI TU, IO LAVORARE COME DICO IO. SE TU PAGARE COME DICO IO, IO TRAVAGGHIARE COME DICI TU....
Cu è fissa si 'sta a casa Emoticon smile Aufridersenne!

'U SCOGGHIU E U DIAMANTI di Venerando Gangi

LU SCOGGHIU E LU DIAMANTI
Cu' appi oricchi di ascutari
di li petri lu parrari
zoccu ntisi lassau scrittu
di li posteri a profittu;
cioè a diri l'auti vanti
ca lu Scogghiu e lu Diamanti
iddi stissi si adattaru,
e a stu modu li spiegaru.
Lu scogghiu
Ju non sugnu luminusu
ma giganti machinusu
Lu diamanti
U iu picciulu e lucenti
tiru a mia li sguardi attenti
"Varii ntra stu munnu
li creaturi sunnu,
ma d'iddi ognunu ha
li proprii qualità!"
VENERANDO GANGI
(DAL SICILIANO ALL'ITALIANO esercizi di traduzione - parte III classe V elementare anno 1925)

venerdì 19 giugno 2015

Colte al volo! di Armando Carruba



Frase sentita in via Maqueda a Palermo.

SEI COSI' CORNUTO CHE SE TI VEDE UN CERVO VA IN DEPRESSIONE !

IL CARRETTIERE CANTA

'U CARRITTERI CANTA
Arvulu siccu e virdi fa la foglia
ca oghi foglia piglia la so via
dimmi cu voglia e dimmi cu nun voglia
comu mi scurdirò d'amari a tia
tutti cridìannu vutariti foglia
sempri ti trùvu nni la fantasia
quannu l'ùacchi la terra ci cummoglia
tannu mi scurdirò d'amari a tia.
da Il canto popolare di Milocca-Milena di Giuseppe Pellitteri
Albero secco e verde mette foglia
che ogni foglia piglia la sua via
dimmi chi vuole e dimmi chi non vuole
come mi scorderò d'amare te
tutti credono che io abbia mutato parere
sempre ti trovo nella fantasia
quando la terra mi copre gli occhi
allora finirò d'amarti

CANZONE DI SDEGNO popolare

CANZUNI DI SDEGNU
- Bonasira, bidduzza, chi faciti?
- Ju nenti fazzu pirchì mi spiati?
- Vi spiu ca sapurita mi pariti
- E di li biddizzi mei chi ni spirati?
- Vi spiu suddu li porti mi rapiti
- Porti nun vi ni rapu no, 'nchianu arristati
- Rapiti ca muriri mi faciti
- Muriti ca nun vi n'haju pietati
(popolare)

CARO AMICO TI SCRIVO... Armando Carruba


Carissimi amici buongiorno!!! Ora nun è perchè posto alle 10 vi pari ca ju mi susu ogni matina alle 10?!? NOOO! Anche se lo potrei fare in quanto pensionato che ha travagghiato ppi 40 anni e passa (passa ... vale ppi passa quegli anni di nicu ca di marche mancu 'nta basilicata!). 
Stamatina due notizia una sempre più brutta e l'autra ca ci vuleva comu 'u pani i Ciuriddia o Ramacca se preferite.
Ancora stamatino a Ventimigghia ci sunu i cugini (accussì nni chiamamu in Sicilia con questi simpatici clandestini, extracomunitari, profughi o comu vuliti) Cucino cucino e cucino e semu tutti cucini!!! e difatti sunu tutti cucinati sutta ddu' gran suli mentre i politici con vestito completo di giacca cammisa che manichi longhi e cravatta, nun accupano dal caldo come i cucini ddo' scogghiu ma sunu beddi frischi come 'e rosi... accussì è u focu unni cadi ... brucia!!!
Spera a Diu ca 'sta faccenna si risolva al più presto possibile e se iddi prejanu ddo' scogghiu un pinzeru, 'na prjiera 'a putemu fari e che' i politici s'annacanu a cuda.
L'autra notizia, bella stavota, è ca Fabrizio Corona, à sciutu ddo' carciri... ed era ura!!! Nun era possibili ca chiddu 'mbriacu comu na signa ca cca machina ammazza, tri ghiorna di carciri ed è in libertà... l'autru... etc etc (pirchì l'elenco è troppu longu) non c'è giustizia, troppu pisanti... quindi ben venga l'uscita di Corona augurandoci ccu tuttu 'u cori ca nun ci ritorna cchiù.
E a nuautri chi diri? Vulemuni beni, tutti Bona matinata!!! cco' cori

