domenica 31 maggio 2015

CALENDARIO - armando carruba -

Duminica 31 maju 2015
Ohimé, ohimé, tri voti dicu: cu cadi in puvirtà, perdi l'amicu!
Ohimè, ohimè, tre volte dico: chi diventa povero, perde l'amico!
("Donec eris felix, multos numerabis amicos; tempora si nubila fuerint, solus eris" Finchè sarai felice, conterai molti amici; se il tempo cambierà, resterai solo, dicevano i romani)

sabato 30 maggio 2015

CANTO D'AMORE POPOLARE - armando carruba -

CANTO POPOLARE
Bedda ca di zuccuru vui siti
di zuccuru vi fici vostra matri
di zuccuru la porta unni trasiti
di zuccuru la scala unni acchianati
di zuccuru la seggia unni siditi
di zuccuru la tavula unni manciati
di zuccuru lu lettu unni durmiti
cu si curca ccu vui lu 'nzuccarati.

CANTU D'AMURI popolare - armando carruba -

In questi versi popolari, per elogiare la propria amata, il poeta fa continuo riferimento ai fiori: "Ju sugnu lu jarofulu e lu gigghiu/ e la rosa si tu, si nun mi sbagghiu..."
La donna è la palma, il basilico, il garofano... ma anche:
Stidda lucenti di tanti biddizzi
è 'na furtuna ca m'arriestu ddocu
tu si lu mari di li cuntintizzi
furtuna di piaciri, spassu e jocu!
Talvolta l'elogio ci richiama alla mente termini ed espressioni dell'epopea cavalleresca: " stinnardu di damascu e d'oru finu..." o diventa canto d'amore...
Vui di li belli la cchiù bella siti
comu lu suli la luci purtati
ma di lu suli vui cchiù straluciti
iddu tramunta e vui nun tramuntati;
bedda cchiù di la luna mi pariti
quannu la sira tardu v'affacciati
pirchì la luna stissa vui vinciti
idda ricivi luci e vui la dati!"
Delicata ah??? Bona matinata!!!

venerdì 29 maggio 2015

CALENDARIO - sabato 30 maggio 2015 -


Sabbatu 30 maju 2015 S. Giuvanna D'Arcu

Cu dormi a sonnu funnu, è l'omu chiù filici d'u munnu
Chi dorme profondamente è l'uomo più felice del mondo

Cu a tia ti pari ca dormi e riposa, chiddu porta la cruci cchiù gravusa
Chi ti sembra dormire beatamente, è colui che porta la croce più pesante

da CIURI DI STRATA di Francesco Guglielmino

Ci pensi ?
Ci pensi ? eramu ancora
scolari tutti e dui,
putemu aviri 'nsemula
trent'anni o pocu chiù ;
tu cu li vesti curti
lu fari cuntignusu,
iu sempri 'nta li nuvula
carusazzu scunchiusu.
Ddu jornu n'incuntrammu,
non sacciu comu fu,
iu cu li mè grammatichi
cu li tò libri tu.
Ti dissi ---e na ddu puntu
iu mi sintia la frevi
mentri ca tu di l'aria
cascata mi parevi ---
ti dissi :《 signurina,
stamu a la stissa via,
siddu non sugnu sproticu
ci fazzu compagnia ?》.
Tu addivintasti russa
chiù russa di lu focu,
ma risulenti e simplici,
Forsi trimannu 'n pocu,
comu 'na madunnuzza
ca sì vidi appriata
mi rispunnisti : 《 grazii !
iu già sugnu arrivata....》.
Cussi strata facennu
ci fu qualchi parola,
sempri di così leciti,
di così di la scola ;
ma iu stannuti accantu
cridia d'essiri Diu
e tu sapevi sèntiri
lu sintimenti miu.
Ma quannu troppu prestu
fummu a lu tò purtuni,
e chiù d'accumpagnariti
non àppi la scaciuni,
stringennuti la manu,
stringennutilla forti,
ti dissi: 《 oggi cu 'n principi
non canciu la me sorti ! 》.
Tu facisti di cursa
li scali di la casa
--- cunfusa avevi essiri
chiù assai ca pirsuasa ---
ed iu traballiannu
turnai pri li mè passi,
e la stratuzza scivula
mi parsi tutta massi.
Poi chi successi ? è chiaru
ca non successi nenti :
ciuri, capiddi, littiri,
li così chiù 'nnuccenti,
così ca sarvu ancora
megghiu di li dinari,
e chiù di li reliquii
chiù assai li tengu cari.
Pri nui però la sorti
vutò comu 'na rota,
ma non pozzu scurdarimi
l'incontru di dda vota ;
e doppu tantu tempu
si passu pri dda via,
e pensu angustiannumi
ca tu non fusti mia,
dicu ca forsi forsi forsi
pri tia fu 'na furtuna,
ma iu mi sentu 'n tremulu
pri tutta la pirsuna.
Francesco Guglielmino
da : Ciuri di strata

VERSI POPOLARI

Chi cuntintizza po' aviri 'na schetta,
quanu lu beddu pettu si talìa
ca prima si l'azzizza e l'arrizzetta
e doppu ancora si l'accarizzìa;
si vanta sula, cu la menti retta
forsi arrivassi la sorti ppi mia!
poi si l'aggiusta e ancora li 'nzacchetta
- ci l'haju a dari a l'amuruzzu miu! -

(POPOLARE)

ORTIGIA di Armando Carruba -

Ti tengo nel mio cuore
vecchia e cara Siracusa
circondata dal mare
terra ricca e generosa.
Io son nato nel quartiere
dove c'è S. Lucia
quanto bene che ti voglio
cara e vecchia Ortigia mia.
Io son nato dove il mare
canta sempre le canzoni
e vecchi seduti
raccolgono pensieri.
Bambini che correvamo
scappando per vicoli
con le madri che chiamavano
che il buio era a fette.
E con il buio della notte
in questa isola amata
si sentivano i rintocchi
dell'orologio dell'Immacolata.
Non vi posso mai scordare
case del quartiere mio
e vengo a passeggiare
perchè è forte il desiderio
di quand'ero bambino
con le voci delle madri
Ritirati cornutello
prima che viene tuo padre!
E mio padre quando veniva
ci bastava uno sguardo
non so come faceva
mi leggeva la giornata.

