venerdì 31 ottobre 2014

FRUSTERI di Giovanni Torchevia

Ricordando l'amico Giovanni...


Frustèri di Giovanni Torchevia

- Attìa!
..Cu è chissu? .. U canusci?
- Frustèri!

Ju, .. frustèri!
nà sta stratuzza ca mi vitti nasciri
e ribbumma ancora di me grida,
quannu, sudatu ma chinu i sana vita,
m'arricampava di jucari all'Acquacrita.
Ju, .. frustèri!
nà sta casuzza, primu nidu ppi mia,
poviru puddicinu
lassatu troppu prestu da sò ciocca,
propriu a pincipiu d'un malu matinu.
Ju, .. frustèri!
m'assittava all'anghiru i San Carlu
e passava i me jurnati
puntannu l'occhi supra a dda muntagna,
cu vuoscu da Jumenta
e, finu o ciumi, na bedda campagna.
Assicutava pinzeri di carusu
vulannu celu celu cull'ali d'un cruvacchiu,
ch'era u veru patruni dù paisi
e duminava, attentu e maistusu, aducchiannu casteddu e massarii,
da Cubba a Turricedda,
allivoti cchiù luntanu,
da Francavidda finu a lu Pantanu.
Pasculi virdi e puru culurati
giallu jnostra e russu paparina,
ricchi di vacchi, di crapi e di cavaddi.
U suli, calannu 'nta muntagna,
tincia u celu di malincunia
e na campana lenta n'avvirtia:
"Signativi ca Cruci, sona Avimmaria!"
Mastru Cola turnava i Marcataru,
supra a sò sciccaredda pacinziusa ca trascinava na crapa pristignusa.
"Vattinni intra, è tardu!" - Mi dicia,
"Sabbenedica nannu, vegnu cu vossia!"

Eranu i tempi da prima carusanza,
jorna filici ca prestu sinni ieru.
Vola u cruvacchiu, ma cchiù nun mi canusci,

oggi, ju sugnu sulu un frustèri!

NUVEMBRI di Francesco Rapisarda

NUVEMBRI

Turni a lu munnu addumari pinzeri
fudda trascini a tia china di ciuri,
'nmenzu a tanta pietà, tanti misteri
chianti a la terra cori e ni distruri.
Lu marmu svampa focu di 'ncinzèri
a li stiddi astutati 'n tutti l'uri,
cu la cruci l'amuri e li prijeri
s'allumina lu celu di squalluri!

Francesco Rapisarda

CALENDARIO

Venniri 31 ottobri 2014
U patri accatta, a matri ammuccia, e u figghiu ammucca.
Il padre compra, la madre nasconde, e il figlio riceve i regali.
(Per la bella e delicata usanza siciliana di far trovare i regali ai bambini, non come portati da Babbo Natale o dalla Befana, ma dai Defunti, la notte del primo novembre)

giovedì 30 ottobre 2014

PREGHIERA SICILIANA

Amici, in occasione dell'avvicinarsi della FESTA DEI MORTI (A scuola le maestre ci riprendevano, non essendo siciliane, che quello era il giorno per la commemorazione dei defunti e non festa (?) ) desidero farvi partecipi delle tradizioni di una volta. La preghiera in dialetto che segue, è rivolta direttamente a Dio ed era per ottenere il trapasso rapido di un morente la cui agonia si prolunga troppo tra insopportabili sofferenze.

Patri nostru di lu bunnaru,
ni purtà lu bon sirvinu
lu battisimu nni la frunti
di lu patri spirduali.
Amma a muriri
e amma a passari sutta un ponti.
Amma a 'ncuntrari lu nostru nimicu,
quantu è ladia la sò figura,
fa scantari la criatura.
Vatinni, brutta bestia!
Ca centu cruci mi fici i tia
lu jùarnu di la Virgini Maria.
Ia li dissi,
e Diu li scrissi.
Ni la manu manca
la cannila santa.
Ni la manu dritta
la cannila biniditta.
Pùartu lu gigliu di lu cubbuluni
pùartu lu nomu di nùastru Signuri

