mercoledì 31 dicembre 2014

Caro amico ti scrivo. . .



E accussì, babbiannu e schizzannu siamo giunti all'ultimo dell'anno e per giunta con la neve! Una nevicata così a Siracusa non si vedeva dai tempi dei canonici di lignu.
Generalmente si sparano le frasi del tipo buona fine e buon principio... 'U principiu c'é, l'annu sta vinennu e siamo preparati a viverlo...
Dell'anno 2014 personalmente non posso lamertarmi mi ha fatto vivere meravigliose emozioni finite col botto (si nun c'era 'u bottu che emozioni putevanu 'ssiri?). Oggi abbiamo avuto la neve... che vogliamo di più?
Buon fine d'anno a tutti indistintamente un abbraccio speciale ai veri amici, un ciao a conoscenti e tutti....
B U O N 
                                   F I N E
                                                                            A N N O 2014

Calendario 31 dicembre 2014 San Silvestru

Mercuri 31 dicembri 2014 San Silvestru
Quannu u suli a nivi indora, nivi, nivi, e nivi ancora
FOTO: Stamattina SR innevata!!!

martedì 30 dicembre 2014

L'OSPIZIO di Armando Carruba



OSPIZIU
Ho visto una scena alcuni giorni fa supra i ponti, sì prima d'arrivari a piazza Pancali. C'era un bambino, che come tutti i bambini sarausani di tutti i tempi, aveva la testa azziccata tra le feritoie a guardare il mare, ed invano il nonno lo esortava a camminare... non c'era niente da fare. Finalmente si sente un suono invadere l'aria e il nonno esclama: "le ciaramelle!" Che sono nonno le merendine? me li compri? Nuautri l'avissumu saputu cos'erano le ciaramelle!
Negli anni cinquanta, nelle tasche di noi ragazzini, immancabile u cutiduzzu, un piccolo coltellino con il manico di madreperla che ci serviva a sbucciare le arance ma soprattutto in questo periodo a staccare ben benino il muschio dal muro, per il presepe.
Sì perchè, ricco o povero che fosse, a Siracusa ogni casa aveva il suo presepe, ancora l'albero non aveva preso piede nelle nostre case. Il costo dei pastorelli, all'UPIM era di 45 lire e per quanto bello cercassimo di farlo il migliore in assoluto, ricordato ancor oggi, era quello dell'Istituto Umberto I, affettuosamente conosciuto da tutti come Ospizio. Un presepe meccanico, dove i vari figuranti si muovevano e dove l'acqua sgorgava di quella vera!!!
Si rimaneva incantati davanti a quel presepe e lo venivano a vedere anche dai vicini paesi.
Ne è passato di tempo, ormai il presepe ha lasciato posto all'albero di Natale non se ne fanno più di quelli del tipo descritto, non c'è neanche l'Istituto che fu demolito per costruire un edificio moderno e completo, il presepe d'Ospizio è un piacevole ricordo di una fanciullezza siracusana che nessun vento porterà via.

lunedì 29 dicembre 2014

29 DICEMBRE 2014

Luni 29 dicembri 2014
Diàvulu 'mburnutu ànciulu apparebit!
Diavolo ripulito sembrerà un angelo!

domenica 28 dicembre 2014

PINZERI di Armando Carruba

PINZERI

Lu tempu
si zittìu dda' sira
'nto me' cori.
Tutta 'na vita,
passu dopu passu,
pp'accucchiari
muddichi d'amuri.
'N pani granni
fattu 'n casa
'mpastatu ca surura
'i me' patri,
chinu d'amuri, 'i me' matri
e dde' me' soru:
ciauru 'u famigghia.
Lu cori si zittìu dda' sira
comu...
ppi me' frati, me' matri, me' patri.
E sugnu ancora cca'
comu tannu;
quannu tu 'a suruzza
mi dicisti:
Nun chianciri 'o frati,
'n omu nun chianci,
'u duluri è 'nto cori.
Ragiuni avevutu
'u duluri è 'nto cori.
E talìu 'u mari, 'u celu,
li casi vecchi ddo' molu S. Antoniu
sunnannu...
chiddu ca nun c'è cchiù.

