lunedì 25 settembre 2017

CARTOLINE SIRACUSANE Armando Carruba

Negli anni '50 generalmente li trovavi a piazzale delle Poste oppure 'o Puzzu 'Ngignieri non cche' siggiteddi, tutti addritta e loro sulla seicento a sei posti avevano il poro posto ccu seggia e tabellone. Quattru coppa di chitarra un sintiti sintiti sintiti... e iniziava la storia Barunissa di Carini, banditu Giulianu, i picciriddi 'ntò puzzu etc... Dopu 'na para i strofi, quannu u cuntu si faceva interessanti, stop! - macari tannu c'era la pubblicità - giro di vendita dei libretti completi della storia che si stava rappresentando e si nun si cugghieva sufficienti nun si jeva avanti... poi si cuntinuava e ogni tantu c'era il nuovo arrivato che chiedeva il libretto... altra interruzione e altro giro... e a puntati di giru ghiru la storia fineva tra gli applausi dei presenti ... chi tempi!

'A RUTTA 'I CIAULA di Armando Carruba

'A RUTTA 'I CIAULA
Correvamo contenti
per via Arsenale
ad incontrare il sole
'a rutta 'i ciaula.
Un tuffo
dallo scoglio a carrabbineri
un altro da quello a palumma
e il mare rideva contento
di noi ragazzini
ubriachi di vita.
Una sigaretta fumata in tre
accendeva sogni proibiti
in tasche eternamente vuote.
Il mare era tutto per noi
da giugno a settembre...
poi la scuola ad ottobre
le speranze dei nostri genitori
si frantumavano
nel mare che mordeva lo scoglio
'a carrabbineri.
Noi inconscenti
marinavamo la scuola
restando all'oscuro
'nte rutti 'i ciaula
della via Arsenale.
Armando Carruba

sabato 23 settembre 2017

PINZERI di Armando Carruba

PINZERI


Nun chiovi cchiù
supra 'u tempu passatu,
ristò a nustalgia
dde' riordi.
'Ntà 'stu celu niuru
s'arruspigghia 'u suli,
e 'i prima matina
'i nostri sonni 'i carusi
abbolunu cche' cumeti
pp'acchiappari 'u suli.
Armando Carruba

venerdì 22 settembre 2017

VARCHI A MARI di Armando Carruba

'I VARCHI A MARI.
Eccu ccà, nautra varca a mari,
china 'i spiranza ppi 'n dumani
luntani dall'odiu, morti e fami
spirannu ddò ventu a sò favuri.
Chiddu ca disianu 'sti cristiani,
'na vita onesta a lu campari
non sanu ca 'n Italia 'sta cosa
è dura e macari cumplicata.
Li pulitici in tilivisioni
tutti tiranu ppò sò cudduruni
"'sta genti 'o paisi nun vulemu
manzinò nuautri chi manciamu?"
E tutti ca c'abbattunu li manu!
"Beni! Bravu! A chisti nun vulenu!"
Arriva 'na nutizia ed è forti
'u mari si pigghiò dudici morti.
La curpa unu all'autru jetta
ccu fogghi 'n manu e lavagnetta
ppi dimustrari ccu la sò natura
ma l'intiressi sò è 'a pultruna!
Vulissi 'u Signuri a 'sta genti
fari finiri guerri sull'istanti
ca 'n pruverbiu ppi sapillu dici
sulu 'o sò paisi s'è filici
Armando Carruba 
LA BARCA A MARE - Ecco qua un'altra barca a mare/ piena di speranza per un domani/lontani dall'odio, morte e fame/ sperando del vento a suo favore./ Quello che desiderano questa gente/ vivere una vita onesta/ non sanno che in Italia questa cosa/ e dura e anche complicata./ I politici in televisione/ tirano dalla loro parte/ "questa gente non la vogliamo al paese"/ sennò noi cosa mangiamo?"/ e tutti battono le mani/ "Bene... bravo.. a questi non li vogliamo!"/Arriva una notizia ed è forte/il mare s'è preso dodici morti/ La colpa ognuno la da all'altro/con dati in mano e lavagnetta/ e dimostrano com'è loro natura/ l'interesse per la loro poltrona/ Volesse il Signore per questa gente/ far terminare le guerre/ c'è un proverbio che dice/ solo al proprio paese si è felici!

'U JADDU D'ORU di Armando Carruba



LU JADDU D’ORU
Lassatimi in paci cari amici
ca leggiri nun vogghiu 'sti minkiati
'a puisia è na cosa seria:
si leggi e 'a menti s'arricria.


Pueti ca si stanu sempri muti

ssu chiddi ca sunu tantu liggiuti
ccu 'nveci ssì vanta cca' sso' vucca
è sceccu ccà tistera ccu c'ammucca!

Unn'è ca vai à tia nicuzza
ccu tuttu 'stu fumu e pruvulazzu
ppi 'ssiri 'ntè pueti ammuntuata
bedda, ancora n'ha fari di strata

Olè zi zà ha vinciutu 'u premiu!
Ma comu accussì? Nun c'è criteriu!
lu jaddu è d'oru l'ovu d'argentu
e l'ignuranza nun trova abbentu.
Armando Carruba

SITI D'AMURI di Armando Carruba

SITI D'AMURI


'Scutari paroli
'ntò scuru dda' notti,
'scutari u cori
ca sciogghi pinzeri
Unni ssì amuri miu
luntanu riordu
di jurnati finuti.
'Na canzuni
carizza pinzeri
e 'ntò sonnu
l'amuri pigghia vita
e riri comu 'na vota
Armando Carruba

NOTTI di Armando Carruba

NOTTI
I stiddi dda' notti
mi cummogghiunu dd' amuri,
e parru 'a luna
ddé disii ddo' jornu
c'arrestunu disii.
I me' sonni giuiusi
addumunu duci pinzeri
e 'a notti si fa jornu.
Vogghiu dòrmiri
pp'arrubbari
'a maschira 'o jornu
Armando Carruba
(5/4/2016)
NOTTE - Le stelle della notte/ mi coprono d'amore/ e parlo con la luna/ dei desideri del giorno/ che rimangono desideri./ I miei sogni gioiosi/ accendono dolci pensieri/ e la notte si fa giorno./ Voglio dormire/ per rubare/ la maschera al giorno.