lunedì 30 giugno 2014

Ricetta - insalata di riso

INSALATA DI RISO

Ingredienti:
300 g di riso
1 scatola di tonno
4 pomodori
4 coste di sedano crudo tagliato a fettine
un cespo d'insalata tagliata a liste
basilico
20 g di capperi sottaceto
aceto, sale, olio e mayonese

Preparazione:
far cuocere il riso al dente e sciacquarlo in acqua fredda. Tagliare i pomodori a dadini, il sedano e l'insalata. Mischiare il tutto e versarlo sul riso insieme agli altri ingredienti. Aggiustare di sale e condire con aceto e un po' di mayonese. Mettere in frigo per almeno 1 ora.

Calendario



Marti 1 lugliu 2014

'u sautu dda' jatta
MODI DI DIRE

'SSIRI CANI E JATTI = sempre in lite

FIGGHIO' 'A JATTA E FICI 'N SURCI = si dice di chi stentò a fare qualcosa::: riuscita poi male

NUN C'E' MANCU 'NA JATTA = luogo disabitato

ESSIRI AMICI COMU CANI E JATTI = nemici::: dichiarati

Poesia siciliana dalla Centona di Nino Martoglio


CAINU E ABELI

– Sùpira 'ssu discursu vi 'gannati:
«Cu' pecura si fa» dici l'anticu,
«lu lupu si la mangia» Tistïati?
Ma 'ntantu v'arrispunnu, caru amicu:

Abeli morsi a manu di so' frati:
ma pirchì morsi? – Pirch'era chiù nicu!
– Chi c' entra l'aità, chi 'ncucchiati?
Morsi pirch'era un veru... beccaficu!

Sudd'era Abeli ju, quannu Cainu
accuminciava a carramari sorvi
e mi spuntáva 'u primu cricchimiddu...

– Sintemu, chi faceuru, don Tinu?...
– Ca... ci 'mmiscava 'n corpu di reorvi,
e tempu nenti facìa Abeli ad iddu!

Note.–  Sùpira (sopra) – Tistïati (crollare il capo, muovere la testa in segno di canzonatura) – Morsi (morì) – Frati (fratello) – Nicu (piccolo) Aità (età) Chi m'incucchiati (che mi contate, che mi date a bere) – Beccaficu (detto nel senso di minchione) – Carramari (abbacchiare zorbe; ha il significato di: menar sodo, di santa ragione) – Cricchimiddu (bernoccolo, quell'enfiato che fa la percossa in testa) – Faceuru (facevate) – Ci 'mmiscava (gli appioppavo) – Reorvi (revolver, rivoltella) – Facìa (facevo) Fare Abele (far minchione) – Iddu (esso, lui).


SITI D'AMURI di Armando Carruba

SITI  D’AMURI

Lassai ‘a me’ carusanza

‘n faccia ‘o Lazzarettu (1)
unni ‘a fatica ill’omu
pusò scogghi ‘nto’ mari
na matina ‘i primavera
‘U ventu canta l’avò
a ddi petri ‘o suli
ca mi vittiru nicu
cacciari ranciu pilusa
Oi ‘u silenziu ‘i na taliata
parra di na vita consumata
natannu ‘nte’ mari funnuti
circannu nnu scogghiu
p’assicutari pinzeri

SETE D’AMORE – Ho lasciato la mia fanciullezza/ di fronte al Lazzaretto/ dove la fatica dell’uomo/  ha  posato scogli nel mare/  una  mattina  di  primavera/   Il  vento  canta  la  ninna nanna/ a quelle pietre al sole/ che mi videro piccolo/ cacciare granchi rossi/ Oggi il silenzio  di  uno  sguardo/  parla  di una vita consumata/  nuotando  in  mari  profondi/   cercando uno scoglio/per scacciare pensieri.

LAZZARETTU –   Il Lazzaretto (Ospedale) è oggi la sede in Via Molo dei Vigili Urbani. ‘U Lazzarettu, come ancora oggi viene  ricordato  da  qualche  persona anziana, doveva servire per ricoveri per malattie infettive  a bordo delle navi in arrivo nel porto.
Non si è verificato nessun caso, eccetto uno, a cui fu data una stanza per due giorni nel primo Edificio  di Disinfettazione, e che dopo due giorni fu ricoverato a Catania.
Mio padre fu custode di quei due edifici dal 1947 al 1961. 



domenica 29 giugno 2014

caro amico ti scrivo...