Armando Carruba
PENSIERI - Quella sera il tempo tacque nel mio cuore: Tutta una vita, passo dopo passo, per assiemare molliche d'amore. Un pane grande, fatto in casa, impastato con il sudore di mio padre, pieno d'amore materno e condito dalle mie sorelle con odore di famiglia.
Il mio cuore stette zitto quella sera come... per mio fratello, mia madre, mio padre.
E sono ancora qui come allora, quando tu sorella mi dicesti: Non piangere fratello, un uomo non piange, il dolore è nel cuore.
Avevi ragione, il dolore è nel cuore... e guardo il mare, il cielo, le vecchie case del molo S. Antonio sognando... quello che non c'è più.

A SCIUTA RO' SULI di Giuseppe Barbagallo


A SCIUTA RO' SULI
Sarausa mia,
ti voiu riri
quantu si beddha
quannu t'arruspigghi,
forsi ca la natura
vosi fari...
cu' tia...
una ri li setti neravigghi.
Si terra
ri l'eterna primavera,
lu megghiu ciuri sì
ri 'sta ciurera.
Ri la Sicilia sì
biddhizza e vàntu
pi la storia
tu sì 'na capitali,
'nta st'isula
sì lu monumentu,
faru ri civiltà
pi' li murtali.

'RUTTI 'I CIAULA di Armando Carruba

'A RUTTA 'I CIAULA

Correvamo contenti
per via Arsenale
ad incontrare il sole
'a rutta 'i ciaula.
Un tuffo
dallo scoglio a carrabbineri
un altro da quello a palumma
e il mare rideva contento
di noi ragazzini
ubriachi di vita.
Una sigaretta fumata in tre
accendeva sogni proibiti
in tasche eternamente vuote.
Il mare era tutto per noi
da giugno a settembre...
poi la scuola ad ottobre
le speranze dei nostri genitori
si frantumavano
nel mare che mordeva lo scoglio
'a carrabbineri.
Noi inconscenti
marinavamo la scuola
restando all'oscuro
'nte rutti 'i ciaula
della via Arsenale.

Armando Carruba

Calendario

Duminica 28 dicembri 2014
Ju cantu e lu mé cantu nun è cantu,
ju cantu ppi passàrimi lu tempu,
e un malannu ci pozza arrivari
a cu' dici ca ppi mia sempri è bontempu!

sabato 27 dicembre 2014

Carissimi vi scrivo...

Carissimi amici vi scrivo, per condividere questo pensiero pescato nel mare d'internet. A volte ad amici o presunti tali ci rendiamo disponibili al 200% per poi accorgerci amaramente che non ne valeva assolutamente la pena.
E' passato Natale e con piacere si sono strette mani che non si stringevano da tempo e altre volte, con tutte le ragioni di questo mondo, malgrado la nostra mano tesa viene cortesemente respinta.
Ecco che dobbiamo imparare a donare il silenzio a chi non desidera le nostre parole e aggiungerei NON LI MERITA e la nostra assenza a chi non merita la nostra presenza... ognuno pascoli nel suo mondo illudendosi d'essere quello che non è e che non sarà mai...

Sempre: Acqua davanti, ventu darreri e sapuni mmenzu 'e peri... 

BUONA CONTINUAZIONE DI FESTIVITA'

BEDDU DORMIRI - Carmela Aricò

BEDDU DORMIRI
'U suli già cuddau
poi 'n ànciulu scinnìu
e 'a campana nni sunau
mi prijamu a Diu
E vinni San Ghiachinu
mi 'nnaca lu Bamminu,
e vinni San Giuvanni
mi stenni li so' panni.
Dormi, dormi, Gesù miu,
tuttu 'u chianu è du to';
dormi, dormi, Gesù miu,
ciàuru 'i menta e basilicò.
Ora chi s'addurmiscìu,
'nnaca ancora San Ghiachinu;
San Giuvanni si nni ìu;
dormi 'nchinu lu Bamminu.
Lu canuzzu fa ba bau,
lu jattuzzu fa ma meu,
l'aciduzzu fa pi pìu...
beddu dòrmiri chi fa Diu!
Carmela Aricò - Patti
da Almanaccu Sicilianu 1994