PAISANI LUNTANI di Michelangelo Balistreri

PAISANI LUNTANI

Fu lu travagghiu
a spartiri la matri da lu figghiu
a fari addivintari u cori 'na valigia
inchennula di sogni e di spiranzi.
E fu l`America la calamita
ca cu li so ricchizzi si li purtò luntanu,
cuntavanu u ritornu 'ne jita di na manu,
ma annu doppu annu ci passaru a vita.
E furu l`occhi `ntall`urtima vasata
ca si stamparu lu paisi dintra a lu cori
agginucchiati 'e pedi di l`Addulurata
cu l`urtima prighiera
incheru li vapura chini di chiantu.
Passau lu tempu
ma è sempri comu u primu jornu
e quanti voti, nta notti,
stanchi di lu travagghiu
si susunu `nfilati intra un sognu
cu li finestri aperti
e l'occhi sbalancati o novu munnu,
circannu lu paisi
li Chiesi, li strati,
anticchia di scogghiu
e l`occhi di 'na matri
ca chiu` luntana
ancora aspetta so figghiu.
di Michelangelo Balistreri

giovedì 18 giugno 2015

'U NANNU CUNTA - popolare -

Arsira ci passàu e iéra notti
mi misi a cuntrastari cu ddu schetti
una m'arriscidiva li sachetti
l'antra mi li cuntava li strammotti
ora ca òiu li sacchetti asciutti
vattinni picciuttiaddu ca ié notti
(da Il canto popolare popolare di Milocca-Milena)
Ieri sera ci passai ed era notte
litigai con due ragazze da marito
una mi rovistava le tasche
l'altra me li contava gli strambotti
ora che ho le tasche asciutte
vattene picciotto che è notte.

VITTI 'NA CROZZA riflessioni di Armando Carruba

Vitti na crozza supra nu cantuni
fui curiusu e ci vonsi spiari
idda m'arrispunnìu cu gran duluri
murivu senza toccu di campani.
Si nni jeru, si nni jeru li mè anni
si nni jeru si nni jeru e un sacciu unni
ora ca sugnu vecchiu d' ottant'anni
chiamu la vita e morti m'arrispunni.
Cunzàtimi cunzàtimi stu lettu
ca di li vermi sugnu mangiatu tuttu
si nun lu scuntu cca lu me piccatu
lu scuntu a l'àutra vita a chiantu ruttu (assà 'ndurutu).
C'è nu jiardinu 'mmezzu di lu mari
tuttu ntissutu di aranci e ciuri
tutti l'aceddi ci vannu a cantari
puru li sireni (pisci) ci fannu all'amuri.
Stamatina mi susìu ccu vitti 'na crozza supra 'a porta dda' zulfara ... pirchì? E' 'u mutivu conduttore del film IL CAMMINO DELLA SPERANZA di Pietro Germi anno 1950 unni un gruppo di siciliani si vinneru macari i trispiti ddo' lettu ppi ghiri clandestinamente in Francia!!! Propriu comu sta succirennu oggi. Sulu ca iddi ci jeru dda' muntagna china 'i nivi e iddi supra 'nu scogghiu aspettanu dda' speranza ca comu si dici è ultima a mòriri. A proposito, per gli amanti del dialetto, il testo della canzone è popolare, e a volte ddu "cantuni" viene scritto "cannuni" la musica è del maestro Franco Li Causi che ha dovuto affrontare una causa civile durata ben 25 anni per vedere riconosciuto il suo diritto, il film completo è su youtube.
Spera a Diu ca da ddu scogghiu trovunu macari iddi ddu jardinu 'mmenzu lu mari... Bona jurnata!

