venerdì 28 febbraio 2014

CUCINA SICILIANA - Frittata con tuma

CUCINA POPOLARE SICILIANA

Frittata con la tuma

Ingredienti per 4 persone:
·        6 uova
·        2 cucchiai di pecorino grattugiato
·        250 gr di tuma
·        1 ciuffo di prezzemolo
·        Olio extravergine d’oliva
·        Sale e pepe


Sgusciate le uova in una terrina e battetele con una forchetta; poi aggiungete il pecorino, il prezzemolo tritato, la tuma a dadini, una presa di sale, un pizzico di pepe e mescolate con cura. Scaldate l’olio in una padella, versate il composto preparato e rigirate con cura, in modo che tutto risulti ben amalgamato. A questo punto fate rapprendere la frittata su fiamma moderata, rivoltandola a metà cottura

PROVERBIO SICILIANO IN VERSI

FOTO - Lido Azzurro


Venniri 28 frivaru 2014 S. Rumanu

'U PISCI FETI DI LA TESTA

Pirchì ti lagni si nun c'è murali
'ntra la to' casa e nun c'è mancu affettu?
si li to' figghi su' comu l'armali
tra d'iddi; e a tia nun portunu rispettu?

Crisciunu scrianzati tali e quali
comu criscisti tu, di studi nettu,
e cu' st'esempiu è troppu naturali
ca nun c'è paci sutta lu to' tettu.

L'omu senza cuscenza nè giudiziu
simina ventu e arricogghi timpesta
cui tra lu viziu sta, gènira viziu.

L'esempiu to' tutta la casa appesta,
lu pricipiziu chiama pricipiziu
"pirchì lu pisci feti di la testa!"

Cervantes (Perrotta)

IL PESCE PUZZA DALLA TESTA - Perchè ti lagni se non c'è morale nella tua casa, e neppure affetto? Se i tuoi figli son come animali, tra essi, e non ti portano rispetto? Crescono screanzati tali e quali come crescesti tu, che sei abietto, e col tuo esempio è proprio naturale che pace non vi sia sotto il tuo tetto. L'uomo senza coscienza nè giudizio semina vento e raccoglie tempesta, chi in un vizio sta genera vizio. L'esempio tuo la casa t'appesta. Il precipizio chiama precipizio, perchè il pesce puzza dalla testa.

giovedì 27 febbraio 2014

PROVERBIO SICILIANO IN VERSI

Jovi 27 frivaru 2014 San Gabbrieli d'Addulurata

LI MURA NUN HANU ORICCHI E SENTUNU

Amicu siddu ha' un contrabannu
prima tutti li strati gira 'ntunnu,
ca spissu spissu ti succedi dannu
e li pinzeri toi vannu a lu funnu;
fa tuttu ccu silenziu, e va guardannu
puru li petri, ca 'nterra cci sunnu;
pirchì li mura ch'oricchi nun hanu
si dici ch'anchi sentinu a stu munnu
(Santo Rapisarda)

I MURI NON HANNO ORECCHI E SENTONO - Amico, se vuoi fare un contrabbando, prima gira le strade in lungo e in tondo, chè spesso in danno si va tramutando e tutti i tuoi progetti vanno a fondo. Fa' tutto in silenzio e va guardando, pure le pietre in terra scandagliando, perchè i muri che orecchie non hanno si dice che pur sentono nel mondo.

mercoledì 26 febbraio 2014

PESCE ALLA SICILIANA - Polpo in umido


POLPI IN UMIDO

Ingredienti per 4 persone:
* 8 polpi piccoli
* 2 foglie di salvia
* prezzemolo tritato
* un pò di basilico
* 1/2  carota
* sedano
* 1 bicchiere di vino bianco secco
* sale e pepe

Prendete i polpi e batteteli a lungo, spellateli, metteteli in un tegame di coccio e condite con olio, vino bianco, prezzemolo tritato, salvia, carota, un pezzetto di sedano,  un pò di basilico, sale e pepe.  Chiudete bene la pentola e lasciateli cuocere a lungo a fuoco molto basso.
Rimescolate di tanto in tanto e, appena pronto, servite in tavola. 

PROVERBIO IN VERSI SICILIANI Santo Rapisarda

Mercuri 26 frivaru 2014 San Rumeu.

LA TROPPU CUNFIDENZA FA PERDIRI LA CRIANZA

T'hai pigghiatu ccu mia troppu licenza
cu lu veniri spissu a la me' stanza,
pirdisti tutta para la dicenza,
ma nni 'nculpu però la me' 'gnuranza:
Duvia pinzari ccu la me' prudenza
si nun vulìa soffriri sta mancanza
ca spissu pri la troppu cunfidenza
s'ha persu 'ntra lu munnu la crianza
(Santo Rapisarda)

LA TROPPA CONFIDENZA FA PERDERE LA CREANZA - Ti sei preso con me troppa licenza venendomi a trovare nella mia stanza; hai perso interamente la decenza, ma ne incolpo la mia ignoranza: pensar dovevo con la mia prudenza, per non soffrire la tua mancanza, che spesso per la troppa confidenza si perde in questo mondo la creanza.

martedì 25 febbraio 2014

TERRA MIA - poesia dialettale siciliana trovata in internet, se ne sconosce l'autore -

 TERRA DI SICILIA


‘Na pala di ficudinnia spinusa,
‘na pagnuttedda di pani di casa,
‘na pampina di zagara adurusa,
‘na tavula di ficu sicchi rasa.

