giovedì 20 dicembre 2012

CARENNULI DI NATALI

Carènnuli di Natali (calende di Natale) i dodici giorni che precedono la notte di Natale. I contadini credono d'indovinare il tempo di ciascun mese dell'anno seguente (2013) iniziando dal giorno 13 dicembre, che rappresenta gennaio 2013 e finendo al 24 che è Dicembre. Se per caso come giorno 13 è stato un bel giorno avremo Gennaio bello e asciutto etc. - Li dudici misi dill'annu novu si cumincianu di li dudici jorna prima di Natali.


giovedì 13 dicembre 2012

SICILIA A TAVOLA



'nsalàta di pùrpi (insalata di polipi)

Ingredienti (per 4 persone)
* 2 polipi medio grandi
* olio d'oliva
* succo di 4-5 limoni
* 1 mazzetto di prezzemolo
* sale e pepe



Dopo aver pulito e lavato i polipi immergeteli nell'acqua bollente per 30/40 minuti. Scolateli, tagliateli a pezzettini e conditeli con l'olio d'oliva, il succo di limone, il sale, il pepe ed il prezzemolo tritato finemente.
Servire freddo

giovedì 6 dicembre 2012

IMMACOLATA



LA FESTA DELL`IMMACOLATA


A Termini Imerese questa festa è sentita "`A Mmaculata". In passato richiamava al paese emigranti provenienti da tutte le parti d`Italia e dall`Estero soprattutto dagli Stati Uniti.
Ogni anno il 30 novembre a mezzodì, lo scampanellìo festoso annuncia l`inizio dei festeggiamenti. Oggi come ieri la devozione e l`entusiasmo restano immutati e l`8 dicembre a mezzogiorno il simulacro della Madonna, viene portato in piazza e tutti si stringono attorno ed ha inizio la processione.
Nello stesso giorno la comunità termitana di Toronto, dà vita ad una identica manifestazione di Fede sentendosi idealmente vicini alla loro terra d`origine.

martedì 4 dicembre 2012

SARAUSANA JE'

SARAUSANA JE' EBBIVA SANTA LUCIA




Nelle tradizioni popolari siciliane, Santa Lucia è tra i santi più venerati, forse per l'attribuzione della fine della carestia del 1646. A Carlentini si ricorda la sota di S. Lucia durante il viaggio verso Catania ('u peri 'i S.Lucia). A Carlentini si venera un simulacro raffigurante la martire in posizione seduta. A Belpasso, si venera S Lucia sin dal 1636, subito dopo la firma di divisione del territorio di Malpasso a quello di Paternò, occasione in cui fu proclamata santa patrona. A Catania una statua di gesso è portata in processione, mentre a S.Lucia del Mela, in prov. di Messina, l'immagine della martire è riprodotto nello stemma del Comune ed il 13 dicembre la devozione riunisce in cattedrale molti cittadini. Ad Augusta, la festa di Santa Lucia, viene celebrata con tre serate vissute nella parrocchia Madonna del Buon Consiglio. Santa Lucia è anche patrona dell'omonimo quartiere di Acicatena ove la devozione ha origini antiche. Anche Floridia e Sortino festeggiano la martire da immemorabile data.

sabato 1 dicembre 2012

DETTO SICILIANO

Fimmina o jaddina


chi troppu camina

si perdi ppà via



Femmina o gallina

che troppo cammina

si perde per strada

domenica 21 ottobre 2012

CANZONE SICILIANA

CUMMARI UNNI ITI A’ MATINATA
Versi di S. Grillo musica di Patania

Lui - Cummari unni iti a’ matinata?
Lei – E a vui ch’importa ca m’addumannati?
Lui – Lu sacciu ca ‘n m’importa sbriugnata…
Lei – Parrati cu’ creanza e nun sbagghiati !
Lui – Cu’ vui cummari nun si po’ schirzari.
L’aviti sempri ‘n pizzu miatidda!
Lei – Se l’haju ‘n pizzu vui chi n’at’affari;
ognunu nasci cu’ la propria stidda
Lui – V’aju dittu unni iti
cu li setti matinati…
Lei - A la missa, lu sapiti,
a scuntari li piccati.

Coro: Lallaralleru, lleru lleru
(donne) lu cumpareddu s’arraggia daveru
(uomini) la cummaredda s’arraggia daveru
Lallaralleru lleru llà
(donne) e la cummari cchiù apposta ci ‘u fa
(uomini) e lu compari cchiù apposta ci ‘u fa

Lui - Perciò a la missa senza sciallu iti
e vi purtati appressu la quartana?
Iu sacciu ‘nveci ca vi la sintiti
cu’ Minicu dda sutta la ciumara…
Lei – Focu di l’aria chi lena ch’aviti !
faciti peggio di ‘na curtigghiara;
lu troppu raggiunari metti siti;
tiniti a cura se vi custa cara…
Lui – Cummaredda scillirata
mi faciti dispirari…
Lei - Cumpareddu, di ‘sta strata
nun c’avissuru a passari

Coro: Lallaralleru, lleru, lleru etc.

Lui – A mia di ss’acqua frisca ‘n mi nni dati?
Lei - Nt’a ‘sta quartana vui nun ci viviti…
Lui - Lu ‘nfernu nt’a la gula mi lassati?!
Lei - Macari Diu cripassuru di siti!
Lui – Va jtavinni dunchi a la ciumara
ca cu’ lu troppu spissu iri all’acqua
lu mottu anticu dici, la quartara
finisci ca si rumpi o si ciacca…
Lui – Cu a li donni teni firi
pararisu nun ni viri
Lei - ‘Sti sentenzi ‘ccussì rari
li putiti javitari…

Coro: Lallaralleru, lleru, lleru etc.

giovedì 18 ottobre 2012

'U CINIMA


A volte guardando un vecchio film in TV - specie quelle private che si privano di film recenti e ne trovi anche dell'età della pietra - rivedi pellicole che ti sono rimaste fisse in memoria e nessuno li può eliminare. Una di questa è TAMBURI LONTANI con G. Cooper ('u giovanottu)... Ah il cinema era il rito domenicale per noi ragazzi, quando tutti vistuti 'i duminica andavamo già alle 15 per esserci col primo spettacolo delle 16 e se il film - come questo - era doc pappiddavero, uscivamo con l'ultima visione; poi ci sarebbe stato il fuori programma dde' vastunati a tinchitè... Oggi i giovanissimi già escono alle 22 e s'arricogghiunu 'nte matinati e non vanu 'o cinima. TAMBURI LONTANI visto tante volte all'Arena Azzurra 'e marinaretti bella la scena finale del duello rusticano sott'acqua con Cooper e il capo indiano apache... Come dice lei scusi? chi ha vinto? Ma chi dumanni fa? U giovanottu e nuatri carusi in sala a battere le mani !

mercoledì 10 ottobre 2012

NACA A VENTU

NINNA NANNA

Nesci lu suli
cu tri cavaddi d'oru
e unu d'argentu
ppi fari 'u frumentu

'U frumentu è 'i quaranta
tutta la notti canta;
canta viola viola:
"Picciriddu, va' a la scola".

Sùsiti picciriddu,
sùsiti matinu;
to' mamma ti chiama
la missa già sona.

domenica 7 ottobre 2012

L'ANNI DILL'OMU



L'ANNI

Quannu l'omu è d'anni vinti
jetta cauci e duna spinti

Quannu l'omu è d'anni trenta
cu tutti s'apprisenta

Quannu l'omu è di quaranta
nun crisci e nun manca

Di cinquanta, 'i bon matinu,
s'alza all'offiziu divinu

Quannu l'omu è sissantinu:
un mali ogni matinu

Quannu l'omu è sittantinu
mancia assai e vivi vinu

Quannu l'omu è ottantinu
cci ristau un sulu caninu

Quannu l'omu è nuvantinu
vòli chiamatu lu parrinu

Quannu l'omu è 'ntè cent'anni
ci passaru tutti l'affanni

mercoledì 3 ottobre 2012

DETTI SICILIANI

'I megghiu parenti su 'i spaddi. - I migliori parenti sono le proprie spalle.




E' megghiu n'amicu cca un tintu parenti. - E' migliore un amico, che un parente cattivo.



Li parenti su' parenti e li stranii su' su sempri li stranii. - I parenti sono parenti, e gli estranei sono sempre estranei.



Cu' perdi un amicu, scinni nu scaluni. - Chi perde un amico, scende di un gradino.



Si vo' passari la vita cuntenti, statti luntanu di li parenti. - Se vuoi stare tranquillo, stai lontano dai parenti.



Li megghiu sciarri su' cchè parenti. - Le migliori liti sono tra parenti.



Ccu amici e ccu parenti, 'un accattari e 'un vinniri nienti. - Con gli amici e con i parenti, non comprare e vendere niente.



Di lu nemicu, 'un pigghiari consigghiu. - Non ascoltare il consiglio di un tuo nemico.



Nun tiniri amicizia cu li sbirri. ca cci perdi lu vinu e li sugarri. - Non tenere amicizie con i gendarmi, perchè perdi vino e sigari.



Cu lu vinniri e l'accattari, nun ci sunu amici nè cumpari. - Con il vendere e il comprare, non ci sono amici e compari.



Amicu cu tutti e fidili cu nuddu. - Amico con tutti e fedele con nessuno.



Fa' beni e scordatillu, fà mali e pensaci. - Fai del bene e dimenticalo, fai del male e pensaci.



Voi sapiri qual'è lu megghiu jocu? Fà beni e parra pocu. - Vuoi sapere qual'è il miglior gioco? Fai del bene e parla poco.



Accussi voli Diu, tu manci e io taliu. - Così vuole Dio, Tu mangi e io guardo.



Saccu vacanti nun pò stari a 'dritta. - Sacco vuoto non può reggersi in piedi.



Lu sazio nun cridi a lu dijunu. - Il sazio non crede al digiuno.



Cu' arrobba ppi manciari, nun fa piccatu. - Chi ruba per mangiare, non fa peccato.



Carni fa carni, pani fa panza, vinu fa danza. - Carne fa carne, pane fa pancia, vino fa danzare.



Mancia sanu e vivi malatu. - Mangia sano e vivi da malato.



Pignata taliata 'un vugghi mai. - Pignata guardata spesso, non bolle mai.



Cu' mancia crisci, cu nun mancia sparisci. - Chi mangia cresce, chi non mangia sparisce.



Rizzi, pateddi e granci, spenni assai e nenti manci. - Ricci, patelle e granchi, molto spendi e poco mangi.



Tri sunnu li boni muccuna, ficu, persichi e muluna. - Tre sono i buoni bocconi, fichi, pesche e meloni.