Armando Carruba


CELU E STIDDI Armando Carruba


Chi è 'n celu senza stiddi?
E' comu 'na faccia senz'occhi
ti nni prji a talialli
macari ca nun i tocchi
dunanu luci 'o celu
unni 'n pinzeru cumincia
comu l'occhi mei fanu luci
'o to' pinzeru duci
ora se 'ntò celu nun vidi stiddi
talia 'i me' occhi sinceri 


Armando Carruba (29.5.2015)






SPIAGGIA di Armando Carruba


Sempri m'ha piaciutu
'a rina fina e pulita
'u scrusciu ddo' mari
'i prima matina

Ti lava 'i pinzeri
asciucannuli 'o suli,
'u stissu ca tu senti 'ncoddu 
'a sira ricurdannuti ca cci ssì.

Duci 'stati ...

Armando Carruba (29.5.2015)






SITI D'AMURI - armando - carruba -



Riordi passati,
di jorna
quannu 'u cori
ballava 'a tarantella,
e tu 'ntò ventu
rirevutu filici.

Riordi, sulu riordi
ca nun tornunu cchiù,
e lu ventu ciuscia
paroli d'amuri
duci comu 'u meli
ddi 'na storia finuta

E sugnu ccà ...
a taliari 'nto scuru
dda' vita
muddichi di sonni
arcunè di jurnati
'i cuntintizza

Armando Carruba (29.5.2015) 

Ricordi passati/ di gioni/ quando il cuore/ ballava la tarantella/ e tu nel vento/ ridevi felice./ Ricordi, solo ricordi/ che non tornano più/ e il vento soffia/ parole d'amore/ dolci come il miele/ di una storia finita/ E sono qua/ a guardare nel buio/ della vita/ molliche di sogni/ arcobaleni di giornate/ di felicità.

CALENDARIO - armando carruba -

Venniri 29 maju 2015
Cu non pò stari a lu sò paisi, non pò stari a nudda banna.
Chi non può star bene al suo paese, non può star bene in nessun luogo.
Cu muta locu, muta vintura
Chi cambia luogo, cambia fortuna

AMORE di Armando Carruba


A volte,
ricordo le nostre corse
sull'erba bagnata
e sul fiume,
dove bagnavamo
le labbra
prima di baciarci.
Un dolce vento
carezzava i capelli
ed eri mia...
soltanto mia.
E risento
l'eco delle tue parole
che cadono
come granelli di sabbia
e lasciano in bocca
l'amaro
di una sigaretta fumata.

Armando Carruba (29.5.2015)

giovedì 28 maggio 2015

SITI D'AMURI PPI TIA - armando carruba -




'U mari 'i Punta Sicca ascutava paroli d'amuri... 'ntò cauru d'austu. 'A cicala cantava, lu jornu scurreva, li picciriddi currennu 'ntà rina assicutavanu 'u ventu. E nuautri, taliannuni 'ntà l'occhi, nni davumu 'u primu vasuni... e 'u suli rireva Armando Carruba (28.5.2015)
Il mare a Punta Secca/ascoltava/parole d'amore.../nel caldo d'agosto/ La cicala cantava/ il giorno scorreva/ i bambini/ correndo sulla sabbia/ rincorrevano il vento/ E noi/ guardandoci negli occhi/ ci davamo/ il primo bacio/ e il sole rideva.

RICORDI

Stamattina scaminiannu tra le foto, ne ho trovata una del dicembre 1964 ... 51 anni fa mizzica come passa il tempo!!! Una foto normale, con la caratteristica del maglione e pantaloni di velluto comprati con i soldi di S Barbara! Mi spiego, per Santa Barbara il 4 dicembre, in Marina c'è il sorteggio di regali per i marinai e a me quell'anno toccarono 10.000 lire!!! Ero alla Capitaneria di Porto di Messina e ricordo che con 1500 lire offrii caffè per tutti con 8000 comprai questo maglione e pantaloni per potermi vestire in borghese (all'epoca proibitissimo) e con le restanti 500 lire cinema e sigarette.... Che ricordi una foto eh?

AH L'AMORE (poesia pescata in rete non era indicato l'autore)

Carissimi amici buongiorno!!! Stamattina vagabondando tra un blog all'altro mi sono bloggato... ho trovato questa poesia carina peccato che non c'era scritto l'autore ve la propongo come colazione prego:
AH L'AMORE
La donna amico mio è quella cosa
tutta festa ner core e ner penziero
te fa vede' tutto color de rosa,
te mostra bianco puro quer ch'è nero.
Te n'innammori tutto fiducioso,
perchè pare 'na santa casta e pia
mentre che ner cervello tempestoso
ce regna er tradimento e la buscia!
N'ebbi la prova da 'na certa Pia,
che me diceva appassionatamente:
" si me lassi sarà la fine mia,
me butterò da quarche murajone"...
Invece me piantò senza di' gnente
e io me struggo ancora de passione!!

