sabato 28 febbraio 2015

NUN TI LASSU SARAUSA di Armando Carruba

Sarausa mia, scogghiu anticu
ca li me' sonni teni 'nta 'n casciolu,
nun diri a lu ventu ca, di nicu,
avissi pigghiatu 'u trenu a volu.
Pi jiri unni, poi, m''u sai diri?
a travagghiari luntanu a' stranìa,
e cu lu cori sempri a suffriri
cuntannu peni, pinzannu a tia...
Megghiu pani duru a la me' casa
'nta 'sta citati ca mi vitti nicu;
megghiu vasuna di la me' carusa
ca stari sutta 'n celu nimicu.
E si 'n jiornu mi vinni 'stu pinzeru,
di partiri pi unni veni veni,
trascuranza nun fu, a diri 'u veru,
pirchì haju a tia 'nt''e me' vini.
Ti amu, duci, bedda Sarausa,
mi piaci lu to' celu, lu to' mari,
lu portu, Ortigia e ogni cosa,
pirchì si' rara, ca ti fai talìari.
Ma si distinu vo' ca n'hamu a jiri
purtannu lu ciauru di sta terra,
lu dìsiu è chiddu di turnari,
pirchì nun c'è città ca t'assumigghia.

NON TI LASCIO, SIRACUSA - Siracusa mia, scoglio antico, che i miei sogni tieni in un cassetto, non dire al vento che da giovane avrei preso un treno a volo! Per andare dove, dimmelo? a lavorare lontano, in terra straniera, con la sofferenza in cuore, a raccontarmi le mie pene pensandoti. Meglio pane duro a casa mia, in questa città che mi ha visto piccolo; meglio baci della mia ragazza che stare sotto un cielo nemico. E se un giorno mi è venuto il pensiero di partire, non fu per farti offesa, per andare dove capita capita, perchè ti ho nelle mie vene. Ti amo, dolce e bella Siracusa, mi piace il tuo cielo, il tuo mare, il porto, Ortigia e ogni cosa, perchè sei bella, tanto che ti fai guardare. Ma se il destino vuole che dobbiamo partire, portandoci l'odore di questa terra, il desiderio è quello di ritornare perchè non c'è città che ti somigli.

DETTI SICILIANI - Armando Carruba -

Cu' si marita 'ntò quarteri,
bivi cu bicchieri;
cu' si marita 'ntà cuntrata,
bivi ca cannata;
cu' si marita fora paisi,
bivi ca 'utti.

LUI & LEI (in due battute) - Armando Carruba -


LUI - Scusa, ma nun hamu vistu da ocche parti ?
LEI - Sì ed è ppi chistu ca nun vi vaju cchiù!!!

DETTI SICILIANI - Armando Carruba -


L'omu chi senti
sùbitu s'accapa

(l'uomo che sente, subito si capacita)

Sia di 'stati chi di 'nvernu
amuri sempri ciurisci

(Sia d'estate che d'inverno l'amore sempre fiorisce)

Cchiù sasizza
e mancu addàuru

(Più salsiccia e magari niente alloro)

'U putiaru chiddu chi havi vannìa

(Il bottegaio quel che ha grida)

Tra greci e greci
non si vinni abbràciu

(Tra greci e greci non si vende albagio)

venerdì 27 febbraio 2015

MODI DI DIRE - Armando Carruba -



NUN ABBAGNARI 'U PANI 'NTO LATTI

NON BAGNARE IL PANE NEL LATTE

Questo modo di dire sta a significare, quando in una situazione chiara e limpida, qualcuno alimenta chiacchiere o trova da ridire su cose inesistenti, come quando s'inzuppa il pane nel latte lasciando inevitabilmente le molliche ...

giovedì 26 febbraio 2015

MODI DI DIRE IN DIALETTO SICILIANO - Armando Carruba -



PIGGHIATU DDA' BUMMA

Un modo di dire per indicare una persona con la testa per aria, o assonnata, che non è presente nei discorsi che si fanno etc. si dice che è pigghiata dda' bumma. Il termine deriva dall'azione che facevano, e purtroppo fanno ancora, i pescatori di frodo gettando una piccola bomba nello specchio d'acqua dove si ritiene ci siano tanti pesci, e provocare la morìa degli stessi e un veloce raccolto da chi ha pescato di frodo.
I pesci che si son salvati nuotano intontiti (ammattiuti) appunto perchè pigghiati dda' bumma (presi dalla bomba).