Pani e vinu rinforza lu schinu. - Pane e vino rinforzano la schiena.



Criscinu l'anni e criscinu i malanni. - Più passano gli anni, più aumentano i malanni.



Dissi ' u vermi a nuci: dammi tempu cca' ti spirtusu. - Disse il verme alla noce: dammi tempo che ti buco.



Cui di vecchi si 'nnamura, si nni chianci la svintura. - Chi si innammora di un uomo anziano, ne piange la sorte.



L'anni passano supra di nui. - Gli anni passano sopra di noi.



Nun ludari la jurnata si nun scura la sirata. - Non lodare la giornata se non arriva sera.



A surci vecchiu, nun si 'nzigna a tana. - Al topo vecchio, non si insegna la tana.



La matinata fa la jurnata. - Svegliarsi presto al mattino.



Cu' è picciutteddu nun è puvireddu. - Chi è giovane non è povero.



L'acidduzzu 'nta la gaggia, nun canta p'amuri, canta pri raggia. - L'uccello nella gabbia, non canta per amore, canta per rabbia.



Cu' pecura si fa, lupu su' mancia. - Chi pecora diventa, viene mangiato dal lupo.



Guai cu la pala e morti mai. - Guai a palate, ma mai la morte.



Cu' voli puisia venga 'n Sicilia. - Chi vuole poesie, venga in Sicilia.




Vol'essiri di Patti la pignata pri fari la minestra sapurita. - Deve essere di Patti la pentola, per fare la minestra saporita.



Si Marsala avissi lu portu Trapani fussi mortu. - Se a Marsala ci fosse il porto, Trapani sarebbe finita.



Pri mennuli muddisi a l'Aragona pri picciotti beddi a la Favara. - Ad Aragona per le mandorle spaccatelle, a Favara per le belle donne.



L'occhiu di la Siracusana, fa nesciri la serpi di la tana. - L'occhio della Siracusana, fa uscire la serpe dalla tana.



Chiaramunti, munti d'oru, ogni femmina vali un tesoru. - A Chiaromonte, monte d'oro, ogni donna vale un tesoro.



Si voi pruvari li peni di lu 'nfernu, lu 'vernu a Missina, e la stati a Palermu. - Se vuoi provare le pene dell'inferno passa l'inverno a Messina, e l'estate a Palermo.



Occhi chi aviti fattu chianciri,chianciti. - Occhi che avete fatto piangere, piangerete.



Pigghiala bedda e pigghiala pri nienti, ca di la bedda ti nnì fai cuntento. - Prendila bella e prendila pure senza dote, perchè della donna bella puoi compiacerti.



E' bona donna, donna chi nun parra. - Una buona moglie è quella che parla poco.



Lu gilusu mori curnutu. - L'uomo geloso ha sempre le corna.



Donne e cavaddi, pigghiali di li vicini. - Donne e cavalli, prendili dai vicini.



Ama a cui t'ama, a cui nunt'ama, lassalu. - Ama chi ti ama, chi non t'ama lascialo.



Fimmina senza amuri è fiore senza oduri. - Donna senza amore è un fiore senza profumo.



Cu li fimmini mancu lu diavulu ci potti. - Con le donne non potè nemmeno il diavolo.



Cu' bedda voli appariri, tanti guai havi a patiri. - Chi bella vuole apparire, tante sofferenze deve subire.



Nuddu si pigghia si nun s'assumigghia. - Nessuno si sposa se non si rassomiglia.



Cu' asini caccia e fimmini cridi, faccia di paradisu nun ni vidi. - Chi asini insegue e donne crede, non vedrà il paradiso.



Li difetti de la zita s'ammuccianu cu la doti. - I difetti della fidanzata si nascondono con la dote.



A lupu vecchiu, nun si 'nzigna la tana. - A lupo vecchio non si insegna la tana.



Vecchiu 'nnammuratu di tutti è trizziatu. - Vecchio innamorato è da tutti deriso.



Cui tempu aspetta, tempu perdi. - Chi tempo aspetta, tempo perde.



U megghiu beni è lu menu mali. - Il miglior bene è il minor male.



Li guai di la pignata li sapi la cucchiara. - I guai della pentola li conosce il mestolo.



Cu' s'ammuccia soccu fa, è signu chi mali fa. - Chi nasconde quel che fa, vuol dire che male fa.



Megghiu muriri chi mali campari. - Meglio morire che vivere male.



Beni di furtuna, passanu comu la luna. - Beni di fortuna passano molto presto.



Cu' nesci, arrinesci. - Chi esce dal proprio paese, trova la fortuna.



Bono tempu e malu tempu, nun dura tuttu tempu. - Buon tempo e brutto tempo non durano sempre.



L'omu senza furtuna, va sempri a la peduna. - L'uomo senza fortuna, va sempre a piedi.



Contra a' furtuna nun vali sapiri. - Contro la fortuna non vale il sapere.



Diu a cu' voli beni, manna cruci e peni. - Dio manda dolori e pene, a chi vuole bene.



Cori forti consuma la cattiva sorti. - Chi è coraggioso stanca la sfortuna.



Lu Signuri duna viscotta a cù nun havi anghi. - Dio dà biscotti agli sdentati.



A la casa di lu patruni ogni jornu è festa. - In casa del padrone ogni giorno è festa.



La bona mugghieri è la prima ricchizza di la casa. - La buona moglie è la prima ricchezza della casa.



Casa senza omu, casa senza nomu. - Casa senza uomo, casa senza nome.



Di cui sunnu li figghi, si l'annaca. - Ciascuno deve accudire ai propri figli.



Li picciriddi hannu a parrari, quannu piscia la gaddina. - I bambini debbono parlare quando la gallina piscia.



'Mbriachi e picciriddi, Dio l'aiuta. - Ubriachi e bambini, Dio li aiuta.



S ciarri di maritu e mugghieri, durano finu a lu lettu. - Liti tra marito e moglie finiscono sempre a letto.



Lu travagghiu d'autru nun si senti. - Il lavoro degli altri non si sente.



Dio ti scansi di lu malu vicinu, e di principianti di viulinu. - Dio ci liberi del cattivo vicino, e del suonatore di violino.



Cui dintra lu murtaro l'acqua pista, cu li stizzi si vagna e stancu resta. - Chi pesta l'acqua nel mortaio, con le gocce si bagna e stanco resta .



Cui libbiru pò stari nun si stassi a 'ncantari. - Chi può star libero, non vada a cercare catene.



Libbirtati e saluti cui ha, è riccu e nun lu sa. - Chi ha salute e libertà, è ricco e non lo sa.



martedì 2 ottobre 2012

MODI DI DIRE DI UNA VOLTA

MODI DI DIRE DI UNA VOLTA

Spàzzula, carusu!

Oggi è detto in modo esclamativo a chi loda sbellicatamente, quasi a dire: "non sfottere!".
L'espressione deriva dall'usanza di chiamare il garzone di bottega del barbiere acchè spazzolasse il cliente dopo il taglio di capelli e al momento di pagare e andare via: seguiva ovviamente la mancia.

DETTO SICILIANO






FIMMINA DI TILARU JADDINA DI PUDDARU

(donna al telaio, gallina nel pollaio)



In tempi antichi le ragazze costumate stavano a sedere al telaio e tessevano la tela. Erano jaddine di puddàru, ovvero gallinelle nel pollaio e cioè figliole ben custodite in casa e perciò tenute in grande considerazione: insomma l'ideale delle mogli.

Oggi ppi fimmina di tilaru si deve intendere colei che lavora onestamente e che ha ricevuto buoni insegnamenti in seno alla famiglia. Anche se - invece di tessere - lavora al pari degli uomini dimostrando la medesima capacità.

DETTI SICILIANI


Beddi ciuriddi!
Amara 'a casa unni 'gghiorna e scura
senza sonu 'i trummetti e tammureddi



Bei fiorellini!
Triste la casa in cui fa giorno e sera
senza suon di trombette e tamburini

DETTO SICILIANO

Figghi picchiusi

e vicini 'nvidiusi:

amaru ccu' nn'havi!



Figli piagnucolosi

e vicini invidiosi:

triste chi ne ha!

DETTO SICILIANO

I STIGGHI FANU 'U MASTRU

Gli utensili fanno il maestro nel suo lavoro

DETTO SICILIANO

Essiri figghiu dda' jaddina janca

essere figlio della gallina bianca - 'u figghiu ddo' cori (PRIVILEGIATO)

Se veniva a mancare ’a çiocca (la chioccia) la massaia si dava da fare con un espediente ereditato dalla tradizione popolare. Alle ore 12 del 25 marzo, giorno in cui si ricorda l’apparizione dell’Angelo a Maria e l’annuncio dell’incarnazione, prendeva ’na jaddina niura (non aveva importanza se faceva ancora le uova) e la posava su una cesta dentro la quale aveva precedentemente messo, in numero dispari, le uova da covare. Per evitare che scappasse, con entrambe le mani la bloccava sulla cesta e quando la gallina non si muoveva più la copriva con un panno facendovi con la mano destra il segno della croce. Da quel momento la gallina sarebbe diventata chioccia (acciuccata) perché quell’ora di quel giorno, secondo la fantasia della popolazione rurale dell’Ottocento, era miracolosa per la fecondazione. Non per niente la Santa protettrice dei polli era la Madonna.
Se durante la covata, che durava dai 20 ai 25 giorni, scoppiava un temporale non c’era da preoccuparsi per la sana formazione dei pulcini perché la massaia aveva messo precedentemente sotto la paglia, che fungeva da letto alle uova, un pezzo di ferro in grado di assorbire le scosse dei tuoni.
L’attitudine propria delle galline nere, divenute chiocce in modo forzato, a non proteggere adeguatamente i propri pulcini nei loro percorsi giornalieri alla ricerca di cibo ha dato origine al detto Essiri figghiu râ jaddina niura con cui in senso figurato ancora oggi si suole indicare chi, all’interno della famiglia o di una comunità è meno rispettato degli altri, diversamente dal prediletto o beniamino che è indicato come Figghiu râ jaddina janca. Un’amara considerazione alla disparità di trattamento di qualcuno nei confronti di una persona piuttosto che di un’altra è l’espressione sentenziosa che si riallaccia al mondo di questi animali: Cci dissi ’u puddicinu ’nta la nassa: quannu maggiuri c’è, minuri cessa

DETTI SICILIANI

AVIRI 'A FACCI 'I 'MPIGNA

per chi è sfrontato, sfacciato ('mpigna è la parte superiore della scarpa, in francese empegne, in spagnolo empeine, tomaia in italiano)

DETTO SICILIANO

Filu forti e 'ùgghia sicura:
'u radipuntu assari dura

Filo forte e ago sicuro:
la cucitura assai dura

DETTO SICILIANO

Si lu picciottu vulissi
e lu vecchiu cci putissi
ogni cosa si facissi



Se il giovane volesse
e il vecchio  potesse
ogni cosa si farebbe

lunedì 1 ottobre 2012

JOCHI 'I 'NA VOTA


A CULU 'N TERRA

A  'stu  jocu  putévunu  jucari  'na para 'i carusi, e si faceva accussì: fattu 'u toccu, a ccu' nisceva 'mpuzzava e aveva 'a curriri a circari di tuccari cca manu un carusu, chi però era salvu si 'o mumentu ddù piriculu si 'ssittava 'n terra; chiaramenti, ccu' nun cci rinisceva e vineva tuccatu, allura 'mpuzzava...

mercoledì 26 settembre 2012

'A STRATA - Orsolina Pace Mazzarese



`A STRATA

Manu manuzza, comu picciriddi
vanu currennu ppi li strati, strati,
sbulazzannu a li venti, li capiddi;
ridunu l`occhi! Ssu` ddu `nnamurati!
Manu manuzza ccu` ddu` picciriddi
che satariannu ad ogni passu vannu,
hanu l`occhi lucenti comu stiddi:
spusi filici... e forsi nun lu sannu...
Manu manuzza, comu picciriddi,
vannu ddu` vecchi, lu passu `ntrimannu,
l`occhi appannati, janchi li capiddi,
li cori `nnamurati ... comu tannu!

