sabato 22 luglio 2017

GRAZIE PAPA'


Buondì amici, bene o male condividiamo i momenti allegri e momenti NO, ad altri come oggi di riflessione. 
Il 22 luglio verso le 7 del 1974, ci lasciava per continuare il suo cammino convinto nella Fede, mio padre Salvatore Carruba, 
Era nel gruppo delle guardie di sanità marittima e dopo aver girovagato per l'Italia, era stato trasferito a Siracusa nel 1947 alloggiando - con tutta la famiglia - presso quello che i sarausani chiamavano 'u lazzarettu.
Un appartamento con 7 stanze un infinito terrazzo con vista il porto e il mare con banchina sotto casa.
Mio padre, senza tema di smentita, fu l'uomo giusto al posto giusto! Mai quelle due palazzine ebbero così splendore! C'era un meraviglioso giardino che curava personalmente o facendo venire dei giardinieri che ricompensava con le sigarette americane che a lui regalavano a bordo delle navi.
Sono passati 43 anni, il suo ricordo i suoi insegnamenti, la sua onestà, sono sempre presenti in me, campassi più vite non potrei mai e poi mai essere alla sua altezza.
Grazie papà.

Chi ti cuntu e chi ti dicu....



Che cauru picciotti mei... 'e setti raricuna! autru chi storii e geografiii. E ju fazzu comu fanu i biduini... chi fanu? ccu ddu' gran cauru si cummogghiunu tutti pari pari pari. E ju stamatina mo sogno vistuto comu 'na jurnata primaverile e mi n'haju jutu a mari a Funnucu Novu (ca oramai si fici vecchiu). Che cosa non vi debbo cuntare!!! Mi hanno taliato storto e mi hanu lassatu sulu scantannusi ca eru pazzu. Ah ci voli nenti a liberari 'na spiaggia... Bon fine simana a tutti e quannu scrivu tutti siti pappiddaveru TUTTI

venerdì 21 luglio 2017

PENSIERINO DELLA SERA di Armando Carruba


PENSIERINO DELLA SERA
A volte si tengono prigioniere parole che non verranno più dette, per timore di perdere un'amicizia che immancabilmente si perde.

PAROLE di Roberto Colamasi


Roberto Colamasi è un attore poeta catanese, e soprattutto un amico. La sua poesia è senza fronzoli ed arriva diretta come freccia scagliata dall'arco ....

 PAROLE
Le parole.....
mangiano parole
masticando la vita
fatta solo di parole
come un castello
di sabbia di un bimbo
che crolla
al primo soffio
di vento
Roberto Colamasi

SICILIANANDO di Armando Carruba

SICILIANANDO

'N omu è pappiddaveru riccu quannu i so' figghi currunu 'nté so' vrazza macari se i so' manu ssù vacanti...

mercoledì 19 luglio 2017

PENSIERINO DELLA SERA Armando Carruba



PENSIERINO DELLA SERA

E’ di notte che si percepisce meglio il frastuono del cuore, il ticchettio dell’ansia, il brusio dell’impossibile e il silenzio del mondo.