Padre nostro della buona ora/ ci diede il buonservito/ il battesimo sulla fronte/ del padre spirituale/ Dobbiamo morire/ e dobbiamo passare sotto un ponte/dobbiamo incontrare il nostro nemico/ Com'è brutta la sua figura/ fa spaventare la creatura/ Vattene brutta bestia/ perchè cento croci ho fatto per te/ nel giorno della Vergine Maria/ Io le dissi/ Dio le scrisse./ Nella mano sinistra/ la candela santa/ Nella mano destra/ la candela benedetta/ Porto il giglio del cupolone/ porto il nome di nostro Signore   

SITI D'AMURI Armando Carruba

SITI D’AMURI
C’è
‘jntra ‘i mia
‘jntra ‘i tia,
‘n puntu nicu nicu
ammucciatu,
nostru
e di nuddu cchiù!
Nun si viri
ma c’è…
comu na stidduzza lucenti
‘nta na nuttata ardenti;
‘nto funnu do’ to’ cori
e ddo’ miu.
Stu puntu nicu nicu
è funti d’amuri granni
ca nun si po’ stutari
pirchì parti ddò cori.

 Armando Carruba

POESIA D’AMORE – C’è/dentro me/dentro te/un punto piccolo piccolo/nascosto/nostro/e di nessun altro!/Non si vede/ma c’é…/come una piccola stella che brilla/in una notte ardente/nel fondo del tuo cuore/e del mio./Questo punto piccolo piccolo/è fonte di un grande amore/che non si può spegnere/perché parte dal cuore. 

LA CICOGNA di Giuseppe Denaro

LA CICOGNA
- Varda Rusidda, 'zoccu ci purtau
ajeri la cicogna a to' matruzza:
talè ch'è bedda, n'autra suruzza,
dintra la nostra naca la pusau.
- Matri, però ss'aceddu s'addiccau:
Carmela, Vicinzina, Tirisuzza
semu se' fimminazzi cu Ciccuzza...
ma chi daveru, va, si lu scurdau
di purtarici almenu un masculazzu?
sugnu spinnata p'un fratuzzu beddu...
e c'è me patri poi ca nesci pazzu
pirchì voli, pi forza a Pippineddu!
- Figghia, la curpa l'havi 'dd'acidazzu...
- Ma matri mia, pirchì nun canci aceddu?
Giuseppe Denaro

CASTELLO MANIACE - SIRACUSA -

CASTELLO MANIACE - Siracusa -

30 ottobre 2014 ore 10:08elimina postmodifica post


Questo amici è il Castello Maniace e si trova all'imboccatura del porto di Siracusa. Sino a circa vent'anni fa è stata sede del Centro Addestramento Reclute dell'Esercito Italiano, oggi è adibito per incontri culturali e si pensa come sede universitaria. La sua bellezza è al mattino quando tra il castello e il faro dell'isola nasce dalle acqua il sole colorando la giornata! Una spettacolo a dir poco meraviglioso!!!

mercoledì 29 ottobre 2014

'A SALINA di Sebastiano Giuga

A SALINA
Sutta ‘n suli a mmenz’Austu
quagghia ‘u sali nta la salina
l’omini ‘u cògghinu cu la pala.
Fanu tanti picculi munzedda
‘u portunu a spadda chî cufina
ammassannulu ntâ casa salina.
Brilla comu tanti diamanti
sutta ‘n suli liuni e cucenti
priziusu a tavula pâ ggenti.
Movinu l’ali mi fanu rricriari
l‘aqua si tinci ca pari ‘na fata
chî pinni dî Fenicottiri rosa.
Mentri ‘a luna cu la facci bedda
mmenzu a l’acqua fa scintiddi
sutta ‘n cielu ch’è cinu di stiddi.
Sebastiano Giuga