CALENDARIO - armando carruba -

Jovi 28 maju 2015 San Germanu
Tutti nàsciunu ccu la sò stidda, e ognunu porta 'a sò praneta.
Tutti nascono col proprio segno, ed ognuno ha il suo destino

mercoledì 27 maggio 2015

W LE FESTE DI BALLO DI UNA VOLTA! - armando carruba -

W LE FESTE DI BALLO DI UNA VOLTA !
Un gruppo di giovani, cui mai sarà tributata lode sufficiente, ha fotografato e continua a fotografare i cortili, le viuzze, i balconi e tutto quello che a loro modo di vedere è interessante in Ortigia. Hanno paura che un giorno i cosiddetti palazzinari riusciranno a far scomparire tutto ed essi, non potendo impedire che ciò avvenga, vogliono che di tutto almeno resti un ricordo.
Paure assurde? Sarà ma che male fanno? Lasciamocelo fare.
La stessa strada la percorrono coloro i quali girano i paesi alla ricerca di testimonianze della civiltà contadina: fusi, arcolai, cavezze, quartare, piatti ppo’ ‘strattu, etc.
Si sente sovente dire con un sospiro…”’E me’ tempi!” beh, a quei tempi il pane era pane, il vino era vino e il ballo era ballo perdindirindina! Dice ma oggi il ballo chi è? Sì continuano a danzare ma consentitemi che è tutto diverso da allora.
A quei tempi niente grandi viaggi, niente crociere e certi luoghi si ricercavano esclusivamente sui libri di geografia o sugli atlanti.
Si organizzavano le feste da ballo che, cosa importante, costituivano il mezzo quasi unico e raro per avvicinare una ragazza, per tentarne l’approccio di qualche consistenza, per dare inizio ad un corteggiamento suscettibile di promettente sviluppo. E poi…che scherziamo? Chi se lo sognava di potere , senza correre rischio alcuno, tenere fra le braccia e stringere a se una fanciulla? Di abbracciarla in pubblico e sotto gli occhi di tutti, magari per convincerla ballando a farsi abbracciare in segreto e lontano da occhi indiscreti.
Oggi si continua a ballare, ma è tutto diverso: i giovani danzano ognuno per proprio conto, tanto che certe volte dando un’occhiata alla sala diventa un rebus sapere se quel tizio balla con la tizia o con la tazia o con tutte due, tre, quattro insieme. 
Ieri le feste da ballo riuscivano quasi sempre favolose merito dei padroni di casa, e occorre precisare che all’epoca ai balli dei giovani non erano esclusi i padri, le mamme e i nonni!
Ad un certo momento si aprivano le danze; si ballava al suono del giradischi che si chiamava grammofono o di qualche volenterosa orchestrina.
La coppia, formata da persone che, almeno ufficialmente non si conoscevano, durante l'esecuzione difficilmente apriva bocca. Solo alla fine di ogni ballo il giovane, per ringraziare la dama, le accennava un timido sorriso accompagnato da un sommesso grazie.
Si racconta che una volta una signorina giustificò con queste parole il rifiuto al ballo:
In primisi, primisi, nun sacciu abballari
poipoi, me' patri nun voli
e chinnicchinnacchi ballu ccu vui?
Nessuno faceva coppia fissa e nessuno ballava guancia a guancia, perché avrebbe dati troppo all’occhio, è anche evidente che certe signorine di balli non se ne perdevano neanche uno ed i giovani, in special modo i figli del padrone di casa, facevano in modo affinché non restassero ragazze a far tappezzeria.
Poi i vispi nonnetti reclamavano a gran voce il valzer, ed allora sì, era un vero spettacolo vederli scatenarsi in vertiginose evoluzioni, che, a star troppo vicini, si correva il rischio di essere travolti.
Ansanti e trafelati ma raggianti di felicità, ritornavano infine ai loro posti, dopo aver gratificato l’intrepida dama con un profondo inchino vecchio stile.
Se la festa accennava a languire, per stanchezza o altro, il padrone di casa decretava una pausa, ed era quello il momento di una bella passata di dolcini, vermuth o moscato: insomma si riprendeva fiato.
Si faceva qualche gioco, oppure qualcuno raccontava una barzelletta. Alla fine la festa giungeva al termine con la controdanza, che era un ballo corale che coinvolgeva tutti giovani e vecchi, si articolava in cento figure da eseguire agli ordini del bastoniere.
Infine si cominciava a sgombrare il campo e si prendevano accordi per la prossima festa; dopo i ringraziamenti ai padroni di casa e i saluti a quelli che sarebbero andati per strade diverse, si sciamava ridendo, commentando e spettegolando attraverso il cielo stellato della notte.

MODI DI DIRE - armando carruba -


Augùrii senza cannistru
su' comu calamaru senza 'nchiostru

Auguri senza canestro
son come calamaio senza inchiostro  

REMO MARINUCCI


Ieri 26 maggio 2015 alle ore 15,30 - ora canadese - ci ha lasciati il tenore Remo Marinucci
un grande AMICO.

Alla moglie Maria sentite condoglianze.

martedì 26 maggio 2015

COSI E' SE VI PARE Armando Carruba -


Buonasera! a conclusione di serata desidero postare (si dici accussì?) 'na cattullina, anni '60 di piazza Archimede di sera. Da notare l'orologio segna le 23,38 ancora 2 minuti e l'autobus che si vede (sicuramente 'u nummiru 1) sarebbe partito per l'ultimo giro giornaliero alle 23,40.
Dici pirchì staju sottolineannu chistu? Oggi l'ultimu autobus parti alle 20,20 e se unu, ca è senza machina, si voli dimurari un pizzuddu fora non può.
Nun è propriu veru ca si stava megghiu quannu si stava peggiu?
Bonanotti

SIRACUSA IN BIANCO E NERO - Armando Carruba -



Insieme a te non ci sto più, cantata da Caterina Caselli, è il motivo trainante di questo video realizzato con immagini di una Siracusa anni '50/60. 

armando.carruba@virgilio.it

SCUSI 'NA PAROLA - Armando Carruba -



E così tric e trac ci siamo susuti dalla pennichella, un bel suco di frutta siciliana e cu' havi sali consa 'a 'nzalata cu' nun nn'havi sa mancia dissapita... e cu' si curca dijunu tutti i pùlici li senti!
Certo ca 'o munnu cci nn'è facci 'ntagghiu, peggiu dda' petra milita, chi fu? chi successi?? cchi accadde??? ca quannu certa gente spara minkiati nun sanu un proverbiu dici: Frittati, minzogni e pruppetti, o 'rossi o nenti! ca a tàvula e a lettu (si canusci) la pirsuna di rispettu.
Buon pomeriggiu a tutti ... ascutatili i proverbi saggizza di populu... aufridersenne !