CHI TI CUNTU E CHI TI DICU

E fra poco si mangia! Ma ne abbiamo la volontà di sederci a tavola convinti come è stato ieri e l'altro ieri per abbuffarci? Ma quannu mai??? Per l'appunto ci siamo così abbuffati che per verificare siamo saliti sulla bilancia e quella mischinedda con un fil di voce a pregarci: "Levati 'i supra 'i mia ca mi scafazzasti!!! Fatti tri misi di digiunu e poi acchiani!" Al che ci siamo resi conto che avevamo esagerato e che effettivamente oggi a tavola leggeri leggeri.... un pacco di pavesini basta e avanzano... Bastano? ma quannu mai??? dopu Capilannu nni ni parramu!!! la bilancia è bella ammucciata e sutta a cu attocca!!!
Buon pranzo a tutti e buona continuazione di feste! (LETTO ASPETTAMI CA DOPO VEGNU .-) )

Calendario

Sabbatu 27 dicembri 2014
Livàrisi un pilu 'i capiddu
Stringere patto d'amicizia: E' un gesto con cui due persone si giurano vicendevolmente di non molestarsi mai e di aiutarsi in ogni caso di necessità.

giovedì 25 dicembre 2014

'A NOTTI DISIATA - popolare -

'A LA NOTTI DISIATA

La notti disiata
chi nnascìu lu Verbu eternu
ccu la vista sua sagrata
timpirau lu friddu invernu.

E la terra pi' stupuri
fici frutti, frunni e ciuri.

Comu Diu si visti natu
fra 'na grutta a la campìa
ccu dui angeli a lu latu
ccu 'n'angelica armunìa
e cantàvanu in sua mìmoria
In eccelsi a Diu la gloria.

E lu poviru cacciaturi
'nta 'na grutta fici festa
e cci dissi - O miu Signuri,
chistu è tempu di timpesta.
Quattru aceddi vi purtaiu
e un cunigghiu bonu assai.

E poi ju lu curàtulu
e cci dissi - Gran Signuri,
mi cunsolu e mi congratulu
di 'sta bedda Criatura.
Un prisenti ju vi fazzu
'na ricotta e un tumazzu.-

E lu pòviru zammaturu
trasi e dici 'sta parola
- Matri santa e Figghiu caru
cumpatisci ca ssu' di fora.
Portu latti 'ntra la cisca
caciucavaddu e tumma frisca. -

Aduramu a Diu Bamminu
a Giuseppi e a Maria
e si mìsuru in camminu
pri li mànniri e la campìa.
Pricurannu allegramenti
di purtàricci lu prisenti.

E lu poviru lignaloru
ju e ci dissi - Maria digna,
pri ìstu figghiu spinni e mori,
n'haiu autri, busti e ligna.
Ccu 'stu tempu chi giungivu
fazzu vampa e m'arricriu.-

Ju 'u pasturi povireddu
pri adurari a lu patruni
fici un bonu mazzuneddu
di finocchi e di carduni
lagrimannu l'offirìu
- N'haiu autri, amatu Diu. -

E poi ju lu picuraru
ccu 'na pecura scannata
e cci dicìa - Bamminu caru,
'ssa to' grazia haiu ricivuta.
'Na pecura jù vi portu
n'haju autru pri cunfortu.-

Li crapuzzi e picureddi
sautàunu 'n zusu e 'n ghiusu
rosvighiàvanu l'aceddi
cu lu cantu priziusu.
Comu s'avissuru parlatu
di bon'ura chi era natu.

La purissima Maria,
binidissi a li pasturi
- Raddigràtivi, ci dicìa,
chi me' figghiu è tuttu amuri.
'Sti alligrizzi in sua mimoria
vi li renni a la sua gloria,-

Li pasturi spavintati
ch'a setturi cci 'gghiunnau
ccu gran fidi e caritati
cursi ognunu e l'adorau.
Natu 'n terra lu truvaru
e di Diu s'innamuranu.

E la povira viddanedda
chi vinìa di li muntagni
e purtava 'na cufinedda
di nuciddi e di castagni
porta cosi di picciriddi
puma, mènnuli e nuciddi.

Lu furnaru ccu alligrizza
trasi e dici - Diu umanatu
mentri sì 'ntra 'sta bassizza
ti offrisciu un mucciddatu
Ringraziànnuti, o Signuri
chi nasciti pri miu amuri.

