lunedì 21 agosto 2017

MADUNNUZZA CA CHIANCISTI A SARAUSA di Armando Carruba


Avvenne a Siracusa ben 64 anni fa....
MADUNNUZZA CA CHIANCISTI A SARAUSA
Era u' 1953 quannu ha chianciutu a Madunnina; un quatru di jissu accattatu o' rittifilu (Corso Umberto I) ppi 3.500 liri 'ntò signor Floresta, ppi 'ssiri 'rrialatu a Angilu Iannusu e Nina Giustu ca si spusavanu o' Pantheon 'u 21 marzu 1953.
La sira ddo' 28 austu, Angilu e Antunina ssi nni jeru a vidiri un film all'Arena Progresso, ca si truvava vicinu casa quasi attagghiu 'o passaggiu a liveddu da via Bonriposo (via Piave).
Turnati a casa dopu c'avianu manciatu un muzzicuni si nni jeru a curcari.
Versu i tri di notti, Antunina si 'ntisi mali, era sabbatu, Angilu ssi nn'hav'agghiri 'a puzzu 'ngigneri (Piazzale Marconi) ppi putiri travagghiari; a so' casa lassa a so' cugnata ppi farici cumpagnia a mugghieri ca già si sinteva mali.
U restu è cosa saputa! tanti omini... tanti personaggi abballanu 'nta storia da Madonnina: da patri Brunu parrucu ddo' Pantheon, all'arciviscuvu Baranzini, dda famigghia Lucca ca metti a disposizioni u villinu di faccia casa Iannusu ppi sicurezza ddo' quatru, 'o tinenti culunellu dde' carrabbineri Lazzaru Panatu responsabili dda' sicurezza ddo' quatru 'ntò tragittu via degli Orti ccu piazza Euripidi, e poi i duttura ca hanu analizzatu 'sti lacrimi: Roberto Bertin analista della Squibb, Mariu Marletta ca era medicu pruvinciali omu religiosissimo e so' mugghieri macari, Francesco Cotzia ca furriava Sarausa Sarausa a cavaddu di 'na motu americana, Leopoldo La Rosa, e u capu dda' commissione medica u dutturi Micheli Cassola, esempiu di omu onestu e positivu!
Era ateo u dutturi Cassola e ateo ristò dopu ca dissi che i lacrimi dda' Madunnina eranu veri.
Eccu, 'sti quattri versi ssu dedicati all'omu Cassola, ca nun haju mai canusciutu, ca 'ntò 1973 ppi Pasqua, vasannu u reliquariu dda Madunnina caci purtò mons. Migliorisi, muriu mentri i campani sunavunu 'a gioia dda' Resurrezioni.

Ascutati ccu voli ascutari
pristatimi anticchia d'attinzioni
a Sarausa successi st'eventu
dda' Madonna vi cuntu lu chiantu

Un quatru di jssu arrialatu
ad Antonina Giustu e maritu
'u Cori Mmaculatu di Maria,
lu vintinovi austu chiancìa.

Ddu jornu propriu di primu matinu
lu Angilu Iannusu si suseva
ca si nun jeva 'a puzzu 'ngignieri
nun truvava nenti 'i travagghiari

cchi ni sapeva 'stu travagghiaturi
zoccu capitava 'a la mugghieri
ca la lassò a casa cché duluri
dopu 'na nuttata di piniari.

Ccu idda c'era Razia la cugnata
e macari la sò zia Sgarlata
quannu taliannu supra di lu lettu
lacrimi scinnianu 'ntà l'asciuttu.

Era la Madunnina ca chianceva
e idda mai mai ci crideva
pirchissu a li ddu donni dumannò
su era veru oppuri sunnò.