NOI SICILIANI di Maria Agrippina Amantia

NOI SICILIANI:
Questa la scrivo tutta in italiano,
spero che il vento la porti assai lontano.
Vorrei che finalmente fosse fatta chiarezza,
sulla mia terra di Sicilia e la sua razza.
Voglio con queste semplici parole,
sfatare pregiudizi e luoghi comuni,
che da sempre fanno del siciliano,
gente mafiosa ,popolo arcano.
Dicono che non abbiamo voglia di lavorare,
siamo una famiglia, ci facciamo mantenere,
siamo arretrati, di noi non ci si può fidare,
siamo solo coltelli, lupare e malaffare.
Queste cose mi han sempre fatto male,
e non posso più lasciar passare.
Dunque da poetessa lasciatemelo fare,
difendo la mia terra per poterla affrancare.
Da sempre il siciliano parte all'avventura,
portando con sè sogni e mentale apertura.
Parte da sotto zero e con caparbietà,
dimostra sempre le sue innate qualità.
Lo trovi da per tutto, nei posti di comando,
in qualsiasi remoto angolo del mondo.
Nelle industrie, scuole, poste, medico, scienziato,
attore, poeta, scultore, filosofo, avvocato...
Ha il cuore grande, generoso, leale,
la porta sempre aperta, sempre ospitale.
Il siciliano ha il senso dell'onore,
muore per la sua gente, la sua terra nel cuore.
Il nostro sangue è misto, fatto di mille razze,
ci han conquistati con molte amarezze.
Accogliamo tutti, i fratelli pellegrini,
vengono da mondi a noi assai vicini.
Diamo lezioni a tutti di grande civiltà,
ci stringiamo attorno con grande umanità.
Siamo sempre in mano agli sporchi avvoltoi,
che han costruito da noi grandi mattatoi.
Noi abbiamo il mare, l'Etna , le grandi vallate,
i nostri templi, le civiltà passate.
Parlano per noi, senza dire parola,
noi ci viviamo in questa grande aiuola!
maria agrippina amantia

AMURI di Armando Carruba

AMURI

'N amuri ca torna e ti fa trimari
e cchiù beddu dò suli ca vasa 'u mari
cchiù duci 'i 'na cantata 'i passareddi
pirchì 'mbriaca, nun capisci nenti.
'N amuri ca torna è granni festa
comu 'na varca sarvata dda' timpesta
chi gioia 'o cori, chi ristoru
nun s'accatta mancu a pisu d'oru.
'N amuri ca torna nun si po' cuntari
nun c'è pinna capaci di diri
tuttu lu caluri 'nto fuculari
mancunu 'i paroli, l'ha pruvari...

Armando Carruba

CUNTROLLI DI CUNFINI di Pippo Lo Cicero

CUNTROLLI DI CUNFINI
E tu chi porti di lu to' paisi?
Tri coculi, 'n timpagnu di 'na utti
di mari sunu 'ntrisi li cammisi
di sali sunu li me' ossa asciutti.
Portu gilusu 'nta 'na cascittina,
'a dignità d''a genti puviredda,
lu chiantu, li culuri d''a matina
e la risata di 'na figghia bedda.
Portu lu cori so' tuttu priatu,
lu portu ppi cantari a unni vaju
l'amuri, da stancarimi lu ciatu.
Mi cunortu accussì, di comu staiu.
Pippo Lo Cicero.

CUNSIGGHIU 'I CUMPARI di Santo Grasso

'U CUNSIGGHIU DU CUMPARI
– Caru cumpari, semu cunsumati!
– Chi c’è cumpà? – Ma comu, nu’ sapiti?
– Chi? – La nuvità! – Cristu! Ca parrati!
Sinnò la menti mi la strabbuditi!
– Ci sunnu àutri tassi priparati!
– Cu vu dissi? – È scrittu ccà, vidìti?
Redditomitru! – Chi è? Mu spiegati?
– È pi summari chiddu ca faciti;
jiti a lu bagnu? – Certu! – Lu signati!
Vi veni “vogghia”? Và… vui mi capiti,
‘nta ‘nfogghiu a parti vui la cuntiggiati
– Cumpà comu s’ha fari? Chi diciti?
– Siddu jiti a lu bagnu ‘un vi stujati,
pi ‘a “vogghia” jiti ‘nbiancu… e li futtiti!

Santo Grasso

martedì 28 ottobre 2014

Filusufia pratica di Santo Grasso


"Filosofia pratica" 

Ascuta a mia, diciva ‘ncatanisi,
mentri ca s’annacava, vanitusu,
a ‘npicciottu vinutu du paisi,
c’hera tranquillu, sodu e rispittusu.