-Ccu saluti a ia bon'ura
chi nasciu lu Redinturi
sacratissima Signura
comu afflittu cacciaturi
pri la mamma e pri lu figghiu
portu un lepru e un cunigghiu. -

Li pasturi fattu chistu,
ccu zampugni e ciarameddi,
in prisenza di Cristu
cuncirtavanu vuci beddi,
aduravanu a lu Messia,
a Giuseppi e a Maria.

Beniaminu arrispunniu
- Vaju e vju a lu pagghiaru
e ddà supra a lu jazzu miu
ciarameddi cci nn'è un paru
mi li pigghiu e sonu un'ura
pri ralligrari 'sta gran Signura.

(popolare
)

A U G U R I



Auguroni a tutti i lettori di questo modestissimo blog... Grazie per i vostri consensi che mi spingono sempre più a scrivere. Un sereno e festoso Natale a voi e a tutti i vostri cari e che
il Natale alberghi sempre nei nostri cuori.

A   U   G   U   R   I 

martedì 23 dicembre 2014

ARVULU 'I NATALI di Armando Carruba

ARVULU ‘I NATALI

Nu beddu arvuleddu ‘i Natali
si misi di bottu a caminari
afferra ccò ramu ‘n valigiuni
e si nni va’ rittu a la stazioni.
Pigghia ‘n bigliettu ppò munti Jancu
e s’assetta ‘ntò trenu ca jè stancu
i viaggiaturi ca sunu vicini
ci dicunu: “Astuta i lumini!”
Quannu arriva ‘o munti l’arvuleddu
scinni ddo’ trenu ccu tuttu l’umbrellu
ha truvari prestu ‘n posticinu            
‘ntò munti Jancu vicinu a ‘n pinu.
Ma comu ti cumminasti ‘o frati
ccu tutti i giuielli ca purtati?               
I picciriddi ppi farimi festa,
m'hanu misu ‘a curuna ‘nta testa,
ma ju avevu tanta nustalgia
e decisi di jiramminni via.
Vulevu i me’ munti e li stiddi
I cunti beddi di li picciriddi
Ju vulevu la vostra cumpagnia
Pirchissu mi n’haju vinutu via.
Chi fai ccu luci e campaneddi?
Fazzu lustru ‘ntò vernu ‘e passareddi

Armando Carruba

ANNI '30/40 NATALE A MILENA (cl)

MILENA (CL) Ricordando un Natale anni '30
Questa è la Chiesa Madre di Milena provincia Caltanissetta aperta al culto il 19 marzo 1881 con l'aiuto di tutti i fedeli compresi gli emigrati che mandavano le loro offerte. La vigilia del Natale, il grosso della popolazione va ad assistere alla messa di mezzanotte. Il tempo d'attesa, negli anni 30/40 lo si trascorreva giocando a tombola o a carte. Le famiglie giocavano a casa, mentre gli uomini si riunivano in locali pubblici o abitazioni private a giocare d'azzardo. Alle 23 la chiesa è piena. Le donne sedute nella parte anteriore cantano la novena. Davanti all'altare maggiore è appeso un drappo. Poco prima di mezzanotte inizia la messa, ch'era concelebrata dai due preti del paese. A mezzanotte si tirava il drappo ed appariva una statua di cera del Bamminu, posto in una sorte di nido fatto con rami di arancio carichi di frutti e con fiori artificiali. E' la Natività, e viene salutata con manifestazioni di giubilo e con tumori di sedie e di piedi contro il pavimento. Una zampogna suona la ninna nanna di Gesù Bambino, qualcuno batte un temburello e le donne poste nella parte anteriore della chiesa cantano un nuovo rosario.

Oi e sempri di cuntinuu
Sia ludatu Gesù Bamminu
E ludatu ccu firvuri
Sia lu nostru Redinturi
E ludamulu ogni mumentu
Nostru Diu ni lu Sacramentu
Si usava portare dolci in Chiesa e mangiarli appena nasce Gesù Bambino. La Messa termina con una acclamazione intonata: Viva Gesù Bambino!
Il giorno di Natale si celebrano in Chiesa 5 messe, e sono tutte abbastanza affollate. Non si lavora, ed ogni famiglia consuma un pranzo migliore del solito. Il piatto tradizionale principale era il cappone. La giornata somiglia ad una domenica un pochino più festosa dell'abituale, poichè l'apice della festa religiosa è la nascita simbolica alla messa di mezzanotte.

