domenica 30 novembre 2014

DIFFIRENZA di Armando Carruba

DIFFIRENZA
Carissimu amicu, si nun lu sai
tra dilusioni e scantu comu mai
ci passa in sustanza ‘na diffirenza
ed è chidda ca ti porta suffirenza.

Dilusioni è quannu tu t’adduni,
ca doppu ‘a prima nun c’ha poi fari.
‘U scantu è chiddu quannu tu cunstati
ca mancu a prima fai ‘n viritati.


sabato 29 novembre 2014

SARAUSANA JE' EBBIVA SANTA LUCIA!

SARAUSANA JE' ! EBBIVA SANTA LUCIA!

Mancanu quattodici jorna a Santa Lucia, e 'na vota ogni sarausano si priparava ppa' festa....
COSI 'I SANTA LUCIA

IL SARTO
Questi giorni, fino agli anni sessanta, venivano vissuti con un certo nervosismo da una parte di siracusani che avendo commissionato un vestito al sarto ad ottobre ancora non lo vedevano finito.
Difatti era abitudine ppi Santa Lucia, 'ncignare 'u vistitu novu, confezionato dalle migliori sartorie aretusee, anche perchè - stranamente - quelli acquistati nei pochi negozi che li vendevano, costavano di più.
Erano tempi in cui ancora c'era "'u vistitu dda' duminica" che era l'abito più bello che si possedeva e veniva usato la domenica e per le feste comandate.
Oggi semu sempri vistuti di duminica e nuddu cchiù si fa pigghiari i misuri ppi 'n vistitu novu e mancu ppi 'n paru di scarpi di chiddi cco' surci del tipo uscite dalla bottega del calzolaio, nel camminare facevano ziu ziu....
Ebbiva Santa Lucia!

giovedì 27 novembre 2014

27 NOVEMBRE 2014

Jovi 27 nuvembri 2014
Biddizza e pazzìa, vanu 'o spissu 'n cumpagnia
Bellezza e follia, vanno spesso insieme

martedì 25 novembre 2014

CONTRO OGNI VIOLENZA SULLE DONNE di Santo Grasso

CONTRO OGNI VIOLENZA
ANCHE PER LE DONNE BAMBINE.
Priera d’un patri
Oh granni Diu ca in ogni locu stati
e li fatti du munnu li viditi,
iu v’addumannu si pi caritati
stu patri ‘npena vui lu succurriti.
Chista priera a vui, Divinitati,
ca iu vi fazzu cu lu cori ‘nmanu,
è pi me figghia, ca mòvi a pietati
ca mancu pari chiù n’èssiri umanu.
Havi lu corpu chinu di firiti,
l’arma e lu cori l’havi addulurati,
li so’ carnuzzi sunnu dinutriti,
l’occhi sempri di lacrimi vagnati;
nun voli mancu l’acqua, mori ‘i siti,
chianci tutti li jorna e li nuttati,
dàtici aiutu vui, siddu vuliti,
sarvàtimmilla vui, dd’occhi fatati.
Era comu ‘na rosa a lu sbucciari,
rigina bedda di tutti li ciuri,
megghiu nun la putìa appitturari
mancu lu re di tutti li pitturi.
Havìa tridicianni sulamenti,
l’età da carusanza spinzirata,
quannu ci sù li sogni nni la menti,
filici pi la prima “taliàta”.
Ma gnornu malidittu, tempu nenti,
la malasorti fici’a ‘mpruvvisata:
si la rubbaru certi mala genti
e senza pena vinni viulintata.
Ora si senti spersa comu a mari
è ‘na varcuzza senza lu timuni,
è n’acidduzzu ca nun po vulari
cu l’ali rutti misa ‘nti ‘na gnuni.
A còllira mi fa lu sangu amaru,
e chiù ci penzu, chiù staju ‘mpazzennu,
pirchì la figghia mia mi la canciaru,
di riginedda a pupa senza sennu!
Quarcunu dici, ca è cosa ‘i nenti,
pi stupru, nuddu vèni cunnannatu,
perciò dda maniàta ‘i dilinquenti,
ponnu stuprari, ca nun è riàtu.
La me spiranza Diu, si m’ascutati,
è ca faciti a l’omu la murali:
di mèttiri lu frenu a sti dannati,
firmari da viulenza la spirali.
Sugnu cunvintu ca l’umanitati
nun è tutta accussì, e menu mali!
Pirchì s’allura, vui mi pirdunati,
è megghiu ‘a cunvivenza cu l’armali!