Orsolina Pace Mazzarese

sabato 22 settembre 2012

POESIA DIALETTALE

TRAMUNTU

Assira pi' 'na scognita trazzera,
mentri lu suli d'oru tracuddava
e pri l'aria spirava primavera,
addulurata e sula caminava.
Lu celu, ch'era russu a pocu a pocu
divintava viulettu e po' cchiù scruru;
li stiddi già truvavunu lu locu
'n punenti, e stralucevanu 'ntà 'n muru.
A pocu a pocu tutti si zitteru;
l'aceddi s'aggiuccaru nni lu nidu,
li cuntadini puru si nni jeru,
si sinteva sultantu quarchi gridu.
Murì lu jornu e mortu è lu me' cori
ca 'un avi a nuddu e voli lu to' amuri,
nun fari cchiù cu mia lu scattacori,
amami assai, accettalu 'stu ciuri.

Cannella Rubera - (da Voci di Sicilia di C. Messina)  

venerdì 21 settembre 2012

IL PREZZEMOLO

IL PREZZEMOLO

'U putrusinu ci trasi in tantissime pietanze, e non c'è cucina che non ha il suo beddu mazziteddu, na casa sì e una no, l'ha piantato 'ntà 'rasta o siminatu 'ntò tirrinu.
Ma 'u putrusinu era macari usato per i bambini che soffrivano la stitichezza: 'na ramitta di putrusinu bagnata 'ntà l'ogghiu e trasuta 'ntò culettu, del bambino lo fa evacuare.
Qualcunu, inveci ill'ogghiu, supra 'a ramitta 'i putrusinu cci metti na spurviratedda di tabacco di naso, e mentre che lo entra nel culetto al bambino, per scongiuro dice queste parole:

Putrusinu, putrusineddu,
squàgghia lulatti di 'stu carusiddu.
Putrusinu, putrisineddu,
sduvacacci 'sta vota lu vureddu.

giovedì 20 settembre 2012

'A FAMIGGHIA di Ignazio Buttitta

LA FAMIGGHIA


Di patri e matri nàsciunu li figghi,
di figghi, patri e matri la famigghia
ed ogni matri a li figghi assumìgghia
ed ogni patri a li sò picciriddi;
la casa è lu jardinu di sti gigghi,
lu nidu e lu lettu havi di stiddi:
casa e famìgghia scànzanu timpesta,
l`omu scumpari e la famigghia resta

IGNAZIO BUTTITTA

mercoledì 19 settembre 2012

PROVERBI SICILIANI

LA CATTIVA CHIANCI LU MORTU E PENZA A LU VIVU


(la vedova piange il morto e pensa al vivo)

Nel dialetto, la parola "cattiva" significa vedova. E' una donna da biasimare colei che, subito dopo la morte del marito, si propone di accasarsi con un altro. Così la pensavano gli uomini ... e le donne di rimando:

LA PENA PPI LA MUGGHIERI MORTA DURA FINU A CHI NESCI DDA PORTA


(il dolore per la moglie morta dura fino a quando lei è portata fuori dalla porta)

Per quanto tempo, si chiedono le donne, il vedovo piangerà la moglie? Forse solo per quello necessario affinchè la salma viene portata al cimitero.

Sono entrambi proverbi amari che mettono in risalto con malcelata rabbia la mancanza di pietà per i morti da sempre circondati da generale rispetto. La smania di scacciare il dolore al più presto, che denota il poco amore che si è portato allo sposo o alla sposa, è condannabile.

I saggi la mettono in ridicolo ed esortano ad un comportamento più serio e più umano.  



La Passeggiata delle Cattive o Passeggiata delle Mura delle Cattive nella sua configurazione attuale è un monumento ottocentesco di Palermo.
Si tratta di una terrazza prospiciente il mare posta sulle mura civiche presso Porta Felice e a ridosso del Foro Italico. La passeggiata esistente sin dalla fine del XVII secolo venne sistemata dal marchese Lucchesi Palli nel 1813, danneggiata dai violenti bombardamenti aerei della seconda guerra mondiale (estate 1943) venne abbandonata ed inutilizzata sino al 1997 quando restaurata dall'arch. Mario Li Castri e dall'ing. Nicolò Asaro venne riaperta alla pubblica fruizione
Vi si accede tramite una scalinata posta nella piazza Santo Spirito, accanto a Palazzo Butera. Sulla passeggiata si affacciano oltre al Palazzo Butera anche il Palazzo Benso, il Palazzo Lanza Tomasi e l'ex hotel Trinacria Il termine deriva dal latino captivae (prigioniere), termine utilizzato per identificare le vedove (infatti in lingua siciliana "vedova" si dice "cattiva") che erano considerate come prigioniere del dolore che dava il lutto. Infatti questa terrazza era utilizzata per le passeggiate proprio dalle vedove che si tenevano ad una certa distanza dalla passeggiata classica che era al Foro Italico.

POESIA SICILIANA

TRENTA METRI 'I SASIZZA

Me' nannu accattau un purciduzzu
pi si fari trenta metri 'i sasizza;
'u purciduzzu si jtau 'ntò puzzu,
me' nannu si pilava li mustazza.

E comu fazzu senza purciduzzu?...
E comu fazzu?... mi pilu li mustazza!
Lassu i mustazza e scinnu 'ntò puzzu,
pi mi pigghiari lu purciduzzu.

Pigghiò 'na scala e scinnìu 'ntò puzzu
e cu 'na corda 'ttaccò 'u purciduzzu,
poi lu tirò fora di lu puzzu
e si fici trenta metri di sasizza.

(sentita da un 66enne, 3 elementare bracciante agricolo il 2 sett. 1989 se ne sconosce l'autore)

giovedì 13 settembre 2012

RICETTE SICILIANE

IL PESCE ALLA SICILIANA
per riscoprire i sapori di una volta



SPARACANACI FRITTI
(piccole triglie fritte)

Ingredienti per 4 pesone:
* 1 kg di sparacanaci (triglie piccole)
* farina
* 2 limoni
* olio d'oliva
* sale



Passate velocemente il pesce sotto l'acqua, sgocciolatelo, infarinatelo e friggetelo nell'olio bollente sino alla doratura. Appena cotto appoggiatelo su uno strato di carta assorbente e servitelo croccante con guarnizione di fettine di limone.Visualizza altro

venerdì 7 settembre 2012

POPOLARE

Sabato 8 settembre 2012

Lu sàbbatu si chiama "allegra cori",
stàgghianu tutti pari 'i travagghiari;
biatu cu' havi bedda la mugghieri,
chì havi spassu e si ricrìa 'u cori
cu' l'havi brutta cci 'nnirica 'u cori,
nun spia lu sabbatu quannu veni


Il sabato si chiama "allegra cuore",
smettono tutti quanti di lavorare;
beato chi ha bella sua moglie,
chè ha spasso e ci ride il cuore;
chi ce l'ha brutta sente scurirsi il cuore
non chiede il sabato quando viene

TRAVAGGHIAVUMU A' SINCHITI





TRAVAGGHIAVUMU ‘A SINCHITI Cronaca semiseria dal 1968 agli anni ‘90 di Armando Carruba Siracusa 28 settembre 2001