mercoledì 17 giugno 2015

L'AMANTE DI GRAMIGNA di Giovanni Verga

Amuri Amuri è la colonna sonora del film L'amante di Gramigna, una novella di Giovanni Verga, contenuta in Vita dei campi del 1880.
Nel 1969 Carlo Lizzani ne ha realizzato una trasposizione cinematografica. La novella è principalmente ambientata a Palagonia e a Licodia Eubea dove il Verga cita gli ori della Santa patrona di Licodia, Margherita V. M, e lo stendardo portato per la città durante la festa patronale.
Questi versi come li cantavano i carrettieri e come capita nelle canzoni siciliane ci sono altre versioni.
'U CARRITTERI CANTA
Amuri Amuri chi ma fattu fari
ma fattu fari na ranni pazzia
lu patri nostru ma fattu scurdari
la megghiu parti di l'avemmaria.
Lu credu nu lu sacciu 'ncuminciari
vaju a la missa e mi scordu la via
di nuovu me à ghiri a cunfissari
forsi sta menti si scorda a tia.

SCUNTINTIZZA di Giorgio Guarnaccia

SCUNTINTIZZA

Quannu lu suli calava all’urizzunti
li campagnoli turnannu ‘da campagna
supra ‘n carrettu carricu di ligna
pinsavanu cu amuri a la cumpagna.

Erano stanchi, ma li cori allegri.
Cantavano canzuni pupulari.
Tutti fra iddi eranu…cumpari.

Ora che s’arricampanu a suli cinu
intra ‘na machina cu tutti li cunforti,
pènsanu sulu a fari li surpassi
cull’occhi storti guardannu lu vicinu.

Stanchi sunu di cchiù di li so’ patri,
senza allegria, senza cchiù compari,
pensannu sempri e sulu a li dinari.


Giorgio GUARNACCIA

PICCIUTTEDDU Vigo Raccolta Amplissima

PICCIUTTEDDU
La donna quann'è schetta dormi sula,
si vota e sbota 'nta ddu jancu lettu;
lu purci cci va a muzzica la gula,
stampi stampi cci fa lu jancu pettu;
idda si vota arrabbiata allura:
- Stu purci fussi un picciutteddu schettu!
Cci avissi a dari tanti muzzicuna,
quantu ni duna a mia stu purci 'mpettu!
Vigo Raccolta Amplissima

martedì 16 giugno 2015

PENSIERINO DELLA SERA IN DIALETTO - armando carruba -



L'amuri è dda parola ca rapi 'u cori ppi fari trasiri 'n cuntu d'amuri....
FOTU - Scogghi di Funtani janchi Sarausa ('na vota era sanu e poi abbuccò facennu ddu scogghi)

'U CARRITTERI CANTA - popolare -

'U CARRITTERI CANTA
Hàju saputu ca ddu soru siti
ca tutti dui 'ntà lettu vi curcati
e na frazzata ppi cummogghiu aviti
e comu di lu friddu nun trimati
a mezzannotti vegnu e mi rapiti
mi curcu 'ntò menzu e vi quariati
e la matina quannu vi susiti
agghiurnati cu li panzi ammarazzati
(POPOLARE)
IL CARRETTIERE CANTA
Ho saputo che siete due sorelle/ che tutte e due in un letto vi coricate/ e una schiavinaccia per coperta avete/ e come per il freddo non tremate/ a mezzanotte vengo e mi aprite/ mi corico nel mezzo e vi scaldate/ e la mattina quando vi alzate/ aggiornate con le pance gonfie.
(POPOLARE)

JUCULANEDDA di Nardu Torrisi - da Sfogu di cori

JUCULANEDDA
Non cridu ca non lu sai significari
quannu 'n picciottu 'ntrignu ti talia;
non cridu ca non lu sai lu verbu amari,
lu spasimo ca porta a la pazzia;
si non lu sai e ti lu voi 'mparari,
Jaculanedda, 'nformiti ccu mia
ca ti lu sacciu nta nenti 'nsignari
a tia ca svampi e duni puisia.
Tu mi metti lu focu 'nta li vini,
smovi la musa e 'nnardiri la fai;
comu lu mustu d'intra di li tini,
vugghi 'stu cori e tu la curpa l'hai,
tu ca l'attacchi ccu cordi e catini
ccu ssu juchettu ca non speddi mai :
lu megghiu jocu di la carusanza
ccu li lusinghi di l'amuusanza.
Di ssi juchetti ormai n'haiu abbastanza,
stancu ni sugnu e mi vogghiu accirtari;
non mi tèniri cchiù misu in vilanza,
lassami, nicaredda, tranquillari;
dimmillu chiaru si 'cci n'haiu spiranza,
si mi voi beni o si non mi voi amari;
si non cridi ca svampu di disìu,
làssimi 'n paci, quantu sdillirìu !
Nardu Torrisi
da : Sfogu di cori