NOI DUE di Armando Carruba

Noi due come ragazzini innamorati mandiamo cuoricini figli del nostro cuore che batte d'amore
Noi due tu ed io e nessuno più mandiamo bacetti figli dei nostri desideri sempre più forti
Noi due amore mio dolcissimo siamo l'infinito voluto dal destino nel nostro cammino
Noi due amore solo noi due.

lunedì 22 dicembre 2014

SIRA di Armando Carruba


Mentri respiru amuri,
tra 'u ciuciuliari ddo' mari
e martiddiari di cori,
si va pittannu 
'u celu.

Mentri accarizzu
riordi 'i jurnata
aspettu cuntentu
ca veni ccu mia

Mentri ccu ducizza
ballanu l'unni
'o calari dda' sira
penzu a Tia...

Armando Carruba



'A CUCCIAREDDA di Armando Carruba

                                         Ferla - Chiesa di San Sebastiano





Si cenava di prima sera con pietanze a base di baccalà e con 'mpanate di broccoli e aiti (segale), arricchite con pezzetti di salsiccia piccante, e poi, mentre le donne erano intente a friggere le crispelle, da consumare calde calde con lo zucchero o intinte nel vino cotto, si spiluccava lupini, si mangiucchiavano patate e pere cotte sotto la cenere, si giocava a carte, si beveva e si parlava. La brace doveva durare sino all'alba. Con ciò si voleva significare, secondo l'antica simbologia popolare, che il cristiano intendeva riscaldare il Santo Bambino appena nato. Era un atto d'amore e di fede.
La gente del popolo dà un panuccio bislungo spaccato nelle estremità nella festa del bambino... detto volgarmente cucciaredda. Si tratta di un pane figurato, simbolico, risultato dalla congiunzione di due mezzi pani e guarnito in superficie con nocciole intere. Veniva regalato ai bambini, e alle suocere se ne destinava una forma più grande.
Tale tradizione non è proprio scomparsa, anzi in un forno pubblico di Ferla e Palazzolo s'è messo a panificare e a sfornare "cucciareddi" per tutti coloro che hanno voglia di fare un tuffo nel passato.

Lunedì 22 dicembre 2014

Luni 22 dicembri 2014
Sunari 'a campanedda
Richiamare l'attenzione, diffondere una notizia
Cu' ti chiama 'nta 'sti centu missi?
Dicesi a chi s'intromette in cose che non gli appartengono; anche a colui che si dispone ad impresa senza vantaggio, affrontando fatiche e conseguendo disgusti

domenica 21 dicembre 2014

AH AMURI AMURI ... di Armando Carruba



      ppi ridiri



AH AMURI AMURI

Amuri miu 'stu me' pinzari
mi fa stari propriu mali, mali.

Di jornu non manciu penzu a tia
ca ssì 'u ciatu dda' vita mia;

ti penzu e non manciu la sira
e lu cori è 'na mitragliera

la notti lu sonnu non mi veni
c'haju fami oggi cchiù d'ajeri

Armando Carruba

AMURI MIU di Armando Carruba


'Nta 'stu jocu
d'amuri...
ju mi nni staju mutu
'u veru amuri
non havi bisognu 
'i paroli;
trasi 'ntò cori
di ccù sapi ascutari
e tu, 'n jornu
forsi...
'u lassi trasiri

Armando Carruba 




PARRARI 'N SICCU - Armando Carruba -

Essiri "patri 'ranni"  Nonno ( dal francese gran-père)

Essiri cacacammisa: Pargoletto che se la fa addosso

Usari tila 'i famìgghia: non darsi al lusso e allo spreco, vivere parsiniosamente, contentandosi di quel che si può avere in casa, come tela di famiglia (tela di cotone più grossa del percalle)

Domenica 21 dicembre 2014



Duminica 21 dicembri 2014
Pani, vinu e ògghiu 'i famigghia
fannu onuri a la tuvàgghia