Carissimi amici buongiorno!!! Che bello questo campionato mondilale di pallone e di pallunati ca si sparanu in TV, ora avemu macari Sgarbi opinionista, ca diu ni scaza e libbiri ogni figghiu di matri, chiddu si sciarrìa macari cco' palluni ed è capaci ca ci tira macari un cauciu!!! Chi sirati! Personalmente siccomu il pallone è tunnu, mi sono dato al mulune!!! Mentri ca ti vidi a partita vuoi mettere mangiarisi un bello muluni ghiacciatu? l'avete vista la partita Olanda Messico? la meno pausa (ca nun è chidda dde' fimmini) ma 3 minuti per ogni tempo di pausa per arrifriscarisi li cannarozza! Chi cauro! e noi assittati ccu tutti li cosi ghiacciati a disposizione che goduriaaa! Ma che cosa non si deve fare per annoiarsi di questa vita di pensionati! quasi quasi addumannu i ferii - toccano ai pensionati? - Bona matinata a tutti e mi raccumannu a mari 'e marucchini nun trattamuli mali, va beni ca vinnunu cosi improponibili ma è macari veru ca fanu km e km di spiaggia e nuatri beddi frischi sutta u suli... Bona matinata 

CALENDARIO

Duminica 29 giugnu 2014

secuta a satari 'a jatta

PIGGHIARI JATTI A PITTINARI - procurarsi guai, impicciarsi delle cose degli altri, accingersi ad un'impresa assai difficile.

AVIRI FATTU 'U MANCIARI PPE' JATTI - avere fatto un lavoro per beneficio di chi te lo rende male.

CADIRI A DRITTA COMU 'E JATTI - trovarsi comunque bene anche se capita qualche disavventura

sabato 28 giugno 2014

CANTO DI CARRETTIERE


 
 
 CANTU DI CARRITTERI
   
  
 
 Tira muleddu miu, tira e camina,cu st`aria frisca e duci di la chiana,lu scrusciu di la rota e la catina,ti cantu sta canzuna paisana.Amuri, amuri miu, pi tia cantu,lu cori miu nun mi duna abbentu.Acchiana, cavadduzzu miu,c`avemu tanta strata di fari ancora.Tu si di Chiazzi e iu di Mazzarinu,l`amuri `nni facemu di luntanu,e quannu sugnu, amuri, a tia vicinu,ti cantu e ti sono u marranzanu.Cavaddu curaggiusu e vulinteri,puru supra a luna pozzu acchianari.acchiana ca `dda cc`èla me bedda affacciata.Chistu è lu cantu di lu carritteri,ca nuddu, nuddu si lu po` scurdari.Cantu canzuni di milli maneri,canzuni ca vi fannu `nnammurari.Acchiana, cavadduzzu miu,ca semu arrivati.
 
 
 
 
  
 Traduzione: Canto di carrettiere
 Tira, piccolo mulo mio, tira e camminacon quest`aria fresca e dolce di valle,con il rumore della ruota e della catenati canto questa canzone paesana.Amore, amore mio, per te canto,il mio cuore non mi dà tregua.Sali, cavallino mio,che abbiamo ancora tanta strada da fare.Tu sei di Chiazzi e io di Mazzarino,ci amiamo da lontano,e quando sono, amore, a te vicino,canto per te e suono il maranzano.Cavallo coraggioso e di buona lena,posso salire anche sopra la luna.Sali che lì c`è la mia bella affacciata.Questo è il canto del carrettiere,che nessuno, nessuno può dimenticare.Canto canzoni di tutti i tipi,canzoni che vi fanno innamorare.Sali, cavalluccio mio,che siamo arrivati.

venerdì 27 giugno 2014

CALENDARIO

Sabbatu 28 giugnu 2014

MODI DI DIRE: sàuta 'a jatta!

