venerdì 28 aprile 2017

MALINCONIA - armando carruba -



MALINCONIA

Desiderio sfrenato
di star soli
a rivivere
un dolce passato.

Io e te... noi due
inventiamo parole
per produrre parole
che cadono vuote

lasciando in bocca
l'amaro
di una sigaretta
già fumata

Malinconia
prendimi con te
e fammi vivere
quell'esplosioni gioiose

d'una vita da sogno.

Armando Carruba

SICILIANANDO armando carruba




Quannu si ammitatu, mancia misuratu
sinnò ssì sparratu

Quando sei invitato, mangia limitato,
altrimenti sarai criticato.

mercoledì 26 aprile 2017

CI PENSI ? di Francesco Guglielmino

CI PENSI ?
*************
Ci pensi ? eramu ancora
scolari tutti e dui,
putevumu aviri 'nsemula
trent'anni o pocu chiù;
tu cu li vesti curti
lu fari cuntignusu,
iù sempri 'nta li nuvula
carusazzu scunchiusu.
Ddu jornu n'incuntrammu,
non sacciu comu fu,
iù cu li mè grammatichi
cu li tò libri tu.
Ti dissi ---e na ddu puntu
iù mi sintia la frevi
mentri ca tu di l'aria
cascata mi parevi ---
ti dissi :《 signurina,
stamu a la stissa via,
siddu non sugnu sproticu
ci fazzu compagnia ?》.
Tu addivintasti russa
chiù russa di lu focu,
ma risulenti e simplici,
forsi trimannu 'n pocu,
comu 'na madunnuzza
ca sì vidi appriata
mi rispunnisti: 《 grazii !
iù già sugnu arrivata....》.
Cussi strata facennu
ci fu qualchi parola,
sempri di così leciti,
di così di la scola;
ma iù stannuti accantu
cridia d'essiri Diu
e tu sapevi sèntiri
lu sintimenti miu.
Ma quannu troppu prestu
fummu a lu tò purtuni,
e chiù d'accumpagnariti
non àppi la scaciuni,
stringennuti la manu,
stringennutilla forti,
ti dissi: 《 oggi cu 'n principi
non canciu la me sorti ! 》.
Tu facisti di cursa
li scali di la casa
--- cunfusa avevi essiri
chiù assai ca pirsuasa ---
ed iù traballiannu
turnai pri li mè passi,
e la stratuzza scivula
mi parsi tutta massi.
Poi chi successi ? è chiaru
ca non successi nenti :
ciuri, capiddi, littri,
li così chiù 'nnuccenti,
così ca sarvu ancora
megghiu di li dinari,
e chiù di li reliquii
chiù assai li tengu cari.
Pri nui però la sorti
vutò comu 'na rota,
ma non pozzu scurdarimi
l'incontru di dda vota ;
e doppu tantu tempu
si passu pri dda via,
e pensu angustiannumi
ca tu non fusti mia,
dicu ca forsi... forsi
pri tia fu 'na furtuna,
ma iù mi sentu 'n tremulu
pri tutta la pirsuna.
Francesco Guglielmino (di Acicatena, CT)
da : Ciuri di strata

martedì 25 aprile 2017

NINNA NANNA di Rosario Rosto


Ecco una bellissima poesia pescata nel mare d'internet. . .

Un giorno ricorderò
la tua voce
Cantami ancora una volta
una dolce ninna nanna.
In silenzio l'ascoltero'
e ne farò poesia.
Danzerà il mio cuore
al suono della tua voce
e forse...
sulle sue dolci note
mi addormentero’.
Rosario Rosto

lunedì 24 aprile 2017

'U TURNISTA di Arturo Messina voce Armando Carruba

video


Il mai dimenticato prof. Arturo Messina ha dedicato, negli anni '60, una poesia in dialetto siciliano al turnista della zona industriale di Priolo.  

PALUMMI 'I MARI di Armando Carruba




PALUMMI 'I MARI
'Ntà 'stu munnu pazzu
vistutu sempri a festa
palummi 'i mari semu...
libbiri
'i vulari 'ntà celi
puliti e sunnari
dda' libertà
cche' i nostri patri
'nni desunu
pp''ssiri omini.
Armando Carruba
GABBIANI - In questo pazzo mondo/ vestito sempre a festa/ gabbiani siamo/ liberi/ di volare in cieli/ puliti e sognare/quella libertà/ che i nostri padri/ ci hanno dato/ per essere uomini.

SICILIANANDO - Armando Carruba -


L'azzaru ccu lu focu sciogghi e cula
ma l'amicizia vera mai sbracala

L'acciao con il fuoco fa la colata
ma la vera amicizia mai si scioglie.