SIRACUSA - Chiesa di San Martino in Ortigia -


SIRACUSA
Chiesa di San Martino
Basilichetta paleocristiana rimaneggiata nel sec. XIV, quando ne fu costruita la facciata, col bel portale ogivale del 1338 (il rosoncino è di restauro; 1917) l'interno a tre navate, e abside semicircolare

L'ISOLA D'ORTIGIA - Armando Carruba -

L'isola d'Ortigia racchiude la parte più vecchia della città di Siracusa. Vi si accede attraverso il vecchio ponte umbertino o il nuovo Santa Lucia che lo collegano alla terraferma.
La visita inizia da piazza Pancali dove si trovano i ruderi del tempio d'Apollo (VI secolo a.c.) uno dei più antichi esempi dell'architettura dorica.
Uscendo dalla piazza si percorre via XX Settembre, dove si possono vedere akcuni tratti delle mura erette sotto Dionisio il vecchio, per giungere alla medievale Porta Marina.
Da qui si arriva alla fonte Aretusa; la storia di questa sorgente è legata alla leggenda d'Aretusa, procedendo verso la punta estrema dell'isola si scorge il Castello Maniace, splendido esempio di architettura militare, fatto erigere da Federico II di Svevia e fino a poco tempo fa Caserma militare. Ritornando sui propri passi si raggiunge l'elegante Pala
zzo Bellomo, all'interno tra i molti capolavori esposti l'Annunciazione di Antonello da Messina

L'AGNIDDUZZU PIRDUTU - Vann'Antò

L'AGNIDDUZZU PIRDUTU
'N agnidduzzu pirdutu comu fa?
Nun senti a nuddu ca facissi "mèe";
curri e si ferma, - unn'è ca si ni va? -
Nun si vutau la mamma: - 'u figghiu unn'è? -
Pigghiatavillu 'n coddu se ci sta,
pighiatavillu a forza, querarè:
- Cuddau lu suli, 'u tempu si fa cupu;
mutu, agnidduzzu, quannu c'è lu lupu!
Vann'Antò
L'AGNELLINO PERDUTO
Un agnellino perduto come fa?
Non sente alcuno che faccia mèe;
corre e si ferma, - dov'è che se ne va? -
Non si girò la mamma: - il figlio dov'è? -
Prendetelo in collo se ci sta,
prendetelo a forza, chiunque è:
Tramonta il sole, il tempo si fa cupo;
muto, agnellino, quando c'è il lupo!
Vann'Antò

mercoledì 25 febbraio 2015

CUCINA SICILIANA DEL MARE - Bruschette al paté di tonno -






CUCINA SICILIANA DEL MARE
Antipasti e Stuzzichini

BRUSCHETTE AL PATE' DI TONNO

Ingredienti per 4 persone:
* 200 g di tonno sott'olio
* 1 ciuffo di prezzemolo
* 1 spicchio d'aglio
* 1 acciuga sotto sale
* 1 cucchiaio di capperi sotto sale
* 1 cucchiaio d'olio extravergine d'oliva
* 1 filoncino
* pepe
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 5 minuti
Dissalate l'acciuga; diliscatela e pestatela nel mortaio con l'aglio e il prezzemolo. Sgocciolate il tonno e passatelo al mixer con i capperi sciacquati, il pesto preparato e l'olio. Aggiungete una spolverata di pepe e frullate fino ad ottenere una crema omogenea. Affettate il pane e tostatelo; spalmatevi sopra la crema di tonno e servite.