SAPILLU CANI E JATTI = cosa conosciuta da tutti

AVIRI SETTI SPIRITI, COMU I JATTI = essere spesso in procinto di morire e riprendersi

ACCATTARI 'A JATTA 'NTO' SACCU = comprare qualcosa senza sincerarsene

OMERTA' di Nino Martoglio


L' "OMERTÀ"

('ntra la midicarìa di lu spitali Santa Marta)

– Minicu, quantu?... – Un parmu e tanticchiedda!
Cantau? – 'Un'ha cantatu. – Menu mali!
Chi fannu, ora? – Ci trasunu 'i vuredda;...
bona allippau! Chi fu, stili o pugnali ?

– Chi pugnali, 'u schifìu di li cutedda!...
Menzu filu? – No – Triangulu? Ca quali!..
– E allura?... – 'U cincu sordi... 'A lapparedda?
– Sì...Ma... trasìu cc'' u manicu?!... – Funnali

è, no?... – T' 'u dissi un parmu avanzateddu...
Mutu, ca sta parrannu!... – Eh, vilunazzu!...
Ccu' è chissu ca 'u 'nterruga? – 'U dutturi...

Chi rispusi?... «Cuteddu cu cuteddu,
'a giustizia, si campu, ju stissu 'a fazzu;
nun parru» – Bravu! È giuvini d'onuri!


Note. – (L'omertà è un sentimento auto-cavalleresco della maffia che vieta al ferito di declinare il nome del proprio feritore, sotto pena d'essere messo al bando dalla Suciità. Se egli vivrà, saprà farsi giustizia da sè, se morirà, i figli, i fratelli, i nipoti, i congiunti ed anche gli amici più fidi, eserciteranno sull'uccisore e sulla famiglia di lui fino alla quarta generazione, i diritti di vendetta o, in altri termini, l'antica faida dei Longobardi) – Tanticchiedda (un tantino) – Cantau? (ha palesato?) – Ci trasunu (gli entrano, gli rimettono a posto) – Vuredda (budella) – Bona, allippau! (fu assestata bene) – 'U schifìu (l'ultimo, la porcheria) – Menzu filu (specie di coltello lungo e sottile) – Triangulu (idem a triangolo) Cincu sordi (coltello proverbiale, di misura, che prendeva il nome da quello che costava, vendendosi precisamente a cinque soldi) – Lapparedda (soprannome del coltello. Avviene spesso che il maffioso dia un soprannome al coltello, come alla pipa o che so io) – Trasìu (entrò) – Funnali (profonda) – Mutu (zitto) Chissu (costui).