Santo Grasso 

sabato 22 novembre 2014

LA ZITA (tiritera popolare)

LA ZITA

Chi mància la zita
chi si marita?

coru
'Na cartata di cunfetti,
'na 'nguantera 'i pasticciotti

tutti
NOOOOOO!...

Chi mància la zita
chi si marita?

coru
Mancia 'n aceddu
e du' ova 'o tijaneddu

Chi mància la zita
chi si marita?

coru
Mància 'n aceddu
e du' ova 'o tijaneddu,
tri unzi 'i sarduzza
e si suca 'a cucuzza

Chi màancia la zita
chi si marita?

Mància 'n aceddu
e du' ova 'o tijaneddu,
tri unzi 'i sarduzza
e si suca 'a cucuzza,
quattru fila 'i pasta zitu
cucinati 'i so' maritu.

Chi mància la zita
chi si marita?

Mància 'n aceddu
du' ova 'o tijaneddu
tri unzi 'i sarduzza
e si suca 'a cucuzza,
quattru fila 'i pasta zitu
cucinati 'i so' maritu
cincu quagghi chi patati
prima fritti e poi 'nfurnati

Chi mància la zita
chi si marita?

Mancia 'n aceddu
du' ova 'o tijaneddu
tri unzi 'i sarduzza
e si suca 'a cucuzza,
quattru fila 'i pasta zitu
cucinati 'i so' maritu
cincu quagghi chi patati
prima fritti e poi 'nfurnati
se' caddozza di sasizza
'nfinucchiata e spizzusazza

Chi mància la zita
chi si marita?

Mància 'n aceddu
du' ova 'o tijaneddu,
tri unzi 'i sarduzza
si suca 'a cucuzza,
quattru fila 'i pasta zitu
cucinati 'i so' maritu,
cincu quagghi chi patati
prima fritti e poi 'nfurnatu,
se' caddozza di sasizza
'nfinucchiata e spizzusazza
setti còccia di fasoli:
ògghiu, acitu e picca sali.
ottu ìrita 'i viscottu
mi si faci 'u panicottu
novi pugna di farina
mi si teni a panza china.

22 novembre 2014

Sabbatu 22 nuvembri 2014
A cavaddu jastimatu
cci 'lluci 'u pilu
A cavallo imprecato
riluce il pelo

venerdì 21 novembre 2014

SI STA FACENNU SCURU di Filippo Bozzali

Si 'sta facennu scuru,
‘u suli sprufunnau a filu ‘i mari,
‘u ventu si firmau,
l’aceddi si stancaru di vulari.
Si 'sta facennu scuru,
m’assettu, fumu e aspettu;
‘a luna è ‘mmaestrata
e sapi ca stasira s’ha' 'a ‘mmucciari:
mi servi scuru funnu, e fittu, e mutu.
Si 'sta facennu scuru.
Si 'sta facennu tempu.
‘U ventu ripigghiau a macinari
e smovi l’aria, e l’aria si profuma:
profuma di suspiri e di paroli
ca di notti , o’ scuru o’ scuru,
‘u cori di l’amanti canta.
Si sta facennu tempu, Amuri duci