MODI DI DIRE - Armando Carruba

NUN VULIRI A UNU, MANCU PPI CUMPAGNU 'I PRUCISSIONI
Non volere avere che fare in alcun modo con una persona
IRI A ROMA E NUN VIDIRI 'U PAPA
Trascurare la cosa più importante
STARI CCA' PARTICULA 'NTA 'UCCA
tacere... con l'ostia in bocca

VECCHIA MARINA di Antonino Tesoriere

VECCHIA MARINA
Oggi chi l’arma mia è cchiù scueta
E mi veni la vogghia di gridari
Pensu ch’è megghiu fingimi pueta
E sulu pi tia mettimi a cantari.
E mi ci provu pi tia Casteddammari
E pi li fimmini tò, pi li tò sciuri!
Pi li tò rutti, pi li tò Tunnari
Pi li tò pisci e li tò marinari.
Chi su in continua lotta cu stu mari
Chi certi voti è tantu ginirusu
E tantavutri ci dà vuccuna amari
Specie se bruttu, scuru e timpistusu.
Eppuru tutti ti vulemu beni
Sia che tempu beddu di bunazza
Chi in lontananza si senti li sireni
E si vidi lu scogghiu e la puntazza.
Sia chi lu tempu è bruttu e a la marina
La mariggiata superba e malandrina
Rumpi scuggheri, rumpi la banchina
E poi ritorna a la vasca Reggina.
Chi tempi beddi quannu a la marina
appena sagghiati li varcuzzi
vinnianu vivi vivi li trigghi a la marina,
li sardi, la nunnata e li mirruzzi.
Ora però li tempi sù canciati,
ora la pisca è divintata un mbrogghiu,
ora li pisci sunnu cungilati,
ora un c’è cchiù dda gran trigghia di scogghiu.
E un ci su cchiù li rizzi e li pateddi
e mancu lu zu Ciccu c’abbanniava
c’un panaru a lu vrazzu di sicci e purpiteddi.
Vi vogghiu a tantu. No! A tantu, e si pattiava.
E dunni su cchiù li piscatura
e dunni su cchiù li vicchiareddi,
chi assettati a lu friddu e la furtura
tissianu sempri rizzi e nassiteddi.
E dunni è cchiù Raisi Ciccu Sarcona,
e Raisi Cola e Raisi Giuvanninu,
tutta genti valenti, genti Bona!
Armuzzi bianchi comu un Gersuminu.
Eppuru ancora ti po’ capitare
na vecchia varca chi pisca sularina
versu scupeddu o versu lu pirali,
chi ti ricorda la Vecchia Marina.
Antonino Tesoriere
Antonino Tesoriere figlio di Damiano e di Antonina Foderà
Nato a Castellammare del Golfo il 12.11.1908 - morto a Roma il 27.11.1980

'U GIUDIZIU di Maria Agrippina Amantia

                                 Bravissima come sempre la poetessa Maria Agrippina Amantia


U GIUDIZIO
Quann'era picciridda, manu manuzza,
me nanna mi purtava a sentiri la missa.
Prima si ricitava lu rusariu,
una priava e l'atra rispunniva.
Ju, nica, nica, taliava e sintia,
lu modu stranu c'avianu ddi fimmini,
tutti vistuti a luttu, di fari litania.
Ogni vota ca la porta di la criesa si rapia,
tutti l'autri tra na risposta e n'Ave Maria,
facivanu cummenti, su chidda ca trasia.
Allura sempri ccu du farsu surrisu,
si ripitia dda storia all'infinitu.
Una a vuci auta dicia Ave maria,
l'autri, jiu sparru a tia, tu sparri a mia.
Certu jiu di picciridda,ci pinsava,
a lu Signuri, sta farsa priera,
ma diri tu, quannu c'arrivava?
Chissa pi mia nun è giusta manera.
Se vò priari fallu, ma di sula,
nun giudicari tieni giusta misura,
aiuta li poviri e li criatura.
Ca lu giudizio, pi li piccaturi,
chiddu finali è di nostru Signuri.
Jiu pensu ca la gente si rispetta,
ppi comu versu tia si cumporta.
Di la so vita, nun ni vogghiu sapiri,
mi basta già lu me patiri.
Se si n'amicu m'abbrazzi e ma capiri,
ma cu si tu, ca mi vò giudicari?
maria agrippina amantia