Angilu turnannu i travagghiari
dopu 'na jurnata di suduri
quannu fu juntu all'aviazioni
lu firmò un parenti ppi parrari

e ci dissi: "Angilu nun ti scantari
ca na nutizia t'haju a dari
dopu ca ti nni jsti stamatina
lacrimò 'u quatru ddà Madunnina"

Intisi firriarisi 'a mirudda
quannu visti asò casa ddà fudda
ci dumannò lestu 'o brigaderi
di fari sciri fora li cristiani

Intantu la notizia di lu chiantu
fici u giru 'i tuttu u munnu
u Cori Mmacculatu di Maria,
miraculi a genti già facìa!

Lu primu sittembri ddò cinquantatrì
all'unnici i matina martedì
na cummissioni medica valenti
liquido pigghiò ddò quatru chiancenti.

Tra li duttura esaminatori
c'è macari ccu a Diu nun cridi
era l'onestu medicu Cassola
dissi ca veru ccò quatru chianceva

e a ccù ci spiò comu puteva
nun cridiri ma intantu dichiarava
la viritati supra 'stu gran chiantu
iddu rispunnìu 'nta mumentu

Nun è giustu ammatula parrari
lu fausu, ma la virità diri
ju mi trovu 'ntà muru senza porta
cridu sulu all'attu di la scenza.

Lu sabatu santu ddò sittantatrì
fu nu gran jornu e ti dicu pirchì
lu Cassola dopu tantu piniari
l'anima a Diu jeva a dari...

e la sò porta la truvò aperta
ca Diu a tutti pari aspetta
lu dutturi fineva di campari
a Pasqua ccò sonu dde' campani.

Ccu l'aiutu di li devoti tutti
nichi, granni, vecchi e picciriddi
nu Santuariu fu realizzatu
ora è ddà da tutti ammiratu.

La sira è lucenti 'ntò celu
la Madunuzza cu lu beddu velu
ca la fici lu mastru Caldarella
'o scuru brilla cchiù d'una stidda

Pirchì chiancisti Madunnuzza bedda
a via degli Orti 'ntà ddà casudda?
pirchì chiancisti Cori Mmaculatu?
dimmillu lu pirchì hai chianciutu.

Armando Carruba

sabato 19 agosto 2017

MILOCCA di Armando Carruba

MILOCCA

Milocca mia, naca sì d'amuri,
splinnenti sutta 'n suli zicchinu;
paisi di li robbi, ssì 'n jardinu
c'abbunna mennuli sempri 'n ciuri.

Lu campanaru di la chiesa matri,
cunta la storia ddo' tempu ca passa,
a balata dde' Caduti 'n chiazza
di picciotti morti ppì l'Italia tutta.

Tu paisi miu, ssì 'nto' me' cori
e cci resti 'nzinu ca Diu voli,
a me' patri ci dasti 'i natali
a mia m''mparasti a campari.

Ssì dura è 'a vita ddo' viddanu
travagghiari cu la zappa 'n manu
pirchissu ca valiggi 'i cartuni
accattaru picciotti ppì partiri.

Ssì nni jeru 'ntà nautru cuntinenti
ca 'sta terra nun offri propriu nenti,
paroli 'o ventu, disoccupazioni
picca e nenti ppi cu famigghia teni.

Parteru ccu la risata 'n vucca,
lassannu mugghieri e nicu 'nvrazza,
e 'u paisi casatu ddo' suli
ssì nni jeru spirannu 'i turnari.

Cchiù facili partiri o ristari?
A 'sta dumanna nun sacciu cchi diri!
I milucchisi, simenza 'nto' munnu
hanu ppi 'sta terra 'n amuri prufunnu...

Pirchì nascisti ccà, nun tu scurdari
e si na vota l'annu po' turnari
ppa' festa 'i San Antoniu Abati,
ca è propriu 'nt'austu 'nta' estati.

E sunu già centuvintunu anni
ca 'sta festa va sempri avanti
oi, cchiù d'aeri, ti fa 'ncuntrari
milucchisi e macari furasteri.

A la finuta ddo' jocu 'i focu,
ognunu si nni torna a lu so' locu,
resta Milocca 'o chiaru 'i luna
duci paisi, c'amuri ni duna...