     ‘Na picuredda ca l’irbuzza annusa,
     un carritteddu ca tra lu fangu ‘ntasa,
     la terra nostra cu vesti di spusa,
     mentri lu suli l’accarizza e vasa.

ORTIGIA di Neli Seguino

Marti 25 frivaru (misi curtu e amaru) 2014 San Cisariu

ORTIGIA

Ortigia vita mia naca d'amore
splinnenti sutta 'n suli di zicchinu
scugghiera 'ntra lu mari ssì 'n giardinu
nni tia abbunna zagara e ciuri

Ppi lu straneru ssì 'na meravigghia
ppi la ducizza di li tò jurnati
macari quannu è 'nvernu pari 'stati
ppi chissu nudda terra t'assumigghia

Cu parti ci ritorna in primavera
quannu fragranti sbocciunu li ciuri
quannu ogni passareddu fa l'amuri
quannu la tò ducizza in tuttu impera

Ma ogni figghiuzzu tò di pena mori
quannu è custrittu a stari a la stranìa
vivi senz'alma ccu la nustalgia
cc'un gruppu 'n gola e un duluri 'o cori

NELI SEGUINO

Neli Seguino è stato un bravissimo attore siracusano dell'inizio secolo scorso. Recitava in dialetto siciliano, romano e napoletano... e naturalmente in lingua. Era nato in via Maestranza e ci teneva a puntualizzare che era ddo' scogghiu e viveva a Roma. In estate lo prelevavamo simpaticamente e si faceva il giro delle radio locali, suoi cavalli di battaglia ER FATTACCIO di Amerigo Giuliani A LIVELLA di Totò CUMBATTIMENTU DI ORLANDO E RINALDO di Nino Martoglio e altri...

lunedì 24 febbraio 2014

I PICCIOTTI SI FICIRU ZITI

L'annunziu ddo' zitaggiu, era un veru e propriu ritu, si jeva dicennu ccu gioia di cori e ccu cunvinzioni ca s'era scelto bene e ricevennu tanti e tanti "pròsita veru!" ppa' famigghia e ppi li ziti ccu l'auguriu di tanti figghi. Dopu qualchi jornu si faceva na festa in casa dda' zita, ppà "misa d'aneddu" e vinevunu invitati i parenti e l'amici e qualchi vicinu di casa. Ppi 'sta festa s'offriva di solitu cosi duci, ciciri e favi caliati, 'u tipicu rosoliu e qualchi bicchirinu di marsala e nun havunu 'a mancari i cunfetti virdi.
Quannu si fistiggiava a misa di l'aneddu, spissu qualchi zitu romanticu s'improvvisava pueta 'nto mettiri l'aneddu a zita e recitava timidamente qualche verso. Dei versi datati 1940 alla zita Carmela 'u zitu accussì ci dissi:
Carmiledda accetta 'u signu di lu mè amuri
ca veni di lu funnu ddo' me' cori
chistu è un mumentu troppu raru e beddu
pirchì ti fazzu mia ccu st'aneddu
Mancu a dillu, applausu ed allegramenti si cuntinuava a ballari sinu a notti. Se, e sottolineo il se, anzamai li ziti vulevanu fari 'na passiata 'o curcu ddo' paisi... s'avunu a purtari appressu: i matri, i soru, zii e cugini/e etc etc.
Quannu jeva bona, a cuntrullari i ziti, c'erano solo due mamme e qualchi soru, che seguivano a una distanza da poter controllare qualche mossa "proibita". I fidanzatini, avevano modo di parrari, di cuntarisi esperienze di vita, senza 'ssiri ascutati, ma qualche carezza solo furtivamente!!!

DETTI SICILIANI IN VERSI

Luni 24 frivaru 2014 S. Sergiu

TRIVULU PPI TRIVULU MI TEGNU A MIU MARITU CH'E' DIAVULU

Nun passa jornu ca nun fai lu pivulu,
caru amicu si veru sparapaulu,
mi cerchi cc'un rialu scarsu e frivulu
cirmarmi a vogghi toi comu un ciraulu:
ma già lu vjiu, di vurza ssì scivulu,
ed ju ti chiantu, cchiù peju d'un cavulu,
pirchì si dici, trivulu pri trivulu
mi tegnu a miu maritu ch'è diavulu.
(Santo RAPISARDA)

TRIBOLO PER TRIBOLO MI TENGO MIO MARITO CH'E' DIAVOLO - Non passa giorno che non mi fai pigolo. Caro amico, sei vero sparapaolo. Tu cerchi con un dono scarso e frivolo incantarmi come fa il ceravolo; ma già lo vedo, di borsa sei scivolo ed io ti pianto come fossi un cavolo, perchè si dice: tribolo per tribolo mi tengo mio marito che è un diavolo.