PINZERU D'AMURI armando carruba


Ci sunu mumenti 'ntà vita, chini d'amuri, c'arrestunu abbrazzati stritti 'o cori ...



DETTI SICILIANI - armando carruba -


'A casa senza 'a fimmina 'mpuvirisci.
(La casa senza una donna si impoverisce).

'A collira d'a sira, sarbatilla ppa' matina.
(La collera della sera conservala per il mattino seguente).

'A cosa 'ncimata è menza cusuta.
(Una cosa cominciata è per metà finita).

'A filazza ammazza.
(Lo spiffero sottile uccide).

'a fimmina è comu li muluna: mmenzu a centu ci nn'è bona una.
(La donna è come il melone, tra cento ce n'è una buona).

LU GRIDU DI L'ARMA di Santo Grasso

Dei meravigliosi versi del poeta Santo Grasso:


“Lu gridu di l’arma”
Lu viju sempri ‘nta lu vicinatu
e sempri m’arrispunni a lu salutu:
è ‘nvecchiu trimulanti, pinsiunatu
ca oggi ‘un salutò, si stesi mutu.

M’avvicinai, e misu a lu so latu,
visti ca mischineddu, avìa chianciutu,
avìa lu sguardu persu, stracanciatu,
ci dissi: don Fulì, ca succidutu?
Dicitimi, chiffà v’hannu arrubbatu?
Cu ‘nfilu ‘i vuci e l’animu firutu,
mi dissi: sì, haviti ‘nduvinatu;
avìa ‘na cosa ch’aju sempri avutu
e cu mi l’arrubbò, si chiama Statu...
è la me dignità, l’hatu caputu?
tribàLe

L'ANGELO CUSTODE - voce Armando Carruba realizzazione video Gino Cataudo


Racconto popolare siciliano dalla voce di Armando Carruba. Realizzazione video Gino Cataudo

CHE COSA NON TI DEBBO RACCONTARE. . . - armando carruba -

Tutti a mare... tutti a mare... a mostrar le chiappe chiare... TUTTI A MARE E' bello andare a mare, da ragazzini andavamo col vaporetto al lido Azzurro e neanche il tempo d'aver messo piede... che via 'i robbi e a mareee!!! le nostre madri si alzavano quel poco la gonna - per non bagnarsi - facevano due passi precisi sulla battigia e tipo vanniatina dialogavano con noi: TURIDDUUUU... CICCIUZZU OSCITE DALL'ACQUA OSCITE e noi 'NGO 'NGO 'NGO che voleva dire NO e loro APPENA OSCITE DALL'ACQUA VI FACCIO AMMAZZARE DI LIGNATE DA VOSTRO PATRE!!! potevamo mai oscire???
Ai vent'anni e qualcosa ci siamo collocati nella zona industriale di Priolo, e lì il quisillubus: o comparci la 500L o sposarci... MEGGHIU 'A CINCUCENTU!!!
Quella cinquecento era tutto per noi , l'allustravumu ci mittevumu macari u pannu giallu supra u cruscottu e poi serviva per tanti usi, ca comu facevumu nesciu pazzu eppuri facevumu!!!
E andavamo a mare con lei... che non era più nostra matre ma la zita!!!.. ca diceva "unni mi porti?" ca sotto le fresche frasche! il lido azzurro non c'era più e l'Arenella aveva i cabini di lignu onde per cui Sayonara W IL GIAPPONE.
Ancora oggi a mare ci sono i picciriddi sempri all'acqua ca nun stanu un attimu minutu fermi, i ziti all'acqua stritti (si vidi ca c''nzignari a natari) i single masculi e fimmini a fari finta di leggiri mentri si talianu attornu... e nuautri gioventù che fu e che ancora crede d'essere ma non è... piazzata vicinu a cabina ccu ombrellone e ccu raccumandazione ... NUN CRIDU CA TI MOVI.. ju quannu mai??? fermu comu un palu sugnu...
BUON MARE A TUTTI

lunedì 15 giugno 2015

PINZERU D'AMURI - Armando Carruba -


'A luntananza è 'u veru nimicu ppi ccu' si ama... ma è macari dda' cosa chiossai 'ill'autri, ca nni fa capiri quantu nni vulemu beni...