UNO SGUARDO AL PASSATO PER PROIETTARSI NEL FUTURO Il ricordare è, forse, la più intrinseca facoltà dell’uomo poiché nell’inserire la marcia indietro del pensiero, è il cuore che affianca la mente; ed è per questo motivo che ho colto al volo quel pulviscolo di memorie del tempo andato. Negli anni cinquanta a Siracusa il piazzale Marconi, meglio conosciuto come puzzu ‘ngigneri, antica piazza d’armi, che per la sua vastità era adibita anche a fiera del bestiame, ove esisteva un abbeveratoio progettato dall’ing. Ignazio Del Pozzo e costruito nel 1721 dal capomastro Giuseppe Branciforte, la mattina all’alba si riempiva di lavoratori della terra che aspettavano un cenno del padrone per guadagnarsi onestamente la giornata. E fu negli anni cinquanta che quella piazza cominciò a svuotarsi, era nata l’industria che chiedeva braccia e questi lavoratori accettarono di buon grado un lavoro che permetteva loro un reddito sicuro mensile. Quasi nessuno possedeva l’automobile, i più fortunati la motocicletta, i più la bicicletta; allo stabilimento di Priolo andavano con i pullman della ditta Golino, che facevano capolinea alla Marina e percorrevano tutto il corso Umberto I°, prendendo gli operai alle fermate, quella dei Villini (Foro Siracusano) contava il maggior numero di persone. Pullman affollatissimi, chiamati “cca funcia” perché del tipo di quelli che si vedono in certi film bianco e nero degli anni quaranta; a volte facevano sciopero o si guastavano ed erano cavoli amari, in seguito anche l’AST effettuò questo servizio. La ditta Golino ha smesso da tempo e l’AST ha cancellato la linea, a lavorare oggi si va in automobile o con pullman di cooperative; noi ragazzini commiseravamo quei lavoratori che avevano accettato un posto di lavoro dove la puzza era sovrana, anche se il detto “chi disprezza compra” in questo caso si confermò più che mai veritiero, in quanto la maggioranza di noi finì con il lavorare in fabbrica che ha dato tanto all’economia del territorio; anche se da troppo tempo, non si fa altro che parlare di rami secchi, tagli del personale, autunni caldi e via di questo passo. La vita in fabbrica è stata sempre scandita, da modi di dire, da comportamenti, da momenti che…una domanda che mi viene rivolta spesso da chi è già in pensione è: - ma ssì ancora ddà? (ma sei ancora in fabbrica?). Ho firmato la mia uscita per fine settembre 2001, adesso quando incontro i citati personaggi alla domanda – ssì ancora dda’ – rispondo – ancora per poco a settembre vado in pensione! – volete sapere la maggior parte cosa mi risponde? – ah sì? Appoi t’annoi! Questo per sottolineare, qualora ce ne fosse bisogno, come tutti i lavoratori sono legati a questa realtà industriale, lo conferma il fatto che a distanza d’anni dalla loro uscita non perdono occasione per parlare del tempo andato. L’occasione la colgo anch’io per salutare tutti, sono soddisfatto dei rapporti umani intercorsi in questi 33 anni, mi scuso con coloro i quali ho avuto… scambi d’idee, non ricordo motivi seri ma solo stupidaggini, il mio augurio che tutti indistintamente possono andare in pensione felici come me. Personalmente l’inizio dell’industrializzazione nel siracusano l’ho immaginata così… E FU COSI’ Un bel giorno, uno di quei giorni segnati dall’oroscopo del giorno dove si dice che tutto andrà male ed invece ti va tutto a gonfie vele, Angelo Moratti, bonarma, conosciuto per aver realizzato la grande Inter stile anni sessanta che vinceva dintra e fora Italia uno di tutto, si susiu di bona matina, erano le undici meno un quarto e ‘na gazzosa, e consultandosi tra sé e sé nel profondo della propria mente, si sparò questo dialogo solitario: Allura, Angileddu beddu, darò il là per la realizzazione di una grande industria! Scusa, Moratti col filtro, disse a se medesimo, parramu ‘a lingua italiana, dove e unni darai questo là, e si complimentò con se stesso medesimo per la domanda troppo intelligente. Come dove? là dove finisce lo stivale chiamato Italia, là dove c’è il sole, il cielo e il mare, laddove le lumache si chiamano vavaluci e le mangiano, e gli abitanti medesimi terroni! Minchiocchiti Angileddu, in Sicilia? Bravo mi complimento, bravo! In Sicilia, e siccome dda’ la manodopera poco custa, questa industria la realizzerò nella baia d’Augusta! – e dalla gioia si battè le mani da lui stesso medesimo. E fu così che il petroliere Angelo Moratti nel 1949 fu di parola, andò in Texas nta pizzaru americano, ci stutò na para di cambiali post datati ad interesse zero agghiacciato, e portò nella baia d’Augusta ‘na para d’impianti di terza manu, ca l’americani, detto tra noi, avevano ‘a ghittari, realizzando la Rasiom! Ora si sapi ca un cristiano nun po’ fari nenti di nenti ca subito a morti subitanea ci sono gli invidiosi. E siccome si dice che se l’invidia fosse febbre tutto il mondo ce l’avrebbe, da noi diciamo… fussi vaddira fussimu tutti vaddarusi, anche altri industriali o presunti tali, capitalisti, pagnottisti, cu si visti visti, visto che le cose ad Angileddu beddu andavano a gonfie vele, pensarono anch’essi di fare una calata in Sicilia, in questa bella terra di sole, di mare, di cielo, in questa terra di vavaluci e crastuna, e fu così che tutto d’un colpo apocalittico, torri di ferro sostituirono campagne d’aranci e mandarini, e lingue di fuoco illuminarono il cielo sinora anonimo di Priolo piccola frazione di Siracusa. L’industrializzazione nell’area siracusana era decollata, i braccianti agricoli divennero operatori d’impianto, di conseguenza lasciarono le loro zappe e impugnarono strangolini per aprire e chiudere valvole, gli abitanti di Priolo cominciarono a trasformare le loro quattro casupole in pensioni familiari per lavoratori provenienti da tutti le parti dell’isola e dal nord Italia, e finalmente ma soprattutto puntualmente arrivava per loro ogni quindici giorni una busta paga sicura, e tutti a quell’epoca erano felici e contenti…e a me non resta altro che continuare a raccontare gli avvenimenti. LA CLASSE OPERAIA VA… In Sinchiti, deformazione dialettale di SINCAT Società Industriale Catanese, società per azioni, sede legale Palermo, capitale sociale £ 60.000.000.000 interamente versato anno 1968, si veniva assunti tramite un semplice colloquio. Il candidato inviava domanda di assunzione all’Ufficio del Personale e, anche se adesso può sembrare una favola a lieto fine, celermente lo stesso veniva invitato a presentarsi in Stabilimento. L’incontro consisteva in una spassionata conversazione, per essere assunti in qualità d’operaio, il candidato non doveva essere in possesso di alcun diploma (i diplomati per legge venivano assunti in qualità d’impiegati) e una domanda usuale consisteva nel chiedere all’aspirante dipendente, perché desiderava lavorare in fabbrica, seguiva una prova matematica consistente in una divisione con la virgola, e giusto o errato fosse il risultato, il tutto si concludeva con una stretta di mano ed un augurio di reciproca collaborazione. In seguito furono privilegiate le assunzioni di giocatori di calcio che ravvivarono con la loro presenza i vari tornei aziendali che si svolsero in quel periodo, seguiti da numeroso pubblico in tribuna. C’era soltanto un piccolo scoglio da superare, consistente in informazioni a carattere personale che l’Azienda si riservava di prendere prima dell’assunzione; non erano altresì graditi cattivi soggetti o lavoratori con spiccate idee di sinistra, in parole povere, di operai comunisti manco a parlarne. Queste informazioni venivano prese, ironia della sorte, presso la Parrocchia d’appartenenza del candidato e, vuliti ca Patri Parroco facesse perdere l’occasione di un posto di lavoro a patri di famigghia, che se non frequentavano la casa di Dio, e di idee di sinistra, si trattava pur sempre di gente onesta e pura come l’acqua sorgiva? Quindi, senza tema di smentita, si può affermare che con la benedizione di Patri Parroco, la “Classe Operaia” prima d’entrare in Paradiso, trasiu ‘a travagghiari ‘a Sinchiti di Priolo. UNNI TRAVAGGHI? Dopo le assunzioni a morti subitanea, cioè a dire appena messo il piede in fabbrica abbiati in reparto senza una teorica preparazione, l’Azienda preparò una serie di corsi della durata di sei mesi per operatori d’impianto. Durante quel periodo, anni 1967/68, la paga giornaliera per il corsista era di £ 800 più il buono pasto mensa; finito il corso si veniva assunti in qualità di manuali specializzati e, per legge, dopo sei mesi, passati alla categoria di operai qualificati. Nel 1967 al CIAPI di contrada Biggemi, fu dato il via al primo corso di congegnatore meccanico, seguiti da altri; in sintesi ‘u travagghiu mancava solo a colui il quale lavoro non ne mangiava. Il sindacato con il maggior numero d’iscritti era la CGIL, per la ragione che era pressoché impensabile iscriversi alla CISL, in quanto la nota vicinanza di questo sindacato alla Democrazia Cristiana, partito politico che governava il paese, e che veniva aspramente criticato e detestato dai lavoratori; e più lo si detestava e più lo si votava difatti sempri acchianava! Non si è mai capito, visto e considerato che tutti si lamentavano della DC, come potesse raccogliere tutti quei consensi. I detrattori dicevano che a votare Democrazia Cristiana erano i soliti preti, le solite monache e ‘i fimmineddi ‘i chiesa, ma questa versione nun s’ha calava nuddu mancu ccu nu bicchiere d’acqua. La UIL era vista come un sindacato che nun era né carni e mancu pisci, difatti i detrattori ne parlavano come un sindacato di serie B, vicino alla Democrazia Cristiana quanto al partito Socialista. A questo occorre tenere ben presente, che durante gli anni sessanta il fare sindacato non era tutto rose e fiori, ma più delle volte cavolacci amari; quindi se è giusto dare a Cesare quel che di Cesare è, altrettanto sacrosanto è ricordare i grandi meriti che hanno avuto i sindacalisti di UIL, CISL e CGIL che operarono in quegl’anni di transizione per l’abbattimento delle gabbie salariali, pagando a volte sulla propria pelle l’attaccamento alle proprie idee. Anni in cui era fantascienza trovare qualcuno che dichiarasse candidamente di votare DC, e quando a volte le argomentazioni dei simpatizzanti CGIL non erano condivise, si veniva investiti da quella famosa battuta durata per anni “qualunquista e fascista” che doveva così chiudere il discorso; difatti i compagni non avrebbero mai dialogato politicamente con un simpatizzante MSI, forse con un qualunquista sì, anche se a loro dire, erano sempre pronti a contestare per il piacere di farlo, ma potevano forse un giorno ricredersi. In fabbrica si lavorava a ritmo sostenuto, in alcuni posti di lavoro giornaliero, i giovani il venerdì all’approssimarsi della fine orario di lavoro, cercavano di defilarsi per non essere notati e di conseguenza chiamati per lo straordinario del sabato. Un’altra battuta famosa che ha resistito per tanto tempo e che puntualmente veniva sparata quando un dipendente Sincat incontrava qualcuno fuori stabilimento e quest’ultimo chiedeva: unni travagghi? (dove lavori?), risposta piena d’orgoglio – ‘a Sinchiti! (in Sincat!) meraviglia dell’interlocutore e successiva domanda – ma nun cc’è fetu? (ma non c’è puzza?) risposta buttata con indifferenza - Anticchia, ma dda’ intra mancu si senti (un po’ ma lì dentro non si avverte), ultima curiosità – e cchi fai? (che lavoro svolgi?) risposta micidiale e trionfante –nenti! (niente). E stando alle affermazioni dei lavoratori di quegl’anni, la Sincat ovverosia Società Industriale Catanese, andò avanti senza che nessuno facesse…niente! LA SICUREZZA Oggi si da un’importanza primaria alla sicurezza del lavoratore, l’anno scorso non si è registrato alcun infortunio e questo è motivo d’orgoglio per chi lavora in questo settore, organizzando presso la Scuola Aziendale di stabilimento incontri sempre più frequenti su questo tema. Tra le cause di un infortunio, a mio modesto parere, c’è a volte la troppa sicurezza del lavoratore nell’effettuare