Filippo Bozzali

CALATI JUNCU di Filippo Bozzali

Càliti juncu ca passa la china.
Diu Santu! Quant’è veru 'stu proverbiu.
Ma sbagghia cu' strasenti e pensa stranu,
cu' nun capisci o finci di capiri.
L’animu sicilianu è comu o' juncu:
s’‘u ventu sciuscia pianu si rifrisca,
si chiovi senza dannu si ‘bbivìra.
E quannu d’improvvisu, di lu mari,
s’addensanu timpesti di conquista
(chiamali greci o turchi o saracini,
francisi, catalani o peggio ancora
borbonici, ‘taliani o americani),
stannu tanticchia ‘cca, pajunu daziu,
portanu  arti, musica e ricchizza,
si scannanu 'ntra d’iddi e si ni vannu.
Robbunu tantu, ma lassanu assai.
E quannu ‘u suli torna a rivigghiari
'sta terra ca si cridunu di tutti,
t’accorgi ca la china è già passata:
cunti li morti ‘n terra, li sutterri,
poi susi l’occhi e vidi ca ‘ntra tutti
sulu lu juncu è tisu e sciumazzìa.
Lu juncu ca la china nun sradìca,
lu juncu ca si cala e mai si ‘ncula. 


Filippo Bozzali

giovedì 20 novembre 2014

LAMENTU DI MISTERI - Custureri

LAMENTU DI MISTERI - sarto -

'Na vota 'u custureri cci campava;
cuseva giacchi, càusi a zuava;
'a moda pronta non si canusceva.

20 NOVEMBRE 2014

Jovi 20 nuvembri 2014

Nuddu nasci 'mparatu

mercoledì 19 novembre 2014

CANTU D'AMURI (canto popolare di Milena prov. Caltanissetta)

(da “I canti della tradizione popolare di Milena)
CANTU D’AMURI
.
Ia ci passu, ia ci passu – a facci tosta
pi vuliri, pi vuliri – la risposta
E mi l’à dari – e ora ora
lu chiaru e tunnu – lu chiaru e tunnu
lu sì o lu no!
Biniditta – biniditta – la to mamma
ca ti fici – ca ti fici accussì bedda
- tu à la facci – comu ‘na stidda
ca a l’aguali – ca l’aguali
nun ci nè!
Chi su beddi – chi su beddi – lì to capiddi
su’ strizzati – su’ strizzati a filu d’oru
Amuri miu! Pi tia mi moru! -
Ca vurra fari, ca vurra fari
l’amuri cu te!
Quasi sunnu, quasi sunnu l’unnici e mezza
s’avvicina, s’avvicina ‘a mezzanotti
E bonasira, e bonanotti
ca iammu a lettu ca iammu a lettu a ripusar!

LAMENTI DI MESTIERI - Calzolaio -

LAMENTU DI MISTERI - Scarparu -
E' pròpriu 'na cosa maliditta:
di 'na simana non chiantu 'na suletta,
non spunta nuddu. Amaru cu' 'spetta!

19 NOVEMBRE 2014

Mercuri 19 nuvembri 2014
Cu' 'mpresta 'u cavaddu
prestu va a pedi.

lunedì 17 novembre 2014

17 NOV. 2014

Luni 17 nuvembri 2014
Jetta simenza
ca Diu cci penza

sabato 15 novembre 2014

SULIDARIETA' di Santo Grasso

Sulidarietà
‘Nta ‘nu cumiziu, un puliticanti,
facìa prumissi a li disoccupati
misi a scutàllu tutti ddà davanti,
dicènnu: iu nun dicu baggianati!
Vuliti ‘a prova di lu me parrari?
Ora, ‘u primu ca fa un passu avanti,
dumani iu lu mannu a travagghiari
in fabbrica, ca c’è ‘npostu vacanti.
Vistu c’avanti nuddu si facìa,
punta lu jitu, ni signala unu:
– tu! Oggi la sorti a tia binidìu!
– Cu, iu? Ma dicu! Ci vinni ‘a pazzìa?
Cu tanti genti a spassu ca ci sunu
chi vaju a travagghiari sulu iu?
tribàle

venerdì 14 novembre 2014

14 NOVEMBRE 2014

Venniri 14 nuvembri 2014
A fami, pani; a siti, acqua; a sonnu, ticchéna
C'è un rimedio a tutto: alla fame, col pane; alla sete, coll'acqua; e al sonno con la ticchéna (che è la voce araba che indica il letto in muratura nelle case di campagna)

giovedì 13 novembre 2014

IL SOLE E LA LUNA di Armando Carruba



Il Sole E La Luna


Un giorno il sole si fermò in cielo
la luna disse: sei una scocciatura davvero!
è possibile che tutte le sere devi andare
a farti un bel bagno a mare
e oggi che sono vestita a festa
resti fermo a guardare la piazza?


