sabato 28 marzo 2009

Comu si maritaru Jachinu u vruccularu e Betta Arripizzatu di nobili casatu - di Federico Vaccaro

video

Nel corso della serata del 27/3/2009 INSIEME PER AMARE LA VITA - Festeggiamo la Primavera - intervento poetico di Armando Carruba con la poesia di Federico Vaccaro, il tutto fedelmente registrato per questo videoclip da Gino Cataudo.

POESIA

video

Autore di questa poesia dedicata a Santa Lucia è Salvatore Grillo, autore di testi di canzoni siciliane famosissime, per citarne qualcuna SICILIA scritta dal Grillo e musicata da Patania questa canzone può considerarsi l'inno della nostra isola; e poi CUMMARI UNNI JTI A MATINATA, 'A VO' e tante, tante altre.

La voce d'Armando Carruba e ripresa video Gino Cataudo.

venerdì 27 marzo 2009

Ricordi teatrali

(cliccare sull'immagine per ingrandirla)
ENRICO IV di Luigi Pirandello ed. NUOVA SCENA di Siracusa - regia Rosa Peluso; protagonista Pippo Bianca (con saio e corona).
Brindisi prima d'entrare in scena!
armando.carruba@libero.it

mercoledì 25 marzo 2009

è bello...





Una volta ogni tanto, è bello vedere uno spettacolo teatrale seduto in prima fila!

armando.carruba@libero.it

lunedì 23 marzo 2009

TEATRO

Dora Peluso e Ody Itria
DORA PELUSO e PIPPO BIANCA

DORA PELUSO, PIPPO BIANCA


INES GUGLIOTTA, DORA PELUSO



ODY ITRIA, INES GUGLIOTTA




ARMANDO CARRUBA, DORA PELUSO





GAETANO MONTEROSSO, ARMANDO CARRUBA






dietro le quinte da sx - BIANCA REALE, MARCELLA LA PIRA e ANTONIO SETOLA







(cliccare sull'immagine per ingrandirla)

NOTE DI REGIA

E' difficile mettere in scena un'opera come "IL BERRETTO A SONAGLI" di Pirandello senza ripetere quello che è stato già fatto da altri. Tuttavia ho provato, con questa messinscena, a dire anche la mia sulla pièce e sul protagonista.

Ho cercato di evidenziare i cardini del pensiero Pirandelliano, presenti nell'opera: dalla teoria dell'essere ed apparire a quella della pazzia intesa come liberazione del proprio "io" passando attraverso la sofferenza dell'uomo nel vedersi vivere una vita che non gli appartiene.

Sono convinta che Ciampa, nonostante inserisca se stesso fra i "pupi", non è affatto un pupo ma il puparo della situazione.

Dora Peluso





sabato 21 marzo 2009

IMMAGINI DELLA MIA SIRACUSA

La Marina, passeggiata estiva dei siracusani, di sera.

SIRACUSA


La marina di ieri, che è quella di oggi e sarà pure quella di domani. La passeggiata per eccellenza dei siracusani, da bambino quando venivo con mio padre, m'affittava sempre l'automobilina rossa a pedali e io mi sentivo come fossi un pilota di formula 1 al circuito di Siracusa allora funzionante

MITI E LEGGENDE

La nostra Sicilia è ricca di miti e leggende che sono la testimonianza della sua antichissima e illustre civiltà.
Posta al centro del Mediterraneo e con le tre punte rivolte verso tre continenti: Europa, Asia ed Africa, fu luogo di incontro dei primi navigatori, cioè dei primi uomini coraggiosi e più civili che osarono sfidare i misteri del mare. Le terre meravigliose da loro visitate e le loro imprese, raccontate da padre in figlio, per tante generazioni, dopo centinaia di anni, giunsero alle orecchie di poeti e letterati che le tramandarono a noi con le loro opere.
Ma, si sa, ogni racconto, passando da una bocca a un paio d'orecchie (che non siano d'asino ma di uomo intelligente), subisce aggiunte, modifiche e abbellimenti, come avverte un antico proverbio siciliano: cu' cunta, cci metti 'a junta (chi racconta aggiunge qualcosa di suo).
Così sono nati i miti e le leggende che, in fondo, nascondono un briciolo di verità e risultano sempre interessanti e piacevoli.
Non vi è luogo della nostra isola (monte, grotta, albero secolare, fiume etc.) che non abbia una sua leggenda, una sua tradizione creata dalla fervida fantasia di molte generazioni d'uomini.