lunedì 25 maggio 2015

BUONGIORNO vostro Armando

Buongiorno cari amici, le giornate vanno ormai incontro al sole, che come diceva quella canzone del partito MSI "sole che sorgi libero e profondo" ihu per quello che ricordo ah??? poi macari non è così e sbagghiai. Bona matinata a tutti, sto andando a prendere la grania mattutina di mandorla... Mi ricordo quann'era nicu veniva la navetta, il trabiccolo e già prima d'apparire dda' punta di cantunera si sentiva la sua voce potente che aveva la magìa di fare accorrere tutti " OHEEEE MINNULATA CHI BIELLA MINNULOLEEE ... MINNULATA CHE BIELLA MINNULATA CHI BIELLAAAA MINNULOLEEE" e nuautri carusitti che' bicchieri, cazzalureddi etc etc.

 Bona matinata a tutti

CALENDARIO Armando Carruba



Marti 26 maju 2015 S Filippu Neri
'A TO' CASA TI STRINGI E TI VASA.
La tua casa ti abbraccia e ti bacia.
(E' bellissimo e affettuoso concetto, tipico di noi siciliani, nobilmente cantato dai poeti tra cui Pirandello e Villaroel)

SCOGLI SIRACUSANI di Armando Carruba


In questo video, realizzato con mie immagini e prese dalla rete, sono elencati alcuni dei più importanti scogli siracusani:

- CANNALUVARI così detto dato che si ci poteva salire e poi tuffarsi, dato che se si decideva di ridiscendere inesorabilmente la parete graffiava varie parti del corpo e questo era ritenuto come uno scherzo di carnevale.

- 'U SCOGGHIU DDE' FRANCISI scoglio frequentato negli anni '60 da turisti francesi che i pù alloggiavano all'Hotel Bellavista

- SCOGGHIU A CARRABBINERI così detto per la sua forma di cappello di carabiniere in alta uniforme

e altri....  

armando.carruba@virgilio.it  

domenica 24 maggio 2015

CALENDARIO - armando carruba -

Buongiorno amici, qualcuno mi ha invitato a riprendere il calendario con proverbio quotidiano... eccomi:
Luni 25 maju 2015 

FAVURI DI FURTUNA, SU' CARIZZI CCU LA PULA
Favori di fortuna, son carezze fatte colla pula
(La pula, o loppa, è il leggerissimo rivestimento dei cereali, che vola via al primo alito di vento)

MODI DI DIRE DIALETTALI - Armando Carruba -



MODI DI DIRE
Diciròttu caràti - (diciotto carati). Titolo d'onore, che si dà ad una persona d'importanza, quando si riconosce che essa ha tutte le qualità d'un omu perfetto. La similitudine, come si vede, è tratta dall'oro, il quale è il migliore in commercio se ha diciotto carati, cioè 18 parti di oro puro e 6 di lega, essendo l'oro puro di 24 carati.

TOTO' CI DISSI A PIDDU.... Armando Carruba

                                         ex Stazione Ferroviaria Marittima SIRACUSA



TOTO' CI DISSI A PIDDU...
Carissimi amici buongiorno! E così oggi 24 maggio si ricorda l'entrata in prima guerra mondiale quando quel 24 maggio l'esercito marciava e anche la natura era con noi tanto che il Piave mormorò "non passa lo straniero!" com'è nella famosa canzone del Piave.
Lasciamo stare la guerra e che cosa non mi vado a ricordare! A Siracusa, 'e tempi dde' canonici 'i lignu, quando i leoncelli militavano in serie B quando c'era il derby CATANIA - SIRACUSA era uno spettacolo per la coreografia! I cugini catanesi venivano col treno a vapore e si fermavano alla stazione Marittima (oggi sede della Guardia Costiera). Intanto lungo il tragitto dei due passaggi a livello - via Elorina e Molo - sul muretto ragazzini vocianti "catanisi cche' corna tisi!" ma il bello era sul piazzale della stazione Marittima dove si trovava l'immancabile sciccareddu con 'a cascia 'i mortu con scritta CATANIA (poi più delle volte il Catania vinceva a Siracusa). Era unò sfottò sano che difficilmente sfociava alle mani. Tra gli sfottò c'era con il motivo della canzone del Piace chi cantava in coro "Il Piave mormorò vò tagghiati 'u capiddu!".
Qualcuno fece circolare la voce che chi veniva sorpreso a cantare questa strofa sarebbe stato arrestato per vilipendio ad una canzone di Stato!!!!
Ipso fatto l'ingegno sarausano che tramutò la frase "TOTO' CI DISSI A PIDDU VO' TAGGHITI 'U CAPIDDU" che ancora oggi qualcunu ricorda e che veniva in seguito usata quando qualcuno aveva i capelli un pò lunghetti.
Buona domenica

sabato 23 maggio 2015

'A DIA VENIRI di Micio Tempio


LA DIA VENIRI
... di luntanu a passu lentu
la billissima Veniri cumpari;
ca nuda e sula pri li larghi strati
va cucchiennu lu friscu ppi la stati.
Nun avìa chinnici anni; la frischizza
di 'ddi carnuzzi aggraziati e bianchi
accumpagnava la dilicatizza
di lu morbidu pettu e di li cianchi.
Tuttu era in jdda grazia e biddizza;
beddi l'occhi, la vucca, e beddi l'anchi,
bedda 'dda cosa unni si nesci e trasi.
Tinti a pinneddu parianu li natichi,
tunni, duri, citrigni e sapuriti;
stavuvu tutti a taliarla estatichi,
ca muveva l'arrittu a li rimiti,
aveva l'occhi vivuli e simpatichi,
'dd'occhi unn'era d'amuri la riti;
'dd'occhi capaci, cu' 'na taliata,
di squagghiari la nivi e la jlata.
Lu nasiddu parìa cira c'adduma,
la vucca, si la guardi, tu ni spinni;
li masciddi chiù bianchi di la scuma;
drittu lu coddu aggrazziatu scinni;
'ntra lu pittuzzu poi, comu du' puma
janchi e tunni spurgevunu du minni;
li cosci su', di lu chiù espertu mastru,
du' culonni perfetti di albastru.
Micio Tempio