i ragazzi del molo san antonio

A PASSARI ‘A NUTTATA
A passari ‘a nuttata in italiano: Deve passare la notte ed è la celebre frase di Eduardo De Filippo nel suo famoso lavoro teatrale Napoli Milionaria. Deve passare questa notte perché tutti abbiamo una notte  sperando che l’alba ci porti nuovi orizzonti positivi.
Da ragazzino sono stato un timido anzi dirò di più…timidissimo!  Meglio timido e sincero che etc. etc.,  naturalmente avevo i miei amori, che soltanto io sapevo, altre volte capitava del pazzesco come questa innocente storiella.
Da ragazzino abitavo al Molo S. Antonio in una casa che descriverla come meravigliosa è troppo poco, non c’è aggettivo che possa sottolineare la mia fanciullezza splendida!
Mio padre oltre ad essere Capo Guardia Sanitaria era anche il custode della Stazione Sanitaria Marittima, due edifici conosciuti come ‘U Lazzarettu per me ragazzino un sogno! Innanzittutto perché avevo il mare a mia portata nel vero senso della parola, in estate facevo colazione e dalla banchina di casa mi tuffavo nelle splendide acque del porto; in inverno godevo dello spazio di un grande terrazzo attigua all’abitazione e se questo non bastasse delle innumerevoli stanze vuote del piano sottostante insomma uno spasso difficile da descrivere ma facile da provare.
La mia stanza, guardava la ferrovia, quel tratto di linea ferrata, oggi strada, che dalla Stazione Centrale di Siracusa  andava alla Stazione Marittima, un peccato che questa Stazione non esiste più.
Le persiane lato ferrovia davano su due finestre …e va bene, finestrelle come quelle che si vedono nelle cartoline di una volta, era un pianterreno abitato da un carrettiere con la moglie, la suocera – la cara nonnina – e due figlie.
Non ricordo chi iniziò, ma fatto è che la domenica pomeriggio mi trovavo seduto sul davanzale della mia finestra a guardare la ferrovia ascoltando musica e dall’altra parte le due sorelle, m’interessava la più grande Mara; la sognavo per tutta la settimana e la domenica ci lanciavamo sguardi furtivi, sì perché se uno dei due si accorgeva che l’altro s’accorgeva che guardava…distoglieva lo sguardo! Una famiglia modello, diceva mia madre, a volte le ragazze venivano a casa per portare i vestiti realizzati dalla loro mamma che era una brava sarta a volte capitava che andavo io a portare la stoffa o a giocare nel loro vicolo con i compagni.
Un brutto giorno del ’59 mia madre ebbe un ictus, passammo dei momenti bruttissimi, ricordo i medici che  venivano,  i consulti i professori chiamati da Catania e un giorno la sentenza Non avrebbe superata la notte. Mio padre e la mie sorelle fecero il punto della situazione e tra le altre cose mi fecero andare dalla signora per dirle di non fare i due vestiti perché era inutile; ricordo che si precipitò a casa mia, la vidi piangere e non restituì la stoffa.
Quella notte nessuno a casa mia dormì, andai sul davanzale e stranamente la luce della casa di fronte era accesa…che stava male la nonnina? L’indomani mattina la signora venne a casa nostra portando i due vestiti fatti, ci aveva lavorato tutta la notte e fu di buon augurio perché mia madre superò quella notte e malgrado patì mille sofferenze morì il 28/9/1981.
Mara si era fidanzata giovanissima con uno che aveva bottega, più grande di lei e anche la sorella con un barista; negli anni che conducevo un programma radiofonico, Mara mi telefonò dicendomi che tutta la sua famiglia e sua madre in particolare mi ascoltavano domenica dopo domenica, sono andato a trovarla e ho conosciuto il marito, una bravissima persona buono come il pane e appunto nella sua bottega di generi alimentari vanno forte i panini per  gli studenti e operai mattinieri.
Da Mara ho saputo che la sorella è scomparsa per un male incurabile e che la madre sta malissimo spero tanto che passi la sua notte; quelle rare volte che passo da quella strada mi soffermo a guardare le due finestre  e non posso fare a meno di pensare: Com’era bello una volta.







MODI DI DIRE IN SICILIANO


Venniri 27 giugnu 2014

sauta 'a jatta

FARI COMU 'A JATTA CCO' PRUMUNI 'NTA 'UCCA
mangiare e miagolare; lamentarsi sempre anche stando bene

'N OCCHIU 'A PADEDDA E 'N AUTRU 'A JATTA
essere guardingo

ESSIRI JATTA CU LI 'NGUANTI
ridicolo e di poco conto, infatti si dice pure: "jatta cu li 'nguanti nun pigghia surci"

giovedì 26 giugno 2014

Poesia dialettale di Nino Martoglio

BRISCOLA 'N CUMPAGNI 

– Parrati, don Caloriu, comu siti?
– Bonu, vui siti bonu? – Sentu diri:
càrrichi, o 'nnunca brisculi, 'nn'aviti?
– Zoccu vuliti, a vostru piaciri.

– 'Na briscula vistuta. – Chi diciti?
– Briscula! Quanti voti l'haju a diri?
– È grossa... – Non fa nenti, favuriti...
– E si non vi vulissi favuriri?...

– Càrricu, mancu? Cca c'è 'n sei di spati!...
– E chi schifiu è, di 'sta manera?
Don Peppi Nnappa, d'accussì jucati?

– Misseri e sceccu ccu tutta 'a tistera,
comu vi l'haju a diri, a vastunati,
ca mancu haju sali di salera?