domenica 23 febbraio 2014

ZITAGGIU 'I NA VOTA IN SICILIA

U fidanzamentu di anni e anni fa in Sicilia, era fattu di procedure che ppi ssì o ppi forza dovevano essere rispettate! Era impensabile che ddu picciotti, putissunu farisi ziti ufficialmenti senza ca 'u babbu e la mamma nun sapissunu nenti e senza 'u missaggeru.
'Stu furnituri di ziti, puteva 'ssiri masculu o fimmina e 'u compitu so' era chiddu da fari tramite tra i famigghi dde' picciotti. Certi voti era 'u stissu messaggeru a pigghiari l'iniziativa, proponendo, solitamente alla famigghia dda' picciotta schetta, se era disposta a qualchi zitata: In caso di sì, 'u paraninfu, ca già aveva avuto cuntatti ccu quarchi pritinnenti, videva di soddisfari l'esigenzi dda picciotta e dda famigghia.
Si purtava 'e stiddi la valenza fisica, l'onestà, 'a vuluntà 'i travagghiari ddo' picciottu, si mittevanu avanti le condizioni economiche, si parrava di tempi necessari ppo' matrimoniu.
Solitamente a famigghia dda' picciotta dumannava quarchi simana di tempu, ppi riflettiri e valutari 'a cosa e ppi pigghiari eventuali informazioni supra 'u picciottu e da ssò famigghia.
Quannu vineva data 'a risposta affermativa 'o missaggeru, si organizzava 'a "canuscenza". 
In questa prima occasione si riunivano sulu i parenti cchiù stritti e i ddu picciotti putevanu stari assittati unu vicinu all'autru, "a distanza 'i sicurezza" e quasi muti, mentri i granni puntualizzavanu tutti gli aspetti dda' facenna. Se entrambe le famigghi si truvavanu d'accordu e i picciotti "si piacevanu", il fidanzamento veniva confermato e le mamme, 'u jornu dopu,jevunu in casa in casa, dai parenti e dai vicini, ppi dichiarari "la zitata ufficiali". 

detto siciliano

Duminica 23 frivaru 2014 S. Renzu

CCU E' RICCU D'AMICI, E' SCARSU DI GUAI
Chi possiede molti amici evita tanti guai.

FOTO di Armando Andolina . PICCIOTTI DDA' BURGATA 'I SARAUSA (primo da dx Carlo Arribas)
 — con Carlo Arribas.

sabato 22 febbraio 2014

CUNTU SICILIANU

Lu Re e li carzarati

'Na vota nu Re di Sicilia jiu a visitari nu carziri chinu di carzarati, tutti ccu cunnanni di vint'anni, trent'anni o ppi tutta 'a vita e tutti si misunu in riga aspitannu 'u Re.
Quannu lu Re cci fu davanti, spijò a lu primu:
- Tu pirchì si' cca' cunnannatu? Chi facisti?
- Ju, Maistà? Ju sugnu 'nnuccenti; mi pigghiaru mentri era a la mè casa.
- E tu? - dici a lu secunnu -
- Ju sugnu 'nnuccenti. Quannu mi pigghiaru era curcatu.
- E tu? - dici a lu terzu.
- Io sugnu 'mputatu d'aviri ammazzatu a unu; ma foru tutti calunnii, e soffru ppi nenti.
'Nsumma a quanti dumannau lu Re, tutti si desunu 'nnuccenti. L'urtimu cci dissi:
- Maistà, ju haju arrubbatu, haju ammazzatu, haju statu nu scilliratu, e ppi chissu mi cunnannaru 'a vita.
Comu lu Re 'ntisi accussì, si vota e cci dici: 
- E mentri è chissu, tu, gran birbantuni, nesci di 'mmenzu di galantomini, ca su' tutti 'nnuccenti, e 'un ponnu stari ccu tia ca li guasti. -
- Lu pigghia e lu fa nèsciri a libbirtà, e accussì la virità fu primiata.

venerdì 21 febbraio 2014

Carlo Arribas

Da sx: Carlo Arribas - Armando Carruba

La notizia della dipartita di Carlo, l'ho letta pochi minuti fa e non volevo crederci, poi guardando vari post ..... Carlo Arribas amava molto Siracusa e in special modo la Borgata S. Lucia, osservatore attento e punto di forza del gruppo MEMORIE SIRACUSANE prima e ERA SIRACUSA poi, c'ha regalato tante e tante meravigliose immagini di questa città. Sentite condoglianze alla famiglia, è stato un piacere condividere nel tempo dei pensieri.

