sabato 7 ottobre 2017

PINZERI Armando Carruba

PINZERI
Scinni 'na lacrima
muta
ppe' murticeddi
'N ciuri
'ntà 'na tomba
mori
'Na prjiera
ppi l'armuzza
l'abbrazza Diu
E ju...
vivu 'ntò tò cori
e nun moru mai!
Armando Carruba 

SICILIANANDO Armando Carruba



Cu nun ascuta cunsigghi dda' mugghieri,
'nveci di jiri avanti va arreri...

giovedì 5 ottobre 2017

C'ERA 'NA VOTA di Armando Carruba

C'ERA 'NA VOTA
C'era na vota na citati
cc'à virilla cchi cartullina!
beddi li casi, beddi li stradi
rireva già 'n prima matina


Qualcunu disse: che postu giustu!
ccu sta terra, stu celu e stu mari
industrializzamula prestu
lu progressu ccà s'ha fari!


Lu campagnolo lassò lu zappuni
lu piscaturi, a mari la lenza!
e si misuru 'a travagghiari
grazii 'a littra di voscenza.


Nun si ciarava cchiu' aria fina
'u campagnolo ristò turbatu
'u dumannò puru a vossia
cca 'nto fetu c'era abituato


Lu piscaturi vitti lu mari
lordu ogni jornu ca passava
nun sapennu chi pisci pigghiari
a' 'nnustrja jiu ca nun la suffreva


Ppi stari vicini 'o travagghiu
lassaru 'u quarteri cartullina
ca 'nnuccenti mori mischineddu
cunnannatu ppi sempri a ruina


Stu benessiri ca 'n 'talianu
voli diri nautra cosa
si prisintò in modu stranu
ccu picca sordi ppi fari à spisa


Armando Carruba

C'ERA UNA VOLTA - C'era una volta una città, che a vederla che cartolina! belle le case, belle le strade, rideva già di primo mattino. Qualcuno disse: che posto giusto! con questa terra, questo cielo e questo mare... industralizziamola presto si deve qua progredire. Il campagnolo lasciò la zappa, il pescatore gettò a mare la sua lenza e si misero a lavorare grazie alla lettera di voscenza. Non si odorava più aria fina, il campagnolo ne rimase turbato, lo domandò a vossia che alla puzza c'era abituato. Il pescatore vide il mare sporco ogni giorno di più e non sapendo più che pesci prendere andò all'industria che non la soffriva. Per stare vicini al lavoro, lasciarono il quartiere cartolina... ed ora muore povero meschino, innocente condannato alla rovina. Questo benessere che in italiano vuol dire tutt'altra cosa, si presentò in modo strano, con pochi soldi per fare la spesa.

LA TUA POESIA di Armando Carruba

L'anima
è la tua poesia...
Il nostro amore
cavalcò le onde
e le domò...
Amore e passione
sentimenti forti
scritti nel cuore
di chi l'ha vissuti.
Noi due, io e te...
separati dal nonnulla
Noi due, tu ed io...
onde da spiaggia
a ricordare
un grande amore
il nostro

Armando Carruba 

mercoledì 4 ottobre 2017

SCIUSCEDDU MESSINESE Armando Carruba

SCIUSCEDDU MESSINESE
Ingrediente per 4 persone:
* 1,5 l di brodo di manzo
* 3 uova
* 1 spicchio d'aglio
* 5 cucchiai di pecorino grattuggiato
* 1 ciuffo di prezzemolo
* 2 cucchiai di mollica di pane raffermo grattuggiato
* sale e pepe
Sgusciate le uova in una ciotola e battetele leggermente con un presa di sale e una spolverata di pepe; poi, aggiungete un trito di aglio e prezzemolo, il pecorino grattuggiato e la mollica di pane raffermo e amalgamate bene tutto.
Portate ad ebollizione il brodo e versate il composto di uova a cucchiaiate, rigirando energicamente; quindi, servite la minestra ben calda.

lunedì 25 settembre 2017

CARTOLINE SIRACUSANE Armando Carruba

Negli anni '50 generalmente li trovavi a piazzale delle Poste oppure 'o Puzzu 'Ngignieri non cche' siggiteddi, tutti addritta e loro sulla seicento a sei posti avevano il poro posto ccu seggia e tabellone. Quattru coppa di chitarra un sintiti sintiti sintiti... e iniziava la storia Barunissa di Carini, banditu Giulianu, i picciriddi 'ntò puzzu etc... Dopu 'na para i strofi, quannu u cuntu si faceva interessanti, stop! - macari tannu c'era la pubblicità - giro di vendita dei libretti completi della storia che si stava rappresentando e si nun si cugghieva sufficienti nun si jeva avanti... poi si cuntinuava e ogni tantu c'era il nuovo arrivato che chiedeva il libretto... altra interruzione e altro giro... e a puntati di giru ghiru la storia fineva tra gli applausi dei presenti ... chi tempi!

'A RUTTA 'I CIAULA di Armando Carruba

'A RUTTA 'I CIAULA
Correvamo contenti
per via Arsenale
ad incontrare il sole
'a rutta 'i ciaula.
Un tuffo
dallo scoglio a carrabbineri
un altro da quello a palumma
e il mare rideva contento
di noi ragazzini
ubriachi di vita.
Una sigaretta fumata in tre
accendeva sogni proibiti
in tasche eternamente vuote.
Il mare era tutto per noi
da giugno a settembre...
poi la scuola ad ottobre
le speranze dei nostri genitori
si frantumavano
nel mare che mordeva lo scoglio
'a carrabbineri.
Noi inconscenti
marinavamo la scuola
restando all'oscuro
'nte rutti 'i ciaula
della via Arsenale.
Armando Carruba