Note. – Nella briscola siciliana in compagni, il gioco è più di parole che di carte, studiandosi, i compagni con linguaggio figurato e con astuzie di parole e di segni, di far comprendere agli avversarii tutto l'opposto del gioco che hanno in mano. È un gioco da scaltri. – Parrati (parlate) – Siti (siete) – O 'nnunca (oppure) – Zoccu (idiotismo: ciò che) – Briscula vistuta (vestita: cavallo, fante o re) – Chi schifìu (che diamine; più propriamente: che porcheria) – Peppi Nnappa (tipo di presuntuoso minghione) – Sceccu (somaro) – Hàju (ho).


mercoledì 25 giugno 2014

MARE SICILIANO A TAVOLA - pesciolini in cipollata

MARE SICILIANO A TAVOLA

PESCIOLINI IN CIPOLLATA

Ingredienti: 
gr. 600 pesciolini
cipolle
farina
aceto di vino
olio per friggere
sale
olio di oliva.

Procedimento: 
pulite minutaglia di pesce e prosciugatela: percorretela nella farina e friggetela in olio fumate. gocciate il pesce su carta assorbente, aspergetelo di sale e lasciatelo raffreddare. In una casseruola fritte nell'olio due grosse cipolle tagliate a fettine sottili; quando saranno appassite bagnatele con mezzo bicchiere di aceto e lasciate bollire per una decina di minuti a fuoco bassissimo. Fate raffreddare la marinata, versatela sulla minutaglia di pesce fritta e allentate in infusione per almeno 5 ore.

L'AMURI dalla Centona di Nino Martoglio


L'AMURI

– Mamma, chi veni a diri 'nnamuratu?
– ...Vôldiri... un omu ca si fa l'amuri.
– E amuri chi vôldiri? – ... È un gran piccatu;
è 'na bugia di l'omu tradituri!

– Mamma... 'un è tantu giustu 'ssu dittatu...
ca tradimenti non nn'ha fattu, Turi!
– Turiddu?... E chi ti dissi, 'ssu sfurcatu?
– Mi dissi...  ca pri mia muria d'amuri!

– Ah, 'stu birbanti!... E tu, chi ci dicisti?...
– Nenti!... Lu taliai ccu l'occhi storti...
– E poi ? – Mi nni trasii tutta affruntàta!...

– Povira figghia mia! Bonu facisti!
E... lu cori? – Mi batti forti forti!...
– Chissu è l'amuri, figghia scialarata!

Note.Dittatu (dettato, legge, definizione) – Taliai (guardai) – Trasii (entrai) – Affruntata (vergognosa) – Scialarata (scellerata).


martedì 24 giugno 2014

LI ME' SUNETTI dalla Centona di Nino Martoglio



'O SCURU 'O SCURU

Sonetti siciliani sulla "maffia"

LI ME' SUNETTI

Ju li cugghivi 'mmenzu li lurdumi,
'ntra li taverni, 'ntra lu lupanaru,
unni lu nostru suli é tantu avaru
di luci, nè virtù, nè c'è custumi.

Ju li cugghivi unni paru paru
lu sangu allimarratu scurri a sciumi,
unni lu scuru è fittu e c'è pri lumi
sulu ôcche luci luci picuraru.

E li cugghii di notti, sgammittati,
tastiannu comu l'orvi muru muru
e zuppicannu comu li sciancati.

Pricchissu, ed anchi pricchi su' sicuru
chi a fari lustru non su' distinati,
ju li vosi chiamari: «'o scuru, 'o scuru» .


Note.Cugghivi (raccolsi) – Unni (dove) – Paru paru (denso, fitto) – Allimarratu (misto a fanghiglia) – ôcche (qualche) – Luci luci picuraru (lucciola e precisamente il bruco-lucciola) – Sgammittati (senza gambe, mancanti di gambe) – Tastïannu – (brancolando) – Pricchissu (perciò) – Lustru (luce) – O' scuru o' scuru (nel buio fitto) .

RICETTA SICILIANA - spaghetti ai ricci di mare

MARE SICILIANO A TAVOLA

SPAGHETTI CON I RICCI DI MARE

Ingredienti:
350 g di spaghettini
una ventina di ricci di mare freschissimi
2 cucchiai d'olio extravergine d'oliva
peperoncino
2 spicchi d'aglio
prezzemolo, sale.