martedì 24 febbraio 2015

LUNTANU DA TO' TERRA - di Maria Agrippina Amantia

LUNTANU DA TO TERRA
Quannu vai luntanu da to terra,
se ti prisenti comu sicilianu,
subitu dannuti la manu,
nesci fora sempri dda parola.
Nuatri, semu tutti na famigghia,
la mafia e nostra madri
e nuatri semu li so figghia.
Minghia! sta cosa mi fa n'cazzari
certu ca ora l'ama finiri.
Allura cu tattu e ccu dilicatizza,
jiu, ci dumannu se dda nun c'e violenza.
Comu su furtunati! mii nun hannu latri!
nuddu ca robba, c'ammazza,
nenti, strati, strati.
Fannu sulu attenzioni a li pirati,
poi c'hannu tutti la super porta,
sulu accussì,capricciu, s'inni n'importa?
Signuri miei ma nun schirzamu!
dda si chiama n'trangheta, dda sacra curuna,
dda camorra, cancia sulu nome.
La sustanza resta,
a nostra è mafia e a vostra
dilinguenza.
maria agrippina amantia

MENTI RIVULTUSA di Maria Agrippina Amantia

                                        La bravissima poetessa Maria Agrippina Amantia

MENTI RIVULTUSA
Si fimmina, ta stari chiusa!
ma jiu nun la sintia giusta
chista scusa!
Chista è strata ca nun spunta!
ta stari zitta e ferma,
pezzu di rivultusa!
jiu ccu la testa dura di carusa
m'impuntava e facia sempiri,
a figghia mpignusa.
Pigghiti augghia e dijtala,
minti toppi, cusi linzola,
sempri cu dda litania,
matina e sira, tutti contra a mia.
JIu quannu crisciu,
fazzu vintun'annu
sula minni fuiju
ppi lu munnu!
M'arriva n'a ngiafarata!,
manu e cincu jita di me nanna,
na facci stampata!
Chissa è strata ca nun spunta!
leviti i pantaluna, fai l'educata
allonga sta gonna,
nun pigghiari mala strata!
Tu si fimmina, certi cosi,
nun li pò fari,
lu masculu cumanna
tu sutta c'ha stari!
Pirchi? chi c'hannu li masculi
superchiu di mia?
mintitimi alla prova,
ca vi rumpu l'ova!
Silenziu,ta stari! ca ni disonuri
lu dicu a to patri, ca ssa mennula
nun ti voli quagghiari!
Riuordati ca si renni cuntu
sempiri,prima alli genti,
poi,o Padruni di lu munnu.
Mai! jiu lu sacciu,
ca chiddu ca fazzu, nun è piccatu!
pirchì se sugnu fimmina,
hajiu jiditu isatu?
Haiu l'occhi ppi taliari,
a ucca ppi parrari,
u me ciriveddu fazzu funziunari.
Passarru l'anni,fici rivoluzioni,
misi li sciuri dintra li cannuni,
m'alluntanai di l'ipocrisia,
scrivu d'amuri e di puisia
maria agrippina amantia

ORTIGIA di Neli Seguino

ORTIGIA

Ortigia vita mia naca d'amore
splinnenti sutta 'n suli di zicchinu
scugghiera 'ntra lu mari ssì 'n giardinu
nni tia abbunna zagara e ciuri

Ppi lu straneru ssì 'na meravigghia
ppi la ducizza di li tò jurnati
macari quannu è 'nvernu pari 'stati
ppi chissu nudda terra t'assumigghia