Oh non cercare scuse cretine
che hai forato o ti è finita la benzina
avanti comincia presto a camminare
che adesso in cielo io devo entrare.


A questo punto il sole si scaldò e rispose:
Io sono un uomo e non cerco scuse
sono in piazza ad aspettar la Santa
che non vede la meschinella
e con i miei raggi pieni d’amore
voglio baciare i siracusani
vuol dire che tu spunti domani
oggi no! ho da fare.


Intanto tra spari, botti e applausi,
comparve la Santa in Cattedrale
e mentre la processione camminava
« Evviva Santa Lucia » si sentiva.


Dopo un po’ i portatori
erano in un mare di sudore
la fatica era grande
sotto quel sole infuocato
Lucia capì la situazione
e parlando all’orecchio del sole
sussurrò queste parole:
Ti ringrazio per il tuo amore grande
ma vedi, tu sole devi andartene
ora ci vuole la tua compagna luna
per rinfrescare tutta questa gente
che mi devono portare alla borgata
e tu lo sai quanto è lunga la strada.


Il sole muto e solo se ne stava
segno che questo fatto gli dispiaceva
la Santa lo capì e disse ancora:
luna non essere così frettolosa!
il tredici dicembre di ogni anno
il sole nel mare non si fa il bagno
deve accompagnare di dietro la luna
deve fare insomma da cavaliere.


Lei si diede una bella mossettina e nel cielo 
fece la sua entrata il firmamento. 
Tutto un brillante il sole dietro e la luna avanti;
e se per caso tu guardi in cielo
e non ti sai spiegare questo mistero
perché è tutto ben illuminato?
il fatto è questo e l’ho raccontato.

AMURI

Certi voti l'amuri ni fa vidiri chiddu ca nun vulemu vidiri, e nun nni fa capiri quantu semu furtunati ad aviri ddù picca c'avemu. 
Sempri 'ntò me' cori amuri miu...



13 Novembre 2014

Jovi 13 nuvembri 2014
E cunòrtiti ccu stu spicchiu d'agghiu!
E confortati con questo spicchio d'aglio!
(è un modo ironico per dire: "bisogna fare di necessità virtù)

mercoledì 12 novembre 2014

SCERRA DI LI CANI di Venerando Gangi

LA SCERRA DI LI CANI

Due cani 'nfurijati
e 'nsemuli affirrati
senza discrizioni
si li prujenu boni.
Ammatula gridava
ed amminazzi dava,
ad iddi lu patruni
alzannu lu vastuni;
li cani sequitavanu
e si sminittijavanu.
Dda accurtu era ammucciatu
un lupu veru affamatu
quali, niscennu in fretta
supra li dui si jetta.
Ma li mmastini allura
la raggia e la bravura
contra d'iddu vutaru
e l'ossa cci aggiustaru.
Nna liti ppri truncari
viditi? po' giuvari
chiuttostu un accidenti
ca milli avvertimenti.

Venerando Gangi

LA LITE FRA CANI - Due cani infuriati si erano afferrati e senza discrezione se le suonavan buone. Invano li sgridava, invano minacciava il povero padrone alzando il bastone: i Cani seguitavano e si dilaceravano. Lì presso rintanato un Lupo c'è affamato, il quale uscendo in fretta sui Cani si proietta. Ma i mastini allora la rabbia e la bravura contro di esso volsero, e l'ossa gliele dolsero. Una lite per troncare, lo vedete, possono gli accidenti giovare più di mille avvertimenti.