Preparazione:
infilate un guanto pesante (vanno bene quelli da lavoro o da giardino) nella mano sinistra e, con questa mano, prendete un riccio. Usando un paio di forbici appuntite togliete una calottina tagliando tutto intorno quindi eliminate dall'interno i filamenti neri e con un cucchiaino asportate gli ovari tenendoli da parte.
Spellate gli spicchi d'aglio, schiacciateli leggermente e fateli imbiondire in un tegamino con l'olio insieme a pochissimo peperoncino. Quando mancano pochi minuti alla cottura degli spaghettini, unite al soffritto l'interno dei ricci e lasciateli cuocere a fuoco moderato per due o tre minuti.
Scolate la pasta al dente, conditela con il sughetto dei ricci e servitela caldissima spolverata a piacere con del prezzemolo tritato.

lunedì 23 giugno 2014

MARE SICILIANO A TAVOLA - Linguine con gamberi e pesto di pistacchio di Bronte

 LINGUINE CON GAMBERI E PESTO DU PISTACCHIO DI BRONTE
Ingredienti:

Preparazione:
versate in una padella l’olio extravergine di oliva con uno spicchio di aglio, sbucciato e schiacciato. Farlo rosolare quindi aggiungere i gamberi. Aggiungere il sale e pepe e fare insaporire il tutto. Cuocere le linguine al dente e versarli dentro la padella con i gamberi. Unire il pesto di pistacchio verde di Bronte Dop e mescolare bene. Decorate il piatto con qualche gambero ed abbondante basilico tritato.

SITI D'AMURI di Armando Carruba

'U suli caurìa
jornu dopu jornu
'a me' vita
e 'a luna stasira
allucia a tò facciuzza...
'I stiddi lùcianu
'nta 'na notti
comu chista
e ju ascutu a tia
ca parri d'amuri
'o me' cori

Armando Carruba

RICETTA SICILIANA - aguglie fritte

MARE SICILIANO A TAVOLA

AGUGLIE FRITTE

Ingredienti per 4 persone:
* 1 kg di aguglie
* farina
* olio extravergine d'oliva
* sale

Pulite le aguglie ed eliminate le teste; poi, tagliatele a pezzetti non troppo piccoli. Passatele, quindi, nella farina e friggetele in abbondante olio caldo.
Appena il pesce sarà dorato, sgocciolatelo e ponetelo su carta da cucina a perdere l'unto in eccesso. Cospargete di sale e servite.

CALENDARIO

Luni 23 giugnu 2014

Sutta 'u ponti di Librizzi
Ciccia cogghi ramurazzi,
e li 'nfàscia a mazzi a mazzi
mi si inchi i matarazzi

Sotto il ponte di Librizzi
Ciccia coglie i ramolazzi,
e li leva tutti a mazzi
per riempirsi i materassi.

domenica 22 giugno 2014

INDOVINELLO SICILIANO

Unn’è arancia e havi ‘i spicchia,
unn’è monucu e havi ‘a varba,
unn’è fimmina e havi ‘i trizzi.
(agghiu - aglio)
Non è arancia e ha gli spicchi,
non è monaco e ha la barba,
non è donna e ha le trecce.

UNA GIORNATA A MARE

Carissimi amici che cosa non vi debbo raccontare!!! haju 'statu a mari!!! l'hai presente il mare sarausano di domenica dove tutti vogliono recuperare tutto in poche ore? ecco sì quello! Ora siccome ho un pò di muscoli addominali, me' cumpari mi disse "ti porto 'nta na spiaggia libbera (ccu ddu R) appoi natannu natannu ce ne andiamo in quella privata e non ci priviamo del piacere del ballo in acqua! Sai quelli che fannu tucutu tucutu zizizi zizizi ? preciso quello! a riva l'istruttrice ca era bedda ma Bedda che tutti gli occhi erano puntati su di lei medesima per il fatto anche che dovevamo stare attenti alle mosse da fare. E tra tucutu tucutu e zichiti zichiti doppu ddu balli ero tutto sballato e mi sono andato a stinnicchiare sulla rena.... Non l'avisse mai fatto!!! C'era un picciriddu nicu nicu ca chianceva.... ca ogni cocciu di lacrima era quantu n'aliva... a questo punto, nun ci visti cchiù dill'occhi e ci dissi a sò matri ca fumava: "Bella matre, quannu non sapiti inzignari e accurdari i figghi... restate single restate!" u sapiti chi rispunnìu? "'u 'ccurdassi lei ca è sperto! 'u picciriddu ha fatto un fosso e se lo vuole portare a casa!!!
Docu m'arricugghiu i robbi e mmi nni turnai 'a casa... Oh chi mala cumparsaaaa 