una manovra fatta tante e tante volte, magari senza usare i mezzi di protezione in dotazione, tanto meno la giusta accortezza di verificare che tutto sia in sicurezza. Sottolineo questo concetto, per il fatto che in questi anni, si sono verificati troppi incidenti con protagonisti lavoratori espertissimi che per un nonnulla hanno pagato un caro prezzo e a volte purtroppo con la vita. Negli anni sessanta, a volte, l’aspetto sicurezza lasciava il tempo che trovava; per fare un esempio basta ricordare i meccanici pompisti che dovevano intervenire allo smontaggio di una pompa in reparto; di regola dovevano aspettare l’elettricista di turno che levasse i relativi fusibili per scollegare il giunto pompa e intervenire meccanicamente, ma per abbreviare i tempi e soprattutto per non passare per lavativi, intervenivano ancor prima che l’elettricista fosse informato. Un altro esempio negativo, il cambio dei reversibili dell’olio combustibile al CR 1-2, su grossa tubazione situata ad una quindicina di metri d’altezza, con la tubazione stessa cosparsa d’olio. Di questa operazione se ne occupava la squadra turnista meccanica dell’officina meccanica 3, di regola avrebbe dovuto esserci un ponteggio permanente data la frequenza della manovra, in realtà era un numero da circo equestre. Desidero a questo punto ricordare un capo squadra che fu più che un fratello per la sua squadra stessa, quando capitava questo lavoro Nino Lopes, così si chiamava il nostro uomo, lo eseguiva personalmente ben sapendo della pericolosità dell’operazione. Nino si faceva tenere per i piedi e sdraiandosi sulla tubazione cominciava a svitare i bulloni da 32 con la chiave da battere; terminato il lavoro, di fronte alla squadra ammirata per la sua abilità, se ne usciva con la battuta: “mittiti i chiavi nta cassetta e jemu all’officina a farini ‘u cafè”. La sicurezza è importantissima, e quando si è invitati ad un corso presso la scuola aziendale, occorre andarci prestando più attenzione possibile, perché quello che può sembrare sciocco e banale più delle volte può essere vitale. CODIFAVA Tra i personaggi passati alla storia dell’industria priolese, sicuramente uno dei più singolari fu l’ing. Codifava! Il punto esclamativo è d’obbligo per l’estrosità del personaggio nel porsi in quegli anni in cui le barriere nell’ambito lavorativo erano altissime. Per rendersi conto dell’assurdità di certe posizioni, basti pensare ad un vergognoso cordone in sala mensa (in seguito rimosso dopo violente proteste sindacali) che serviva a delimitare un’area riservata soltanto agli impiegati. Oppure ai fattorini di piano, pronti ad essere chiamati al suono di un campanello per futili motivi, come il portare un foglio da una stanza all’altra, perché l’impiegato di turno non poteva staccarsi dalla sedia in quanto la stessa si sarebbe raffreddata. Nelle officine meccaniche, l’operaio specializzato era “’u mastru” e più delle volte rendeva la vita difficile a operai qualificati e manuali specializzati nonché a lavoratori delle ditte; in sintesi in quel clima dove l’impiegato era del tipo “nun mi tuccari ca mi scozzulu” e dell’intermedio ca nun essennu né carni né pisci, unni appoggiava ‘u sapeva iddu; l’ing. Codifava vestiva con la tuta dell’operaio comune, elmetto, guanti e spesse volte lo si vedeva in prima linea ovverosia in impianto. Gli operai lo guardavano con simpatia, sia perché lui, polentone puro cca scorcia, non guardava nessuno dall’alto in basso, e per il fatto di non pensarci due volte a redarguire qualche “nun mi tuccari ca mi scozzulu” davanti a tutti. C’era chi giurava che fosse un azionista della società, e a questa fabbrica, l’ing. Codifava ha dedicato parte della sua vita oltre il normale orario di lavoro. Era il re incontrastato del CR 1-2 ma riguardo ad aumenti di stipendi piuttosto tirato, anzi tiratissimo, mi correggo mancu ‘a parrai. Famose le sue due battute “ehi pistola!” e “mago!” a secondo naturalmente le circostanze; quando lo si vedeva venire in impianto chi poteva scappottarsela lo faceva volentieri per il semplice fatto che con lui il lavoro era assicurato. Un giorno, dopo un temporale, stava piovendo ad assuppa viddanu, cioè a dire quella pioggerellina leggera e fine ca pari ca mancu chiovi, l’ing. Codifava sempre in tuta, elmetto e guanti si portò all’altezza delle pompe dette a cavallino; un operaio, di cui taccio volutamente il nome, cogliendo secondo il suo parere un buon momento d’arruffianamento, gli si avvicinò: ‘Ngignieri, chi havi bisognu di ocche cosa? (ingegnere le occorre qualcosa?) - Come va mago? rispose il Codifava; all’operaio manco gli sembrò vero, gli brillarono gli occhi dalla gioia, si armò di tutto il coraggio civile e domestico e replicò: - ‘u sape ‘ngignieri ‘i cosi nun vanu tantu boni….Il Codifava non lo fece terminare – L’impianto pistola! Non tu, l’impianto! Prendi la pala, prendi il badile, togli le pietre scopa il reparto. Mai quell’operaio lavorò tanto sotto quella pioggerellina che cadeva leggera, con le risatine dei compagni che nascosti dietro le colonne si godevano la scena, guardandosi bene dall’intervenire. Un’altra volta in impianto il Codifava stava armeggiando una valvola, quando un operaio di una ditta gli domandò: - chiffa’ mi duni sti guanti? (me li regali i guanti?) – ma cosa dici pistola! replicò l’ingegniere – ca dammilli sti guanti ti dugnu i mei e tu ti fa conciari (dammeli i guanti ti do’ i miei e tu te le fai cambiare). L’ingegnere Codifava per fortuna non capiva il nostro dialetto, e noi facemmo fatica a far comprendere a quell’operaio che aveva sbagliato persona nel chiedere il paio di guanti. Tante storielle e tanti aneddoti sono legati a questa persona; il suo chiodo fisso era la fiaccola. Sull’autobus che da Siracusa lo portava al lavoro, all’approssimarsi della fabbrica domandava in quale direzione era rivolta la fiamma della fiaccola, e quanto era alta; anche perché era miope e voleva assicurarsi che quello che vedeva in lontananza fosse reale. Ne è passato del tempo, ma ogni qualvolta che casualmente mi capita di guardare la fiaccola, non posso fare a meno di pensare all’ing. Codifava un po’ mago e un po’ pistola, come diceva lui, ma certamente una simpaticissima persona. LO SCIOPERO Il fiume in piena della vita travolge i nostri ritmi, le nostre abitudini, tutto cambia! Quello che era ieri non è più oggi, tanto meno domani. Negli anni sessanta l’Azienda era “il padrone” e la classe lavoratrice quella operaia, dato che gl’impiegati, tranne eccezioni che non confermano regole, non aderivano agli scioperi o se la facevano perché costretti da cause di forza maggiore. Lo sciopero sindacale di quegli anni era veramente sciopero! in quanto dichiarato, attuato e soprattutto sentito con la più ampia partecipazione attiva dei lavoratori. Quando nel febbraio del 1968 fui assunto, gli anziani dello stabilimento ricordavano con orgoglio a noi novellini, d’aver preso parte ad uno sciopero durato ben diciotto giorni! Anche se alla fine dovettero mitigare le pretese e prendersi giorni di ferie per non perdere il posto di lavoro. Si scioperava per l’abbattimento delle gabbie salariali e per ottenere che la durata del periodo di malattia fosse interamente retribuito, senza che si decurtassero i primi tre giorni dalla busta paga, con la conseguenza di costringere padri di famiglia a lavorare in fabbrica anche in non perfette condizioni fisiche. Quando veniva dichiarato lo sciopero dalle Organizzazioni Sindacali, ci si preparava spiritualmente pubblicizzando il più possibile il momento di lotta. Gl’impianti non marciavano a minimo tecnico, se lo facevano a rischio della Società, non esistevano comandate ma soltanto la responsabilità morale dei lavoratori, che non è mai mancata, di fermare gli impianti e metterli in sicurezza. Si facevano i turni di picchettaggio alle portinerie, s’accendevano fuochi accatastando legna, si rideva e si scherzava per ammazzare il tempo. I crumiri, sono in effetti abitanti della Crumiria, regione della Tunisia occidentale al confine con l’Algeria. I crumiri, circa 35.000, sono noti per aver offerto, in seguito ai continui atti di banditismo e di contrabbando d’armi, l’occasione alla Francia di imporre il protettorato sulla Tunisia, (trattato di Bardo 1881) ed in seguito a questo fatto stanno ad indicare anche quei lavoratori che contrastano la riuscita di uno sciopero, o non prendendovi parte o accettando di sostituire gli scioperanti in favore dei datori di lavoro. I crumiri passavano la notte in stabilimento riposando su materassini gonfiabili, gli stessi non restituiti, che più delle volte si vedevano nelle zone balneari delineando la personalità del crumiro che oltre a tradire la causa della propria classe, approfittava dell’occasione per rubare materassini, coperte ed altro. Le lotte più accese furono nel 1969/70, quando diverse auto di crumiri cronici furono ribaltate e rovinate nel piazzale antistante la portineria. A volte si arrivò allo scontro fisico; cosicché dopo una lunga trattativa, il 1970 segna l’abbattimento delle gabbie salariali ed il riconoscimento di giuste qualifiche; ma la conquista più importante fu l’abolizione della perdita salariale per i primi tre giorni di malattia. Anni di sofferenza morale ed economica fecero sì che di questo conquistato diritto se ne fece uso ed abuso, com’è nel costume italico, anche se in seguito alla prima cassa integrazione si ridusse notevolmente sino a scomparire questa maldestra abitudine. SERVIZIO VIGILANZA Le portinerie di questa fabbrica, erano e sono controllate dal servizio di vigilanza di stabilimento, che sicuramente non si limiterà a questo servizio ma avrà altri compiti. Negli anni passati ne aveva uno ingrato, ed era quello di controllare gli operai all’uscita e nelle ore notturne. E’ risaputo che è vietato portarsi materiale appartenente alla Società, si chiama furto e chi lo fa è un signor ladro; all’uscita degli operai c’era sistemato un marchingegno con due luci, una delle quali si accendeva tramite una leva che veniva abbassata da tutti gli operai in uscita. Si chiamava decimatore, ed era solo per gli operai, le due luci erano di color verde e rosso; se si accendeva il verde l’operaio poteva passare, col rosso doveva sottoporsi ad una perquisizione personale fatta da un vigilante dentro un apposito sgabuzzino. Il rosso doveva accendersi a caso, ma non era così, lo azionava a piacimento il vigilante di turno; naturalmente i cartellini degli impiegati erano sistemati in un’altra cartelliera e gli stessi non avevano l’obbligo di passare attraverso questa forca caudina che, grazie a lotte sindacali fu eliminata. In quegli anni durante le notti, la vigilanza girava per i reparti allo scopo di pizzicare chi dormiva, e dopo il relativo rapporto, il lavoratore veniva multato di un paio d’ore di lavoro in meno nella busta paga. Come in tutte le cose, c’erano i patri di famigghia e chi invece si accaniva probabilmente per soddisfare un personale stupido sadico piacere. Quest’ultimi arrivarono perfino ad appostarsi dietro le colonne per sorprendere gli operatori d’impianto al minimo cedimento, ed entrare nelle officine e magazzini un’ora prima del cambio turno, quando si ci concedeva un po’ di riposo dopo una notte di lavoro. Questa, caccia al dormiente, durò sino a quando gli operatori d’impianto, stanchi di questa situazione si organizzarono. Una notte al mitico CR 1-2 zona calda, furono gli operatori esterni ad attendere che la vigilanza s’appostasse dietro le colonne, e quando quest’ultimi entrarono in reparto, dall’alto venne giù una pioggia di bulloni, strangolini e materiale ferroso, provocando agli sgraditi ospiti uno stato di diarrea fulminante! Questo episodio, manco a dirlo, fece il giro dello stabilimento, e nessun vigilante era più disposto ad entrare di soppiatto nei reparti, per il motivo che ogni qualvolta qualcuno si avventurava, casualmente dal cielo piovevano bulloni, strangolino e materiale