– ‘Npicciottu da cità havi sustanza
chè siminatu cu bona simenza!
– Un mumentu, scusati l’ignuranza,
unn’è tutta sta granni diffirenza?

– ‘Mpicciottu da cità, nun havi scantu,
li scièrri si li cerca a tutti banni
e du quarteri porta la bannera;

di tutta la famigghia è lu so vantu
pirchì primu c’arriva a li vint’anni
s’ha fattu almenu du’ anni ‘i galera!

Santo Grasso

A ME' SICILIA di Gianni Argurio

A me' Sicilia
Passau lu sestu jornu e lu Signuri
criau tuttu lu munnu e li culuri,
ma prima di vuliri ripusari ...
fici a Sicilia 'nmenzu di lu mari!
A me’ Sicilia quantu è bedda e cara
e ricamata di ciuri prufumati;
scinni di munti, scurri l’acqua chiara
e u suli splenni in tutti li cuntrati!
Sicilia, canta u suli e la cascata,
cantunu l’unni e aceddi a li balcuni,
e cantu pure iò, oh! terra amata ...
l’eternu sognu di li to’ canzuni.
(Gianni Argurio)

CALENDARIO

Marti 28 ottobri 2014 San Simuni
Cu' duna 'u pani 'o cani stranu,
perdi 'u pani e 'u parrucchianu

lunedì 27 ottobre 2014

CUNTU

L’UNNA E ‘U MARI
L’unna dumannò ‘o mari: “mi vuoi beni?” E ‘u mari c’arrispunnìu: “’U me’ beni è accussdì forti ca ogni vota ca t’alluntani versu ‘a terra ju ti tiru arreri ppi pigghiariti tra i me’ brazza. Senza di tia la me’ vita fussi nenti. Fussi un mari chianu senza emuzioni. Tu ssì ‘u ciatu dda’ me’ vita!”  L’unna fu filici tra i vrazza ddo’ mari. Facennu finta, ogni vota d’abbulari, e ogni vota ‘u mari ‘a ripigghiava cche’ so’ vrazza granni. Cuntanu ca ‘na notti ca la luna alluciava ‘u munnu, e l’unna janca alleggiu alleggiu, ‘nta ballu ccu ‘na musica can un c’era, scivulava tra un pigghiami e lassami, jucannu cco’ mari ca stinneva ‘i vrazza e poi ‘i ritirava, facennu finta a li voti di nun arrivarici… L’unna e ‘u mari sunu ancora dda’ ‘nta ‘stu jocu di sintimenti e fanu finta ca è l’ultima vota ca l’unna parti ppa’ terra, ppi nun turnari cchiu’, ma poi, è cchiù forti ‘u desideriu ddo’ mari ‘nta ‘stu sonnu di ‘n amuri senza fini…


MANGIAR SICILIANO

SPAVETTI 'U PRIJATORIU
(dì marinara 'ill'Ognina)

'Ngredienti ppi 4 pirsuni: 400 gr ìi spavetti, 2 'nciovi salati, ògghiu q.b.

Nnittari e lavari 'i 'nciovi e sminuzzàrili 'nta 'na cassarola cu ògghiu, unni vénunu sdillacciati a focu lentu, 'mmaccannu ca punta di 'na paletta 'i lignu.
Còciri i spavetti, sculàrili, 'rriminàrili 'ntà salsina d'anciovi e sirvìrili

CALENDARIO

Luni 27 ottobri 2014 San Evaristu

Cu' non accatta e non vinni
né 'cchiana né scinni

domenica 26 ottobre 2014

ciuri dde' morti


I CIURI DI MORTU

Oggi si 'nténnunu i crisantemi, chi i cinisi 'i rigalanu e' vivi! 'Nticamenti pi ciuri di mortu nuautri siciliani 'ntinnévamu i girànii, chi 'n cuntinenti inveci, misi 'ntè 'rasti, fannu belli tutti i finestri cu tanti e tanti culuri.
Dde' nostri banni si nni vìdunu di cchiù 'e lati dde' strati e 'ntè campusanti, pirchì ssù pianti quasi sarvàtici, chi nun hanu bisognu di cura e d'essiri 'bbivirati. 'U ciauru di 'sti ciuri 'n è propriu bellu, ma 'a vista sì.