Cu parti ci ritorna in primavera
quannu fragranti sbocciunu li ciuri
quannu ogni passareddu fa l'amuri
quannu la tò ducizza in tuttu impera

Ma ogni figghiuzzu tò di pena mori
quannu è custrittu a stari a la stranìa
vivi senz'alma ccu la nustalgia
cc'un gruppu 'n gola e un duluri 'o cori

NELI SEGUINO

Neli Seguino è stato un bravissimo attore siracusano dell'inizio secolo scorso. Recitava in dialetto siciliano, romano e napoletano... e naturalmente in lingua. Era nato in via Maestranza e ci teneva a puntualizzare che era ddo' scogghiu e viveva a Roma. In estate lo prelevavamo simpaticamente e si faceva il giro delle radio locali, suoi cavalli di battaglia ER FATTACCIO di Amerigo Giuliani A LIVELLA di Totò CUMBATTIMENTU DI ORLANDO E RINALDO di Nino Martoglio e altri...

SITI D'AMURI di Armando Carruba

SITI D'AMURI

Quannu lu cori canta
lassalu cantari
Nun ti scantari
di cu fà 'u cusi e scusi
Lassa ca 'a genti
ccu l'occhi 'i basilicò
ti talìa
comu fussitu poviru pazzu
Quannu lu cori canta
è 'u ciumi ddà vita
ca curri... curri... curri...
Quannu lu cori canta
lassulu cantari

armando carruba

INNAMORARSI

Hai presente quei sospiri?
quelle parole che non hanno senso?
quel riso forzato senza nessun motivo?
quei silenzi che dicono tutto?
quello sfiorare il corpo con lo sguardo?
quel denudarsi senza togliersi i vestiti?
Quel dirsi mille volte buonanotte,
senza mai chiudere in effetti?
Ebbene tutto questo è innamoramento!
non vedere l'ora d'averlo addosso,
di sentire quelle braccia
attorno al corpo
sentire le sue labbra sulle tue.
Confrontare la sua lingua
con la tua.
unire i tuoi umori con i suoi,
esserti, esserti,
non solo averti.....


maria agrippina amantia

lunedì 23 febbraio 2015

SITI D'AMURI di Armando Carruba

Amu 'u mari d'Arinedda
'u pinzeru curri a tia
ca ssì luntana ...
Chi gioia ddu' jornu
vita mia
quannu abbrazzati ddo' mari
i nostri cori
ridevunu cull'acqua salata!
Quanta biddizza e ducizza
'ntì tia...
Jorni passati
di 'n tempu filici
ca nun torna cchiù

armando carruba

'U ZAPPATURI

Lu zappaturi zappa zappa
fa la simanedda
e nenti abbusca
Se nun fussi pi' lu iri
e lu viniri
spassu mi parissi
u laurari

Lo zappatore zappa zappa, finisce la settimana e niente guadagna. Se non fosse per l'andare ed il tornare un passatempo mi sembrerebbe lavorare

domenica 22 febbraio 2015


L’amore è anche saper rinunciare all’altro, saper dire addio senza lasciare che i propri sentimenti ostacolino ciò che probabilmente è la cosa migliore per la persona che amiamo.

LA VITA di Maria Agrippina Amantia

LA VITA
la vita è una tavola imbandita
appena nato ti siedi
e comincia l'abbuffata.
Ci sono eventi
ripieni di vaniglia
che sembrano dirti
coraggio,
piglia, piglia.
Li mangi, li vivi,
s'attaccano sui denti
son dolci in apparenza
ma digerirli è sempre sofferenza.
Poi ci son portate
che non ti vanno giù
le lasci lì da sempre,
non le guardi più.
Sarà l'aspetto? il loro colore?
quasi li schifi, non ne vuoi sapere
E quasi a fine pasto,
col senno tuo più saggio
le guardi meglio
ci provi e fai un'assaggio.
Che delizia, per il tuo palato!
peccato che la vita
quel piatto t'ha levato,
un'altro avea mangiato
quel che tu hai rifiutato.

maria agrippina amantia

'NTA LU BAGNU di Saro Platania

NTA LU BAGNU di Saru Platania, è la prima poesia d'amore siciliana, in cui confluiscono tutti i motivi dell'arte del Platania; freschezza popolaresca, semplicità e raffinatezza di tocco, immaginazione aderente alla realtà e un certo gioco di contrasti.