SCAMPAGNATA DI LI ME' TEMPI di Maria Agrippina Amantia



SCAMPAGNATA DI LI ME' TEMPI
Ddu jiuornu ni susemmu cu lu scuru,
ca li jiaddi durmievunu ancora di sicuru.
Me nanna priparò tuttu l'occurrenti,
pensu ca nun si scurdò propriu di nenti.
L'ova no panaru, a farina na lu saccu,
i buttigghi di la sarsa e lu vinuzzu.
I gilippati, u turruni, u benvuliri,
e a santa cruci prima di partiri.
Nuatri picciriddi nun capivumu nenti
c'era sulu aria di fistiggiamenti.
Currievumu cas, casa,comu mpazzuti
erumu tutti nun pocu stralunati.
Arrivò lu mumentu di la partenza,
a mia e me frati 'acchipparru cu veemenza.
Uno di cà e unu di ddà,
dintra du cufina, comu du pascià.
Supra li scianchi di lu mulu,
ca mentri caminaumu parieva c'abbulaumu.
Ridieumu comu du sfasati,
nun pocu pi prieiu, nun pocu scantati.
Quannu arrivammu, dopo na bona menz'ura,
di scinniri nun ni parsi l'ura.
Me nannu, ni cunsò la naca cu la corda,
a nun peri d'aliva ranni ranni.
Sicuru si potti priari,
di quantu scutuliati c'appumu a dari.
Intantu, cu tantu preiu,
ddi fimmini tutti, si misuru o furriu.
Cu facia lu sucu , cu mpastava farina,
erunu tutti dda, ni la tannura.
Li masculi cchiù ranni s'inni eru,
a cogghiri pali ri ficurinni e si spinaru.
Si passavunu li cutedda ni li manu,
pi livarisilli ma era vanu.
Siccomi nun c'arriniscevunu,
cu sa scusa li fimmini chiamavanu.
Appena fu tuttu pronti, fu festa ranni,
a maidda s'inghì di cavateddi,
beddi, cauri e fumanti,
c'avevanu a saziari tutti quanti.
C'eranu puri chiddi schifiusieddi,
ca nun vulievanu mangiari nsiemula a tanti.
Me nanna, ci li misi dintra na pala,
di ficurinna,
a forma di piattu cu la ncavatura.
Cavateddi e sucu ci fu, pi tutti,
ranni, nichi e puri picciotti.
Caciu picurinu a vuluntà,
vinu sinceru ch'era na buntà....
Ballati, friscaletti e tarantelle,
risati, e puri tanti vasateddi.
Cosi ca rallegrunu lu cori,
comi si pò campari,
senza amicizia e amuri?

Maria Agrippina Amantia

LA LEGGENDA D'ARETUSA popolare - voce di Armando Carruba



La popolare leggenda d'Aretusa con la voce di Armando Carruba.