vario, non si sa come. I reparti erano in regola per il fatto che gli estranei al reparto stesso, prima d’entrarvi, dovevano essere autorizzati dall’assistente in turno; logico che nel momento stesso veniva chiesta l’autorizzazione, tutto il personale era informato di stare ccu l’occhiu vivu comu ‘a sarda motta. Stando così le cose, e ripetute lotte sindacali eliminarono il decimatore e il controllo del personale dormiente o presunto tale di 3° turno, sollevando gli incolpevoli addetti alla vigilanza da questi compiti che sicuramente li squalificavano nella dignità di lavoratori. LA MENSA Il locale mensa della Sincat si trovava presso la portineria Sud, i lavoratori consumavano il pranzo giornaliero previo l’acquisto dei relativi buoni; c’era quello del primo, del secondo, la bibita, la frutta, il pane, il tutto per una cifra che superava di poco le cento lire. Potevano usufruire della mensa soltanto i dipendenti Sincat, e per far rispettare questa regola e affinché non fosse turbata la quiete dell’ora d’intervallo, stazionava in mensa un addetto del servizio vigilanza. Occorre considerare che i primi dipendenti provenivano da altre realtà lavorative: campagna, magazzini di pomidoro, segherie etc. gente abituata al duro lavoro per cui l’operare in fabbrica per loro era una passeggiata, ma allo stesso tempo soffrivano per non potere spaziare al di là del proprio posto di lavoro. Per questa ragione in mensa scherzavano tirando pezzi di pane, e alle volte il vigilante chiudeva l’occhio altre era costretto ad intervenire. Di tanto in tanto si assisteva ad un’azione a dir poco indegna, quando un operaio di qualche ditta tentava di pranzare e l’addetto al controllo, se ci garbizzava la cosa, tutto passava liscio ed inosservato, sennò invece di bloccarlo subito, gli faceva prendere le varie portate e solo quando quest’ultimo stava per gustare la prima forchettata di pasta, gli veniva chiesto d’esibire il tesserino di riconoscimento aziendale, con la conseguenza di dover lasciare tutto sul tavolo e andarsene a bocca asciutta. Terminato quel che definire pranzo era eufemismo, beata gioventù, prima di mettiri manu (riprendere il lavoro) s’organizzava una partita di pallone sotto lo sguardo divertito degli anziani, mentre sotto le scale della portineria sud, c’era giorno dopo giorno ccu cunzava, si fa per dire, un ipotetico tavolo di trissetti e briscola. Oggi la mensa sud dovrebbe funzionare solo ed esclusivamente per le ditte che operano in stabilimento, ma a quanto pare non ha l’afflusso che dovrebbe avere; intorno ad essa solo vuoto, erbacce e desolazione. LA FORESTERIA Negli anni sessanta è stato prodotto un film che fotografava, col 65% di verità, il fenomeno industriale nel siracusano di quegli anni, si trattava della pellicola “I Fidanzati” per la regia di Ermanno Olmi, che utilizzando attori sconosciuti e forze locali, narrava di un operaio specializzato del nord catapultato nella nostra realtà con la prospettiva di un buon avanzamento di carriera e quindi un’occasione da sfruttare per la futura vita sentimentale in odor di matrimonio. Non sto a raccontare il film, senz’altro da vedere dato che propone uno squarcio di vita vissuta che ci appartiene, di tanto in tanto la Tv nazionale ne propone la replica, ma per sottolineare l’importanza che aveva in quegli anni questo stabilimento per l’economia del territorio. La Foresteria ha scandito nel tempo un proporsi della classe impiegatizia nei confronti di quella operaia, e la sua chiusura coincide con l’abbattimento di quelle barriere cariche d’ipocrisia. La Foresteria era un edificio con camere affittate a prezzi convenientissimi ad impiegati dipendenti, con l’obbligo di non ricevere nessun estraneo; era anche munita di ristorante riservato soltanto agli impiegati, in seguito questo veto fu tolto e anche se la Foresteria non funzionava più da pensione, al salone ristorante potevano accedere tutti i dipendenti e ospiti autorizzati. Oggi tra i tanti ricordi che questa struttura si porta dietro, quello riferito al film I Fidanzati è sicuramente il più singolare. In una sequenza del film si vedono un gruppo d’impiegati uscire dalla Foresteria e salire su un pullman per recarsi al lavoro. Durante il tragitto, il buon Rizzato, presidente all’epoca del Dopolavoro e attore per caso, dice la sciagurata battuta imposta dal copione: “Questi siciliani per risparmiare mangiano pane e limone!” Apriti cielo e sprofondati terra! Il signor Rizzato, polentone puro, per almeno una settimana non uscì il naso dalla Foresteria. IL DOPOLAVORO Intorno al 1960, anno più anno meno, il vulcanico Rizzato, presidente del Dopolavoro, dovendo la squadra Sincat di pallacanestro disputare a Ragusa lo spareggio per la promozione in serie A, fece il giro di alcuni Bar della borgata siracusana contattando ragazzini disposti a tifare. Manco a dirlo, dalla via Malta, sede del Dopolavoro, partirono tre pullman pieni di tifo, ma soprattutto di gioia giovanile. Ad ogni ragazzo fu dato un sacchetto viveri e tra risate e battute varie si raggiunse la sorridente Ragusa. Sugli spalti quel giorno ci fu un tifo infernale ed incessante tramutato alla fine da un urlo di gioia incontenibile per la vittoria della squadra di pallacanestro Sincat e la conseguente promozione in serie A. Al ritorno in sede, il Rizzato offrì bibite a volontà per tutti quei ragazzini che avevano contribuito al conseguimento di un risultato mai più ripetuto; personalmente ricordo che a seguito di quella giornata, per una settimana un’influenza mi costrinse a letto ed il volume della mia voce era zero. Sotto la presidenza del Rizzato, il Dopolavoro ha girato a mille! Vedi squadra pallacanestro in serie A, meravigliose serate danzanti, compagnie teatrali sotto l’egida del Dopolavoro, campionati di calcio aziendali spettacolari, biblioteca fornitissima, lido estivo al sacramento, premi di poesia, incontri culturali etc. Oggi la sede di via Malta, che si era ridotta a sala da gioco per appassionati di ramino e carambola, non esiste più; al campo sportivo, a volte, si assiste a partite con protagonisti patetici, che non si vogliono arrendere agli anni che passano, e riescono a realizzare incontri del tipo partite del cuore; il lido estivo non c’è più da tempo, come si sono perse nella notte dei tempi le serate danzanti all’Asteria Bleu o altri ritrovi, dimenticati i premi poesia e incontri culturali. Quel Dopolavoro che riusciva a coinvolgere tantissimi lavoratori e famiglie non esiste più, se non nei ricordi di chi ha vissuto quegli anni che purtroppo difficilmente si ripeteranno. NATALE E CAPODANNO IN FABBRICA Già da molti anni non s’illumina più l’albero vicino gli spogliatoi CR, forse per motivi di sicurezza; peccato perché quell’albero illuminato dava un’aria di festa anche in una giornata lavorativa grigia. Da sempre gli elettricisti di stabilimento si sono prodigati per realizzare dei bellissimi alberi di Natale, che con le loro multicolori luci intermittenti davano un tocco gioioso ai vari posti di lavoro. Certamente un Capodanno trascorso in fabbrica non si dimentica facilmente, anche se qualcuno – che non ha provato questa esperienza – potrà storcere il naso. Da sempre tra i turnisti esiste un accordo mai stipulato da alcuno e cioè di non mancare al turno di Natale e Capodanno tranne casi straordinari, e alleggerire il più possibile il lavoro al terzo turno, per poter questi lavoratori festeggiare bene Natale e Capodanno in fabbrica, imprevisti permettendo. La mia unica esperienza risale al 31 dicembre 1970 quando effettuai il 3° turno all’Officina Meccanica 3. In portineria la vigilanza, su disposizione della Direzione, distribuì a tutti i lavoratori del 3° turno montante, un panettoncino e dieci sigarette sfuse. Il mai dimenticato capoturno Alastra, affettuosamente conosciuto come ‘u Zu Pippinu, aveva concesso a due componenti della squadra il giorno di ferie per poter trascorrere la serata con moglie e figli. Grande fu la sua sorpresa, e non solo sua, quando benché i due avessero le ferie firmate, alle 22.00 si trovò la squadra al completo! Nessuno di noi a distanza di anni, testimoni di quella bella e indimenticabile notte, potrà mai dimenticare le lacrime di gioia dell’Alastra; un capoturno tenero comu ‘u pani ‘i casa, che ci trattava con l’affetto di padre. VENUNU I FIMMINI Intorno al 1975, vennero assunte per legge, delle operaie che avrebbero effettuato i turni completi in reparto. Di colpo l’Azienda si trovò spiazzata, nei reparti di punto in bianco furono costruiti i servizi per le donne e relativi spogliatoi, nelle cabine degli impianti furono tolte le stampe delle donne nude e relativi giornali; i reparti si ingentilivano per la presenza in turno del personale femminile. Queste donne, a volte, tennero testa agli uomini nel lavoro, coprivano i turni, effettuavano straordinari, alcune erano sposate, altre avevano storie e altre ancora incontrarono in fabbrica il loro amore. Questo fenomeno durò all’incirca un quinquennio, poi ci fu chi si licenziò, chi se ne andò dietro incentivo e le rimanenti furono tutte sistemate in altri posti di lavoro lontano dagli impianti. Ancora oggi, queste ragazze entrate nella storia dello stabilimento, sono ricordate per quel tocco di magia che seppero dare nei vari reparti ove prestarono servizio. CONCLUSIONI La fine degli anni settanta, trova un certo lassismo nella classe lavoratrice, da troppe parti si sentiva dire: Chistu nun mi tocca! Nun è compitu miu! A mia ma ponu…, e stranamente l’Azienda non prendeva nessuna posizione, tutto scorreva liscio come l’olio e nessuno avrebbe mai ipotizzato che da lì a poco ci sarebbe stata la prima cassa integrazione. Venne puntualmente, imitando la FIAT di Torino che aveva dato il via; questa volta ai vari scioperi aderirono anche gl’impiegati pirchì si sintevano ‘i peri friddi. Tantissime assemblee, sfilata di sindaci, uomini politici, la MONTEDIPE (così frattanto si chiamava la fabbrica) aveva una bella fetta di lavoratori in cassa integrazione, in un certo senso l’Azienda si era liberata di molti “chistu nun mi tocca… nun è compitu miu… a mia ma ponu…” e si erano consumate delle vendette. Tanti appelli al Governo Regionale, picchetti dei cassaintegrati alle portinerie, poi a poco a poco tutto ritornò alla normalità, la cassa integrazione dovette essere accettata perché era attuata in tutta Italia e i lavoratori alle portinerie giorno dopo giorno diminuirono sino a scomparire; chi aveva l’arte e l’aveva messa da parte, come si suole dire, la tirò fuori e iniziò a lavorare in nero, ad alcuni la condizione del cassaintegrato stava benissimo. Altri lavoratori dietro incentivi in denaro, si licenziarono tentando fortuna nel commercio o nelle altre attività, a dir il vero solo pochi sono riusciti, i più che si sono improvvisati commercianti sono stati divorati dai pescecani di mestiere. Alla prima cassa integrazione, ne seguirono altre e altre ancora, e tutt’oggi si parla di autunno caldo con perdita di posti di lavoro; sono scomparse del tutto o ridimensionate al minimo le ditte che operavano in stabilimento con grandi forze di lavoratori: la GRANDIS, GECO MECCANICA, COSEDIN, NAVAL MECCANICA e tante, tante altre; basti pensare che in fabbrica operavano all’incirca diecimila persone, i posti di fumo era pieni così come gli autobus interni che circolavano con una certa frequenza per le strade dello stabilimento. Chi, come me, ha vissuto gli anni delle vacche grasse desidera che possa ritornare quel periodo florido; non fosse altro perché mai come ora in Sicilia occorrono tantissime buste paga per i ragazzi che non riescono ad inserirsi nel mondo del lavoro. La zona industriale priolese, rappresenta la speranza giovanile e la speranza è un sogno che non può e non deve morire, il mio augurio è quello che in un futuro prossimo questa fabbrica possa diventare il riscatto economico sociale di questo profondo sud. Armando Carruba
VENDEMMIA D’ALTRI TEMPI