CUNTU SICILIANU

CCU APPI FOCU CAMPO0 E CCU APPI PANI MURIU

Na vota cc’eranu na pocu di marinara ca navicavanu. Era tempu 'i 'nvernu, e ddò friddu si muria, ca macari li passareddi cadevunu dall'arvuli. Succedi ca si nni vinni un malutempu, e u bastimentu, sbatti ccà, sbatti ddà, pigghiò acqua e iju a funnu. Li marinara comu vosi Diu, natannu natannu, junceru 'n terra. Ddà cc’eranu genti e tutti cuminciaru a daricci aiutu.'Na pocu di 'sti marinara jeru 'nta na casa, e autri 'nta n’autra; chiddi di ddà casa appiru pani, ca avia assai ch’un manciavanu ed eranu morti di fami: l’autri dumannaru na vampicedda pi quadiarisi, ca eranu 'ncazzuluti di friddu. Tant’è ca lu nnumani chiddi ch’avianu manciatu si truvaru tisi tisi morti di friddu, e chiddi chi avianu pinsatu a quadiarisi, eranu vivi comu tutti l’autri. Accussì nni vinni ca Cù appi focu campau e ccu appi pani muriu.

PROVERBI E DETTI SICILIANI IN VERSI - Santo Rapisarda



CCU HAVI CCHIU' SALI CONZA LA MINESTRA

Si senti fari vuci a na parrastra
gialina comu 'n ciuri di jnestra
sfugannu l'ira sò ccu so' figghiastra
pirchì forsi la vitti a la finestra;
tu vacci, e dàlla persa a la puddastra,
la matri è giustu ca li figghi addestra.
Ma poi dicci a l'oricchia a dda cagnastra:
ccu havi cchiù sali conza la minestra
(Santo RAPISARDA)

CHI HA PIU' SALE CONDISCE LA MINESTRA - Se tu senti gridare una madrastra, in volto gialla come la ginestra, sfogando l'ira con la sua figliastra, perchè forse la vide alla finestra, tu vacci e dalla persa alla pollastra: la madre è giusto che la figlia addestra. Ma in un'orecchia dillo alla cagnastra: chi ha più sale condisce la minestra.

giovedì 20 febbraio 2014

DETTI SICILIANI IN VERSI

Jovi 20 frivaru 2014 S. Liuteriu

SCECCHI E PICIRIDDI DIU L'AIUTA

Va' la to' varca cu lu ventu 'n puppa
e l'affari ti vanu a veli aperti,
siddu li materazzi l'hai di stuppa
ppi tia la stuppa in pinni si cunverti.

Pri lu pettini to' nun ci su' gruppa,
pri tia lu munnu è paru; e ti diverti
a dannu di li babbi e di li sperti,
s'hai purtusa la sorti ti li 'ntuppa!

Mi rassumigghi a un certu picciriddu
ca na vota cascò d'un campanaru
e friscu si susìu comu 'n ariddu.

Tu nun sì statu mai di menti acuta.
ma lu sparu ppi tia diventa paru:
"scecchi e picciriddi Diu l'ajuta!"

Agatino Perrotta

mercoledì 19 febbraio 2014

GIOCHI DI UNA VOLTA - LA CAMPANA



'U CAMPANARU
E' un jocu anticu e si jucava all'
aria aperta. Cco' jssu o cco' cravuni si disignava 0na campana, si jttava na petra 'nta na casella dda' campana e ssi cci jeva satannu c'un sulu peri.
Si pigghiava 'a petra, sempri ccu peri sulu, senza cariri, manzinò ci cuminciava nautra vota. 'Nta certi caselli s'havo trasiri cche' jammi aperti. Si jeva in a cima dda' campana e si ci girava 'o puntu 'i partenza.
Si puteva stabiliri macari, ca 0na vota junti a la cima, s'havo turnari 'n arreri cull'occhi chiusi, o puramenti ccu na petra 'nta testa. Vinceva ccu fineva u percorsu senza fari nuddu sbagghiu!    

COLAPESCE





Cola è di Messina ed è figghiu di un piscaturi di Punta Faru. Cola havi nu granni amuri: 'u mari e amanti macari dde' pisci, a puntu tali ca jetta a mari tutti chiddi ca so' patri pisca ppi falli campari 'nta l'acqua. Malidittu 'i so' matri ca nun nni puteva cchiù, Cola si tramuta in pisci. 'U picciottu cancia nomu e addiventa Culapisci, campa sempri 'nta l'acqua e ddi rari voti ca torna a terra cunta tutti i meravigghi va vidi 'o funnu ddo' mari. I marinara c'addumannanu informazioni ppi scanzari timpesti e fu nominatu palummaru ddo' capitanu 'i Missina. 'U canusciunu tutti, tantu ca 'n jornu u vosi canusciri 'u Re di Sicilia Federico II ppi vidiri la so' capacità. Quannu s'incontranu 'u Re jetta a mari na coppa d'oro e dici a Cola di jlla 'a pigghiari. 'O ritornu Cola cunta di un paesaggiu marino c'ha vistu e 'u Re c'arriala 'na coppa. 'U Re decide 'i jttari a mari 'a so' curuna e 'u picciottu ci sta ddu jorna e ddu notti ppi ripottaracilla; e ci cunta cc'ha vistu a Sicilia appujata su tri culonni, una robustissima. l'autra danneggiata e a terza scrocchiolanti a causa di un focu magicu ca nun si stutava. 'U Re curiusu jetta a mari 'n aneddu e addumanna 'o picciottu di jiri a pigghiallu. Cola è tra u sì e u no, ma si jetta 'nta l'acqua e dici 'a genti ca su avissunu vistu acchianari a galla lenticchi e aneddu, iddu nun sarebbi mai acchianato. Dopu ne para di jorna, l'aneddu e 'i lenticchi acchianaru, ma 'u picciottu no e u Re capìu ca u focu magicu c'era veramenti e Culapisci ristò sutt'acqua purtannu 'nta spadda a culonna danneggiata: Ppi chistu ca quannu Cola cancia spadda, in Sicilia succede un tirrimotu...
Larga 'a fogghia stritta 'a via diciti 'a vostra ca dissi a mia.