CALENDARIO

Duminica 26 ottobri 2014
'U mortu 'nsigna a chianciri
Il morto insegna a piangere

sabato 25 ottobre 2014

PACHINU di Armando Carruba

PACHINU

Vinticeddi amurusi
carizzanu
rappa ‘i racina,
fatica ‘i viddanu
sutta ‘n suli liuni,
‘nta stu paisi
vasatu ‘i ddu mari. (1)
‘N ciascu ‘i vinu
teni allegru
‘n cuntu d’amuri luntanu
‘nto cori ‘i ‘n omu.
Riordi ‘i jurnati ricchi
a Pachinu,
quannu ‘u travagghiu cantava
a ciumi ‘i racina
‘a gioia ‘i picciotti
ca nun parteru
‘e negghi ddo’ nord.

Armando CARRUBA



(1) Pachino è bagnata da due mari: Mediterraneo e Ionio.

Fu fondata ufficialmente il 21 luglio 1760 dal principe Gaetano Starrabba coadiuvato dal fratello Vincenzo, marchese di Rudinì, con decreto di Ferdinando I° Re delle Due Sicilie; le loro spoglie si conservano nella Chiesa Madre del SS. Crocifisso.

CALENDARIO

Sabbatu 25 ottobri 2014

'A morti non havi occhi
(non varda a nuddu)

venerdì 24 ottobre 2014

SOGGIRA di Santo Grasso


Me sòggira, pi doti a la so figghia,
ci desi a malappena ‘na tuagghia
un matarazzu chinu cu la pagghia,
un tavulu ca balla… la quadrigghia;

‘na cucchiara e ‘ncuteddu ca nun tagghia
e ‘na cuperta usata, di scinigghia,
li quasetti strazzati a la cavigghia
e china di purtusa la vistagghia;

e poi, nun vi faciti meravigghia,
comu la nivi ca d’agostu squagghia:
sira e matina si li manna a pigghia.

Dici ‘npruverbiu: amara cu ci ‘ncagghia,
pirchì è la ruvina da famigghia.
L’anticu, è risaputu, nun si sbagghia!

giovedì 23 ottobre 2014

USANZE SICILIANE

USANZI SICILIANE

'A notti dill'1 o 2 novembri si méttunu i morti 'e picciriddi boni: cosi duci (frutta 'i marturana, scardillini di pasta a garòfanu chi si su' di àutra forma su' ditti puru "ossa 'i mortu" pirchì su' janchi e hannu disigni d'ossa, di catacòzzula 'i mortu, o di cori, o puru di anciuleddi...), cannillini, ciucculattini, giucàttuli, 'n umbrillinu, cammisedda nova, cartella, matiti... e puru sordi; a chiddi sturtuliddi si metti puru carchi cipudda e carchi còcciu 'i carbuni!
(continua)

USANZE SICILIANE
La notte dall'1 al 2 novembre si mettono i morti ai bambini buoni: cose dolci (frutta di martorana, scardellini di pasta al garofano che se sono di altra forma son detti pure "Ossa di morto" perchè son bianchi ed hanno disegni di ossa, di teschio di morto, o di cuore, oppure di angioletti...), cannelline, cioccolattini, giocattoli, un ombrellino, camicina nuova, cartella, matite... e pure soldi; a quelli monelli si mette pure qualche cipolla e qualche pezzo di carbone!