MODI DI DIRE . Armando Carruba -

MODI DI DIRE
Cutulàta d'olivi.
(Abbacchiata d'olive). Condanna ad un anno di carcere, perchè le olive si abbacchiano una volta all'anno.

venerdì 22 maggio 2015

23 maggio 2015 San Desiderio

Sabato 23 maggio 2015 San Desiderio
'NTA MAJU, A FAUCI 'MPAJU; 'NTA GIUGNU, A FAUCI IMPUGNU; 'NTA GIUGNETTU, FRUMMENTU NETTU.
In Maggio, preparo la falce; in Giugno, la impugno; in Luglio netto il grano raccolto.

CREDENZE POPOLARI

Chi vuole avere notizie di parenti o amici lontani, o vuole sapere come va, oppure come si mette una data cosa, non ha che da fare l'ascolto a San Paolo, le prime ore della notte del 24 gennaio.
E' vero che San Paolo perseguitava i cristiani e nella notte sentì una voce: era quella del Signore che lo chiamava. Così la notte che precede la festa di San Paolo, si fa l'ascolto, per sentire le parole di qualcuno che passa, o si va ad origliare dietro le porte della gente; e secondo quello che si sente, ci si fa un'opinione di cose buone o di cose cattive intorno a ciò che si pensa: "Va bene", "Non si vuol sapere", "Ora viene", "Siamo contenti", "E' stanco" etc. etc.

22 MAGGIO 1995

                                                Antonietta  Carrubba
                                                Concettina Schillaci


22 MAGGIO SANTA RITA
Per me questo giorno, mi da infinita tristezza e dolore, per una ferita che mai si potrà rimarginare.
Desidero ricordare, a venti anni di distanza dalla dipartita, mia sorella Antonietta e mia cugina Concettina, un giorno di una tragicità unica quel 22 maggio 1995 e che possa servire in qualche modo a chi si trovasse in certe circostanze.
Vivevano sole e Concettina doveva essere sottoposta ad un intervento; mia sorella, per starle sempre vicina, anziché portarla all'ospedale, la ricoverò in una clinica con stanza a pagamento etc etc
L'intervento riuscì, ma le venne un'embolia e la clinica non essendo munita delle attrezzature necessarie che un ospedale ha, con tutti i soccorsi di dottoricchi di primo pelo (era prima sera) Concettina morì. A distanza di un'ora, di crepacuore anche mia sorella ci lasciò.
A loro ricordo: Antonietta Carrubba (26/5/1932-22/5/1995) Concetta Schillaci (17/8/1930-22/5/1995)

giovedì 21 maggio 2015

I RAGAZZI DEL MOLO SAN ANTONIO armando carruba

‘O PUZZU ‘NGIGNIERI
Ianuzzu quella mattina , si era messo i calzoni lunghi del fratello per poter sembrare più grande della sua età ed era andato ‘o puzzu ‘ngignieri nella speranza di trovare qualcuno che lo prendesse a lavorare.
I lavoratori della terra che si radunavano in quella piazza sin dalle prime ore del mattino attendendo un cenno che potesse far guadagnare la giornata, ben conoscevano Ianuzzu, e l’avevano a simpatia per la sua disponibilità ora a comperare le sigarette al bar Cannata, ora per l’acquisto del pane e companatico da u zù Stefano.
Una volta effettuato il servizio, il ragazzo ne ricavava una liquirizia o una sigaretta popolare che il buon Ianuzzu, con studiata teatralità, fumava cercando d’imitare  quel giovanotto interprete del film.
A volte grazie all’interessamento di qualcuno effettuava una giornata lavorativa, special modo quando era il tempo della raccolta delle arance e servivano picciotti a rendere disponibili sempre più panari vuoti da dare ai raccoglitori.
Ianuzzu sin da bambino aveva contribuito al magro bilancio familiare di quel nucleo così sfortunato; il padre subì la perdita di entrambe le mani e la deturpazione del viso per l’improvvisa esplosione di una bomba artigianale per la pesca di frodo e il fratello sovente era soggetto ad attacchi epilettici; soltanto la sorella lavorava come cameriera e la madre s’adattava a lavoro di cucito.
Il sole era già alto sulla piazza e Ianuzzu s’accorse di essere rimasto solo con i suoi pensieri; andò ai villini e stette a guardare i ragazzi che giocavano ‘a balata con i soldi.
Le tasche vuote non gli permisero di partecipare al gioco e mentre era intento ad osservare il volo delle monete sulla balata lavica si avvicinò don Salvatore.
Quest’ultimo offrì ai ragazzi la possibilità di guadagnare scaricando un vagone di bottiglie di vino e birra, e s’avviarono per via Francesco Crispi e lì in un deposito cominciarono a scaricare le casse.
Quel vagone sembrava non finire mai malgrado il buon ritmo sostenuto dai ragazzi, le spalle erano sovente graffiate dalle casse e le gambe cominciavano a farsi pesanti, ma alla fine sedettero stanchi sulle cassette contenti che di lì a poco avrebbero incassato la dovuta ricompensa.
I soldi offerti da don Salvatore ai ragazzi erano troppo pochi, ciononostante Ianuzzu per non perderli stese la mano che i compagni fecero abbassare con uno sguardo.