La sera avanti il giorno della vendemmia, nel cortile del podere sciamava la ciurma di picciotti, donne e ragazzi, circa duecento persone. L’uomo di casa faceva l’appello…

Per quasi una settimana il vigneto si popolava, s’animava, si vestiva a colori, fremeva di sudore, di caldo, di canti, di balli, di grida.

Dallo spuntare del giorno al tramonto, più di 200 coltelli tagliavano e 400 mani colmavano le ceste di grappoli.

Le ragazze in attesa dell’ordine di “alzata” sedevano sotto le viti, il mento sulle ginocchia cinte dalle braccia nude dove nuotava il sole, gli occhi neri brucianti di desideri immaturi o insoddisfatti.

Un fischio del capo: i cercini coronavano la testa delle donne, quattrocento braccia sollevavano le cesti pesanti e le adagiavano sopra con sicurezza gentile e civettuola.

In fila per il viale, mani sui fianchi si snodava il nastro umano, dai mille colori delle vesti, dei fazzoletti, delle camicette, al suono dell’organetto accompagnate i canti della vendemmia, che sulla bocca dei siciliani si trasformavano in nenie arabe.

Poi la sfilata davanti il pigiatoio, caste di grappoli, tra il martellare cadenzato dei pigiatori a passo di marcia, gambe nude chiazzate dai succhi e il canto liquido del mosto nei ricevitori, contrappunto alle canzoni alla bella che s’era andata o aspettava filando sulla soglia di casa.

A scuola i figli dei contadini venivano dopo le vendemmie e i debiti dei proletari si saldavano dopo i Morti quando i proventi delle fatiche ottobrine consolavano le tasche verdi dei contadini.

lunedì 3 settembre 2012

LA FAMIGGHIA di Ignazio BUTTITTA





LA FAMIGGHIA
Di patri e matri nàsciunu li figghi,
di figghi, patri e matri la famigghia
ed ogni matri a li figghi assumìgghia
ed ogni patri a li sò picciriddi;
la casa è lu jardinu di sti gigghi,
lu nidu e lu lettu havi di stiddi:
casa e famìgghia scànzanu timpesta,
l'omu scumpari e la famigghia resta

IGNAZIO BUTTITTA

sabato 1 settembre 2012

POESIA POPOLARE SICILIANA

CANTO D'AMORE

Ju ci passu, ju ci passu - a facci tosta
ppi vuliri, ppi vuliri - la risposta
e mi l'à dari - e ora ora
lu chiaru e tunnu - lu chiaru e tunnu
lu sì o lu no!

Biniditta - biniditta - la tò mamma
ca ti fici - ca ti fici accussì bedda
- tu à la facci - comu 'na stidda
ca a 'guali - ca a 'guali
nun cci nn'è!

Chi ssu beddi - cchi ssu beddi - 'i tò capiddi
su' strizzati - su' strizzati a filu d'oru
Amuri miu! ppi tia ju moru
cavurria fari, ca vurria fari
l'amuri ccu te!

Quasi sunnu, quasi sunnu l'unnici e mezza
s'avvicina, s'avvicina la mezzanotti
e bona sira, e bona notti
ca jemu a lettu ca jemu a lettu a ripusari   armando.carruba@virgilio.it

giovedì 30 agosto 2012

CUCINA SICILIANA

IL PESCE ALLA SICILIANA
per riscoprire i sapori di una volta

MUSCIAME
(filetto salato di tonno)

Ingredienti per 4 persone:
* 4 filetti di tonno già dissalati
* olio d'oliva
* limone
* prezzemolo tritato
* sale e pepe


                                     (SIRACUSA: Tonnara di Santa Panagia)
Tagliate il filetto di tonno a fettine e disponetele in un tegame molto basso; condite con olio, sale, pepe, succo di limone e prezzemolo tritato. Servite.Visualizza altro

lunedì 27 agosto 2012

LEGGENDA SIRACUSANA

C'è una leggenda sarausana che si tramanda di bocca in bocca, ed è quella degli scogli ddé ddu frati. Il prof. Arturo Messina ne ha tirato fuori questi versi:




‘A LIGGENDA D’’E DU’ FRATI

E’ tantu beddu ’u mari ’i Sarausa!
E’ tantu beddu ma tradimintusu
Comu ‘na rara fimmina attraenti
v’alletta e v’arruvina ‘n tempu ‘n nenti!
Pirciò, nun vi fidati, stati attenti!
Ci su’ du’ scogghi a mari a Sarausa,
vicinu a la cuntrada ‘i Mazzaruna:
“ I scogghi d’’e du’ frati ” su’ chiamati
pi ‘n fattu ca successi pi daveru
a ca cummossi tuttu lu paisi
Lu scogghiu chiù nicuzzu era ‘n carusu
ca ‘n jiornu arruzzulau di la scugghiera:
vicinu, lu fratuzzu granni c’era,
ca appi lu curaggiu ‘i si jittari;
ma l’ unna l’ agghiuttìu e lu fici anniari
Mari, tradimintusu e tristu si’!
Ridi, ma appoi ‘mpazzisci, ma pirchì?
Quanti figghi di matri tu arruvini!
Pari accussì ‘nnuccenti lu matinu,
m’ appoi addiventi tantu peggiu di Cainu
e a cu’ si fida ‘i tia tradisci e nun hai pena!
Ora, ‘n menzu a lu mari, li du’ frati
du’ scogghi su’ d’ allura addivintati:
pari comu si fùssunu abbrazzati,
pi diri a tutta ‘a genti ca l’ amuri
nun sapi sacrifizi né duluri
Ma l’unna c’agghiuttìu li du’ criatura
di ‘ssu dilittu infami ‘un s’ha’ pintutu:
aspetta ca zoccu autru s’ avvicina
‘nta ‘ss’acqua c’ accussì ‘mpruvvisa muta
e ‘n mostru t’ addiventa ‘n tempu ‘n’ura!

Arturo MESSINA

CUCINA SICILIANA

IL PESCE ALLA SICILIANA
per riscoprire i sapori di una volta

CAPITUNI A SARAUSANA
(Capitone alla siracusana)

Ingredienti per 4 persone:
* 1 kg di capitoni (anguille grosse)
* 250 gr di pomodori pelati
* 2 foglie di alloro
* olio d'oliva
* 2 spicchi d'aglio
* 1 bicchiere di vino bianco
* 1 mazzetto di prezzemolo tritato
* sale e pepe


In un tegame fate rosolare in un pò d'olio l'aglio, aggiungete i pomodori pelati tagliati a tocchetti, pepe e sale. Fate cuocere per 10 minuti dopo il bollore, unite il vino, mescolate, lasciate evaporare, quindi disponetevi le anguille a tochetti ed il prezzemolo. Abbassate la fiamma e lasciate cuocere per 25-30 minuti con il coperchio.
Trascorso il tempo di cottura, sbriciolate le foglie di alloro e servite.

sabato 25 agosto 2012

CUCINA SICILIANA

COZZE ALLA MARINARA


Ingredienti per 4 persone:
* 2 kg di cozze
* 2 spicchi d'aglio
* prezzemolo
* 250 gr di polpa di pomodoro
* sale e pepe

Lavate le cozze e fatele cuocere in un tegame a fuoco vivo; man mano che si aprono estraetele dal tegame ed eliminate i gusci mettete da parte l'acqua di cottura.
Fate imbiondire l'aglio in una padella e unitevi le cozze ed il prezzemolo, mescolate per far insaporire il tutto e aggiungete la polpa di pomodoro e l'acqua di cottura ben filtrata.
Aggiustate di sale, pepe e continuate la cottura a fiamma bassa per 25 minuti a partire dal bollore.