CI VOLI.... FURTUNA! di Santo Grasso

Ci voli… furtuna!
Me sòggira, pi doti a la so figghia,
ci desi a malappena ‘na tuvagghia
un matarazzu chinu cu la pagghia,
un tavulu ca balla…la quadrigghia;
‘na cucchiara e ‘ncuteddu ca nun tagghia
e ‘na cuperta usata, di scinigghia,
li quasetti strazzati a la cavigghia
e china di purtusa la vistagghia;
e poi, nun vi faciti meravigghia,
comu la nivi ca d’Agostu squagghia:
sira e matina si li manna a pigghia.
Dici ‘npruverbiu: amara cu ci ‘ncagghia,
pirchì è la ruvina da famigghia.
L’anticu, è risaputu, nun si sbagghia!
di Santo Grasso

Mercoledì 12 novembre 2014

Mercuri 12 nuvembri 2014

QUANNU 'NA MATRI HAVI 'N FIGGHIU BABBANU
O U FA PARRINU O U FA SARISTANU

martedì 11 novembre 2014

DETTI SIRACUSANI DI 100 ANNI FA...

                                                      Siracusa l'isolotto d'Ortigia

DETTI SIRACUSANI DI 100 ANNI FA:
CADIRI LA CUDDURA DI LI VUREDDA
disanimarsi; perdersi d'animo; cascare il fiato.
SPACCARI LU VUGGHIU
Cominciare a bollire; levar bollore
'A VUCCA O' NASU
dicesi di due luoghi vicinissimi

'U RAGIUNAMENTU dalla Centona di Nino Martoglio



'U RAGIUNAMENTU

('ntra lu chianu di lu Spiritu Santu)

– Ora 'a dicìri Puddu Supprizzata:
Scusati, don Puddu, un cumanneddu...
– Eh, scuccazza d'amici!... 'A dichiarata
finìu? Chi è ? sarvàtivi 'u cuteddu!

–  Sintiti, a mia, oggi o' jornu a' jurnata,
m'arrispettanu, sugnu un picciutteddu
chi m'haiu fattu quarche sirinata...
– Basta, 'u sapemu, aggiùstati 'u cappeddu!...

– Pricchì, ci fussi quarchi cascittuni ...
cca 'mmenzu? – Bonu! senza quadiari...
e parra picca! – Cocimu Balluni,

varda, oggi, a tia... mannaja la galera!...
– Ti dissi ca 'nt'o'chianu 'n'ha' a abbaiari...
cca arreri sugnu..., a punta 'e cantunera!


Note. – (Nel ragionamento della Maffia si riunisce, spesso sul luogo stesso dove insorge la questione fra due o più maffiosi, una specie di corte d'onore, che decide seduta stante) – Dicìri (Decide) – Supprizzata (soprannome di Puddu) – Un cumanneddu (nel gergo: una preghiera) – Scuccazza (nel gergo: ascolta) Dichiarata (dichiaramento) – Sarvàtivi 'u cuteddu (frase caratteristica del gergo, per dire: discutete con calma) – Oggi 'o jornu 'a jurnata (oggigiorno) – Sirinata (nel gergo figurato: tirata di coltello) – Cascittuni (nel gergo: vigliacco) – Senza quadiari (senza riscaldarsi) – Picca (poco) – Mannaja (mannaggia) – Abbajari (nel gergo: vociare senza profitto, fare il petulante).

SA MARTINU A SARAUSA anni e anni fa...

Più ca 'na festa riligiusa San Martinu è festa pupulari unni si fisteggia l'arrivu ddo' vinu novu.
'Nzinu ai primi ddo' nuvicentu a Sarausa, era festa 'nté quarteri pupulari d'Ortigia ca all'occasioni divintava un palcuscenicu di vita!
Si ballava e si cantava aspitannu l'arrivu dde' carretti cco' vinu novu; 'a taverna era 'u puntu cintrali unu si truvava tutta 'a genti fidili 'o dittu:

La morti di lu purpu è la cipudda

la vita dill'omu è la taverna!

'U zuccaru priparava i sanfurricci, bastuncini di meli e zuccuru, gioia ppe' carusi. 'U ciauru dde' castagni arrustuti s'ammiscava cca' vuci ddo' vanniaturi :

E' San Martinu, zippuli e vinu

llicca mommu e favi caliati

sarausani, siti ammitati.