SAN REMO

'U FESTIVALLO


Qualcunu penserà 'o festivallo 'i cannaluvari quello di piazza delle Poste a Siracusa, NOOOOO! intendo il Festival di San Remo quello che nni stanu ammazzannu ccu tutta 'sta pubblicità.
Mi ricordo i primi festivalli negli anni '50 quannu i canzuni nni sintevumu 'a radio. Nuautri n'avevunu una nica nica accattata da Ricciardi 'o Corso Matteotti e quannu il presentatore cuminciava con CARI AMICI VICINI E LONTANI.... ITIVI 'A CURCARI!!!! questo lo diceva me' patri e nuautri muti muti andavamo a letto.
E poi i cantanti Domenico Modugno, Claudio Villa, Nilla Pizzi, Achille Togliani, Giorgio Consolini etc etc... e le canzoni? vinnevunu i libbricini e ce li 'nsegnavamo tutte! Come dice lei scuse? imparavamo? Nonzi in dialetto è 'o cuntrariu e chistu pirchì nascemmu 'nsignati!!!
Ora chi è 'stu festivallo? cuiii??? a Littizzettu? chista nun mi fa ririri mancu si mi fano il solletico, non se so mi spieco o mi rendo infelice! E pinzannu ca a 'sta cosa curta e malafatta ppi diri quattru minkiati ci dunanu 350.000 euro mi veni i chianciri!!!
La RAI E MEDIASETTI beddi chisti!!! jurnati e jurnati ca nun fanu nenti di nenti, ma nenti assolutu e stasira oltre u festivallo chi c'è?

- MILAN - ATLETICO MADRID canale 5
- I CANTI DI GIACOMO LEOPARDI con Carmelo Bene rai 5
- VULCANO film rai 2

Nni vuliti di cchiù?

PROVERBI E DETTI IN SICILIANO

Mercuri 19 frivaru 2014 San Currau 'i Notu

CCHIU' SCECCU DI LU SCECCU E' LU 'GNURANTI

Sceccu è un riccuni, ca fa lu pizzenti,
sceccu è un pizzenti ca fa lu galanti
sceccu è ccu parra assai, e nun fa nenti
sceccu è ccu a se stissu duna vanti,
sceccu è ccu ama ingrati, o scanuscenti,
sceccu è ccu cunta supra li birbanti,
scecchi ssu chisti, ma lu cchiù valenti,
cchiù sceccu di lu sceccu è lu 'gnuranti.
(Vincenzo BONDICE)

PIU' ASINO DELL'ASINO CHI C'E' ? - Asino è il ricco che vive pezzente, e il pezzente che ti fa il galante; asino chi discute e non sa niente, e chi si vanta in modo strabiliante; asino chi gratifica chi mente ed ha fiducia dell'uomo birbante. Asini tutti, ma il più valente asino onnipotente è l'ignorante.

martedì 18 febbraio 2014

SAN CORRADO di Noto (SR)

SAN CURRAU 'I NOTU

Tra 'i festi cchiù beddi c'è chidda di San Currau ca pruteggi Noto 'i Sarausa. 'A prucissioni è ddu voti l'annu, (quattru si cunsidiramu l'uttavi). 'U 19 frivaru e l'urtima duminica d'austu, ca veni riurdata comu 'a beatificazioni ddo' Santu ca fu 'u 28 austu 1515. Currau era un cavaleri 'i Piacenza, e vosi fari l'eremita in Sicilia. Si cunta c'aveva nu beddu carattiri; quannu arrivò a Notu jiu 'a stari 'nta na rutta, chidda ditta "dde' Pizzuni" e siccomu 'sta rutta era nica, secunnu 'a liggenna, l' allargò a spallati!!! Fici tanti miraculi e quannu murìu 'u 19 frivaru 1351 diciunu che i campani 'i Notu si misunu a sunari suli. Vicinu dda' rutta ficinu un Santuariu dittu San Currau 'i fora; cca' dal 1851, tenunu l'urna d'argentu contenenti na cassa 'i lignu cche' reliquie ddo' Santu.