CHE COSA NON TI DEBBO RACCONTARE!!! - armando carruba -

Carissimi amici buongiornooo! C'è il sole e quando c'è il sole c'è tutto come dice quella canzone napoletana "basta ca c'è 'sto sole basta ca c'è stu mare" etc etc Non dice basta che ci sono i soldi??? ma quannu mai? il sole quindi risolve tutto, onde per cui noi del sud dovremmo essere ricchi e quelli del nord ci dovrebbero invidiare... ma quannu mai???
Sono iniziati i bagni a mare, nei vari lidi... costa costa... ca parola d'onore costa tutto un patrimonio, una semplice entrata al lido poi con gli annessi e connessi e 50 euro sono belle e volate via!!! Cheffa' l'ombrellone non lo devi prendere? e la seggia sdraio? ti vuoi stinnicchiare nella rina? c'è cauro abbampi! Che fa il gelato 'o picciriddo? e la cola coca per la signora cchi ppo' dire? e ppi tia nenti? Certu ca se arragiuni accussì è megghiu ca ti stai a casa! ostreca perdindirindina ne' ?
Per non parlare che è tutto proibito: vietato giocare a palla (e i picciriddi che devono fare la briscola?) vietato usare lo shampo per farsi la doccia (ma quannu mai?) vietato portare ombrellone da casa (certo lo danno loro e abbuddanu nta spisa) vietato vietato... finirà d'essere vietato il bagno a mare... e vi vuliti pigghiari di colira? ma quannu mai??? Bona matinata!

domenica 14 giugno 2015

CARO AMICO TI SCRIVO - Armando Carruba -

Non so se a qualcuno di voi è mai capitato di sentirsi giù... non proprio giù giù ppi diri GIU' accussì, NOOO, un giù minuscolo che intanto ti fa stare giù. 
Quando capita a me, mi rifugio andando a guardare il mare, può anche sembrare una cosa stupida, ma trovo là quella forza necessaria per tirarmi sù e non essere più giù. Guardi il mare e a secondo di cosa ti è capitato, come un film ti scorre tutto davanti agli occhi e riesci a trovare la soluzione. 
Sono andato a guardare stamattina, quello specchio d'acqua e - incredibile ma vero - per un istante ho rivisto le barche e lui 'u Zu Natali ca sbattuliannu a' lanna diceva "SORDI... SORDI... AVANTI SORDI" Un attimo e poi tutto s'è dissolto, io sono tornato sù e il mare ha assunto quel tremolìo multicolore che solo il mare d'ortigia ha. 
Buon inizio di serata amici 

LI PECURI - Pitrè -

LI PECURI
'Mbé, 'mbé, 'mbé,
tutti li pecuri fannu 'mbé,
e lu latti di la crapa,
e la mennula pistata;
l'aceddu cantaturi,
chi canta tutti l'uri;
supra Sangiuvanni,
su' stisi li panni,
li panni e li panizzi,
li gioj e li trizzi;
li trizzi 'ncannulati,
oh Maria di la pietati.
Pitrè

sabato 13 giugno 2015

prof. Arturo Messina

Stanotte, continuando il cammino nella Fede, il prof. Arturo Messina, ci ha lasciati.
Conosciutissimo in città, lascia un vuoto incolmabile nel giornalismo aretuseo... e a chi - come me - ha avuto la fortuna di conoscerlo, un meraviglioso ricordo.
Un abbraccio alla famiglia.

venerdì 12 giugno 2015

T'ASCUTU MARI di Armando Carruba

Parrami mari, t'ascutu.
Cuntimi di tanti storii
parra do' tò munnu
mi piaci 'a to' biddizza
mi vardu da to' putenza.
'I to' paroli venunu cull'unni
sbattulianu 'ntà me' menti
e mi fanu sunnari...
Parrami, mari.

Armando Carruba (12/6/2015)



MARI di Armando Carruba


MARI

Duci e 'ncazzatu
comu n'amanti.
Ti talìu
m'attraji.

'A tò vuci trasi 'ntà mé menti
e mi lassu carizzari
dall'unni,
piaciri d''stati.

' U cuntinuu 'sbattuliari
annaca 'i me' pinzeri
e si porta luntanu
unni 'u mari vasa 'u celu.

Armando Carruba (12/6/2015)








giovedì 11 giugno 2015

C'ERA 'NA VOTA SARAUSA di Armando Carruba



Il fascino della Sarausa degli anni '50 inizio '60! Le passeggiate al corso Matteotti, la Marina, il controllare la schedina con il tabellone a piazza Archimede, la domenica, si vinceva all'epoca con 12 risultati e 11 secondo premio... e l'aspettare impazienti il t'elegramma di Ciano Brugaletta sul risultato del Siracusa in trasferta... Quando perdeva la frase rimasta famosa era "sfortuna impedisce vittoria" una frase telegrafica che non ammetteva nessuna replica... e poi le barche la borgata... ma quant'era bedda Sarausa 'na vota!

mercoledì 10 giugno 2015

'U CARRITTERI CANTA armando carruba

Haju saputu ca vi 'nnata a ghiri
timpesta e mutempu vurrà fari
tutti li ciumi truvàrisi chini
da ripa a ripa nun putìri passari
e mancu truvari letti ppi durmìri
vi dugnu lu me' cori a ripusari

(POPOLARE)

Ho saputo che ve ne dovete andare/ tempesta e maltempo vorrei fare/ tutti i fiumi diventar strapieni/ da riva a riva non poter passare/ e neppure trovare letti per dormire/ vi do il mio cuore per riposare.