Stettero fermi immobili davanti al magazzino per una quindicina di minuti, infine don Salvatore, su suggerimento del padrone a cui economicamente gli conveniva avvalersi dei ragazzi  per questo tipo di lavoro, aggiunse altri soldi all’offerta e così tutto s’aggiustò, e mentre i ragazzi di corsa ‘o rettifilu a spendere parte del guadagno, Ianuzzu stringendo in mano quei soldi, volò di filato a casa contento di vedere tra poco il volto di mamma illuminarsi di un bel sorriso che a lui dava un’immensa gioia.

PENSIERO DEL MATTINO - armando carruba -

BUTTA IL TUO CUORE OLTRE L'OSTACOLO, E LO SUPERERAI .... (SE L'OSTACOLO E' SINCERO E NON T'OSTACOLA)

mercoledì 20 maggio 2015

PUNTURA VESPA

Pizzicatina di vespa
'Na fidduzza di cipudda tinuta supra 'a pizzicatina cu 'na lama 'i cuteddu;
avvicinari 'a parti ca doli 'a capòcchia d'un pospiru;
avvicinari 'a lama d'un cuteddu do' latu unni tagghia supra 'a parti chi doli e facennuci 'na cruci; 'u ferru lassatu da' vespa si smuzza cull'àutru ferru e 'u duluri passa sùbitu; intantu diri 'sta prijera:
San Paulu fici 'a vespa
e San Paulu la dumò

PUNTURA DI VESPA
Una fettina di cipolla tenuta sulla puntura con una lama del coltello;
accostare alla parte che duole la capocchia d'uno zolfanello;
accostare la lama d'un coltello dal lato del taglio sulla parte che duole e segnandovi una croce: il ferro lasciato dalla vespa si neutralizza con l'altro ferro e il dolore passa subito; intanto recitare questa preghiera:
San Paolo fece la vespa,
e San Paolo la domò

MEGGHIU PICCA GODIRI C'ASSAI TRIULIARI di Santo Rapisarda

MEGGHIU PICCA GODIRI, CH'ASSAI TRIVULIARI

Chì giuva all'omu avaru tantu aviri,
si campa allammicatu pr'acquistari?
Chi giuva a chiddu ca nun sa gudiri
di la so robba, e di li so dinari?
Filici dd'omu sulu avemu a diri,
ca si sà di lu pocu cuntintari;
megghiu gudiri picca e non suffriri,
ch'aviri beni assai, e trivuliari.

Santo Rapisarda

MEGLIO POCO GODERE CHE ASSAI TRIBOLARE - Che giova all'uomo avaro tanto avere, se vive tutto teso ad acquistare? Che giovano, a chi non sa godere, la roba, le ricchezze e perle rare? Felice l'uomo, solo dobbiamo dire, che del poco si sa accontentare: meglio godere poco e non soffrire, che avere molti beni e tribolare.

COSI E' SE VI PARE... - armando carruba -

Amici carissimi buongiorno e... che cosa non vi debbo raccontare!!! Ju capisciu, binidittu tuttu San Pasquali, i picciotti ccu sti cosi 'ntè manu, macari che sono in compagnia ognuno poi manda e riceve messaggi a cuntu sò mah!?! Ma nuautri? Ieri mi sono trovato in una saletta per una visita; eravamo in sei e tutti in età... come dice lei ? quale età? chidda c'avemu oh quanti dettagli voli sapiri. Dunca eravamo in sei tutti assittati - perchè le sedie sono otto - cincu ccu 'stu cellulari ca zappa, internet, manda e ricivi messaggi, fa a fotografia, fa u filmino, ma nun fa u cafè ca certi voti ci vulissi. L'unico a nun avillu un vicchiareddu ca mischino si truvava spaisatu. Sona, ad un certu puntu un telefunu, era u sò... ddà sacchetta nesci un cellulari tipu mattunaccio dda' muratura e cumincia a jttari vuci "Pronto Cuncittina... sugnu 'ntò dutturi... sììì ha vinutu sta visitannu" etc etc Ora dicu ju, nun era megghiu i tempi di na vota unni nta na sala d'aspettu si parrava taliannusi 'ntà facci? Oggi chiddu ca cunta è quanti amici hai, poi si ci lamenta si l'amici ssu fasulini, chi cellulari hai... quannu su futtunu appoi parri e quanti messaggi manni e ricivi... Bona jurnata amici

lunedì 18 maggio 2015

INFIORATA DI NOTO (SR)


Ogni anno il terzo fine settimana di maggio è dedicato all'Infiorata, evento storico della città di Noto (Siracusa) che s'inserisce nell'ambito della Primavera Barocca, una serie di eventi tra cui il Corteo Barocco, costituito da banditori in costume d'epoca, figuranti, sbandieratori, e musici, che sfilano per le vie del centro storico.
 
La manifestazione dell'Infiorata è nata nel 1980 dall'incontro di artisti infioratori genzanesi e netini, ed è proprio nella città di Genzano, in provincia di Roma, che si sviluppa questa nuova tecnica pittorica. Via Corrado Nicolaci è la via che fa da cornice all'Infiorata, l'impatto è forte, in alto la Chiesa di Montevergini che si contrappone alpalazzo del Principe Nicolaci Villa dorata, con i balconi che sono stati definiti da molti i più belli del mondo. La strada, lunga 122 metri e larga 7 metri circa, viene infiorata in tutta la sua lunghezza, e, in larghezza, per 6 metri. Il tappeto copre un'area di 700 mq ed è composto da 16 bozzetti. Cortili, chiostri e vie cittadine sono abbelliti con riquadri, realizzati con creatività e capacità dagli artisti che propongono, di anno in anno, motivi diversi: religiosi, mitologici, e di cultura popolare.
Nella preparazione dell'infiorata di Noto, che è considerata tra le più belle manifestazioni dell'intera Isola, si distinguono vari momenti: la riproduzione dei bozzetti, l'esecuzione delle sagome che vengono tracciate sul tratto stradale e l'allestimento da parte degli artisti infioratori che, insieme con i loro collaboratori, tappezzano di fiori i disegni già tracciati, sul lastricato di Via Nicolaci.
 