Beata gioventù che passa e non torna più...

Quando aprì l'Arenella, la si raggiungeva con pulman che partivano da piazza Archimede, noi ragazzi c'andavamo in bicicletta, in due, col compagno seduto sulla canna.


Quando avvistavamo gli alberi grandi (così li chiamavamo) a rinfrescarci le labbra
alla saia (quando anche l'acqua dei campi si poteva bere) e poi il mare.... la felicità!

CUCINA SICILIANA

IL PESCE ALLA SICILIANA
per riscoprire i sapori di una volta

SARDE CON PISELLI

Ingredienti per 4 persone:
* 800 gr di sarde
* 300 gr di piselli freschi
* 2 spicchi d'aglio
* 1 cipolla
* olio d'oliva
* sale e pepe

Pulite l'aglio e la cipolla, fatene un trito, rosolatelo nell'olio ed aggiungete i piselli e un filo d'acqua. Portate il tutto ad una lieve cottura e sistemate le sarde, pulite e private della testa, salate e pepate. Lasciate cuocere a fuoco lento, con il coperchio, per 15 minuti e servite calde.Visualizza altro

giovedì 23 agosto 2012

POESIA DIALETTALE POPOLARE

PRIJERA

Signuruzzu, faciti bon tempu,
mi si busca 'a jurnata papà;
nni 'ccattamu lu sciccareddu
e mittemu a cavaddu a mamà

'A mamà vòli 'a sedda
e u papà nun cci 'a voli 'ccattari;
'a mamà 'a voli ppi forza
e 'u papà cci rumpi l'ossa.


PREGHIERA

O Signore, mandate buon tempo,
chè si guadagna i denari il papà;
compreremo l'asinello
metteremo in groppa mamà

E mamà vuole la sella
ma papà non vuole comprarla;
se mamà la vuole per forza
papà le romperà le ossa

(POPOLARE)

PACHINU di Armando CARRUBA

PACHINU

Vinticeddi amurusi
carizzanu
rappa ‘i racina,
fatica ‘i viddanu
sutta ‘n suli liuni,
‘nta stu paisi
vasatu ‘i ddu mari. (1)
‘N ciascu ‘i vinu
teni allegru
‘n cuntu d’amuri luntanu
‘nto cori ‘i ‘n omu.
Riordi ‘i jurnati ricchi
a Pachinu,
quannu ‘u travagghiu cantava
a ciumi ‘i racina
‘a gioia ‘i picciotti
ca nun parteru
‘e negghi ddo’ nord.

Armando CARRUBA



(1) Pachino è bagnata da due mari: Mediterraneo e Ionio.

Fu fondata ufficialmente il 21 luglio 1760 dal principe Gaetano Starrabba coadiuvato dal fratello Vincenzo, marchese di Rudinì, con decreto di Ferdinando I° Re delle Due Sicilie; le loro spoglie si conservano nella Chiesa Madre del SS. Crocifisso.



FOTO - Pachino, piazza e Chiesa Madre.

IL PESCE ALLA SICILIANA

Iàmmari cco' suchiteddu
(GAMBERI COL SUGHETTO)

Ingredienti per 4 persone:

* 600/700 gr di gambero (accattatini 1 kg nun si sapi mai)
* 2 tazze di salsa di pomodoro aromatizzata con l'aglio
* 1/2 bicchiere di vino bianco (di chiddu bonu)
* 1 mazzetto di prezzemolo
* sale e pepe

Mettete in un tegame la salsa di pomodoro ed immergetevi il gambero lavato, aggiungete il sale, il pepe e il vino bianco.
Lasciate cuocere un quarto d'ora a partire dal primo bollore e portate in tavola guarnendo con il prezzemolo tritato finemente.

mercoledì 22 agosto 2012

PESCE ALLA SICILIANA

IL PESCE ALLA SICILIANA
per riscoprire i sapori di una volta

POLPO IN UMIDO

Ingredienti per 4 persone:
* 8 piccoli polpi
* 2 foglie di salvia
* prezzemolo tritato
* un pò di basilico
* 1/2 carota
* sedano
* 1 bicchiere di vino bianco secco
* sale e pepe

Prendete i polpi e batteteli a lungo, spellateli, metteteli in un tegame di coccio e condite con olio, vino bianco, prezzemolo tritato, salvia, carota, un pezzetto di sedano, un pò di basilico, sale e pepe. Chiudete bene la pentola e lasciateli cuocere a lungo a fuoco molto basso.
Rimescolate di tanto in tanto e, appena pronto, servite in tavola.

martedì 21 agosto 2012

CUCINA SICILIANA

IL PESCE ALLA SICILIANA
per riscoprire i sapori di una volta



SALSA DI PATELLE

Ingredienti per 4 persone:

* 1 kg di patelle

* una cipolla

* 2 spicchi d'aglio

* peperoncino

* 4 acciughe

* 5 pomodori pelati

* prezzemolo e olio



Tritate la cipolla, schiacciate in un piato, con una forchetta l'aglio. Rosolate il tutto con un bel pò di olio e aggiungete le acciughe ben pulite. Lasciate quindi cuocere a fuoco basso per qualche minuto. Aggiungete i pomodori pelati tagliati a pezzetti, un pezzetto di peperoncino, un pugno di prezzemolo tritato, le patelle ben lavate con tutto il guscio. Fate cuocere per pochi minuti sino a quando l'interno delle patelle si sarà cotto.

domenica 12 agosto 2012

POMODORI ALLA PICCHIO PACCHIO

POMODORO A "PICCHIO PACCHIO"

Ingredienti per 4 persone:

* 1 kg di pomodori maturi
* 1/2 cipolla
* 1 spicchio d'aglio
* 1 mazzetto di basilico
* olio extravergine d'oliva
* sale
* pepe

Spellate i pomodori, dopo averli tenuti per qualche minuto in acqua bollente, togliete i semi e spezzettateli (durante questa operazione raccogliete il succo in una terrina). Soffriggete in una padella con olio abbondante la cipolla grattuggiata o tagliata a fette molto sottili, aggiungete il pomodoro e lo spicchio d'aglio. Lasciate insaporire ed allungate quindi col succo di pomodoro. Condite con il sale, pepe e basilico a pezzetti. A fine cottura aggiungete altro basilico fresco. Indicato per le zuppe di pesce.Visualizza altro

venerdì 20 luglio 2012

GIOCHI DEL TEMPO CHE FU...




MANGIATA DI MULUNI



Come si può intuire, 'a manciata ddò muluni era un gioco che consisteva nel mangiare l'anguria. Non bisogna però farsi ingannare dalle premesse: questo gioco era tutt'altro che semplice.
Disposte le fette (di eguale misura) davanti ad ogni partecipante, l'arbitro dava il via alla gara. I giocatori dovevano mangiare la loro fetta d'anguria nel minor tempo possibile e senza l'ausilio delle mani, che dovevano essere tenute ferme dietro la schiena se non addirittura legate. Il giocatore che fosse riuscito a finire la propria fetta prima degli altri avrebbe vinto la gara.

venerdì 4 maggio 2012

MESTIERI DI UNA VOLTA

'U PURPARU
Il venditore di polpo

'U purparu iniziò la sua attività di ambulante, per poi esercitare il suo mestiere in un lugo fisso della città, effettuando però la sua vendita sempre all'aperto, protetto talvolta da un'effimera tettoia.
'U purparu ambulante, quasi sempre scalzo e con i pantaloni arrotolati sui polpacci delle gambe, circolava per le vie della città con una pentola di terracotta contennte alcuni polpi bolliti nell'acqua ancora calda.

Portava in un paniere alcuni piatti, delle forchettine, una manciata di sale, un uncino di ferro per pescare dalla pentola i polpi e un tagliente coltello per tagliarli.
Così a voce alta vannìava: "C'è 'u purparu! Accattativi 'u purpu! Quantu è cauru e tenniru!"
'U purparu era poverissimo per il fatto che poche le persone disposte a spendere venti centesimi per una piccola porzione di polpo, pensando di poter utilizzare la stessa somma per un chilo di pane.
In verità i tempi erano "stritti" per cui il popolo era costretto a rinunciare ai piccoli capricci di gola, per spendere i pochi soldi di cui disponeva per l'acquisto di beni di prima necessità.

MESTIERI DI UNA VOLTA

MESTIERI 'I 'NA VOTA


- 'U STAGNATARU -

(lo stagnino)



Ccò carrettu o ccà bicicletta, 'u stagnataru jeva Sarausa Sarausa, firmannusi pirchì chiamato dalle donne per riparare sartanie (padelle), tegami, pentole e pentolini, stoviglie di ogni t...ipo di metallo.

Oltre forgia per arroventare il pezzo da saldare e alcune lastre di zinco, verghe di stagno, vecchi manici usati da reimpiegare, una bottiglietta con acido muriatico, un pezzo di pece greca, un martello di ferro e un martello di legno, un compasso rudimentale, una piccola incudine, alcuni attrezzi e pezzi di vecchie pentole da riutilizzare.

Procedendo lentamente 'u stagnataru bandiva ad alta voce "C'è 'u stagnataru... 'u stagnataru c'è... aggiustativi 'i pignati!" Alla sua voce uscivano di casa le comari, che gli consegnavano pentole, padelle e pentolini, che con l'uso si erano bucati o avevano perso il manico.

- Mi mittissi 'na pezza ccò! (mi metta una pezza qua) dicevano alcune... - mi mittissi nu manicu cca' (mi metta un manico qua) chiedevano altre.

Col sopraggiunto progresso, nessuno cercò lo stagnataru perchè era più conveniente disfarsi delle vecchie stoviglie e acquistarne delle nuove.

Di conseguenza, 'u stagnataru, scomparve dalla scena, quasi che il destino avesse deciso di porre fine ad un'epoca in cui soltanto con una pezza era possibile nascondere le miserie del mondo.

mercoledì 2 maggio 2012

versi popolari

MUNACHEDDA




Munachedda ca preji appassiunata

arreri a 'ssa finestra cu la grata,

'na fedda 'i luna 'n celu è già addumata

e i stiddi cci 'llargaru 'na frazzata;

'nta l'ortu cc'è na rosa già sbucciata:

va' cogghiccilla a Matri 'Mmacculata



MONACHINA



Monachina che preghi appassionata

dietro quella finestra con la grata,

una fetta di luna è già spuntata,

trina di stelle è stata ricamata;

nell'orto c'è una rosa già sbocciata:

vai e coglila alla Madre Immacolata