RICETTA SICILIANA - Pasta col nero di seppia -




Ingredienti
  • 480 g di linguine
  • 1 kg e 200 g di seppie
  • concentrato di pomodoro
  • 350 g di pomodori a pezzi
  • aglio
  • cipolla
  • prezzemolo
  • olio
  • peperoncino
  • sale

Pulite accuratamente le seppie levando l’osso e lasciando intera la vescichetta del nero, quindi tagliatele a pezzetti. In un tegame scaldate mezzo bicchiere d’olio, insaporitevi l’aglio e la cipolla ben tritati, aggiungete le seppie, dopo dieci minuti spruzzate il vino e fate evaporare. Aggiungete sei centimetri di concentrato di pomodoro, i pomodori a pezzi, le vescichette con il nero, il sale, il peperoncino e cuocete per circa un’ora mescolando e, se necessario, aggiungete un po’ d’acqua. Lessate le linguine in abbondante acqua salata, versate la pasta in un piatto da portata e conditele con il sugo alle seppie, spolverizzate di prezzemolo finemente tritato e servite.

DETTO SICILIANO

Marti 18 frivaru 2014 

CUI LA VOLI FRIDDA, CUI LA VOLI CAUDA, E CUI COTTA, E CUI CRUDA

Fallaci mundu, ch'in vanu ti lauda
siquenduti cui cecu stenta, e suda,
e benchì comu 'nsensatu t'applauda,
ben ti canuscirà, juntu à la cuda;
autru poi ti sdilliggia, e ti dislauda
autru ti fà siruitij, e t'accuda
chi voli aggiustari, cui fridda, cui cauda,
autru la voli cotta, ed autru cruda.

Paolo CATANIA

CHI LA VUOLE FREDDA, CHI LA VUOLE CALDA, E CHI COTTA E CHI CRUDA - Fallace mondo che invano ti loda seguendoti chi cieco stenta e suda, sebbene da insensato par che goda, ti riconosce solo a carne nuda. Alcuno ti dileggia e ti disloda ed altro attende che non lo deluda, sperando d'aggiustare in una moda chi la vuole cotta e chi la vuole cruda.

lunedì 17 febbraio 2014

CUCINA SICILIANA - polpo lampedusano

Ingredienti :
  • 4 polpi di piccole dimensioni
  • 1 zucchina media
  • 1 limone
  • 150 gr di pepato fresco
  • sale q.b.
  • pepe nero in grani
  • olio extra-vergine di oliva

Preparazione:

In acqua salata lessare i polpi per circa 20 minuti. Dipende comunque dalla grandezza dei polpi il tempo di cottura, più sono grossi e più tempo occorrerà. Mentre i polpi sono in cottura, lavare e tagliare a rondelle non troppo sottili la zucchina. Grigliare la zucchina. Tagliare il pepato fresco a fettine. Quando i polpi sono pronti scolarli e adagiarli su un piatto. Cospargere di olio e succo di limone. Accanto ai polpi adagiare le fette di zucchine grigliate e di pepato fresco. Versare un giro d’olio ed una macinata di pepe nero. Ottimo piatto veloce, da mangiare anche freddo. Da proporre come antipasto ma anche come secondo o piatto unico dipende dalla fame.

CUCINA SICILIANA - pasta con le sarde

Ingredienti :
  • 600 gr di pasta
  • 800 gr di sarde
  • finocchietto selvatico
  • 4 acciughe sotto sale
  • 1 cipolla
  • 100 gr di pangrattato (mollica)
  • uva passa e pinoli
  • sale e pepe q.b.
  • zafferano
  • olio extra-vergine d’oliva
Preparazione :
Abbrustolire in un a padella antiaderente il pangrattato. Lavare sotto l’acqua corrente e lessare in acqua salata il finocchietto selvatico. Scolarli e mettere l’acqua di cottura da parte ove verrà lessata la pasta. In un padellino sciogliere le acciughe private del sale. In acqua calda sciogliere lo zafferano. In una padella antiaderente rosolare la cipolla in poco olio, unirvi l’uva passa i pinoli e se si desidera sarebbero gustose anche delle mandorle pelate a scagliette. Aggiungere le acciughe e lo zafferano. Eviscerare le sarde, eliminare la coda e la testa e lasciarle aperte a libro. Friggete leggermente in olio i filetti di sarde lasiandone da parte circa 5, scolarle e metterle da parte. Nell’olio di frittura delle sarde aggiungere il finocchietto tritato e i 5 filetti di sarde. Rimescolare e sminuzzare le sarde. Lessare la pasta nell’acqua di cottura del finocchietto, scolarla e condirla con la salsa preparata e parte del finocchietto condito con le sarde. Prendere una teglia ungerla con dell’olio e spolverizzare con un po’ di pangrattato. Versare la pasta e alternare uno strato di sarde e uno di finocchietto. Ripetere ancora e finire con lo strato superiore di sarde. Spolverizzare con il pangrattato, un giro d’olio e infornare per circa 10 minuti. Si tratta di un piatto tipicamente palermitano ma famosissimo in tutto il mondo. E’ buono sia freddo che caldo. C’è chi usa piuttosto che infornare la pasta con le sarde, condirla e lasciarla riposare in una zuppiera capiente per circa 15 minuti trascorsi i quali viene servita.