Armando Carruba

A ME' MATRI di Filippo Bozzali



A ME' MATRI poesia dialettale siciliana di Filippo Bozzali

dicitore: Armando Carruba

venerdì 18 agosto 2017

SITI D'AMURI di Amando Carruba



SITI D'AMURI

Erutu china 'i cuntintizza
e ballavutu
cco' cantu ddo' mari
c'abbrazzava 
scogghi.

Stinnicchiatu 'ntà rina
taliavu disignari
la me' picciuttanza
lassata 'na ddu mari
sarausanu.

Balla, bedda picciotta
nun sempri 'u mari canta
a li stiddi...
Dumani è nautru jorna
oi è festa!

Armando Carruba
     

MANGIAR SICILIANO - Armando Carruba -

PUPPI 'NTA SALSA 'I CHIAPPIRA
'Ngridienti ppi quattru cumpari:
* 1 kg di puppu
* 100 gr di chiàppira salata
* un ciuffu 'i putrusinu
* 'na para 'i limuni
* ogghiu d'aliva
* spezzi a.b.

Lavari e bùgghiri i puppa, poi lassàrili dintra l'acqua da bugghitura pi 'na vintina 'i minuti. cummigghiati.
'Nto tijaneddu méttiri a bùgghiri 'a chiàppira e poi fàrila sculari; tritari finu 'u putrusinu.
Métturi 'ntà 'na tirrina 'na bedda picca d'ogghiu e sucu di limuni, juncìricci 'u putrusinu e bàttiri tuttu assemi, poi 'rriminàricci 'a chiappira.
Tagghiari a pizzudditta i puppa e dopu avìrili 'rriminati assai 'ntò cumpostu priparatu, lassàrili marinari.
Sérviri friddu, dopo quasi du' uri, e cu 'na bona spurvirata di spezzi.
ppi ccu è sciarriatu cco' sicilianu:
per chi è litigato con il siciliano:
POLPI IN SALSA DI CAPPERI
Ingredienti per 4 persone:
* 1 kg di polpi
* 100 gr di capperi salati
* un ciuffo di prezzemolo
* un paio di limoni
* olio d'oliva
* pepe q.b.
Lavare e bollire i polpi, poi lasciarli dentro l'acqua della bollitura per circa venti minuti coperchiati.
In un tegamino mettere a bollire i capperi e poi lasciarli scolare; tritate fine il prezzemolo.
Versare in una terrina un bel pò d'olio e succo di limone, aggiungendovi il prezzemolo e battere tutto assieme, poi mescolarvi i capperi.
Tagliare a pezzetti i polpi e, dopo averli rimestati assai nell'impasto preparato, lasciarli marinare.
Servire freddo, dopo circa due ore, e con una buona spolverata di pepe.