'U STRATTU 'O SULI armando carruba



Ricordi del tempo che fu "'u strattu 'o suli" che fatica a fari 'u strattu ppi poi mittillu 'ntè buttigghi arricugghiuti tuttu l'annu. 

MIETITURA armando carruba

Annata frummiculara,
annata frummintara
(segno d'abbondanza)
(E i contadini, soprattutto affittuari e mezzadri, grati al buon Dio, rivolgevano alle formiche accattivanti preghiere):
Frummiculedda dda' Batìa,
nun tuccari 'u frummentu a mia
c'agghìa prijatu tantu o ma Diu
ppi purtarlu 'o patruni miu
PRIJERA CONTRU I LATRI 'I FRUMMENTU
Munachedda ddo' frummentu,
nun tuccari lu frummentu!
lu frummentu è ddo' patruni,
ci l'ha' mannatu lu Signuri.

QUANTU E' BEDDU 'U MARI di Armando Carruba

QUANTU E' BEDDU 'U MARI
Sutta 'n suli liuni
stinnicchiati 'ntà rina
cca' radiu tascabbili
ascutavumu canzuni
a funtani janchi...
'U mari 'i jornu
asciucava pinzeri
'i sira scutulava
'n annu 'i travagghiu
stritti abbrazzati
E 'u cumplessu sunava
'a nostra picciuttanza
spinnuta a funtani janchi
tutti i jorna
ppe' ferii d'austu
Armando Carruba
QUANTO E' BELLO IL MARE - Sotto un sole leone/ sdraiati sulla sabbia/con la radiolina tascabile/ ascoltavamo le canzoni/ a Fontane Bianche/ Il mare di giorno/ asciugava i pensieri/ e di sera scrollava/ un anno di lavoro/ stretti abbracciati/ E il complesso suonava/ la nostra gioventù/ spesa a Fontane Bianche/ tutti i giorni/ per le ferie d'agosto.

PENSIERI Armando Carruba



I miei pensieri
volano...
come fumo di sigaretta
ritornano...
quando il buio
è più della notte
I miei pensieri
ribelli
non annegano mai

INNAMORARSI D'ORTIGIA di Oreste Reale - voce Armando Carruba -




La poesia è del mai dimenticato amico Oreste Reale, le immagini della meravigliosa Siracusa e la voce... la mia... 

Ci sono tutti gli ingredienti per distrarsi piacevolmente una manciata di minuti.

CENACOLO POETICO ANTEAS




Domani sera 11 giugno 2015 alle ore 18.00 presso la sede ANTEAS di via Arsenale 22 Siracusa, cenacolo poetico diretto  da Giorgio Guarnaccia.

E' sempre un simpatico incontro all'insegna della poesia e dell'amicizia!

martedì 9 giugno 2015

'U CARRITTERI CANTA - popolare - armando carruba

'U CARRITTERI CANTA
(popolare)
Affaccia a la finestra amata Dia
tutta di pompi e china di biddizzi
a testa o timiraria menti mia
comu arrivari a vui 'ntà tanti artizzi
ju pi li tò binigni 'ncurtisia
ribassari mi vogghiu a li me' artizzi
ca sugnu spostu accuntintari a tia
ti dugnu l'occhi lu piattu e li trizzi
Affaccia alla finestra amata Dea/ tutta di pompe e piena di bellezze/ o testa temeraria o mente mia/ come arrivare vuoi a tanta altezza/ io per le tue benevolenze in cortesia/ abbassare voglio le mie pretese/ che son disposto di accontentare te/ ti do gli occhi il petto e le trecce.