Il Castello di Portopalo

Castello Tafuri a Portopalo (cliccare sull'immagine per ingrandirla) La storia del castello Tafuri inizia nel 1933 quando il marchese Bruno di Belmonte, ammaliato da quello scorcio di territorio pachinese, volle costrurvi un edificio che ne fosse all'altezza. E pretese che per la costruzione fosse usato solo materiale della cava di pietra dell'Isola delle Correnti. L'opera, progettata dall'architetto Saverino Crotti di Firenze, fu portata a termine nel 1935 e divenne proprietà della famiglia Tafuri solo alla fine degli anni '50. In stile liberty, il castello si erge accanto a quella che fu la tonnara di Portopalo.

Vito Vargetto

Imma Messana, Vito Vargetto, Pippo Venuti, Armando Carruba, Maria Conte.
CIVITOTI IN PRETURA - Nino Rossi, Vito Vargetto, Armando Carruba

I CIVITOTI IN PRETURA di Nino Martoglio (Vito Vargetto)


Vito Vargetto, Armando Carruba, Maria Conte


Ieri è venuto a mancare l'amico Vito Vargetto, esempio di vita da imitare, alla famiglia sentite condoglianze.






Questo è il vecchio ponte umbertino (la strada è Corso Umberto I ma i siracusani la chiamano 'u rettifilu - il rettifilo - in lontananza il palazzo delle Poste.

ACITREZZA


Acitrezza, in provincia di Catania si apre agli occhi del visitatore con il magico scenario dei faraglioni, scenografia del romanzo di Giovanni Verga I MALAVOGLIA, e pare di veder la casa, la barca dei Malavoglia tutta la loro storia come il libro aperto del Verga.
Uno spettacolo meraviglioso e pittoresco che questo paese siciliano di pescatori offre.
armandocarruba@libero.it

martedì 17 marzo 2009

CATACOMBE DI SANTA LUCIA

video

Sotto l'attuale chiesa e l'ex convento, sono le Catacombe di S.Lucia, tra le più vaste e più complesse di quelle di S.Giovanni. La parte più antica risale al 220-230 d.C. In un piccolo oratorio sotteraneo, parzialmente distrutto, si trovano avanzi di preziose pitture bizantine; sulle pareti, teorie di Santi; nella volta, grande croce. Le gallerie si sviluppano su tre piani, dei quali solo il secondo e il terzo parzialmente esplorati.

ORTIGIA

ORTIGIA
L'isola che vide l'arrivo dei primi coloni greci nella seconda metà del'VIII secolo a.C. conserva le più vetuste tracce dell'architettura greca.
Il tempio d'Apollo (vedi foto) risalente alla fine del VII sec. a.C., sito ad est del Largo XXV luglio è di stile dorico con 6 colonne sulla fronte e 17 sui lati lunghi.
Di particolare interesse per le sue caratteristiche architettoniche è il più arcaico tempio dorico di Sicilia. Fu trasformato in chiesa bizantina, moschea, chiesa normanna.


armando.carruba@virgilio.it

PALAZZO MONTALTO - Siracusa

Palazzo Montalto - SIRACUSA Questo palazzo è stato eretto nel secolo XIV, conserva tuttora la facciata, un'edicola con iscrizione e nella parte superiore finestre bifore e trifore di tipo gotico-chiaramontano.

armando.carruba@virgilio.it

CASTELLO EURIALO

Castello Eurialo - Belvedere (Siracusa)
La prima volta che ho visitato il Castello Eurialo, è stato nel 1956 quando in I° media, il professore di lettere Antonino Carbone, organizzò una passeggiata in biciletta portandosi dietro tutta la classe 1H. Grande il prof. Carbone! noi con biciclette prestate dai nostri padri o fratelli più grandi (nel '56 pochissimi possedevano l'automobile) con un compagno sul portabagagli andammo a Belvedere, e il prof. ci spiegò sasso dopo sasso il castello Eurialo.
E' la più bella e completa opera militare dell'epoca greca, una grande fortezza di 15.000 mq di superficie, situata sul punto pià alto dell'altopiano dell'Epipoli, nell'angolo dove si uniscono le mura a N e S della città.
Dionigi il vecchio lo costruì in 6 anni (402-397), formidabile difesa contro i Cartaginesi, munendolo di enormi fossati, uno dei quali è collegato da un dedalo di gallerie e di passaggi con l'interno del castello, il cui mastio è protetto da 5 poderose torri.