Il lavoro di infioratura dei riquadri dura tutta la notte e l'indomani il tappeto floreale è pronto per stupire migliaia di visitatori italiani e stranieri, fino a tramonto inoltrato. La sera il via a spettacoli e iniziative collaterali, avvenimenti culturali di ogni genere, tra cui mostre, esposizioni, degustazioni, itinerari nel centro storico e nel territorio, musei e chiese aperte.

domenica 17 maggio 2015

BUON COMPLEANNO !

                                                Giovanna Carruba e il babbo papà

E vinni giorno 18 il giorno del compleanno di mia figlia Giovanna! Quindi tanti auguri auguri e ancora auguri figghia bedda ddo' papà to' !

LU MEDICU PIATUSU, FA' LA GHIAGA VIRMINUSA di Paolo Catania



LU MEDICU PIATUSU, FA' LA GHIAGA VIRMINUSA

Di tanta pietati nun t'accusu,
chi la pietati nun fu mai dannusa,
anzi chi cui l'osserva, e metti in usu
di fari caritati mai si scusa,
sai pirchì pigghiu à li voti di susu,
vurrìa nun fussi pietà pilusa,
lu medicu s'è troppu piatusu, 
tu sai chi fà la ghiaga virminusa.

Paolo Catania

IL MEDICO PIETOSO FA LA PIAGA VERMINOSA - Di tanta pietà io non t'accuso, ché la pietà non fu mai dannosa; anzi, non si può dire ché  un abuso,  dato che carità è cosa buona. Sai perchè a volte mi mostro dubbioso? Vorrei non fosse carità pelosa. Il medico che è assai pietoso, lo sai che fa la piaga verminosa.

sabato 16 maggio 2015

COSI E' SE VI PARE armando carruba

Carissimi amici, BUONASERA a voi.... 'na COLIRA ... a mia e che cosa non vi debbo raccontare!!! E' proprio vero, i proverbi non sgarrano mai! "Ci voli furtuna macari ppi friiri 'n ovu!" Dice: chi fu? che accadde? che successi? Nenti sai? o mi sfutti ah? la partita che è terminata un mumentu fa, INTER JUVENTUS finita 1 a 2 ma comu... no dicu comu? vicinu Milano? NOOO! Noi dell'Inter siamo partiti troppo forti e difatti tiro GOAL GOALLL la mia vuciata si è sentita 'nsinu a piazza Archimede tantu ca Diana mi ha mannato un sms!!! Joca ca ti joca altro GOALLL e inveci annullato!!! Ora dicu ju, 'a Juventus ha vinciutu u campiunato, è in finale coppa dei campioni è in finale in coppa Italia e havi 'u vantaggiu ca all'Inter annullano un goal regolare!!! E va bene, chista è a zita orba di 'n occhiu e sapurita! Ppi ghiunta il portiere ca era in porta Storari fici ddu' paratuni una appressu all'autra ca nun ti cuntu e nun ti dicu... ma megghiu a prossima vota ppi ora un piattu 'i spaghetti e mmi vo' curcu Bonanotti a tutti !!!

LA FURCA E' FATTA PRI LU SFURTUNATU di Vincenzo Bondice


LA FURCA E' FATTA PRI LU SFURTUNATU

Ddu bojia, ddu birbanti, ddu curnutu
di mastru Brasi, dopu dd'accimatu
dilittu so niscìi di prusicutu,
e già passija tostu e 'ntabbacatu.
E ddu bravu di Liddu fu 'mpinnutu
pri un picciulu suspettu non pruvatu!
Non po mancari ddu muttu vannutu:
la furca è fatta pri lu sfurtunatu.

Vincenzo Bondice

LA FORCA E' FATTA PER LO SFORTUNATO - Quel boia, quel birbante, quel cornuto di mastro Biagio, dopo l'efferato delitto che commise, è rinvenuto, e già passeggia come un potentato. Il bravo Lillo invece fu impiccato per un sospetto che non fu provato! Non può sbagliare il motto proclamato: la forca è fatta per lo sfortunato.

INTER - JUVENTUS di Armando Carruba

E finalmente vinne il sabbatu, ca si chiama allegra cori ppi ccu... havi 'u cori 'ntò zuccuru!!! Oramai donna Pippina o 'a mugghieri bedda o laria, chiddu ca cunta è 'a pila signora! No a pila ppi lavari, quannu mai??? La pila, 'a munita, i sordi vah! Senza sordi nun si canta missa e senza stola mancu si cunfessa... eccu accussì brava prosita veru! Stasira avemu a partita delle partite INTER JUVENTUS e attraverso le alette delle finestre vedo il mio vicino, il sig. Bongiorno, juventino di chiddi ca ppi vidiri a partita si metti cappellino con scritto I CAMPIONI D'ITALIA SIAMO NOI e va bene ppi st'anno, sciarpa 'ntò coddu ca si sta accupannu ddo' cauru ma iddu a sciarpa sa metti u stissu, 'a bannera ca svintulia ddo' balcuni 'i 'na simana, tric e trac pronti ad esplodere e i picciriddi... d'innuccenti macari iddi cca' sciarpa!!! Stamatina ci dissi: "Sig. Bongiorno non accupate con quelle sciarpe?" No, mi dissi, accussì nun nni veni a bonchite!!! Nautra cosa, speda Diu, vah veniri stasira come quella volta JUVENTUS INTER allenatore Stramaccioni pronti via e la Juve segna in chiaro fuorigioco 1 - 0 e palla a centro. . . e il signor Bongiorno pareva ca u Sarausa era salito in serie B! Comu finiu? chi cosa a partita o 'u sig. Bongiorno? A partita finiu 3 - 1 per l'Inter e tutte le finestre di casa Bongiorno chiuse intuppate ca nun si videva nenti di nenti ma nenti in assoluto!
Ora ppi stasira mi staju facennu fare un pizza anti colira: ova, alivi , prosciutto, melenzane, sardine, pipi, cozzuli, furmaggiu etc etc vinca il migliore tantu cchiù u campiunatu finiu, ma si vincissi l'Inter... chi soddisfazione!!! Bona matinata!