PROVERBIO SICILIANO IN VERSI

Luni 17 frivaru 2014

CCU PAJA LU PISCI AVANTI, SI LU MANCIA FITENTI

Unu ca paga prima a lu mircanti
sempri havi pri lu cchiù robba scadenti
pagaci ad unu la robba cuntanti
ma quannu 'ntra li manu ti la menti,
ccu paja prima a nu scarparu birbanti
scausu ppò ristari eternamenti,
e ccu paja lu pisci sempri avanti
o nun nni mancia o lu mancia fitenti
(Santo RAPISARDA)

CHI PAGA IL PESCE AVANTI SE LO MANGIA FETENTE - Chiunque paghi prima ad un mercante avrà sempre la roba più scadente: si paga ad uno la roba in contante solo se la consegna immantinente. Chi paga prima il calzolaio birbante, può restarsene scalzo eternamente; e chi paga il pesce sempre avanti, o non ne mangia o lo mangia fetente.

domenica 16 febbraio 2014

SICILIA DA VEDERE

IL LAGO GURRIDA E I VIGNETI SOTT'ACQUA

Poco più a sud di Randazzo, sul versante nord-ovest dell'Etna, è possibile visitare il lago Gurrida, un piccolo lago creato da uno sbarramento  dovuto ad una colata lavica dell'Etna avvenuta nel 1536. La diga naturale che così si creò sul fume Flascio diede origine a questo piccolo laghetto, a 835 metri sul livello del mare. Nei mesi estivi è spesso in secca venendo a mancare un'adeguata alimentazione, ma nei mesi invernali l'acqua non manca e talvolta addiritura esonda, tanto che la zona coperta dall'acqua si espande sino ad allagare i vigneti e i frutteti circostanti. E' possibile visitare il lago e i vigneti in ogni stagione, grazie ad un sentiero realizzato dal Parco dell'Etna negli anni scorsi. Il sentiero, tutto pianeggiante, ha delle casupole per osservare gli uccelli migratori che approfittano dell'unica zona umida sull'Etna per una sosta

versi popolari siciliani

Duminica 16 frivaru 2014

CENT'ANNI D'AMURI, UN MUMENTU DI SDEGNU

Passu afflittu ccu tia li jorna, e l'uri,
tu sula mi fai sempri suspirari,
sempri ti aduru pirchì tu m'aduri,
pirchì m'ami a tia sula vogghiu amari:
Ma si mi duni poi quarchi rancuri,
si mi stizzi di mia nun ti fidari,
pirchì si dici: cent'anni d'amuri
un mumentu di sdegnu lu pò sfari.

Santo RAPISARDA

CENT'ANNI D'AMORE, UN MOMENTO DI SDEGNO - Passo afflitto con te i giorni e l'ore, tu sola mi fai sempre sospirare, sempre t'adoro perchè tu m'adori, tu m'ami e te sola voglio amare. Ma se poi mi dai qualche rancore, se mi stizzi, di me non ti fidare; perchè si dice: cent'anni d'amore un momento di sdegno può disfare.

sabato 15 febbraio 2014

proverbio in versi


Sabbatu 15 frivaru 2014 San Faustinu

CUI CUMPONI LU VILENU LA PRIMA TAZZA E' LA SO'

Cui 'ntra nna liti sempri focu attizza
lu primu a iddu rumpinu li vrazza;
e un tradituri ch'all'omini stizza
'ntra nna scuverta lu primu s'ammazza:
Nun è mai lu birbanti in sicurizza,
sì nni pò dari centu ccu nna mazza,
cui cumponi un vilenu, un saggiu ammizza,
pri certu sarà sò la prima tazza.

Santo Rapisarda (provebi popolari)

PER CHI PREPARA IL VELENO LA PRIMA TAZZA E' SUA - Chì nelle liti sempre fuoco attizza, il primo colpo riceve di mazza; il traditore che gli uomini stizza, quand'è scoperto per primo s'ammazza. Non è sicuro il vile nella lizza e certo vien punita la sua razza. Chi prepara un veleno e l'indirizza, non sa che sarà sua la prima tazza

venerdì 14 febbraio 2014

CARRETTO SICILIANO





Il carretto è composto dal fonnu di càscia, cioè il pianale di carico prolungato anteriormente e posteriormente da due tavulàzzi, sul quale sono montati parallelamente due masciddàri (dal siciliano mascidda, "mascella") ovvero le sponde fisse del carretto, e un puttèddu (portello posteriore) removibile per agevolare le operazioni di carico e scarico. Ogni masciddaru è suddiviso equamente in due scacchi (i riquadri in cui vengono dipinte le scene), nel putteddu invece vi è uno scacco centrale fra due scacchi più piccoli. Gli scacchi sono divisi da un segmento verticale che congiunge i pannelli al fonnu di cascia: 6 in legno chiamati barrùni equamente divisi fra masciddari e putteddu, due in metallo denominati centuni presenti solo sui masciddari.
Questa sezione "contenitiva" sormonta il gruppo portante del carretto chiamato traìno, il quale comprende le aste e la cascia di fusu, a sua volta costituita da una sezione di legno intagliato sormontata da un arabesco di metallo. Nei carretti alla patrunàli meno pregiati, la preziosacascia di fusu viene sostituita dalle balestre.
Fra le aste sotto i tavulazzi vengono montate due parti in legno chiamate chiavi, una anteriore ed una posteriore. La prima altro non è che una semplice barra ricurva, la seconda invece consiste in un bassorilievo intagliato rappresentante una scena, solitamente cavalleresca, che può assumere diversi gradi di pregevolezza.