VENTU 'I MARI di Ester Avanzi

VENTU 'I MARI

'U ventu c'ammutta 'i vili
e arruffa 'i capiddi
non porta dda' banna
tra rocchi e ciuri 'i jappiru
i me' riordi,
Non sbatti i dulura
'ntè petri;
Mi porta 'o funnu
a lavari riordi

Ester Avanzi

sabato 20 dicembre 2014

NINNA NANNA DI LA NOTTI DI NATALI - autore sconosciuto



Ninna nanna di la notti di Natali

Maria Vergini annacannu
a Gesù ch`é figghiu sò,
ci dicia accussì cantannu:
"Fai la ninna, fai la vo',

bedda rosa, biancu gigghiu,
fai la vo`, Gesuzzu figghiu!

Chi su' beddi `sti masciddi,
ch`é amurusa `sta vuccuzza,
chi su' duci `sti capiddi,
quantu é duci `sta facciuzza!

Lu me cori pi tia spinna,
fai la vo`, fai la ninna.

Figghiu beddu e picciriddu,
di `stu cori ardenti ciamma,
veramenti senti friddu,
veni, abbrazzati a la mamma.

Iu ti scrafu a lu me pettu,
fai la vo`, figghiu dilettu.

Quantu t`áppiru a purtari
di rigali li pasturi,
tutti a tia li vogghiu dari
cu chiù affettu e cu chiù amuri.

Ora fatti un sunniceddu,
fai la vo`, Gesuzzu beddu".

NATALE E CAPODANNO IN FABBRICA (da Travagghiavumu 'a Sinchiti di Armando Carruba)


Natale è già alle porte e il Cenacolo poetico dialettale ANTEAS di Siracusa nell'augurare Buone Feste a tutti i lavoratori della zona industriale di Priolo nonchè a tutti i lavoratori che leggono questo post, ricorda i bei tempi del Natale in fabbrica.
E' dalla fine degli anni '80 che non s'illumina più l'albero natalizio vicino lo spogliatoio CR, molto probabilmente il direttore d'allora, per motivi di sicurezza decise di non farlo fare più. Peccato! perchè quell'albero dava un'aria di festa anche ad una giornata lavorativa grigia. Per prepararlo, gli elettricisti dello stabilimento s' inventavano la qualunque per renderlo ogni anno sempre più bello.
Certamente un Capodanno in fabbrica non si dimentica mai, anche se qualcuno (che non ha mai provato questa esperienza) può storcere il naso. Da sempre tra i turnisti esiste un accordo mai stipulato, di non mancare al turno di Natale e Capodanno tranne casi straordinari, e alleggerire il più possibile il lavoro del 3° turno (dalle ore 22.00 alle ore 6.00), cosicchè quest'ultimi lavoratori possono bene festeggiare Natale e Capodanno in fabbrica (imprevisti permettendo).
La mia unica esperienza è quella del 3° turno del 31/12/1970 che iniziò in portineria quando la Vigilanza, su disposizione della Direzione, distribuì a tutti i lavoratori del 3° turno un panettoncino (quelli che all'epoca costavano lire 100) e dieci sigarette sfuse (nazionali semplici) alcune purtroppo sbriciolate.
Il mai dimenticato capoturno Giuseppe Alastra, affettuosamente conosciuto come 'u Zù Pippinu, aveva concesso a due componenti della squadra il giorno di ferie per potere trascorrere la serata con moglie e figli. Grande fu la sorpresa, e non solo sua, quando benchè i due avessero le ferie firmate, alle 22 la squadra era completa!
Nessuno di noi a distanza di anni, testimoni di quella bella e indimenticabile notte, potrà mai dimenticare le lagrime di gioia do' Zù Pippinu; un Capoturno tenero come 'u pani 'i casa, e che ci trattava con l'affetto di un padre.
(da: TRAVAGGHIAVUMU 'A SINCHITI di Armando Carruba)

NATALI di Angelo Rullini


Il poeta Angelo Rullini, ci delizia con la sua poesia sul Natale.