NTA LU BAGNU

O s'iu putissi l'unna addivintari
ca curri, rufulia e ti strapazza!
Sidd'iu putissi, comu fa lu mari,
strinciti tutta, 'mmenzu a li me' vrazza!

Pirchì t'affrunti e ssi biddizzi rari
ammucci sutta l'unni e la scumazza?
chi nun lu senti lu me' suspirari
ca notti e jornu lu me cori strazza?

Almenu spinci l'occhi sinu a mia,
dammi lu preju di lu to surrisu,
dimmi ca mi vurrissi accantu a tia...

Tu dintra a l'acqua pigghi spassu e jocu:
"Sci quantu é frisca, sci chi paradisu..."
ed iu ca guardu... sugnu 'nta lu focu.

Saro Platania

sabato 21 febbraio 2015

E il Signore disse....



 " DONNA, TU PARTORIRAI CON GRAN DOLORE. UOMO, TU LAVORERAI CON GRAN SUDORE, (AMMESSO CHE TROVERAI LAVORO).....

RICETTA SICILIANA

SPAGHETTI, POMODORI E SCAGLIE DI RICOTTA
Ingredienti:
* 300 g di pomodorini tipo Pachino
* 250 g di spaghetti
* olio extra vergine di oliva
* sale
* 15 foglie di basilico fresco
* 50 g di ricotta affumicata
* 1 peperoncino fresco
Preparazione:
Lavare i pomodorini, tagliarli a metà e metterli in una ciotola. In una padella larga, per poi saltare la pasta, soffriggere gli spicchi d'aglio non pelati e schiacciati con 5 cucchiai di olio extra vergine di oliva. Togliere l'aglio e saltarvi i pomodorini, regolate di sale, qualche pezzetto di peperoncino fresco e le foglie di basilico ben lavate ed asciugate. Spegnere il fuoco e lasciare insaporire il tutto coperto. Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata, a cottura ultimata, aggiungere alla padella con i pomodorini gli spaghetti ben al dente, aggiungere 1 o 2 mestoli di acqua di cottura della pasta e fare insaporire a fuoco vivace, quindi trasferire gli spaghetti nei piatti di portata, decorare con i pomodorini e basilico, e servire con abbondanti scagliette di ricotta affumicata.

SIRACUSA - Castello Maniace -

SIRACUSA
Castello Maniace

Costruito sotto il regno di Federico II che ne fece una magnifica residenza. Sorge sullo sperone che chiude ad E l'ingresso al porto grande. Per quanto notevolmente menomato, il castello conserva la struttura esterna duecentesca, a pianta quadrata (m. 51 per lato) con torri cilindriche angolari. Presenta sul lato d'ingresso un magnifico portale marmoreo di schiette linee gotiche. Nell'interno, avanzi di voltoni a crociera che, poggianti sopra pilastri, coprivano il pianterreno.

COMU L'UNNA - canzone siciliana -


COME L'ONDA
Sei come l'onda del mare
l'amore tuo viene e va
il mio conforto è cantare
questa canzoncina che fa:
io con te vorrei partire
in una barca e non tornare più
e baciarti tra cielo e mare
perchè l'unico bene sei tu
Come l'onda bellina non fare
vienitene per sempre con me
io non amo non cerco che te
il mio cuore felice si fa


COMU L'UNNA
Ssì comu l'unna ddo' mari
l'amuri tò veni e va
lu me' cunfortu è cantari
'na canzunedda ca fa
Ju ccu tia vulissi partiri
'nta 'na varca e nun turnari cchiù
e vasariti 'ntra celu e mari
pirchì l'unicu beni ssi tu.
Comu l'unna bidduzza nun fari
venitinni ppi sempri ccu mia
ju nun amu nun cercu cchi tia
lu me' cori felici si fa!