RICETTA SICILIANA cotolette di pesce spada

MARE SICILIANO A TAVOLA

COTOLETTE DI PESCE SPADA

Ingredienti per 4 persone:
* 4 fette di pesce spada
* 2 uova
* farina
* pangrattato
* 1 ciuffo di prezzemolo
* 1 spicchio d'aglio
* 1 limone
* olio extravergine d'oliva
* sale

Tempo di preparazione 15 minuti Tempo di cottura 5 minuti

Lavate e asciugate il pesce spada, poi, spellatelo e infarinatelo. Intingete, quindi, le fette nelle uova sbattute; passatele nel pangrattato condito con un trito di prezzemolo e aglio, una presa di sale e una spolverata di pepe e friggetele in abbondante olio caldo. Servite le cotolette con spicchi di limone

CALENDARIO

Duminica 22 giugnu 2014 SS. Corpu ddò Signuri

NIMINAGGHIA

'Na matri,
cincu patri,
cinquanta figghi fimmini
e 'na testa
(curuna 'u rusariu)

Una madre,
cinque padri,
cinquanta figlie femmine
e una testa
(corona del rosario)

sabato 21 giugno 2014

RICETTA SICILIANA

MARE SICILIANO A TAVOLA

BUSIATE AL RAGU' DI TONNO

(Le busiate sono una specialità di pasta fresca che prende il nome dai busi, i ferri usati per confezionarla)

Ingredienti per 4 persone:
* 500 gr di busiate
* 300 gr di tonno fresco
* 700 gr di pomodori maturi
* 1 ciuffo di basilico
* 1 spicchio d'aglio
* 1 ciuffo di menta
* 1/2 cipolla
* 1 foglia di alloro
* vino bianco secco
* olio extravergine d'oliva
* sale e pepe.

Lasciate il tonno a bagno in acqua e sale per un'ora, poi, sgocciolatelo, asciugatelo e tagliatelo a dadini, dopo aver eliminato la pelle.
Affettate la cipolla e lasciatela appassire in un tegame con 4 cucchiai di olio; aggiungete i pomodori pelati, privati dei semi e sminuzzati, le foglie di basilico, una presa di sale e una spolverata di pepe e cuocete per 10 minuti. Fate imbiondire l'aglio in una padella con 5 cucchiai d'olio e l'alloro; unite il pesce e rosolatelo, rigirandolo nel condimento. Bagnate con il vino e aspettate che sia evaporato; quindi eliminate l'aglio e versate il sugo del pomodoro. Incorporate poca acqua calda; cospargete di menta sminuzzata e proseguite la cottura per circa 20 minuti. Lessate la pasta in abbondante acqua salata con 1 cucchiaio d'olio; sgocciolatela e ripassatela in padella con il ragù del tonno.

CALENDARIO

Sabbatu 21 giugnu 2014

STROGGHILINGUA

Cuttuni cugghìa
fujennu, fujennu;
cuttuni cugghiennu,
fuja, fuja

Cotone coglieva
fuggendo, fuggendo:
cotone cogliendo,
fuggiva, fuggiva

venerdì 20 giugno 2014

INDOVINELLO SICILIANO

'NNUMINAGGHIA

Ju nudu e tu 'n cammisa;
a mia m'abbamba e a tia t'attisa
(FERRU 'I STIRU)