lunedì 14 agosto 2017

CHI TI CUNTU E CHI TI DICU .... Armando Carruba



Che la cosa resta tra nuautri: per ferragosto, se posso dare un consiglio RESTATE A CASA!!! Esperienza amici.. esperienza!!!
Cinque anni fa, la mia signora aveva organizzato un bellissimo ferragosto "che solo noi dobbiamo restare a casa?" "tutti vanno a mare... al ristorante con i piedi sotto il tavolo e noi... sig sig sob sob" e tu chi dici che non facevamo il ferragosto fuori, dopo che se lo fanno anche, se permetti, quelli che non se lo possono permettere, senza offesa?!
Dopo avere messo tutto in macchina (stavolta niente pasta al forno puppette e cutulette etc dovevamo andare al ristorante) io alla guida, mia moglie a lato, i ragazzi dietro siamo partiti con la partenza intelligente che consiste d'anticipare mezz'ora la partenza per non trovare trafico per la strada. Partenza con ciuri ciuri, vitti na crozza e accompagnamento di canzoni napoletani che uscivano dallo ciddì.. e fu dopo core 'ngrato che alla mia signora ci venne il dubbio se fosse stata chiusa la bombola ca puteva scuppiari a casa!!! Per levare l'acqua ddo' scogghiu u picciriddu disse sì chiusa chiusa era! Finito questo dubbio alla mia signora altro dubbio: se fosse stata chiusa la finestra del bagno perchè si sa che i ladri entrano da lì'... e docu la vacanza da tranquilla e spensierata incominciò a quastarisi, mentre u picciriddu ppi mettiri paci - gioia miu do' papà - disse che era chiusa! (e mi scacciò l'occhiu!) Siamo arrivati sulla strada del mare e abbiamo notato che siamo tutti intelligenti, tutti in strada con la strada intasata e quando siamo arrivati a mare non ti conto e non ti dico!!! Nun c'era posto per azziccare l'ombrellone e neanche per stendere l'asciugamano non dico del mare ma manco quello del bidè! A malappena addritta comu i masculini (per l'amica Ester da La Spezia i masculini sono un tipo di pesce). All'una cioè alle 13 tutti al ristorante!!! Comu? ristorante???? a ferragosto??? dda' pasta era colla d'ampicchiare nelle mura... il pesce fresco era finito anche quello che di fresco aveva soltanto la caratteristica di essere uscito dal frigorifero. In sostanza, per farla corta pasta che neanche nelle caserme, e cotolette dure ma dure di carne di bufalo residuo del farwest ma in compenso il conto era come se avessimo mangiato pesce fresco nel giorno di festa!
A questo punto, la ragione avrebbe dovuto far ragionare un ritorno a casa... alla maison... ma quannu mai? alla moglie gli viene la felice idea di andare a trovare degli amici a Fontane Bianche che hanno subaffittato una stanza in una villetta e ci vivono in 12!!! ca mancu i clandestini! Arriviamo alla villetta, presentazioni, sorrisi e all'ultimo dopo tre ore di conversazione alla signora ci viene l'idea di mangiare la pizza! 12 loro e 4 noi = 16 pizze tutte diverse una dall'altra margherita, margherita con funghi, calzone, capricciosa etc etc e bibite idem aranciata, coca cola, birra.... Siamo andati a Cassibile che è possibile andarci in automobile e il pizzaiolo fa le pizze e consegna le bibite... 
Risultato le pizze impicchiamdosi tra di loro non si capì chi era il calzone e chi la margherita da calde arrivarono fredde a contatto con le bibite che immancabilmente arrivarono calde.
Dopo quest'altra pensata, alla mia signora stava venendo un'altra idea ma l'ho fulminata cull'occhie ci siamo messi in colonna per il ritorno... a passo di formica e tutti muti e zitti nella macchina... Arrivati a casa sorpresa!!! e che sorpresa!!! Abbiamo avuto visite! sì dalla finestra aperta del bagno, perchè mentre tutti si divertono c'è una categoria che lavora a svaligiare case... Ma giuro sulla tomba di Arturo che mangiava pane duro ca a mia a mare ppi ferragosto non mi vedrà mai nessuno! Buon ferragosto! Io sto in città

sabato 12 agosto 2017

VECCHIU di Armando Carruba


                                                    GROTTA DEI CORDAI - Siracusa -




VECCHIU

Vecchiu ca talìi 'a vita senza 'nvidia
e camini arreri comu 'u curdaru
arricogghi 'u scantu d''n dumani

Ti riordi picciriddu,
carusu, omu filici e 'nnamuratu
maritu, e oggi sulu.

Ma è 'a vita ca ti pigghia 'a manu
e ti porta luntanu
nun ssì sulu

Riordi, passiuni, duluri, amuri
pinzeri dde' to' jorna
e ppi tutti 'a vita cuntinua

'U celu, 'u nostru celu azzurru
ca da' lustru 'a matinata
pigghialu e mettilu 'n sacchetta

Campa tranquillu vecchiu.

Armando Carruba