Cesti di zippuli, cosa duci dda' cucina puvira siciliana,  vineva offertu cunzati cco' meli, zuccuru e vinu cottu di carrubba, mentri 'u macillaiu vinneva sangunazzu e robba cotta...
Poi, spuntavanu i carretti 'mpinnacciati, capulavuri di n'arti pupulari e attornu 'e carretti carrichi 'i vinu balli e canti pupulari mentri 'u tavirnaru offriva 'a vippita con ginirusa allegria.
Sta manera di fari festa, rialava 'a genti gioia e 'a rinneva protagunista di 'n munnu anticu e novu...

CALENDARIO Martedì 11 novembre 2014 San Martino

Marti 11 nuvembri 2014 San Martinu
Ppi San Martinu, ogni mustu è vinu
Ppi San Martinu, castagni e vinu
A stati di San Martinu, dura tri jorna e tannicchia

lunedì 10 novembre 2014

PORTUPALU Sebastiano Giuga

PORTUPALU
Un angulu ri terra
bruciatu. rô suli
'n piezzu ri praja
vagnata 'i ru’ mari.
Ma quannu ciuscìa
stu vientu r’amuri
nta sta piazzetta
mi vogghiu truvari.
'A luna nesci
di russu vistuta
a Puortupalu
canta 'u Pueta.
Brillunu 'i stiddi
brillunu a miliuna
ma ri li tò biddizzi
nun c’è nissuna.
Sebastiano Giuga

'A RIVOLUZIONI DU 1848 - Salvatore Adelfio

'A RIVOLUZIONI DU 1848 (ovverossia: 'u saziu nun criri 'o diunu) - Salvatore Adelfio

Nu sceccu avvezzu a traspurtari pani
un jornu lu pitittu lu futtìa:
"Patruni, a nomu di li cristiani,
ci dissi, qualchi tozzu ni vurria.
La cira 'n manu di li sacristani
squàgghia comu la nivi a la campìa;
tu ca li costi hai robusti e sani
penza un mumentu a risturari a mia"
Rispusi di bon cori lu patruni:
"Sì fussi pagghia, t'avirria cuncessu
manciaritinni macari un saccuni;
e lu pitittu to' è lu stessu".
Lu sceccu fu 'mpurtunu
si curca 'n terra, ed esclamannu dici:
"Lu saziu nun criri a lu diunu!"

LA RIVOLUZIONE DEL 1848 di Salvatore Adelfio
Un asino avvezzo a trasportare pane/ un giorno l'appetito lo fotteva/ "Padrone, a nome dei cristiani,/ gli disse, qualche tozzo ne vorrei/ La cera in mano ai sacrestani/ si scioglie come neve nei campi/ tu che le coste hai robuste e sane/ pensa un momento a ristorare me/ Rispose il buon padrone/ Se fosse paglia, ti avrei concesso/ mangiartene magari un saccone/ ma per il pane non ci trovo nesso/ ti do' un pezzo di ciambellone/ e l'appetito tuo è lo stesso/L'asino fu importuno/ si sdraia a terra, ed esclamando dice: "Il sazio non crede all'affamato!"

CALENDARIO

Luni 10 nuvembri 2014
'U superchiu si misura cco' bisognu 'ill'autri...

domenica 9 novembre 2014

AMICIZIA di Armando Carruba

Diciunu l'amicizia è cchiù dill'amuri?
e ju nun ci vuleva cridiri mai
amuri è amuri e nun si discuti
amicizia chi è, sulu dari saluti?

Cu tia, bedda, ci fu 'n gran amuri
di chiddi ca nun si ponu mai cuntari
ca mancunu 'i paroli l'ha pruvari
m'arrialasti gioii a mai finiri

Grazii ti lu dicu ccu tuttu 'u cori
u sai ca ti vogghiu sempri troppu beni
ma n'arreri nun putemu cchiù turnari
ni facessimu sulu tantu mali

L'amicizia nostra è cchiù di 'n amuri
pirchì l'amuri nui lu canuscemu
accetta st'amicizia ccu tuttu cori
ca lu beni miu ppi tia è sinceru.