Io nudo e tu in camicia;
a me brucia e a te si sbroglia.
(FERRO DA STIRO)

giovedì 19 giugno 2014

mare siciliano a tavola

MARI SICILIANU A TAVULA CUNZATA

RISU CHI VONGULI

Méttiri i vònguli 'nta 'na pignata ccu tanta d'acqua quantu nni giuva ppi còciri 'u risu. Quannu su' aperti, livàrili dì scorci e cca' pacitta passari l'acqua 'nta 'na tirrina.
'Nta 'na cazzalora fari un suffrittu cu ògghiu, spigghia d'àgghiu, menza cipudda 'ffiddiata, putrusinu tagghiuzzatu finu finu, e quannu è rusulatu per beni, juncìricci i vònguli nisciuti dì scorci, 'na spurvirata 'i spezzi e 'na picca dill'acqua sarvata (stari attenti a nun smòviri 'u risettu, unni ci ppò 'ssiri cocci di rina).
Dopu 'na para 'i minuti, mittìricci a còciri 'u risu, juncénnuci sempri l'acqua sarvata chi cci coli.
Assaggiari si è giustu; si ppò puru jùnciri carchi cucchiarata 'i salsa 'i pummadoru.

RISOTTO CON LE VONGOLE

Mettere le vongole in una pentola con tanto di acqua quanto ne giova per cuocere il riso. Quando sono aperte, toglierle dai gusci e pian pianino versare l'acqua in una terrina.
In una casseruola fare un soffritto con olio, spicchi d'aglio, mezza cipolla affettata, prezzemolo tritato molto fine, e quando è rosolato per bene, aggiungervi le vongole tolte dai gusci, una spolverata di pepe e un pò dell'acqua conservata (stare attenti a non agitare la posatura, dove può esserci qualche granello di sabbia).
Dopo pochi minuti, mettervi a cuocere il riso, aggiungendo sempre l'acqua conservata che occorre.
Assaggiare se è giusto; si può anche aggiungere qualche cucchiaiata di salsa di pomodori.

mercoledì 18 giugno 2014

COSI.... COSI....COSI...

Carissimi miei quattro amici... che cosa non vi debbo raccontare!!! Non so se ve ne avete addunato dei nuovi costumi maschili che circolano rete rete e nessuno li pesca? Veramente tanto maschili non mi sembrano, ma fanno sempre quel ciauro di mare che intendiamo per sottolineare che una persona è puppigna!
E pensare che noi ragazzini di tridici - quattordici anni ci vergognavamo a mettere quel costume slip che si allacciava sul lato destro - ve lo ricordate? - ed era estremamente comodo per il fatto che finito il bagno ti mettevi i pantaloncini e sciogliendo i lazzi te lo sfilavi di sotto senza ca nuddu videva nenti di nenti ma nenti in assoluto.
Ma ora questi che mi rappresentano? chi anche se tuccatu dda rannula avrà mai il coraggio d'indossarlo e farisi sbintari spiaggia spiaggia? Ma ccu fu ddu bestia di stilista ca stilò?
Personalmente sono per il costume a pantaloncino di chiddu ca ccu 'na botta di vinticeddu e suli... sulu sulu s'asciuca ca è 'na maravigghia.
Bona jurnata! mah ? 

martedì 17 giugno 2014

TRADIZIONI SICILIANE

CUNZATA 'I LETTU

Dagli anni Trenta circa, almeno una settimana prima del matrimonio, si rispetta la tradizione della "cunzata do' lettu". Nella mentalità della popolazione dei paesi etnei tale tradizione rappresenta un rito misto a superstizione che evidenzia la sacralità del talamo nuziale.
Solo due o quattro ragazze vergini, dette " cummari di lettu", scelte dalla sposa, si accingono a preparare il letto. La biancheria utilizzata per la "cunzata" è composta da: un completo di lenzuola con federe, in seta, lino, raso, ecc., ricamate a mano e di colore bianco; un lenzuolo con federe in lino, di colore bianco; una coperta di cantù, in lino, ricamata a mano e di colore bianco.
A completamento dell'opera, il letto viene adornato di confetti bianchi, che formano le iniziali degli sposi. Dopo la cerimonia viene offerto un rinfresco. 

CALENDARIO

Marti 17 giugnu 2014

Parìri e nun éssiri, è comu filari e nun téssiri

Sembrare e non essere, è come filare e non tessere