POESIA SICILIANA di Giuseppe Scammacca



CU D'INVIDIA CAMPA...
Veru... La 'm'miria nascivu ccu lu munnu.
Cainu fu'm'miriusu di so frati
appuntu tali, ca agghicò allu funnu
e l'ammazzò 'ntra l'erba di li prati.
La 'm'miria arristavu ppi cuntornu
tra l'umanità e 'ntra li piccati.
Oggi la 'm'miria è 'na cosa naturali
a culazioni, a pranzu, a cena,
si pigghia a d'dosi ppi midicinali.
Li 'm'miriusi a mia mi fannu pena
qualunque sia lu statu suciali...
Non vali priricari, sicca a lena.
Lu vecchiu si 'm'miria di lu carusu,
lu bruttu si 'mm'iria di chiddi beddi,
lu fissa si 'm'miria ddo' maliziusu
av'voti u riccu di li puvireddi,
e' na rota ca gira 'nta lu fusu,
macina, macina i ciriveddi.
E sta vecchia parabbula ca usu,
dici: Si la 'm'miria fussi vaddira
lu munnu fussi tuttu vaddarusu.
Giuseppe Scammacca (da Senza pritisi)

venerdì 20 febbraio 2015

CREDENZE SICILIANE

CREDENZE ED USI POPOLARI SICILIANI

Nel fare il pane, poichè il forno è ben scaldato, siccome da questo dipende la buona qualità del pane, secondo il proverbio:

La serva cerni e 'mpasta;
lu furnu conza e guasta

le donne mentre infornano fanno questa preghiera:

Sant'Aati,
dati focu a li balati!
Sant'Austinu,
Ogni pani quantu un cufinu!
Santa Zita,
Beddu di crusta e beddu di muddica!
Santu Nicola,
beddu di dintra e beddu di fora!

Ma dette queste parole ed infornato il pane, bisogna subito alzare i materassi, sui quali coperti da pannolini è costume di collocare i pani, e lasciarli stare a fermentare prima d'infornarli, onde l'espressione "mettiri lu pani a lu lettu, aviri lu pani a lu lettu"; e dopo quest'operazione finalmente bisogna spazzare la cucina. La non buona riuscita del pane si attribuisce spesse volte alla trascuranza di questi usi.

SI NON TI VIDU di Giuseppe Vitale

SI NON TI VIDU
Si non ti vidu bedda pi 'n mumentu
mi sentu 'ngruppu, e mi veni lu chiantu,
non haiu paci cchiù, non haiu abbentu
lu munnu si trasforma in campusantu.
Tu ppi la vita mia, si 'nduci 'nquentu
tu sì lu paradisu, lu mé 'ncantu,
videnniti mi passa lu lamentu
sugnu filici e canzuni ti cantu.
Giuseppe Vitale

giovedì 19 febbraio 2015

Serata di SAN VALENTINO dell'ANTEAS di Siracusa



Serata all'insegna dell'allegria organizzata dall'ANTEAS di Siracusa per San Valentino 2015.