NATALI
Natali è 'na luci
ca si perdi 'nto tempu
e allucia
l'arma mia di picciriddu.
'Na luci ca sa di ducizza
di friddu... tizzuna ardenti
vecchi pasturedda muti,
surgenti d'acqua 'duci
all'occhi mei ca curri
'nta finti muntagni
e nasci 'u Bamminu!
Nasci, ccu lu sancu d'innuccenti
ppi l'omu tristi e sulu
e nicuzzi abbannunati.
Nasci supra 'a puvirtà
ccu guerri e inganni
ccu' fami
tirrimoti e drammi
ccu chiantu 'i matri
e genti dispirata
misa, comu canni 'o ventu...
Nasci nuru
comu l'innuccenza dde' picciriddi
e li tristizzi umani
ccu' 'n gridu 'i gioia:
Nasciu 'u Bammineddu!

Angelo Rullini

I CARNAGGI di Armando Carruba

I CARNAGGI

Con l'approssimarsi del Natale, nei centri agricoli c'era la consuetudine da parte dei fittaioli di portare i "carnaggi" al padrone. Era questo, un uso molto antico e esteso a tutta la Sicilia che si rispettava puntualmente anche per le feste di Pasqua e Carnevale e a chiusura della stagione agricola. Le appendizie dovute al padrone, erano espressamente previste nei contratti agrari stipulati con i gabelloti: in genere erano costituiti da capretti, polli, formaggi "priminticci", ricottelle, uova, retoni di paglia, frumentina, "cufini" di fichi d'India, e così via. Altra tradizione natalizia, ancora in uso sia tra le famiglie contadine che in quelle borghesi, era quella del porco, del porco nero: lo si ammazzava e lo si magnificava! Per evitare spiate e non pagare il dazio, l'olocausto si compiva clandestinamente e con la complicità delle tenebre.
Si legava l'animale per le zampe e si cercava d'immobilizzarlo su una specie di tavolo sacrificale approntato con dei trespoli e una porta vecchia. Trafitto alla gola l'animale cominciava a mugghiare e a sgriddare a più non posso: tutt'intorno c'era il ballo di S.Vito: chi lo teneva, chi raccoglieva il sangue zampillante, chi attizzava la brace, chi lo scurava e chi lo spilava dandogli a raschiare con il coltello. Sventrato, veniva fuori, ancora fumante, tanta grazia di Dio da far confondere. Poi si squartava e si divideva in "minzini" due o quattro.

20 DICEMBRE 2014

Sabbatu 20 dicembri 2014
Né panareddi d'i viddani, né cannistreddu di batìa

venerdì 19 dicembre 2014

NATALI FRIDDU - da ALMANACCU SICILIANU '94 -

NATALI FRIDDU
'Na stidda cumeta
ruzzulìa
ghiòmmira (1) di friddu
supra 'na naca chi cianci
e 'u cori d'un cani
abbaia
scicannu linzola
di 'ndiffirenza
(da ALMANACCU SICILIANU '94 pag. 185)
(1) ghiòmmira = gomitoli

LA STIDDA DI NATALI di Riccardo Di Pasquale (Catania)

LA STIDDA DI NATALI

Ricordu, quannu havìa cinc'annuzzi,
ca l'arma santa di la nanna mia
dicìa sempri ca li stiddi 'ncelu
su angili di Cristu Ridinturi
Dda vicchiaredda, ccu prufunnu amuri,
parrava di ddu regnu senza fini
unni lu sdisanuri e la virgogna,
l'oddiu e la puvirtà 'n-hannu spini.
Chiddu, dicìa-ricorditillu sempri
è un regnu ca mai s'ha conquistatu
facennu verra o ccu la priputenza,
ma ccu l'anima netta di piccatu!
E 'njornu anticu si staccò 'na stidda
spannennu nni 'sta terra la so luci
di ridinzioni, paci e fratellanza...
Appoi, ppi genti storta, finiu 'ncruci!
Ora ca sugnu granni, miu Signuri,
ascuta 'sta prijera ca Ti rennu:
Stidda, arritorna 'nta 'sta terra 'nfami
unni l'umanità niscìu di sennu.
L'omini janchi, nivuri e alivastri
Fa divintari tutti d'un coluri;
falli cchiu boni, pigghili ppi manu,
scancella la miseria e lu duluri!
E si ppi casu, ppi li vili giuda,
'na nova cruci s'assignassi a Tia,
fa ca risplendi eterna la tò stidda
ppi comu m'insignò la nanna mia...


Riccardo Di Pasquale