martedì 21 ottobre 2014

GIUDIZIU di Maria Agrippina Amantia

U GIUDIZIO
Quann'era picciridda, manu manuzza,
me nanna mi purtava a sentiri la missa.
Prima si ricitava lu rusariu,
una priava e l'atra rispunniva.
Ju, nica, nica, taliava e sintia,
lu modu stranu c'avianu ddi fimmini,
tutti vistuti a luttu, di fari litania.
Ogni vota ca la porta di la criesa si rapia,
tutti l'autri tra na risposta e n'Ave Maria,
facivanu cummenti, su chidda ca trasia.
Allura sempri ccu du farsu surrisu,
si ripitia dda storia all'infinitu.
Una a vuci auta dicia Ave maria,
l'autri, jiu sparru a tia, tu sparri a mia.
Certu jiu di picciridda,ci pinsava,
a lu Signuri, sta farsa priera,
ma diri tu, quannu c'arrivava?
Chissa pi mia nun è giusta manera.
Se vò priari fallu, ma di sula,
nun giudicari tieni giusta misura,
aiuta li poviri e li criatura.
Ca lu giudizio, pi li piccaturi,
chiddu finali è di nostru Signuri.
Jiu pensu ca la gente si rispetta,
ppi comu versu tia si cumporta.
Di la so vita, nun ni vogghiu sapiri,
mi basta già lu me patiri.
Se si 'n amicu m'abbrazzi e ma capiri,
ma cu si tu, ca mi vò giudicari?
maria agrippina amantia

CALENDARIO

Marti 21 ottobri 2014 Sant'Orsola

Quannu nascisti tu brutta bruttazza
ci funu lampi e trona e dibulizza

To' mamma ti 'ddivo' 'nta la visazza
to' patri ti jttò 'nta la munizza

Ti battiaru e ti misiru caccarazza
facci di bummulu e nasu di sasizza

lunedì 20 ottobre 2014

POESIA DIALETTALE

CU 'CCI L'ATTACCA 'A CIANCIANEDDA O' JATTU
Un jattu chi di pilu era siamisi
stava jurnati cu li corna tisi
vigilannu si sguttava 'u pastu
e di li surci 'un si viria lu rastu.
Si coccarunu anticchia temerariu
s'avventurava, macari fora orariu
lu jattu lu puntava e 'nt'òn mumentu
s'ù pulizziava senza fari stentu.
'Stu fattu e surci, li ficia iri 'n'deliriu
ogni nisciuta, finia sempri a martiriu
passaru parola, s'arribbillaru tutti
'i surci cagnoli, e 'i surci ri cunnutti.
Picca passau chi foru cunvucati
'nt'òn cunnuttu, 'mmenzu li pinnati
e o' jornu stabilitu tutti quanti
ventu rarreri e acqua di ravanti.
Ognunu purtava lu giustu rimediu
pi fari finiri 'stu perenni assediu
'na soluzione cc'era d'attruvari
picchì, accussì, 'un si putia campari,
Ficiru un cunvegnu 'npompa magna
dunni ciascunu purtau la sò lagna
s'arraggiunau p'u gnornu e pi 'na notti
e 'un mancaru sciarri e mancu lotti.
a la fini di tanti longhi riscursioni
si tiraru li cchiù giusti cunclusioni
'n coddu alu jattu cc'era d'attaccari
'na ciancianedda pi sentila sunari.
Giustu, rissiru tutti, bbonu .... bbonu
appena lu jattu si movi fa lu sonu
un surciteddu si susiu ri scattu:
"Ma cu' ci attacca sta ciancianedda o' jattu"
di Vincenzo Adamo

domenica 19 ottobre 2014

CALENDARIO



Duminica 19 ottobri 2014 San Paulu dda' Cruci.
Si pri paura di corvi 'un si simina linusa,
nun putissimu aviri la cammisa.

sabato 18 ottobre 2014

CALENDARIO

Sabbatu 18 ottobri 2014 San Luca
Ppi San Luca, o vagnatu o asciuttu, finisci di siminari, si voi bon fruttu.
Per San Luca (18 ottobre), o con la pioggia o col sereno, devi aver terminato di seminare, se vuoi fare un buon raccolto.

venerdì 17 ottobre 2014

PROVERBIO

Lu scravagghiu 'ntrala stuppa
cchiù si spidugghia, cchiù cci 'ncappa

PROVERBIO

Quantu cchiù scanata è la farina,
tantu cchiù beddu veni lu pani.
Scarpi stritti e mugghieri larga
sunu ddu cosi ca dunanu 'ngustia

(Pitrè - proverbi)

OGGETTI DI UNA VOLTA - la piditera

PIDITERA
E' unanime tradizione che nei tempi andati uno degli oggetti che nel corredo della sposa non doveva mancare, fosse uno strumento utile a cacciar fuori del letto certi flati puzzolenti che la convenienza ed il galateo condannano. Tutti parlano della piditera o cubba piditaria, che pur si chiamava sciàtara e màtura, voci oggi non più intese nel loro senso primitivo; e tutti giurano chi di averla avuta, chi di averla vista, chi di conoscerne la forma. Ne ho vista una a Carlentini (SR).