(scritta il 9 nov. ore 13.00)


CALENDARIO

Duminica 9 nuvembru 2014
Si lu 'gnuranti lu pùlpitu acchiana, ci ridi 'n faccia qualunqui pirsuna

sabato 8 novembre 2014

CASA ANTICA di Oreste Reale

Oreste Reale nasce a Siracusa l'8 luglio 1927 da famiglia benestante. Sesto di sette figli cresce prediletto dalla madre. Frequenta il Liceo Scientifico O.M. Corbino e, dopo il servizio militare, consegue il diploma di geometra.
Sin da giovanissimo si dedica al teatro come attore, poi regista e scrittore.
E' stato funzionario comunale - dirigente della Divisione Urbanistica.
Amava scrivere poesie da sempre, anche se solo da qualche anno aveva deciso di partecipare a concorsi letterari, ricevendo tangibili apprezzamenti.
Nel 1974 la giuria del premio "Carlo Capodieci" una fondazione che, ogni anno, premia gli artisti che più si sono distinti nelle arti in genere, gli assegna il premio per la sezione "poesia".
Ha scritto articoli su temi storico-ambientali.
E' uscito di scena, nell'estate del 2004 lasciando un vuoto incolmabile.
CASA ANTICA
Picchì, sorti stravaganti, picchì
tornu ancora ccà 'nta la casa antica
ch'adura ancora di l'aduri miu?
Li rivordi mi pigghianu pi manu
davanti a 'sta porta virdi
ch'ì lastri puliti, unni chiangi
l'acqua quannu chiovi e sbrinzìa.
Ancora c'è ddà filazza aperta
d'unni trasi lu stissu spicchiu di suli
ch'arrusbigghiava ddu putruni di me' frati.
A picca a picca jornu si fanu li pinzeri
e lu cristallu c'haju dintra
fa granni granni li rivordi.
Lu sonnu si fa materia
e lu pinzeri vuci, a manu a manu,
pi purtarimi dda musica d'angili
ca facevanu li me' soru, ciciuliannu.
"Zitti malaccriati, ca gnu patri riposa"
Tagghiata 'ntra luci e ummira, la viru
l'impronta ruci ri la me' matruzza
Matri, picchì si mori?
Ju puru matri? e tu?
"Ninna vò... dormi e sonna... fai la vò"
E s'affunnava dintra a lu so pettu
na facciuzza nica nica
cu dui occhi sbacantati
pi na paura granni granni.
Oreste Reale

questa poesia è figlia di LA CASA ANTICA da Acque diafane poesia in lingua di Oreste Reale.

LA CASA ANTICA
Perchè, sorte stravagante,
perchè torno ancora qui,
nella casa antica
che profuma d'infanzia?
I ricordi mi prendono per mano.
Sfilano,
davanti alla mia meditazione,
torme d'immagini rifratte
che l'interiore cristallo
ingigantisce.
Rivivo ancora,
tolta la polvere del tempo,
la festevole sensazione
che pervadeva la casa,
sin dalle prime ore mattinali,
all'acre odore di stufato.
Un battere d'imposte,
uno scrosciare di pioggia
che piange sui vetri dell'uscio,
un raggio di sole
sul bianco lenzuolo
che desta i gemelli.
Oh, batte nel polso mio
ancora l'immagine fiera
del padre autore
e l'altera sua solitudine
io rispetto oggi
che tanto straniero mi sento.
Ora non sono più quello.
Non stride più
la mia giovane esuberanza
e non conturba
la quiete delusa
di quella storia
vecchia e stanca.

Oreste Reale

SERA di Michele Colonna

SERA

Sera vuol dire
seduti tutti e al centro
il braciere e ogni tanto
la nonna che si accosta di più.
Entra il vento dalla porta dell'orto
e la mamma mette stracci
negli spiragli.

Michele Colonna