SAN VALENTINO

Venniri 14 frivaru San Valintinu

In Sicilia l'amore esiste in tutte le sue svariate forme, dalle più romantiche alle più passionali, e da quelle del puro sentimento a quelle del più meschino interesse.

AMURI VERU

L'amuri è comu 'a tussi, nun si pò ammucciari

Ccu pati ppi amuri, nun senti duluri

Scurdari nun si pò l'amuri anticu, macari ca l'amuri novu trova locu

Amuri nun senti cunsigghi

Ogni sparità di cundizzioni, l'amuri l'appariggia senza operazzioni

Unni cci ssù fimmini ìnnammurati, nun si ponu teniri porti sirrati

L'amuri e la fidi, all'òpira si vidi

giovedì 13 febbraio 2014

LUPO, CAPRA E CAVOLO

LUPO, CAPRA E CAVOLO

Questa è una cavolata bella e buona che da ragazzi chi faceva uscire fuori di testa!
Un contadino ha con se un lupo, una capra e un cavolo e deve attraversare il fiume su una barca, nella quale può portare con se solo una cosa per volta.
Egli può attraversare con il cavolo, ma la capra dice: - Nun 'u fari ca 'u lupu mi mancia! Da qui venne la canzone ATTENTI AL LUPO! E allora come deve fare il contadino?

Soluzione:
Il contadino traghetta la capra, poi il cavolo e riporta la capra; traghetta il lupo e infine la capra.
E così salva capra e cavoli ! 

FILASTROCCA


LA BELLA LAVANDERINA

La bella lavanderina, che lava i fazzoletti
per i poveretti e la bella società,
fai un salto, fanne un altro,
fai la riverenza, fai la penitenza
ora in su, ora in giù
dai un bacio a chi vuoi tu

PALLA PALLINA

Palla pallina, tutta dorata
dove sei stata? Dalla nonnina,
cosa ti ha dato? una pallina
falla vedere... eccola qua!

'A NAVETTA CCHE' GILATI

`A CARRETTA DDE` GILATI

`A chiamavanu "navetta" pirchì di navi avia `a prua a punta e banneri a gran pavisi; ma era `na carretta a tri roti `i bicicletta, , dui di latu e latu e una darreri cco` pidali a catina, e un passamanu faceva di manùbbriu `nta puppa tagghiata a paru, unni c`era un purtiduzzu ppi sabbari scàtuli, cascitti, `u ghiacciu `ntò saccu, cosi ca giuvavanu, puru `a pompa `i bicicletta ppi unciari `i roti.
Pittata e `llustrata `i tuttu puntu, `sta specie `i carretta, `ntè misi `i `stati, furriava ppì Sarausa. Ddu` puzzi `i gilati beddi chini, nun vanniava mastru Cicciu sunava `na campanedda ppi strati e vaneddi e i carusi currevanu ppo` gilatinu.
- Unu `i deci liri a mia don Cicciu...
- e unu a mia di cincu liri...
I surduzzi cadévanu `nta spaccazza ddò cummogghiu, `nta `na cascitta ca a picca a picca lassava `u scrusciu 'i vacanti

mercoledì 12 febbraio 2014

CARDIDDU poesia popolare siciliana di Vigo

CARDIDDU

Voli ogn'unu canzuni, ed ju m'assiddu;
chi senza nnorma veninu a la scola;
vonnu ch'iu cantu agghiazzatu di friddu,
quannu ch'haju scurdata la viola;
cussì di risignolu fattu un griddu
la musa mia cca scoppa, e dda rivola,
pirchì nun ppò cantari lu cardiddu
quannu ci manca l'acqua e la scagghiola.

Vigo

PERSONAGGI SIRACUSANI

PERSONAGGI SARAUSANI 

'A LEGNITTARA

'Na fimmina anziana ca si faceva vuliri beni. 'Na stanza granni china di fumu accostu dda' Porta Marina: 'Na bicchierata ai tanti ca ssi nni hevunu 'a travagghiari, di cosi ammiscati di legnetti risinusi, erbi aromatichi sicchi, ammiscati ccu tufu d'orzu e cafè stimpiratu 'nta l'acqua ddo' puzzu. Era 'na bivanda caura, ristoru poviru, ma macari un'occasioni pp'ancuntrarisi.
'A legnettaria canusceva tutti e tutto e sapeva comu pigghiari a 'nu clienti da so' putìa.

(da SCHEGGE E SCHIZZI di Piero Fillioley pag. 186 - adattamento in dialetto di A.C.)

LAMENTO DEI MESTIERI - FALEGNAME

Mercuri 12 frivaru 2014

LAMENTU 'I MISTERI - falignami

Mi tocca fari 'a vita ddù pueta
tri jorna mància a tàvula cunzàta
e quattru jorna ssi nni sta a dieta

LAMENTO DEI MESTIERI - falegname

Mi tocca far la vita del poeta,
tre giorni mangia a tavola apparecchiata
e quattro giorni se ne sta a dieta