SAN CURRAU I NOTU


SAN CURRAU 'I NOTU

Tra 'i festi cchiù beddi c'è chidda di San Currau ca pruteggi Noto 'i Sarausa. 'A prucissioni è ddu voti l'annu, (quattru si cunsidiramu l'uttavi). 'U 19 frivaru e l'urtima duminica d'austu, ca veni riurdata comu 'a beatificazioni ddo' Santu ca fu 'u 28 austu 1515. Currau era un cavaleri 'i Piacenza, e vosi fari l'eremita in Sicilia. Si cunta c'aveva nu beddu carattiri; quannu arrivò a Notu jiu 'a stari 'nta na rutta, chidda ditta "dde' Pizzuni" e siccomu 'sta rutta era nica, secunnu 'a liggenna, l' allargò a spallati!!! Fici tanti miraculi e quannu murìu 'u 19 frivaru 1351 diciunu che i campani 'i Notu si misunu a sunari suli. Vicinu dda' rutta ficinu un Santuariu dittu San Currau 'i fora; cca' dal 1851, tenunu l'urna d'argentu contenenti na cassa 'i lignu cche' reliquie ddo' Santu.

CANZUNI D'AMURI - popolare -

CANZUNI D'AMURI
- popolare -

Amuri amuri
mettiti 'n camminu
ca ju mi mettu
'n camminu ccu tia
Di fimmina
mi vestu a omininu
e mi ni vegnu
a la chiana ccu tia
E poi arrivannu ddà
chi ci dicemu?
semu 'n frati e na soru
a la strania

Amore amore mettiti in cammino, che io mi metto in cammino conte. Da donna mi travesto a uomo e vengo dietro a te per la pianura. E poi arrivando là cosa diciamo? siamo un fratello ed una sorella forestieri.

mercoledì 18 febbraio 2015

CANTU DI SDEGNU - popolare -

CANTU DI SDEGNU
Affacciti a la finestra
a lu punenti
su senti ventu
su li me' suspiri
su senti cauru
è lu me' focu ardenti
su ssì 'ntò mari funnu
nun ti atturriri
ca su di l'occhi mei
ciumi currenti
su senti ppi' li strati
vuci e gridi
ju chiamu gridu a tia
e tu nun mi senti
Affacciati alla finestra a ponente, se senti vento sono i miei sospiri, se senti caldo è il mio fuoco che brucia, se sei nel mare profondo non aver paura che sono i miei occhi fiumi che corrono; se senti per le strade voci e urla, io chiamo grido a te e tu non mi senti.

martedì 17 febbraio 2015

'A FAMIGGHIA DIFITTUSA di C. Maurici regia A.La Fata all'Open Land




Successo di pubblico e di critica ha riscosso la Compagnia ANTEAS di Siracusa che ha presentato all'Open Land 'A famigghia difittusa di Calogero Maurici regia di Agostino La Fata. 

SENZA PAROLE



PINZERI D'AMURI

Stanotti bedda,
'n sonnu mi vinisti
e na lu me' cuscinu
t'appuggiasti
di quanti carizzeddi mi facisti
sparti di li baciati chi mi dasti
l'ingrati porti comu li rapisti?
Comu senza chiavuzza
li sfirmasti?
Quannu m'arruspigghiai
e nun ti visti
chi firita 'nta lu cori
mi lassasti !

Stanotte bella, nel sogno sei giunta e nel mio cuscino ti sei appoggiata. Di quante piccole carezze mi hai fatto oltre ai tanti baci che m'hai dato, le ingrate porte come le hai aperte? Come senza chiave sei entrata? Quando mi son svegliato e non t'ho visto
che ferita al cuore mi hai lasciato!

lunedì 16 febbraio 2015

CANTU SICILIANU - POPOLARE -

Amuri, amuri,
quantu sì luntanu
cu ti lu conza lu lettu a la sira
cu ti lu conza ti lu conza mali
malateddu ti susi a la matina
addiu
ca ti lu cunzassinu sti manu
e quannu nenti
na vota a la sira

(POPOLARE)

domenica 15 febbraio 2015

CANTU

Tira, cavaddu miu,
'ncianciariddatu
ca la prima vota
ca a Sant'Affiu à statu
lu primu cavadduzzu
arrinisciutu

Tira cavallo mio/ tutto adornato/ che la prima volta/ che sei stato a Sant'Alfio (1)/ sei arrivato/ primo.

(1) Sia a Militello che a Sant'Alfio si svolgevano delle gare ippiche.