DETTO SICILIANO

Si lu parenti nun ti voli,
e l'amicu nun ti coli,
e lu mircanti nun ti 'mpresta,
fujili comu pesta.

POESIA DIALETTALE SICILIANA

L'UMANA FILICITA'
Appena l'omu veni giniratu,
Prima c' avissi d' omu li divisi,
Senza delittu resta carceratu
'Ntra l' uteru maternu novi misi.
Poi finalmenti a la luci spuntatu
Nasci cianciennu, privu di difisi ;
'Un senti, 'un vidi, 'un parra, 'nn' ha odoratu,
E 'ntra lu muccu li sò membri ha 'ntrisi.
A ccomu poi cumincia a crisciuliari,
Veni suggettu a milli 'nfirmità,
Pri cui mardici e odia lu campari.
Riduttu 'nfini a la canuta età,
La passa notti e jornu a suspirari :
Chista di l' omu è la filicità.
Carlo Amore - 'U zzuoppu Amuri - ( Modica 1768 - 1841 )

giovedì 16 ottobre 2014

parrari 'n siccu

VISTUTU A MEZZU BUSTU A L'ANCILINA
Vestito a mezzo busto ad angelo

VISTUTU DI CARNI ARANCIUNI
Vestito di carne arancione (a petto nudo, rituale nei duelli rusticani, per mostrare che sotto non si portano nè coltelli e nè amuleti

vocaboli siciliani

VINNARIATU (nato di venerdì)
Nervoso, non approdabile, perchè nel pregiudizio popolare è che il nato di venerdì sia persona scaltra, coraggiosa, valente, balzana.
Vocabolario siciliano con testo di Antonino Traina e inserti letterari di Eugenia Bono e Antonino Uccello

detto siciliano

Vasa, vasa, vuccuzza di meli, tu si na bagascia, ju sugnu 'a mugghieri
Bacia, bacia, boccuccia di miele, ma tu sei una donnaccia, ed io sono sua moglie. (E mio marito è il mio legittimo sposo)

NINNA NANNA da ERA SICILIA canti raccolti da Antonino Uccello

NINNA NANNA A MISTRETTA

Una madre contadina, quarantenne, canta la ninna nanna di carattere religioso. Queste strofe si riferiscono spesso a motivi di vita quotidiana, cogliendone gli aspetti più familiari ed intimi. Si fa riferimento infatti, alla gioia di Sant'Anna e di San Gioacchino, perché la Madonna bambina si avvia a fari i primi passi, e si spera che i parenti portino alla piccola Maria "cusuzzi di manciari" cioè leccornie.

Quant'é-bbeddra Maria sutta lu mantu,
comu Santa Maria r'oru e-dd'argentu.
Si vota lu parrinu e-ddici: "Santu,
salaratu lu Santu Saramentu!"
Oh, mpò, mpò, mpò, mpò.
Sant'Anna e-Ssan-Gniachinu sù-cuntenti,
ca ianu a-Mmariuzza chi-vva sula.
Iddra lu va diciennu a li parienti:
"Purtaticci cusuzzi ri manciari".
Oh, mpò, mpò, mpò, mpò,
ruommi, figghia, e-ffa l'avò.

Quant'è bella Maria sotto il manto,
come Santa Maria d'oro e d'argento.
Interviene il prete e dice: "Santo,
sia lodato il Santo Sacramento!"
Oh, mpò, mpò, mpò, mpò
Sant'Anna e San Gioacchino sono contenti,
che hanno la piccola Maria che va da sola (1)
Lei lo va dicendo ai parenti:
"Portatele cosucce da mangiare!"
Oh, mpò, mpò, mpò, mpò
dormi figlio, e fai la ninna.

(1) - Ha imparato a camminare

Da ERA SICILIA Canti popolari raccolti da Antonino Uccello