venerdì 15 maggio 2015

'U BACCAGGHIU dizionario del gergo della malavita - Armando Carruba -



Abbaccàri

Sedurre, corrompere con denaro una persona. Viene da Bacco "dio del vino" quasi a voler dire "ubriacare col denaro"; oppure viene dal verbo abbacàri (calmare, sedare) e nel nostro caso "sedare le brame col denaro"

Abbozzàri

Usato per lo più all'imperativo: "Abbozza!" "Sta zitto, taci!" Nei dialetti meridionali,  il vocabolo significa "sopportare tacendo".

Accùra o taccu

Bada al tacco. Avvertimento che si da a chi segue cauto una persona nel camminare; qui taccu sta per cammino


E CCHI SSI' RO' CINCU ?


Non so in altri posti della Sicilia, ma sicuramente nel sarausano... sa quanti e quanti voti hata 'ntisu diri E CCHI SSI' RO' CINCU?  e l'autru prontamente rispunni : DDO' CINCU CCI SSI' TU!
Certamenti i picciotti nun ponu capiri, ma nuautri di una certà età, sapemu ca du CINCU sta per l'anno 1905, e la frase "cchi ssì rò cincu" potrebbe anche essere "chi ssì lesu di testa?" "cchi ssì pazzu di catina?" etc. ed il motivo è questo:
- In seguito alla guerra italo-turca (1911), la pace di Losanna sancì l'annessione italiana della Tripolitania e della Cirenaica, ma durante il Primo conflitto mondiale le tribù libiche dell'interno, appoggiate dal capo dei senussi Omar el Muktar, si ribellarono, riducendo il controllo degli italiani alla fascia costiera della Tripolitania e di alcune città della Cirenaica, tra cui Bengasi. Per l'operazione di recupero di quei territori (Tripolitania 1922-23 e Cirenaica 1925-31), denominata Riconquista, furono inviate soprattutto truppe di leva della classe 1905 al comando del colonnello Rodolfo Graziani.
Chi tornò a casa non era più in perfette condizioni mentali e fu appunto allora, che le evidenti turbe psichiche dei reduci, a far nascere la locuzione dialettale "rò cincu" che a Sarausa si usava in segno di compatimento di chi aveva combattuto in Libia.
A partire dal secondo dopoguerra l'espressione "Essiri rò cincu" mutò... Quindi "E cchì ssì rò cincu" era anche diretto a chi non era mai stato in Libia, ma manifestava una certa bizzaria nelle idee e nel comportamento. 

MATRI MIA di Bianca Maria Reale

                                  La bravissima poetessa e attrice dialettale Bianca Maria Reale                      


Ucchiuzzi duci culuri ddo' mari
'n cori granni ca rialò amuri
mamma di li mammi nun ci su pari
vulasti palumedda senz'ali.
E nni lassasti accussì a pinzari
a sta' vita di gioii e duluri
chi vali aviri 'o munnu dinari
ssi campi 'na vita senz'amuri.
Di la famigghia vulisti unioni
luntani tutti 'i discussioni
ssi nni vulemu beni frati e soru
nnu rialasti tu stu gran tisoru.
Bianca Maria REALE

MADRE MIA - Occhietti dolci colore del mare/ un cuore grande che regalò amore/ mamma delle mamme non ci sono confronti/ volasti colombella senz'ali/ E c'hai lasciato così a pensare/ a questa vita di gioie e dolori/ che vale avere al mondo i soldi/ se vivi una vita senz'amore/ Della famiglia hai voluto l'unione/ lontane tutte le discussioni/ se ci vogliamo bene fratelli e sorelle/ ce l'hai regalato tu questo gran tesoro.

giovedì 14 maggio 2015

JUVE... CHE SERATA !

JUVE.... CHE SERATA!
Carissimi amici, che cosa non vi debbo raccontare! Dovete sapere che, ragazzino, delle scuole alimentari... ALIMENTARI sissignore perchè dentro la cartella di cartone c'era la merenda, che non era 'a raviola o maritozzo o cornetto oh! ma panino con burro, spruvulazzata di zucchero e marmellata, quando andava bene. Ora da bambino ero tifoso della Juventus quando anche un compagnetto mio ... carogna ca cchiù carogna non esisteva era macari iddu juventino!!! Puteva essiri? NOOOO! cambiai squadra e passai all'INTER perchè c'era in porta Giorgio Ghezzi - bonarma - mentre alla Juve c'era Viola e al Milan Buffon ca poi passò all'Inter... Dunque siccome la storia di Orlando e Rinaldo non interessa a nessuno, ieri sera da neutrale mi sono assittato davanti sua maestà TV ... Inno di qua... inno di la'... dissi tra me e me "ca' semu ora 'u Real Madrid eh",,, manco lo finiscio di pensare che subito rigore!!!! Minchisss Ronaldo contro Buffon... GOALLLLL GOALLLL GOALLL l'ho detto così forte che subito pensai tra me e me "sicuramente il mio vicino di casa dumani nun mi saluta e si capisce il perchè". Appoi Morata, ci vinni di calata, 'mpicchia 'na pirata e la rete l'ha sfunnataaa GOAL GOAL GOAL ma non accussì, la casa del vicino pare che stava per esplodere e si capisce il perchè. Ma è stato quannu i tifosi juventini hanno intonato l'inno italiano, devo essere sincero un certo brividino l'ho avuto anch'io e ho cominciato col cuore ad ammuttare quei minuti che dividevano la JUVENTUS dalla finale.... FORZA JUVENTUS ! ca se iddi ssu' FORTI nuautri semu TROPPU FORTI !